User Tag List

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 12
  1. #1
    Registered User
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Messaggi
    317
    Mentioned
    7 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Bluff o la solita parodia?

    Tratto da il Mattino di Padova di oggi.

    Lo scontro Lega-Forza Italia. Il presidente del Consiglio regionale: «Non condividiamo molte scelte di Galan»
    Dal Carroccio ultimatum al governo veneto
    Cavaliere al convegno forzista: «Questa legislatura non durerà»
    Inatteso affondo del leader leghista «Per noi vincere non significa anche governare»


    dall'inviato Renzo Mazzaro

    CORTINA. Il primo convegno autogestito di Forza Italia del Veneto, ideato e organizzato in malcelato dissenso con la plancia di comando del presidente Giancarlo Galan, sfugge di mano agli organizzatori alle 7 della sera, quando prende la parola il leghista Enrico Cavaliere, presidente del Consiglio regionale. Di colpo le cose diventano più grandi di Remo Sernagiotto e di Leonardo Padrin.
    I due si erano spesi tutto il giorno per giostrare sui toni soft. Nessuno sa che Cavaliere, che per tutto il pomeriggio ha fatto la bella statuina mimetizzato in una tavola rotonda affollatissima, ha deciso di rovinare il paziente lavoro di diplomazia che una parte di Forza Italia, trainata dal sottosegretario Sacconi, sta costruendo attorno alla Lega, per farla entrare organicamente in tutti i posti di comando del centrodestra del Veneto.
    Cavaliere ci mette un quarto d'ora per mandare a gambe all'aria il lavoro di un'intera giornata. «La Regione non deve amministrare ma dare gli indirizzi alle Province e ai Comuni - dice -. Bisogna smetterla di fare il federalismo solo a parole, altrimenti sarà difficile che continuiamo a condividere un progetto della Cdl che non conosciamo. Come è accaduto con il documento di programmazione economica, che ci è arrivato già rilegato dalla giunta, senza che ne avessimo prima mai discusso. Io sono molto pessimista - continua -. Di questo passo lo sfaldamento sarà sempre più forte e non sono in grado di dire se arriveremo a fine legislatura».
    Una frustata alla sala gremita, a conclusione di un discorso condotto tutto su toni perentori, con un volume discretamente sopra quello normale di conversazione. «Siamo partiti male come Cdl - aveva cominciato Cavaliere - perché è venuto meno il ruolo fondamentale dei partiti e questo vuoto è stato occupato da altri: gli imprenditori, rispettabili quanto volete, ma non in grado di rappresentare i quattro milioni e mezzo di veneti, o i sindacati. Il vostro leader Berlusconi è stato bravo a cooptare i segretari politici nel consiglio dei ministri, così non ha problemi con gli alleati. Non accade lo stesso nel Veneto: non è automatico che tutte le cose decise da Galan siano condivise da un consiglio regionale tenuto all'oscuro. Sono passati già due anni e non abbiamo dato alcuna prova delle potenzialità di questa coalizione».
    Insomma un attacco a fondo, tanto più insopportabile per la platea in quanto condito di riferimenti al problema degli extracomunitari citato in salsa leghista: «Non siamo razzisti, la Lega ha posto la questione perché è sentita dalla gente, non è vero che serve manodopera, delocalizzate le aziende piuttosto, abbiamo già troppi capannoni nel Veneto».
    «Razzista e demagogico» gli dice uno dalla quinta fila, neanche tanto sottovoce. «Ma è un discorso da presidente del Consiglio regionale?» si chiederà più tardi in corridoio un suo collega, che non vuole essere citato.
    Ma intanto tocca a Fabio Gava, tenuto per ultimo, rimettere assieme i cocci. E il vice di Galan ci mette tutto l'impegno: «Tra l'ottimismo di Sacconi e il pessimismo eccessivo di Cavaliere, trovo fuori posto quest'ultimo. Non bisogna estremizzare. Dobbiamo sapere che passiamo da una coalizione che ha vinto le elezioni a una coalizione di governo. Ed il ruolo dei partiti di opposizione è diverso da quello dei partiti di governo».
    Detto con meno eleganza: «Caro Cavaliere, da buon leghista non dimostri cultura di governo». E avanti a impartire lezioni, toccando tutti i temi, dalla sanità alle infrastrutture per arrivare a concludere che in ogni caso «anche questo convegno rappresenta un passo avanti».
    Massima disponibilità e santa pazienza, insomma da parte di Fabio Gava, benché anche il capogruppo della Lega Franco Manzato avesse fatto del suo meglio per mettere i bastoni fra le ruote: «Nessuno ci ha ordinato di governare assieme - aveva detto Manzato - se non abbiamo un progetto condiviso. Per la Lega non è indispensabile vincere e governare». Vai capire allora perché si fanno le elezioni.
    Alla tavola rotonda hanno partecipato anche Iles Braghetto, Paolo Scaravelli e Renzo Marangon, rispettivamente capigruppo di Udc, An, Forza Italia, il segretario della Cisl Franco Sech e il direttore di Unindustria di Treviso Cesare Bernini.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Registered User
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Messaggi
    317
    Mentioned
    7 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Bluff o la solita parodia?

