User Tag List

Risultati da 1 a 4 di 4
  1. #1
    Registered User
    Data Registrazione
    07 Mar 2002
    Località
    palayork
    Messaggi
    3,243
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Wink vuoti di memoria...............

    Dal "Vietnam libero" all'11 settembre: la stessa storia


    di Diego
    Gabutti

    Da una parte la società aperta, dall'altra i nemici
    Contro l'Islam è la stessa guerra: il Vietnam
    Perché sempre di nemici della libertà si tratta
    Dov'è un'idea alternativa di Società?

    E' stata rimandata al 21 settembre la giornata mondiale per la libertà e la democrazia in Vietnam che i radicali italiani, come sempre in solitudine, hanno indetto in oltre settanta paesi, preparandosi a scandire slogan sacrosanti nelle capitali di mezzo mondo. Sono passati trent'anni da quando, al grido di "Vietnam libero", gli antenati dei moderni pacifisti con la bava alla bocca e bin Laden nel cuore denunciavano l'"aggressione americana" contro il pacifico popolo vietnamita. Sono passati trent'anni ed eccoci qua, a gridare di nuovo "Vietnam libero". Trent'anni, e laggiù nelle risaie la guerra continua.

    È la guerra che il regime marxleninista, per il quale molti di noi hanno straveduto in giovinezza, ha dichiarato contro i diritti civili, umani, religiosi e politici dei pacifici cittadini vietnamiti. Naturalmente, come sappiamo tutti, compreso chi finge di non capire, non è un'altra guerra ma la stessa guerra d'allora: da una parte la società aperta, dall'altra i suoi nemici. Nessuno, radicali a parte, scende però in piazza, come allora, per difendere il Vietnam dall'aggressione comunista e dalle "tigri di carta" dei campi di rieducazione, della polizia onnipotente, dell'economia socialista disastrata. Si stanno stringendo le fila, piuttosto, d'un nuovo fronte antimperialista, che oggi tifa per l'islamismo radicale come ieri tifava per lo stalinismo.

    Cade in questi giorni anche l'anniversario dell'attacco terroristico al Pentagono e alle Twin Towers. Anche qui c'è poco da illudersi. Non è cominciata una nuova guerra, come alleluiano i no global, ma è la stessa interminabile Guerra del Vietnam, la guerra del terrore contro il consenso, che continua a macinar catastrofi. A scatenare l'apocalisse sui pacifici abitanti di Washington e New York sono stati gli stessi nemici della società aperta che prima (sub specie staliniana) hanno fatto carne di porco dei paesi del "campo socialista" e che poi (sub specie islamista) hanno ridotto in macerie l'Afghanistan e altre povere nazioni scalognate. È a questi stessi nemici della libertà politica, del diritto e della legalità che l'intellighenzia di sinistra continua a mandar baci come all'epoca dei padri dei popoli e dei "conducator".

    C'è una sostanziale differenza, è ovvio, tra il sol dell'avvenir e la mezzaluna, se non altro nel senso che si tratta di due monoteismi tra loro incompatibili, ma è lo stesso pregiudizio antioccidentale, è la stessa allucinazione illiberale e illiberista che oggi ammassa i tifosi della lotta senza quartiere al "kapitalismo" dietro le bandiere verdi dell'Islam radicale come ieri li ammassava dietro le bandiere rosse dei segretari generali. Scommettiamo un caffè che ci ritroveremo di nuovo qui, fra trent'anni, in occasione della giornata mondiale per la libertà e la democrazia nei paesi islamisti?

    Paesi che nel frattempo l'intellighenzia di sinistra avrà completamente dimenticato e rimosso, come ha rimosso e dimenticato il Vietnam, per fare la faccia feroce all'America e all'Occidente in nome di qualche nuova causa altrettanto esotica e terrificante.

    Un tempo, nei programmi dei grandi movimenti sovversivi di massa, c'era un'idea alternativa di società: una società mai vista prima, più giusta e più saggia, che avrebbe assicurato maggiori libertà, distribuito le ricchezze e moltiplicato i diritti. Oggi i movimenti sovversivi, diventati non a caso minoritari e quasi ininfluenti, non inseguono più il miraggio futurista d'una società magari impossibile e tuttavia perfetta.

    Godono invece delle disgrazie del mondo, della miseria dei popoli governati da Rais cannibali e da commissari del popolo assassini, degli aerei vendicatori che abbattono le torri sterminando migliaia di figli di mamma, del disumanesimo che dilaga nel mondo come una rovinosa macchia di petrolio sull'oceano.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Registered User
    Data Registrazione
    07 Mar 2002
    Località
    palayork
    Messaggi
    3,243
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Wink vuoti di memoria...............

    Dal "Vietnam libero" all'11 settembre: la stessa storia


    di Diego
    Gabutti

    Da una parte la società aperta, dall'altra i nemici
    Contro l'Islam è la stessa guerra: il Vietnam
    Perché sempre di nemici della libertà si tratta
    Dov'è un'idea alternativa di Società?

    E' stata rimandata al 21 settembre la giornata mondiale per la libertà e la democrazia in Vietnam che i radicali italiani, come sempre in solitudine, hanno indetto in oltre settanta paesi, preparandosi a scandire slogan sacrosanti nelle capitali di mezzo mondo. Sono passati trent'anni da quando, al grido di "Vietnam libero", gli antenati dei moderni pacifisti con la bava alla bocca e bin Laden nel cuore denunciavano l'"aggressione americana" contro il pacifico popolo vietnamita. Sono passati trent'anni ed eccoci qua, a gridare di nuovo "Vietnam libero". Trent'anni, e laggiù nelle risaie la guerra continua.

