User Tag List

Risultati da 1 a 6 di 6

Discussione: Sito interessante...

  1. #1
    email non funzionante
    Data Registrazione
    11 Dec 2010
    Messaggi
    5,525
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Sito interessante...

    http://www.legadeicomuni.it

    Vi copio/incollo il programma:

    PROGRAMMA DI AZIONE:



    Per realizzare un' Italia federale, a base comunale, comprendente gli ordinamenti comunali, cantonali e federali ma derivata da una struttura sociale in cui il comune, comunità territoriale minima, è indipendente e sovrano su tutto ciò che gli compete e delega i poteri e le funzioni sociali che non è in grado di gestire in proprio agli ordinamenti superiori.La comunità territoriale minima gestisce direttamente ed autonomamente il suo prelievo fiscale,diviso nelle tre componenti ordinamentali.

    Per realizzare una confederazione che valorizzi le diverse comunità locali, tutte rispettose delle loro caratteristiche storiche, economiche e geografiche, e che si riconosca nei principi di fratellanza, uguaglianza e libertà di tutti gli italiani ed affermi come obiettivo primario il diritto di tutti i popoli italiani a salvaguardare per sè e per i propri figli il proprio spazio vitale, le caratteristiche genetiche, l’ identità, le tradizioni, le ricchezze economiche, culturali e religiose delle proprie genti, prodotte e formate con gli sforzi, col sudore e col sangue dei nostri padri.

    Per ottenere l’inviolabilità della libertà individuale, che può essere limitata solamente quando preclude le libertà altrui.

    Per realizzare una società dove non sia necessario chiedere permessi o licenze, ma dove i cittadini siano liberi di fare tutto ciò che non sia espressamente proibito, e dove nessuno possa legiferare limitazioni della libertà commerciale, industriale e produttiva dei cittadini.

    Per ottenere un blocco totale e severo dell’ immigrazione, con leggi che prevedano il reato di immigrazione clandestina ed il rimpatrio umanitario, ma immediato, degli immigrati illegali.

    Per realizzare un sistema scolastico innovativo adatto ai tempi ed integrato con le nuove tecnologie e dove l’ insegnamento pratico in azienda per conto dello stato venga affiancato al teorico in aula, per permettere allo studente a fine studi piena capacità produttiva e più facilità di inserimento nel mercato del lavoro.

    Per una politica del lavoro dove le retribuzioni seguano le leggi di mercato e siano legate alla produttività e dove gli incentivi siano la norma e gli utili introdotti in investimenti produttivi siano completamente detassati.

    Per una democrazia dell’ alternanza, dove nessuno potrà essere eletto in incarichi pubblici per più di due legislature e dove gli incarichi giudiziari, burocratici, amministrativi siano assegnati tramite elezioni popolari e democratiche su base locale .

    Per un nuovo sistema legislativo affinché le leggi, poche e semplici, ed i procedimenti siano per tutti facili da capire.

    Per dar forma ad una vera giustizia che combatta veramente il crimine e che preveda che il condannato debba mantenere il costo della sua detenzione, oltre a prevedere che chi commette un crimine di qualsiasi natura sia obbligato a riparare il male fatto a chi il crimine lo ha subito con un bene di pari valore.

    Per una riduzione od azzeramento del debito pubblico vendendo ai creditori i beni dello stato ( aziende, infrastrutture, scuole, ospedali, beni demaniali ecc.) con il risultato che oltre alla riduzione del debito pubblico, queste strutture, con la gestione dei privati, diventeranno efficienti senza burocrazia e cominceranno a rendere il giusto interesse.

    Per la difesa dei cittadini in tutte le strutture sociali mediante un equilibrato sistema di positiva concorrenza, in regime paritario, tra le strutture pubbliche rimaste e le istituzioni private, con il cittadino abilitato a spendere a sua scelta, per le strutture scolastiche, sanitarie o assistenziali, il buono/ cifra che gli spetta e che gli deve essere messo a disposizione dall’ amministrazione a cui paga le tasse.

    Per una tassazione, non delegata in bianco agli amministratori, ma basata su bilanci preventivi di spesa pubblica, presentati ai cittadini prima delle elezioni amministrative, e con ben dichiarata la percentuale da applicare al reddito individuale, che in ogni caso non dovrà superare la media europea.