    Tratto da il Mattino di Padova di oggi.

    Lo scontro Lega-Forza Italia. Il presidente del Consiglio regionale: «Non condividiamo molte scelte di Galan»
    Dal Carroccio ultimatum al governo veneto
    Cavaliere al convegno forzista: «Questa legislatura non durerà»
    Inatteso affondo del leader leghista «Per noi vincere non significa anche governare»


    dall'inviato Renzo Mazzaro

    CORTINA. Il primo convegno autogestito di Forza Italia del Veneto, ideato e organizzato in malcelato dissenso con la plancia di comando del presidente Giancarlo Galan, sfugge di mano agli organizzatori alle 7 della sera, quando prende la parola il leghista Enrico Cavaliere, presidente del Consiglio regionale. Di colpo le cose diventano più grandi di Remo Sernagiotto e di Leonardo Padrin.
    I due si erano spesi tutto il giorno per giostrare sui toni soft. Nessuno sa che Cavaliere, che per tutto il pomeriggio ha fatto la bella statuina mimetizzato in una tavola rotonda affollatissima, ha deciso di rovinare il paziente lavoro di diplomazia che una parte di Forza Italia, trainata dal sottosegretario Sacconi, sta costruendo attorno alla Lega, per farla entrare organicamente in tutti i posti di comando del centrodestra del Veneto.
    Cavaliere ci mette un quarto d'ora per mandare a gambe all'aria il lavoro di un'intera giornata. «La Regione non deve amministrare ma dare gli indirizzi alle Province e ai Comuni - dice -. Bisogna smetterla di fare il federalismo solo a parole, altrimenti sarà difficile che continuiamo a condividere un progetto della Cdl che non conosciamo. Come è accaduto con il documento di programmazione economica, che ci è arrivato già rilegato dalla giunta, senza che ne avessimo prima mai discusso. Io sono molto pessimista - continua -. Di questo passo lo sfaldamento sarà sempre più forte e non sono in grado di dire se arriveremo a fine legislatura».
    Una frustata alla sala gremita, a conclusione di un discorso condotto tutto su toni perentori, con un volume discretamente sopra quello normale di conversazione. «Siamo partiti male come Cdl - aveva cominciato Cavaliere - perché è venuto meno il ruolo fondamentale dei partiti e questo vuoto è stato occupato da altri: gli imprenditori, rispettabili quanto volete, ma non in grado di rappresentare i quattro milioni e mezzo di veneti, o i sindacati. Il vostro leader Berlusconi è stato bravo a cooptare i segretari politici nel consiglio dei ministri, così non ha problemi con gli alleati. Non accade lo stesso nel Veneto: non è automatico che tutte le cose decise da Galan siano condivise da un consiglio regionale tenuto all'oscuro. Sono passati già due anni e non abbiamo dato alcuna prova delle potenzialità di questa coalizione».
    Insomma un attacco a fondo, tanto più insopportabile per la platea in quanto condito di riferimenti al problema degli extracomunitari citato in salsa leghista: «Non siamo razzisti, la Lega ha posto la questione perché è sentita dalla gente, non è vero che serve manodopera, delocalizzate le aziende piuttosto, abbiamo già troppi capannoni nel Veneto».
    «Razzista e demagogico» gli dice uno dalla quinta fila, neanche tanto sottovoce. «Ma è un discorso da presidente del Consiglio regionale?» si chiederà più tardi in corridoio un suo collega, che non vuole essere citato.
    Ma intanto tocca a Fabio Gava, tenuto per ultimo, rimettere assieme i cocci. E il vice di Galan ci mette tutto l'impegno: «Tra l'ottimismo di Sacconi e il pessimismo eccessivo di Cavaliere, trovo fuori posto quest'ultimo. Non bisogna estremizzare. Dobbiamo sapere che passiamo da una coalizione che ha vinto le elezioni a una coalizione di governo. Ed il ruolo dei partiti di opposizione è diverso da quello dei partiti di governo».
    Detto con meno eleganza: «Caro Cavaliere, da buon leghista non dimostri cultura di governo». E avanti a impartire lezioni, toccando tutti i temi, dalla sanità alle infrastrutture per arrivare a concludere che in ogni caso «anche questo convegno rappresenta un passo avanti».
    Massima disponibilità e santa pazienza, insomma da parte di Fabio Gava, benché anche il capogruppo della Lega Franco Manzato avesse fatto del suo meglio per mettere i bastoni fra le ruote: «Nessuno ci ha ordinato di governare assieme - aveva detto Manzato - se non abbiamo un progetto condiviso. Per la Lega non è indispensabile vincere e governare». Vai capire allora perché si fanno le elezioni.
    Alla tavola rotonda hanno partecipato anche Iles Braghetto, Paolo Scaravelli e Renzo Marangon, rispettivamente capigruppo di Udc, An, Forza Italia, il segretario della Cisl Franco Sech e il direttore di Unindustria di Treviso Cesare Bernini.

