User Tag List

Risultati da 1 a 2 di 2
  1. #1
    Roderigo
    Ospite

    Predefinito Petizione da Israele: l'occupazione è illegale

    Presentata alla Corte Suprema di Tel Aviv dai pacifisti del "Blocco della pace"
    Petizione da Israele: l'occupazione è illegale


    Ennio Polito

    Il "blocco della pace" israeliano e il movimento militare e civile che si batte contro l'occupazione dei territori palestinesi reagiscono al "giro di vite" antidemocratico sollecitato dal governo Sharon e da un gruppo di alti ufficiali di estrema destra portando a un livello più alto la loro iniziativa. Gli ufficiali e i soldati sottoposti a misure punitive per il loro rifiuto di servire nei territori si sono rivolti alla Corte suprema con una petizione che documenta l'impressionante ascesa dell'illegalità e dei veri e propri crimini di guerra negli ultimi due anni e chiede alla Corte di pronunciarsi sulla legittimità dell'occupazione. Il "blocco della pace" ha denunciato dal canto suo all'Attorney general dello Stato l'aperta intromissione del primo ministro Sharon e degli alti gradi delle forze armate nella vita della società civile, in una direzione che assolve il crimine e criminalizza la libertà di pensiero. Alla vigilia del capodanno ebraico, i pacifisti israeliani chiamano chiunque abbia a cuore la democrazia a stringersi attorno ai militari del rifiuto, detenuti nel carcere n. 6, ad Athlit, e ai palestinesi i cui nomi simboleggiano un'intollerabile sopraffazione, con la speranza e l'augurio che gli "anni maledetti" cedano il passo alla pace.
    Con il coraggio, l'intelligenza politica e le capacità inventive che li distinguono, uomini e donne dell'"altro Israele" - militanti e simpatizzanti di Gush Shalom e delle altre componenti del movimento, "donne in nero", "rabbini per i diritti umani" e altri gruppi locali - partecipano in queste ore a decine di manifestazioni, che offrono del paese un'immagine in movimento. La petizione contro l'occupazione si annuncia, a giudicare dalle anticipazioni, come un documento senza precedenti per l'importanza e la capillarità del lavoro svolto, il primo del genere sottoposto alla Corte e il primo in assoluto che metta in parallelo la degradazione degli occupanti e la sofferenza degli occupati. Israele vi è accusato di avere instaurato negli ultimi due anni un meccanismo di punizione collettiva della popolazione palestinese, abrogando in linea di fatto l'obbligo fattogli dalla legge internazionale e nazionale di prendersi cura dei civili. «Se il governo vuole continuare queste pratiche» ha dichiarato l'avvocato Michael Sfard, dello studio Feldmann, che rappresenta i firmatari, «deve provare la legalità dell'occupazione. Noi lo sfidiamo a dare questa prova».

    La documentazione comprende ventisei rapporti di quattordici organizzazioni e venti testimonianze giurate sugli episodi più significativi. Tra i firmatari sono il tenente David Zonsheine e altri sei refusenik. Zonsheine è stato condannato per il suo rifiuto a 35 giorni di carcere, ma ne ha scontato soltanto quindici. La Corte ha deciso infatti la sua scarcerazione. «Ho servito nel Libano e in Palestina», ha dichiarato l'ufficiale, «e so che i compiti affidati ai soldati sono immorali e illegali e per di più non servono gli interessi del mio paese in tema di sicurezza. Come ebreo, come israeliano e come ufficiale, rifiuto di essere coinvolto in queste attività».

    A loro volta, i leaders dei vari gruppi pacifisti e figure rappresentative del mondo accademico si sono associate alla richiesta, avanzata da Gush Shalom presso l'Attorney General, Eliyakim Rubinstein, di un'indagine sulle indebite pressioni esercitate dal capo di stato maggiore, generale Moshe Ya'aalon, contro i diritti dei cittadini. Ya'aalon ha sconfinato a più riprese dai limiti che la sua carica gli impone, in particolare quando ha accusato il movimento della pace di «sovvertire lo Stato e l'esercito». «Un ufficiale in servizio attivo non può esprimere opinioni politiche in pubblico senza grave danno per la democrazia» replica Gush Shalom. Secondo Uri Avnery, leader del movimento, è inoltre molto grave che al livello politico nessuna voce si sia levata per protestare e che anzi il primo ministro Sharon abbia riecheggiato le prese di posizione del generale. Avnery invita Rubinstein a compiere i passi necessari per far rientrare i militari nella legge.