    Per la salvaguardia dell’ ambiente, che dobbiamo trasmettere integro alle prossime generazioni, ma senza comunque limitare lo sviluppo degli insediamenti produttivi, residenziali ed infrastrutturali, che possono crescere in sinergia con la salvaguardia degli equilibri naturali per il miglioramento della qualità della vita di tutti i cittadini.

    Per un particolare impegno di solidarietà verso i cittadini italiani che versano in uno stato di svantaggio sociale o di emarginazione per condizioni economiche, psicofisiche, in ragione dell'età o di altre cause soggettive od oggettive.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    email non funzionante
    Data Registrazione
    11 Dec 2010
    Messaggi
    5,525
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Sito interessante...

    http://www.legadeicomuni.it

    Vi copio/incollo il programma:

    PROGRAMMA DI AZIONE:



    Per realizzare un' Italia federale, a base comunale, comprendente gli ordinamenti comunali, cantonali e federali ma derivata da una struttura sociale in cui il comune, comunità territoriale minima, è indipendente e sovrano su tutto ciò che gli compete e delega i poteri e le funzioni sociali che non è in grado di gestire in proprio agli ordinamenti superiori.La comunità territoriale minima gestisce direttamente ed autonomamente il suo prelievo fiscale,diviso nelle tre componenti ordinamentali.

    Per realizzare una confederazione che valorizzi le diverse comunità locali, tutte rispettose delle loro caratteristiche storiche, economiche e geografiche, e che si riconosca nei principi di fratellanza, uguaglianza e libertà di tutti gli italiani ed affermi come obiettivo primario il diritto di tutti i popoli italiani a salvaguardare per sè e per i propri figli il proprio spazio vitale, le caratteristiche genetiche, l’ identità, le tradizioni, le ricchezze economiche, culturali e religiose delle proprie genti, prodotte e formate con gli sforzi, col sudore e col sangue dei nostri padri.

    Per ottenere l’inviolabilità della libertà individuale, che può essere limitata solamente quando preclude le libertà altrui.

    Per realizzare una società dove non sia necessario chiedere permessi o licenze, ma dove i cittadini siano liberi di fare tutto ciò che non sia espressamente proibito, e dove nessuno possa legiferare limitazioni della libertà commerciale, industriale e produttiva dei cittadini.

    Per ottenere un blocco totale e severo dell’ immigrazione, con leggi che prevedano il reato di immigrazione clandestina ed il rimpatrio umanitario, ma immediato, degli immigrati illegali.

    Per realizzare un sistema scolastico innovativo adatto ai tempi ed integrato con le nuove tecnologie e dove l’ insegnamento pratico in azienda per conto dello stato venga affiancato al teorico in aula, per permettere allo studente a fine studi piena capacità produttiva e più facilità di inserimento nel mercato del lavoro.

    Per una politica del lavoro dove le retribuzioni seguano le leggi di mercato e siano legate alla produttività e dove gli incentivi siano la norma e gli utili introdotti in investimenti produttivi siano completamente detassati.

    Per una democrazia dell’ alternanza, dove nessuno potrà essere eletto in incarichi pubblici per più di due legislature e dove gli incarichi giudiziari, burocratici, amministrativi siano assegnati tramite elezioni popolari e democratiche su base locale .

    Per un nuovo sistema legislativo affinché le leggi, poche e semplici, ed i procedimenti siano per tutti facili da capire.

    Per dar forma ad una vera giustizia che combatta veramente il crimine e che preveda che il condannato debba mantenere il costo della sua detenzione, oltre a prevedere che chi commette un crimine di qualsiasi natura sia obbligato a riparare il male fatto a chi il crimine lo ha subito con un bene di pari valore.

    Per una riduzione od azzeramento del debito pubblico vendendo ai creditori i beni dello stato ( aziende, infrastrutture, scuole, ospedali, beni demaniali ecc.) con il risultato che oltre alla riduzione del debito pubblico, queste strutture, con la gestione dei privati, diventeranno efficienti senza burocrazia e cominceranno a rendere il giusto interesse.