  3. #3
    Veneta sempre itagliana mai
    Data Registrazione
    06 Mar 2002
    Località
    '' E' in gran parte merito di Luca Cordero di Montezemolo se la Juventus non si rivolse ai tribunali ordinari '' (Joseph S. Blatter - Presidente F.I.F.A. - Dicembre 2007)
    Messaggi
    63,122
    Mentioned
    8 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Re: Bluff o la solita parodia?

    Originally posted by Stefano
    Tratto da il Mattino di Padova di oggi.

    Lo scontro Lega-Forza Italia. Il presidente del Consiglio regionale: «Non condividiamo molte scelte di Galan»
    Dal Carroccio ultimatum al governo veneto
    Cavaliere al convegno forzista: «Questa legislatura non durerà»
    Inatteso affondo del leader leghista «Per noi vincere non significa anche governare»


    dall'inviato Renzo Mazzaro

    CORTINA. Il primo convegno autogestito di Forza Italia del Veneto, ideato e organizzato in malcelato dissenso con la plancia di comando del presidente Giancarlo Galan, sfugge di mano agli organizzatori alle 7 della sera, quando prende la parola il leghista Enrico Cavaliere, presidente del Consiglio regionale. Di colpo le cose diventano più grandi di Remo Sernagiotto e di Leonardo Padrin.
    I due si erano spesi tutto il giorno per giostrare sui toni soft. Nessuno sa che Cavaliere, che per tutto il pomeriggio ha fatto la bella statuina mimetizzato in una tavola rotonda affollatissima, ha deciso di rovinare il paziente lavoro di diplomazia che una parte di Forza Italia, trainata dal sottosegretario Sacconi, sta costruendo attorno alla Lega, per farla entrare organicamente in tutti i posti di comando del centrodestra del Veneto.
    Cavaliere ci mette un quarto d'ora per mandare a gambe all'aria il lavoro di un'intera giornata. «La Regione non deve amministrare ma dare gli indirizzi alle Province e ai Comuni - dice -. Bisogna smetterla di fare il federalismo solo a parole, altrimenti sarà difficile che continuiamo a condividere un progetto della Cdl che non conosciamo. Come è accaduto con il documento di programmazione economica, che ci è arrivato già rilegato dalla giunta, senza che ne avessimo prima mai discusso. Io sono molto pessimista - continua -. Di questo passo lo sfaldamento sarà sempre più forte e non sono in grado di dire se arriveremo a fine legislatura».
    Una frustata alla sala gremita, a conclusione di un discorso condotto tutto su toni perentori, con un volume discretamente sopra quello normale di conversazione. «Siamo partiti male come Cdl - aveva cominciato Cavaliere - perché è venuto meno il ruolo fondamentale dei partiti e questo vuoto è stato occupato da altri: gli imprenditori, rispettabili quanto volete, ma non in grado di rappresentare i quattro milioni e mezzo di veneti, o i sindacati. Il vostro leader Berlusconi è stato bravo a cooptare i segretari politici nel consiglio dei ministri, così non ha problemi con gli alleati. Non accade lo stesso nel Veneto: non è automatico che tutte le cose decise da Galan siano condivise da un consiglio regionale tenuto all'oscuro. Sono passati già due anni e non abbiamo dato alcuna prova delle potenzialità di questa coalizione».