    È la guerra che il regime marxleninista, per il quale molti di noi hanno straveduto in giovinezza, ha dichiarato contro i diritti civili, umani, religiosi e politici dei pacifici cittadini vietnamiti. Naturalmente, come sappiamo tutti, compreso chi finge di non capire, non è un'altra guerra ma la stessa guerra d'allora: da una parte la società aperta, dall'altra i suoi nemici. Nessuno, radicali a parte, scende però in piazza, come allora, per difendere il Vietnam dall'aggressione comunista e dalle "tigri di carta" dei campi di rieducazione, della polizia onnipotente, dell'economia socialista disastrata. Si stanno stringendo le fila, piuttosto, d'un nuovo fronte antimperialista, che oggi tifa per l'islamismo radicale come ieri tifava per lo stalinismo.

    Cade in questi giorni anche l'anniversario dell'attacco terroristico al Pentagono e alle Twin Towers. Anche qui c'è poco da illudersi. Non è cominciata una nuova guerra, come alleluiano i no global, ma è la stessa interminabile Guerra del Vietnam, la guerra del terrore contro il consenso, che continua a macinar catastrofi. A scatenare l'apocalisse sui pacifici abitanti di Washington e New York sono stati gli stessi nemici della società aperta che prima (sub specie staliniana) hanno fatto carne di porco dei paesi del "campo socialista" e che poi (sub specie islamista) hanno ridotto in macerie l'Afghanistan e altre povere nazioni scalognate. È a questi stessi nemici della libertà politica, del diritto e della legalità che l'intellighenzia di sinistra continua a mandar baci come all'epoca dei padri dei popoli e dei "conducator".

    C'è una sostanziale differenza, è ovvio, tra il sol dell'avvenir e la mezzaluna, se non altro nel senso che si tratta di due monoteismi tra loro incompatibili, ma è lo stesso pregiudizio antioccidentale, è la stessa allucinazione illiberale e illiberista che oggi ammassa i tifosi della lotta senza quartiere al "kapitalismo" dietro le bandiere verdi dell'Islam radicale come ieri li ammassava dietro le bandiere rosse dei segretari generali. Scommettiamo un caffè che ci ritroveremo di nuovo qui, fra trent'anni, in occasione della giornata mondiale per la libertà e la democrazia nei paesi islamisti?

    Paesi che nel frattempo l'intellighenzia di sinistra avrà completamente dimenticato e rimosso, come ha rimosso e dimenticato il Vietnam, per fare la faccia feroce all'America e all'Occidente in nome di qualche nuova causa altrettanto esotica e terrificante.

    Un tempo, nei programmi dei grandi movimenti sovversivi di massa, c'era un'idea alternativa di società: una società mai vista prima, più giusta e più saggia, che avrebbe assicurato maggiori libertà, distribuito le ricchezze e moltiplicato i diritti. Oggi i movimenti sovversivi, diventati non a caso minoritari e quasi ininfluenti, non inseguono più il miraggio futurista d'una società magari impossibile e tuttavia perfetta.

    Godono invece delle disgrazie del mondo, della miseria dei popoli governati da Rais cannibali e da commissari del popolo assassini, degli aerei vendicatori che abbattono le torri sterminando migliaia di figli di mamma, del disumanesimo che dilaga nel mondo come una rovinosa macchia di petrolio sull'oceano.

  3. #3
    Makeru ga, katta
    Data Registrazione
    07 Sep 2002
    Località
    Before you all die ghastly, horrible deaths, let me take the hour to describe my latest plan for world domination! Uhauhauha!
    Messaggi
    35,439
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: vuoti di memoria...............

    Originally posted by benny3
    Dal "Vietnam libero" all'11 settembre: la stessa storia


    di Diego
    Gabutti

    Da una parte la società aperta, dall'altra i nemici
    Contro l'Islam è la stessa guerra: il Vietnam
    Perché sempre di nemici della libertà si tratta
    Dov'è un'idea alternativa di Società?

    <snip>




    Forte 'sto Gabutti. Chi è il suo pusher?

  4. #4
    Estremista della libertà
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Stanza dei bottoni del Forum "Libertarismo"
    Messaggi
    18,289
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: vuoti di memoria...............

    Originally posted by benny3
    Dal "Vietnam libero" all'11 settembre: la stessa storia
    di Diego
    Gabutti
    Si può essere d'accordo sul parallelo tra comunismo e islam, ma certo chi declama la superiorità del cristianesimo dovrebbe sapere che per un cristiano il fine (la libertà) in nessun caso giustifica i mezzi (la guerra), a meno che non si parli di difesa.

 

 

Discussioni Simili

  1. Post vuoti
    Di Malandrina nel forum Supporto tecnico e news dall'Amministrazione
    Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 20-11-13, 14:00
  2. gazebo vuoti
    Di ostrakon nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 76
    Ultimo Messaggio: 04-12-07, 21:16
  3. I voli vuoti di BA
    Di SQpps nel forum Aviazione Civile
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 16-11-07, 14:44
  4. casini ha dei vuoti di memoria
    Di jonny nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 10-09-04, 17:21
  5. Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 19-04-04, 15:46

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226