    Per la difesa dei cittadini in tutte le strutture sociali mediante un equilibrato sistema di positiva concorrenza, in regime paritario, tra le strutture pubbliche rimaste e le istituzioni private, con il cittadino abilitato a spendere a sua scelta, per le strutture scolastiche, sanitarie o assistenziali, il buono/ cifra che gli spetta e che gli deve essere messo a disposizione dall’ amministrazione a cui paga le tasse.

    Per una tassazione, non delegata in bianco agli amministratori, ma basata su bilanci preventivi di spesa pubblica, presentati ai cittadini prima delle elezioni amministrative, e con ben dichiarata la percentuale da applicare al reddito individuale, che in ogni caso non dovrà superare la media europea.

    Per la salvaguardia dell’ ambiente, che dobbiamo trasmettere integro alle prossime generazioni, ma senza comunque limitare lo sviluppo degli insediamenti produttivi, residenziali ed infrastrutturali, che possono crescere in sinergia con la salvaguardia degli equilibri naturali per il miglioramento della qualità della vita di tutti i cittadini.

    Per un particolare impegno di solidarietà verso i cittadini italiani che versano in uno stato di svantaggio sociale o di emarginazione per condizioni economiche, psicofisiche, in ragione dell'età o di altre cause soggettive od oggettive.

  3. #3
    www.leganordromagna.org
    Data Registrazione
    06 Mar 2002
    Località
    Romagna Nazione Padana
    Messaggi
    4,777
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    anche la sezione chi siamo è molto interessante:
    ************

    MOVIMENTO PER IL FEDERALISMO MUNICIPALE

    La Lega Dei Comuni è un nuovo movimento politico, che si prefigge di difendere e diffondere i diritti dei cittadini per una completa autonomia politico-amministrativa comunale, l'unico tipo di autonomia che può permettere ai cittadini di gestire direttamente il proprio territorio e le proprie tasse.
    Nella nostra filosofia il singolo cittadino deve poter esercitare il proprio potere politico, senza limitazione e senza rappresentanti, e deve poter decidere direttamente sulle leggi e sulle regole della società in cui vive.
    La Lega dei Comuni, si definisce movimento autonomista nazionalista, perché aspira ad un vero federalismo pur mantenendo l'unità del paese, considerando superati gli assetti istituzionali italiani ed anacronistici gli attuali partiti e schieramenti politici per la maggior parte al servizio di poteri e corporazioni e non dei cittadini, si pone come finalità la rifondazione delle strutture dello Stato, attraverso l'autonomia comunale intesa come espansione e valorizzazione della sovranità popolare sul territorio, in un moderno Stato Federale sotto il controllo dei cittadini in ogni suo ordinamento, nel totale rispetto dei principi di sussidiarietà e dove tutte le strutture dello Stato lavorino per la difesa degli interessi del nostro paese.

    La Lega dei Comuni, cosciente delle proprie dimensioni e del frazionamento dell'idea autonomista in decine e centinaia di piccoli inutili movimenti, considera indispensabile coagulare attorno ad alcuni punti politici fondamentali, presenti nel patrimonio genetico di ogni libero cittadino, i tanti gruppi autonomisti esistenti sul territorio, per unire le forze e creare le sinergie sufficienti per imporci in ambito nazionale e far conoscere, nonostante il silenzio dei media, le nostre idee ed i nostri programmi per ottenere consensi da buona parte di quel 30% di cittadini che si rifiutano ormai di stare al gioco della partitocrazia dei due poli, due facce della stessa medaglia ed ambedue al servizio dei potentati internazionali.



    ED ECCO I PUNTI FERMI DELLA NOSTRA LINEA POLITICA:

    1) NO ALL'EUROPA DI MAASTRICHT
    Netta opposizione all'Europa delle lobbies, della globalizzazione e del mondialismo a scapito dei cittadini. Sì ad una confederazione di stati voluta dai cittadini che valorizzi l'identità europea delle tradizioni e dei popoli.