    Insomma un attacco a fondo, tanto più insopportabile per la platea in quanto condito di riferimenti al problema degli extracomunitari citato in salsa leghista: «Non siamo razzisti, la Lega ha posto la questione perché è sentita dalla gente, non è vero che serve manodopera, delocalizzate le aziende piuttosto, abbiamo già troppi capannoni nel Veneto».
    «Razzista e demagogico» gli dice uno dalla quinta fila, neanche tanto sottovoce. «Ma è un discorso da presidente del Consiglio regionale?» si chiederà più tardi in corridoio un suo collega, che non vuole essere citato.
    Ma intanto tocca a Fabio Gava, tenuto per ultimo, rimettere assieme i cocci. E il vice di Galan ci mette tutto l'impegno: «Tra l'ottimismo di Sacconi e il pessimismo eccessivo di Cavaliere, trovo fuori posto quest'ultimo. Non bisogna estremizzare. Dobbiamo sapere che passiamo da una coalizione che ha vinto le elezioni a una coalizione di governo. Ed il ruolo dei partiti di opposizione è diverso da quello dei partiti di governo».
    Detto con meno eleganza: «Caro Cavaliere, da buon leghista non dimostri cultura di governo». E avanti a impartire lezioni, toccando tutti i temi, dalla sanità alle infrastrutture per arrivare a concludere che in ogni caso «anche questo convegno rappresenta un passo avanti».
    Massima disponibilità e santa pazienza, insomma da parte di Fabio Gava, benché anche il capogruppo della Lega Franco Manzato avesse fatto del suo meglio per mettere i bastoni fra le ruote: «Nessuno ci ha ordinato di governare assieme - aveva detto Manzato - se non abbiamo un progetto condiviso. Per la Lega non è indispensabile vincere e governare». Vai capire allora perché si fanno le elezioni.
    Alla tavola rotonda hanno partecipato anche Iles Braghetto, Paolo Scaravelli e Renzo Marangon, rispettivamente capigruppo di Udc, An, Forza Italia, il segretario della Cisl Franco Sech e il direttore di Unindustria di Treviso Cesare Bernini.

    Stefano, questo articolo arriva a pennello, l'invito a partecipare a questo Convegno è arrivato anche a me, e ti dirò sono in stretto contatto con un paio di Consiglieri Regionali Veneti, in particolare quello eletto dalle mie parti.......tralascio il nome.......ho parlato non più di tre sere fa.....e ti posso assicurare che i nostri stanno letteralmente scoppiando.....c'è un astio profondo poi con il Presidente Galan del tutto insanabile, insomma da quello che ho capito se non cambiano registro in Regione gli alleati ho paura che le cose non dureranno a lungo a meno che anche Cavaliere non le spari grosse per ottenere qualcosa , certo è lo ripeto la situazione è molto tesa......