    Liberazione 7 settembre 2002
    http://www.liberazione.it

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Roderigo
    Ospite

    Predefinito Petizione da Israele: l'occupazione è illegale

    Presentata alla Corte Suprema di Tel Aviv dai pacifisti del "Blocco della pace"
    Petizione da Israele: l'occupazione è illegale


    Ennio Polito

    Il "blocco della pace" israeliano e il movimento militare e civile che si batte contro l'occupazione dei territori palestinesi reagiscono al "giro di vite" antidemocratico sollecitato dal governo Sharon e da un gruppo di alti ufficiali di estrema destra portando a un livello più alto la loro iniziativa. Gli ufficiali e i soldati sottoposti a misure punitive per il loro rifiuto di servire nei territori si sono rivolti alla Corte suprema con una petizione che documenta l'impressionante ascesa dell'illegalità e dei veri e propri crimini di guerra negli ultimi due anni e chiede alla Corte di pronunciarsi sulla legittimità dell'occupazione. Il "blocco della pace" ha denunciato dal canto suo all'Attorney general dello Stato l'aperta intromissione del primo ministro Sharon e degli alti gradi delle forze armate nella vita della società civile, in una direzione che assolve il crimine e criminalizza la libertà di pensiero. Alla vigilia del capodanno ebraico, i pacifisti israeliani chiamano chiunque abbia a cuore la democrazia a stringersi attorno ai militari del rifiuto, detenuti nel carcere n. 6, ad Athlit, e ai palestinesi i cui nomi simboleggiano un'intollerabile sopraffazione, con la speranza e l'augurio che gli "anni maledetti" cedano il passo alla pace.
    Con il coraggio, l'intelligenza politica e le capacità inventive che li distinguono, uomini e donne dell'"altro Israele" - militanti e simpatizzanti di Gush Shalom e delle altre componenti del movimento, "donne in nero", "rabbini per i diritti umani" e altri gruppi locali - partecipano in queste ore a decine di manifestazioni, che offrono del paese un'immagine in movimento. La petizione contro l'occupazione si annuncia, a giudicare dalle anticipazioni, come un documento senza precedenti per l'importanza e la capillarità del lavoro svolto, il primo del genere sottoposto alla Corte e il primo in assoluto che metta in parallelo la degradazione degli occupanti e la sofferenza degli occupati. Israele vi è accusato di avere instaurato negli ultimi due anni un meccanismo di punizione collettiva della popolazione palestinese, abrogando in linea di fatto l'obbligo fattogli dalla legge internazionale e nazionale di prendersi cura dei civili. «Se il governo vuole continuare queste pratiche» ha dichiarato l'avvocato Michael Sfard, dello studio Feldmann, che rappresenta i firmatari, «deve provare la legalità dell'occupazione. Noi lo sfidiamo a dare questa prova».

    La documentazione comprende ventisei rapporti di quattordici organizzazioni e venti testimonianze giurate sugli episodi più significativi. Tra i firmatari sono il tenente David Zonsheine e altri sei refusenik. Zonsheine è stato condannato per il suo rifiuto a 35 giorni di carcere, ma ne ha scontato soltanto quindici. La Corte ha deciso infatti la sua scarcerazione. «Ho servito nel Libano e in Palestina», ha dichiarato l'ufficiale, «e so che i compiti affidati ai soldati sono immorali e illegali e per di più non servono gli interessi del mio paese in tema di sicurezza. Come ebreo, come israeliano e come ufficiale, rifiuto di essere coinvolto in queste attività».

    A loro volta, i leaders dei vari gruppi pacifisti e figure rappresentative del mondo accademico si sono associate alla richiesta, avanzata da Gush Shalom presso l'Attorney General, Eliyakim Rubinstein, di un'indagine sulle indebite pressioni esercitate dal capo di stato maggiore, generale Moshe Ya'aalon, contro i diritti dei cittadini. Ya'aalon ha sconfinato a più riprese dai limiti che la sua carica gli impone, in particolare quando ha accusato il movimento della pace di «sovvertire lo Stato e l'esercito». «Un ufficiale in servizio attivo non può esprimere opinioni politiche in pubblico senza grave danno per la democrazia» replica Gush Shalom. Secondo Uri Avnery, leader del movimento, è inoltre molto grave che al livello politico nessuna voce si sia levata per protestare e che anzi il primo ministro Sharon abbia riecheggiato le prese di posizione del generale. Avnery invita Rubinstein a compiere i passi necessari per far rientrare i militari nella legge.

    Liberazione 7 settembre 2002
    http://www.liberazione.it

 

 

Discussioni Simili

  1. Fini In Visita A Israele E Nei Territori
    Di Der Wehrwolf nel forum Etnonazionalismo
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 22-12-04, 00:20
  2. Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 10-09-02, 17:56
  3. Gli Israeliani contro l'occupazione dei Territori
    Di Red River nel forum Centrosinistra Italiano
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 07-09-02, 00:21
  4. breve storia di Israele nei territori
    Di Il_Siso nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 10-04-02, 21:50
  5. Israele Fuori dai Territori Occupati!
    Di pietro nel forum Sardegna - Sardìnnia
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 09-03-02, 13:19

Chi Ha Letto Questa Discussione negli Ultimi 365 Giorni: 0

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226