    2) NO AL REGIONALISMO
    Netta opposizione alle attuali regioni, apparati burocratici subordinati ad governo centrale. Sì ad una Federazione di stati indipendenti dove, cancellati gli ordinamenti regionali e cantonalizzate le provincie, il Comune completamente indipendente e sovrano su tutto ciò che le concerne possa portare le scelte politiche direttamente ai cittadini.

    3) NO ALL'IMMIGRAZIONE EXTRACOMUNITARIA
    Netta opposizione all'immigrazione extracomunitaria, che snatura la nostra cultura, la nostra società e la nostra economia.

    4) NO AD ACCORDI CON IL SISTEMA
    Netta opposizione a qualsiasi forma di accordi elettorali con i due poli che rappresentano, anche se con sfaccettature diverse, la stessa volontà di raggiungere un Europa del grande capitale ed una società multirazziale.

    5) NO AI PRIVILEGI PUBBLICI
    Abolizione dei privilegi sperequativi della classe politica e dell'apparato pubblico burocratico.

    6) DEMOCRAZIA DIRETTA
    Partecipazione diretta del cittadino nelle scelte che lo coinvolgono, a partire dai propri ordinamenti totalmente autonomi nel rispetto del principio di sussidiarietà.

    7) RIVALUTAZIONE DELLA FAMIGLIA E DELLE TRADIZIONI
    Recupero del ruolo della famiglia e delle tradizioni come punto cardine della crescita dell'individuo nei principi e nei valori della nostra società.

    8) SALVAGUARDIA DELL'AMBIENTE
    Massimo impegno per la salvaguardia dell' ambiente, che dobbiamo trasmettere integro alle prossime generazioni, ma senza comunque limitare lo sviluppo degli insediamenti produttivi, residenziali ed infrastrutturali, che possono crescere in sinergia con la salvaguardia degli equilibri naturali per il miglioramento della qualità della vita di tutti i cittadini.

    9) SOLIDARIETÀ SOCIALE
    Particolare impegno di solidarietà verso i cittadini italiani che versano in uno stato di svantaggio sociale o di emarginazione per condizioni economiche, psicofisiche, in ragione dell'età o di altre cause soggettive od oggettive.

    10) SOLIDARIETÀ A JORG HAIDER
    Partecipazione solidaria alle tesi di Haider per riaffermare i principi nazionalisti ed il diritto dei popoli a governarsi senza le interferenze dei poteri finanziari mondialisti.



    Sui punti programmatici sopra elencati proponiamo un accordo politico di coordinamento permanente tra i vari gruppi autonomisti, i movimenti nazionalisti, le associazioni e le singole persone interessate a lavorare insieme, per contrapporsi ai gruppi di potere ed ai partiti politici che, in vari modi, tentano di distruggere le strutture del nostro paese e della nostra società.



    Un coordinamento politico che permetta ad ogni singolo gruppo, pur mantenendo le proprie differenze, di superare i pur importanti regionalismi o localismi per poter diventare un chiaro riferimento di sostanziale cambiamento per tutte le genti del nostro paese.

    Un coordinamento politico che permetta ad ognuno di noi di lavorare insieme ed unire gli sforzi per cambiare le strutture dello Stato, per ritornare ai cittadini la sovranità, per dare autonomia alle comunità, per difendere le nostre genti, il nostro paese, le nostre tradizioni, il nostro ambiente, le nostre libertà.

    Tutti i gruppi e movimenti che aderiscono al coordinamento saranno soci fondatori e formeranno l'Assemblea Generale di Coordinamento che ratificherà il Direttorio di Assemblea formato dai responsabili di ogni singolo gruppo o da un loro delegato

    I componenti del Direttorio di Assemblea saranno ognuno, in rotazione per ordine alfabetico, Presidente del Direttorio e dell'Assemblea Generale per un periodo di un mese ed in questo periodo saranno anche Portavoce del Direttorio.

    Ogni componente del Direttorio di Assemblea, nel periodo in cui presiede il Coordinamento, organizzerà, nell'area di appartenenza del suo gruppo, un incontro politico del Direttorio per le necessarie scelte gestionali e per le relative opportune azioni politiche.

    Ogni decisione sarà valida con la maggioranza semplice dei consensi.

    Ogni gruppo autofinanzierà le proprie attività secondo le proprie possibilità.