    ---pensiero---

  4. #4
    Veneta sempre itagliana mai
    Data Registrazione
    06 Mar 2002
    Località
    '' E' in gran parte merito di Luca Cordero di Montezemolo se la Juventus non si rivolse ai tribunali ordinari '' (Joseph S. Blatter - Presidente F.I.F.A. - Dicembre 2007)
    Messaggi
    63,122
    Mentioned
    8 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Re: Bluff o la solita parodia?

    Originally posted by Stefano
    Tratto da il Mattino di Padova di oggi.

    Lo scontro Lega-Forza Italia. Il presidente del Consiglio regionale: «Non condividiamo molte scelte di Galan»
    Dal Carroccio ultimatum al governo veneto
    Cavaliere al convegno forzista: «Questa legislatura non durerà»
    Inatteso affondo del leader leghista «Per noi vincere non significa anche governare»


    dall'inviato Renzo Mazzaro

    CORTINA. Il primo convegno autogestito di Forza Italia del Veneto, ideato e organizzato in malcelato dissenso con la plancia di comando del presidente Giancarlo Galan, sfugge di mano agli organizzatori alle 7 della sera, quando prende la parola il leghista Enrico Cavaliere, presidente del Consiglio regionale. Di colpo le cose diventano più grandi di Remo Sernagiotto e di Leonardo Padrin.
    I due si erano spesi tutto il giorno per giostrare sui toni soft. Nessuno sa che Cavaliere, che per tutto il pomeriggio ha fatto la bella statuina mimetizzato in una tavola rotonda affollatissima, ha deciso di rovinare il paziente lavoro di diplomazia che una parte di Forza Italia, trainata dal sottosegretario Sacconi, sta costruendo attorno alla Lega, per farla entrare organicamente in tutti i posti di comando del centrodestra del Veneto.
    Cavaliere ci mette un quarto d'ora per mandare a gambe all'aria il lavoro di un'intera giornata. «La Regione non deve amministrare ma dare gli indirizzi alle Province e ai Comuni - dice -. Bisogna smetterla di fare il federalismo solo a parole, altrimenti sarà difficile che continuiamo a condividere un progetto della Cdl che non conosciamo. Come è accaduto con il documento di programmazione economica, che ci è arrivato già rilegato dalla giunta, senza che ne avessimo prima mai discusso. Io sono molto pessimista - continua -. Di questo passo lo sfaldamento sarà sempre più forte e non sono in grado di dire se arriveremo a fine legislatura».
    Una frustata alla sala gremita, a conclusione di un discorso condotto tutto su toni perentori, con un volume discretamente sopra quello normale di conversazione. «Siamo partiti male come Cdl - aveva cominciato Cavaliere - perché è venuto meno il ruolo fondamentale dei partiti e questo vuoto è stato occupato da altri: gli imprenditori, rispettabili quanto volete, ma non in grado di rappresentare i quattro milioni e mezzo di veneti, o i sindacati. Il vostro leader Berlusconi è stato bravo a cooptare i segretari politici nel consiglio dei ministri, così non ha problemi con gli alleati. Non accade lo stesso nel Veneto: non è automatico che tutte le cose decise da Galan siano condivise da un consiglio regionale tenuto all'oscuro. Sono passati già due anni e non abbiamo dato alcuna prova delle potenzialità di questa coalizione».
    Insomma un attacco a fondo, tanto più insopportabile per la platea in quanto condito di riferimenti al problema degli extracomunitari citato in salsa leghista: «Non siamo razzisti, la Lega ha posto la questione perché è sentita dalla gente, non è vero che serve manodopera, delocalizzate le aziende piuttosto, abbiamo già troppi capannoni nel Veneto».
    «Razzista e demagogico» gli dice uno dalla quinta fila, neanche tanto sottovoce. «Ma è un discorso da presidente del Consiglio regionale?» si chiederà più tardi in corridoio un suo collega, che non vuole essere citato.
    Ma intanto tocca a Fabio Gava, tenuto per ultimo, rimettere assieme i cocci. E il vice di Galan ci mette tutto l'impegno: «Tra l'ottimismo di Sacconi e il pessimismo eccessivo di Cavaliere, trovo fuori posto quest'ultimo. Non bisogna estremizzare. Dobbiamo sapere che passiamo da una coalizione che ha vinto le elezioni a una coalizione di governo. Ed il ruolo dei partiti di opposizione è diverso da quello dei partiti di governo».
    Detto con meno eleganza: «Caro Cavaliere, da buon leghista non dimostri cultura di governo». E avanti a impartire lezioni, toccando tutti i temi, dalla sanità alle infrastrutture per arrivare a concludere che in ogni caso «anche questo convegno rappresenta un passo avanti».
    Massima disponibilità e santa pazienza, insomma da parte di Fabio Gava, benché anche il capogruppo della Lega Franco Manzato avesse fatto del suo meglio per mettere i bastoni fra le ruote: «Nessuno ci ha ordinato di governare assieme - aveva detto Manzato - se non abbiamo un progetto condiviso. Per la Lega non è indispensabile vincere e governare». Vai capire allora perché si fanno le elezioni.
    Alla tavola rotonda hanno partecipato anche Iles Braghetto, Paolo Scaravelli e Renzo Marangon, rispettivamente capigruppo di Udc, An, Forza Italia, il segretario della Cisl Franco Sech e il direttore di Unindustria di Treviso Cesare Bernini.

    Stefano, questo articolo arriva a pennello, l'invito a partecipare a questo Convegno è arrivato anche a me, e ti dirò sono in stretto contatto con un paio di Consiglieri Regionali Veneti, in particolare quello eletto dalle mie parti.......tralascio il nome.......ho parlato non più di tre sere fa.....e ti posso assicurare che i nostri stanno letteralmente scoppiando.....c'è un astio profondo poi con il Presidente Galan del tutto insanabile, insomma da quello che ho capito se non cambiano registro in Regione gli alleati ho paura che le cose non dureranno a lungo a meno che anche Cavaliere non le spari grosse per ottenere qualcosa , certo è lo ripeto la situazione è molto tesa......


    ---pensiero---

  5. #5
    Registered User
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Messaggi
    317
    Mentioned
    7 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Re: Bluff o la solita parodia?

    Originally posted by pensiero



    Stefano, questo articolo arriva a pennello, l'invito a partecipare a questo Convegno è arrivato anche a me, e ti dirò sono in stretto contatto con un paio di Consiglieri Regionali Veneti, in particolare quello eletto dalle mie parti.......tralascio il nome.......ho parlato non più di tre sere fa.....e ti posso assicurare che i nostri stanno letteralmente scoppiando.....c'è un astio profondo poi con il Presidente Galan del tutto insanabile, insomma da quello che ho capito se non cambiano registro in Regione gli alleati ho paura che le cose non dureranno a lungo a meno che anche Cavaliere non le spari grosse per ottenere qualcosa , certo è lo ripeto la situazione è molto tesa......

    ---pensiero---
    Scusami ma non ho ben capito quale sarebbe il motivo del malcontento e delle rivendicazioni leghiste. In fin dei conti la lega è da due anni e mezzo che sta governando il veneto e mi sembrava aver capito che il programma fosse stato mantenuto alla grande.

  6. #6
    Registered User
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Messaggi
    317
    Mentioned
    7 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Re: Bluff o la solita parodia?

    Originally posted by pensiero



    Stefano, questo articolo arriva a pennello, l'invito a partecipare a questo Convegno è arrivato anche a me, e ti dirò sono in stretto contatto con un paio di Consiglieri Regionali Veneti, in particolare quello eletto dalle mie parti.......tralascio il nome.......ho parlato non più di tre sere fa.....e ti posso assicurare che i nostri stanno letteralmente scoppiando.....c'è un astio profondo poi con il Presidente Galan del tutto insanabile, insomma da quello che ho capito se non cambiano registro in Regione gli alleati ho paura che le cose non dureranno a lungo a meno che anche Cavaliere non le spari grosse per ottenere qualcosa , certo è lo ripeto la situazione è molto tesa......

    ---pensiero---
    Scusami ma non ho ben capito quale sarebbe il motivo del malcontento e delle rivendicazioni leghiste. In fin dei conti la lega è da due anni e mezzo che sta governando il veneto e mi sembrava aver capito che il programma fosse stato mantenuto alla grande.