    Ogni socio componente dell'Assemblea Generale potrà disdire la sua adesione al Coordinamento dandonde comunicazione scritta al Presidente di turno con lettera raccomandata.

  4. #4
    www.leganordromagna.org
    Data Registrazione
    06 Mar 2002
    Località
    Romagna Nazione Padana
    Messaggi
    4,777
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    anche la sezione chi siamo è molto interessante:
    ************

    MOVIMENTO PER IL FEDERALISMO MUNICIPALE

    La Lega Dei Comuni è un nuovo movimento politico, che si prefigge di difendere e diffondere i diritti dei cittadini per una completa autonomia politico-amministrativa comunale, l'unico tipo di autonomia che può permettere ai cittadini di gestire direttamente il proprio territorio e le proprie tasse.
    Nella nostra filosofia il singolo cittadino deve poter esercitare il proprio potere politico, senza limitazione e senza rappresentanti, e deve poter decidere direttamente sulle leggi e sulle regole della società in cui vive.
    La Lega dei Comuni, si definisce movimento autonomista nazionalista, perché aspira ad un vero federalismo pur mantenendo l'unità del paese, considerando superati gli assetti istituzionali italiani ed anacronistici gli attuali partiti e schieramenti politici per la maggior parte al servizio di poteri e corporazioni e non dei cittadini, si pone come finalità la rifondazione delle strutture dello Stato, attraverso l'autonomia comunale intesa come espansione e valorizzazione della sovranità popolare sul territorio, in un moderno Stato Federale sotto il controllo dei cittadini in ogni suo ordinamento, nel totale rispetto dei principi di sussidiarietà e dove tutte le strutture dello Stato lavorino per la difesa degli interessi del nostro paese.

    La Lega dei Comuni, cosciente delle proprie dimensioni e del frazionamento dell'idea autonomista in decine e centinaia di piccoli inutili movimenti, considera indispensabile coagulare attorno ad alcuni punti politici fondamentali, presenti nel patrimonio genetico di ogni libero cittadino, i tanti gruppi autonomisti esistenti sul territorio, per unire le forze e creare le sinergie sufficienti per imporci in ambito nazionale e far conoscere, nonostante il silenzio dei media, le nostre idee ed i nostri programmi per ottenere consensi da buona parte di quel 30% di cittadini che si rifiutano ormai di stare al gioco della partitocrazia dei due poli, due facce della stessa medaglia ed ambedue al servizio dei potentati internazionali.



    ED ECCO I PUNTI FERMI DELLA NOSTRA LINEA POLITICA:

    1) NO ALL'EUROPA DI MAASTRICHT
    Netta opposizione all'Europa delle lobbies, della globalizzazione e del mondialismo a scapito dei cittadini. Sì ad una confederazione di stati voluta dai cittadini che valorizzi l'identità europea delle tradizioni e dei popoli.

    2) NO AL REGIONALISMO
    Netta opposizione alle attuali regioni, apparati burocratici subordinati ad governo centrale. Sì ad una Federazione di stati indipendenti dove, cancellati gli ordinamenti regionali e cantonalizzate le provincie, il Comune completamente indipendente e sovrano su tutto ciò che le concerne possa portare le scelte politiche direttamente ai cittadini.

    3) NO ALL'IMMIGRAZIONE EXTRACOMUNITARIA
    Netta opposizione all'immigrazione extracomunitaria, che snatura la nostra cultura, la nostra società e la nostra economia.

    4) NO AD ACCORDI CON IL SISTEMA
    Netta opposizione a qualsiasi forma di accordi elettorali con i due poli che rappresentano, anche se con sfaccettature diverse, la stessa volontà di raggiungere un Europa del grande capitale ed una società multirazziale.

    5) NO AI PRIVILEGI PUBBLICI
    Abolizione dei privilegi sperequativi della classe politica e dell'apparato pubblico burocratico.

    6) DEMOCRAZIA DIRETTA
    Partecipazione diretta del cittadino nelle scelte che lo coinvolgono, a partire dai propri ordinamenti totalmente autonomi nel rispetto del principio di sussidiarietà.