  7. #7
    Moderatore
    Data Registrazione
    07 Mar 2002
    Messaggi
    4,076
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    mi chiedo perchè allora cavaliere e sovci hanno ceduto a dicembre sulla vicenda tosi

    saluti padani

  8. #8
    Moderatore
    Data Registrazione
    07 Mar 2002
    Messaggi
    4,076
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    mi chiedo perchè allora cavaliere e sovci hanno ceduto a dicembre sulla vicenda tosi

    saluti padani

  9. #9
    Veneta sempre itagliana mai
    Data Registrazione
    06 Mar 2002
    Località
    '' E' in gran parte merito di Luca Cordero di Montezemolo se la Juventus non si rivolse ai tribunali ordinari '' (Joseph S. Blatter - Presidente F.I.F.A. - Dicembre 2007)
    Messaggi
    63,122
    Mentioned
    8 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Re: Re: Re: Bluff o la solita parodia?

    Originally posted by Stefano

    Scusami ma non ho ben capito quale sarebbe il motivo del malcontento e delle rivendicazioni leghiste. In fin dei conti la lega è da due anni e mezzo che sta governando il veneto e mi sembrava aver capito che il programma fosse stato mantenuto alla grande.

    mi chiedo perchè allora cavaliere e sovci hanno ceduto a dicembre sulla vicenda tosi

    -------------------------------------------


    Embeh....raga....che vi devo dire.....questo è quanto mi è stato detto, di più non so....in ogni caso pare che la giunta faccia le cose senza interpellare il Consiglio e poi le solite menate sul delegare i Comuni e Provincie etc.......
    Può essere che cmq sia anche vero che è solo un bluff, da parte di Cavaliere, il quale come sostenni un mese fa in un thread, sembra svanito nel nulla da tanto battagliero che era.
    Cosa volete che vi dica neanch'io...che qui non ci ci capisce un tubo di niente.....


    --pensiero--

  10. #10
    Veneta sempre itagliana mai
    Data Registrazione
    06 Mar 2002
    Località
    '' E' in gran parte merito di Luca Cordero di Montezemolo se la Juventus non si rivolse ai tribunali ordinari '' (Joseph S. Blatter - Presidente F.I.F.A. - Dicembre 2007)
    Messaggi
    63,122
    Mentioned
    8 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Re: Re: Re: Bluff o la solita parodia?

    Originally posted by Stefano

    Scusami ma non ho ben capito quale sarebbe il motivo del malcontento e delle rivendicazioni leghiste. In fin dei conti la lega è da due anni e mezzo che sta governando il veneto e mi sembrava aver capito che il programma fosse stato mantenuto alla grande.

    mi chiedo perchè allora cavaliere e sovci hanno ceduto a dicembre sulla vicenda tosi

    -------------------------------------------


    Embeh....raga....che vi devo dire.....questo è quanto mi è stato detto, di più non so....in ogni caso pare che la giunta faccia le cose senza interpellare il Consiglio e poi le solite menate sul delegare i Comuni e Provincie etc.......
    Può essere che cmq sia anche vero che è solo un bluff, da parte di Cavaliere, il quale come sostenni un mese fa in un thread, sembra svanito nel nulla da tanto battagliero che era.
    Cosa volete che vi dica neanch'io...che qui non ci ci capisce un tubo di niente.....


    --pensiero--

 

 
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Fiat: è sempre la solita storia e sempre la solita borsa. La nostra.
    Di Franco Marino nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 02-01-14, 16:23
  2. Concilio di Nicea I - Parodia
    Di Cattivo nel forum Laici e Laicità
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 05-04-12, 23:53
  3. La grande parodia.
    Di Eymerich (POL) nel forum Filosofie e Religioni d'Oriente
    Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 11-08-08, 11:03
  4. La grande parodia
    Di testadiprazzo nel forum Filosofie e Religioni d'Oriente
    Risposte: 54
    Ultimo Messaggio: 04-11-06, 10:07
  5. parodia
    Di Politikon nel forum Comunismo e Comunità
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 07-07-03, 10:30

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226