    7) RIVALUTAZIONE DELLA FAMIGLIA E DELLE TRADIZIONI
    Recupero del ruolo della famiglia e delle tradizioni come punto cardine della crescita dell'individuo nei principi e nei valori della nostra società.

    8) SALVAGUARDIA DELL'AMBIENTE
    Massimo impegno per la salvaguardia dell' ambiente, che dobbiamo trasmettere integro alle prossime generazioni, ma senza comunque limitare lo sviluppo degli insediamenti produttivi, residenziali ed infrastrutturali, che possono crescere in sinergia con la salvaguardia degli equilibri naturali per il miglioramento della qualità della vita di tutti i cittadini.

    9) SOLIDARIETÀ SOCIALE
    Particolare impegno di solidarietà verso i cittadini italiani che versano in uno stato di svantaggio sociale o di emarginazione per condizioni economiche, psicofisiche, in ragione dell'età o di altre cause soggettive od oggettive.

    10) SOLIDARIETÀ A JORG HAIDER
    Partecipazione solidaria alle tesi di Haider per riaffermare i principi nazionalisti ed il diritto dei popoli a governarsi senza le interferenze dei poteri finanziari mondialisti.



    Sui punti programmatici sopra elencati proponiamo un accordo politico di coordinamento permanente tra i vari gruppi autonomisti, i movimenti nazionalisti, le associazioni e le singole persone interessate a lavorare insieme, per contrapporsi ai gruppi di potere ed ai partiti politici che, in vari modi, tentano di distruggere le strutture del nostro paese e della nostra società.



    Un coordinamento politico che permetta ad ogni singolo gruppo, pur mantenendo le proprie differenze, di superare i pur importanti regionalismi o localismi per poter diventare un chiaro riferimento di sostanziale cambiamento per tutte le genti del nostro paese.

    Un coordinamento politico che permetta ad ognuno di noi di lavorare insieme ed unire gli sforzi per cambiare le strutture dello Stato, per ritornare ai cittadini la sovranità, per dare autonomia alle comunità, per difendere le nostre genti, il nostro paese, le nostre tradizioni, il nostro ambiente, le nostre libertà.

    Tutti i gruppi e movimenti che aderiscono al coordinamento saranno soci fondatori e formeranno l'Assemblea Generale di Coordinamento che ratificherà il Direttorio di Assemblea formato dai responsabili di ogni singolo gruppo o da un loro delegato

    I componenti del Direttorio di Assemblea saranno ognuno, in rotazione per ordine alfabetico, Presidente del Direttorio e dell'Assemblea Generale per un periodo di un mese ed in questo periodo saranno anche Portavoce del Direttorio.

    Ogni componente del Direttorio di Assemblea, nel periodo in cui presiede il Coordinamento, organizzerà, nell'area di appartenenza del suo gruppo, un incontro politico del Direttorio per le necessarie scelte gestionali e per le relative opportune azioni politiche.

    Ogni decisione sarà valida con la maggioranza semplice dei consensi.

    Ogni gruppo autofinanzierà le proprie attività secondo le proprie possibilità.

    Ogni socio componente dell'Assemblea Generale potrà disdire la sua adesione al Coordinamento dandonde comunicazione scritta al Presidente di turno con lettera raccomandata.

  5. #5
    www.leganordromagna.org
    Data Registrazione
    06 Mar 2002
    Località
    Romagna Nazione Padana
    Messaggi
    4,777
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito


  6. #6
    www.leganordromagna.org
    Data Registrazione
    06 Mar 2002
    Località
    Romagna Nazione Padana
    Messaggi
    4,777
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito


 

 

Discussioni Simili

  1. Sito Interessante
    Di luigi maria op (POL) nel forum Centrodestra Italiano
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 29-12-08, 23:24
  2. Sito interessante
    Di pietro nel forum Comunismo e Comunità
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 03-04-07, 01:33
  3. interessante sito
    Di benfy nel forum Centrosinistra Italiano
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 18-05-03, 19:25
  4. interessante sito
    Di Perdu nel forum Padania!
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 26-08-02, 10:59
  5. Sito interessante
    Di Spirit nel forum Etnonazionalismo
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 24-08-02, 18:00

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226