User Tag List

Risultati da 1 a 2 di 2
  1. #1
    *****istrator
    Data Registrazione
    29 Mar 2009
    Messaggi
    863
    Mentioned
    15 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Radicali nel Pdl: antica frequentazione. Il mistero è la diffidenza del Pd


    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    ********** ***** Radicali
    Data Registrazione
    04 Apr 2009
    Località
    http://www.radicali.it/
    Messaggi
    5,427
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Radicali nel Pdl: antica frequentazione. Il mistero è la diffidenza del Pd

    INSERITO IN | Partiti e Stato
    Radicali nel Pdl: antica frequentazione. Il mistero è la diffidenza del Pd
    Inserito il 09 settembre 2009

    - Il radicalismo è oggi, a tutti gli effetti, una componente del Popolo della Libertà, partito a vocazione maggioritaria, ben espressa nelle ultime tornate elettorali in cui il PdL si è rivelato la forza di maggioranza relativa.
    Mi riferisco al radicalismo che affonda le sue radici nel partito “storico” di Cavallotti e che è poi “rinato” nella metà degli anni Cinquanta con il gruppo de Il Mondo.
    I Riformatori Liberali prima e Libertiamo poi sono radicali a pieno titolo, basti scorrere i curricula politici dei fondatori, che esprimono sicuramente posizioni politiche spesso diverse, a volte molto distanti dal resto del PdL. Eppure, come ha ricordato lo stesso Silvio Berlusconi, qualche mese fa, durante l’assemblea fondativa di Libertiamo, il Popolo della Libertà è ben felice, esprimendo per l’appunto compiutamente la sua vocazione maggioritaria, di poter annoverare al suo interno i radicali liberali di Libertiamo. Del resto, le prese di posizione più “scomode” di Benedetto Della Vedova (non ultime, quella piuttosto recenti su Eluana Englaro e sul testamento biologico) hanno trovato ampia eco all’interno del PdL stesso (viene da pensare in primis a Gianfranco Fini).Le idee liberali, liberiste, libertarie sono (e, temo, resteranno) largamente minoritarie in Italia, come del resto sono sempre state. Negli anni Settanta, in cui i radicali ottennero veri e propri trionfi su temi laceranti per la società italiana di allora quali il divorzio e l’aborto, il Partito Radicale superava a stento l’uno per cento dei consensi nelle elezioni politiche. Questo dimostra che il liberalismo radicale sa essere, su alcune questioni dirimenti, un vero e proprio motore di progresso e modernità, proprio per la forza innovativa e rivoluzionaria delle sue proposte, al di là dei successi elettorali, dell’occupazione delle poltrone e del radicamento territoriale.
    E’ per questo che il PdL odierno ha maledettamente bisogno di Libertiamo, che porta con sé la parte più alta e nobile della destra moderna, quella di Friedman, di Hayek, di von Mises, ed esprime con Benedetto Della Vedova (ed Antonio Martino) una rappresentanza parlamentare davvero liberista.
    Lo stesso elettorato radicale, posizionato da sempre su una linea di confine fra destra e sinistra, era ben più numeroso nel ’94 e nel’96 (quando i radicali concorrevano alle elezioni da alleati dell’allora Casa delle Libertà) arrivando a superare agevolmente il 3%, mentre il dazio maggiore in termini elettorali fu pagato con la svolta socialista della Rosa nel Pugno (che raccolse grossomodo, in termini percentuali gli stessi consensi ottenuti dalla Lista Bonino alle scorse europee).
    Questo Berlusconi, Fini e l’intero Pdl lo sanno benissimo e hanno saputo far tesoro della cultura riformatrice e liberale di quella parte del mondo radicale più lontana dal liberalsocialismo, prossima alla politica liberista, già compiutamente abbracciata dal Partito Radicale negli anni Novanta (quando si parlò di “svolta liberista” dei radicali).
    Oltre al PdL esiste in Italia un altro grande partito a vocazione (in questo caso sedicente) maggioritaria: il Partito Democratico, che però diffida enormemente dei radicali.
    Si tratta di una difficoltà di rapporti che si manifestò fin dalla nascita del Pd, quando Marco Pannella, per fare onore alla sua storia (aveva auspicato per anni la nascita in Italia di un Partito Democratico sul modello statunitense) chiese coerentemente di candidarsi alla segreteria. Richiesta che venne puntualmente respinta dalla classe dirigente piddina, al pari di quella di Antonio Di Pietro e, qualche anno dopo, di Beppe Grillo.
    Resta un mistero capire come possa un partito che vorrebbe essere maggioranza chiudere le porte a tutti quelli che bussano alla sua porta, i quali sembrano essere rei di un solo misfatto: non poter esibire un passato ex-comunista o ex-democristiano.
    Curiosamente, il peccato originale del liberalismo viene perdonato in ambito giovanile, con la candidatura (per quanto ostacolata, sudata, contestata e sofferta) della radicale Giulia Innocenzi; ma poi esso pare tornare preponderante nel corso delle ultime elezioni europee, quando il Pd ha preferito pagare un ulteriore prezzo in termini di calo di consensi, piuttosto che tenere fede alle promesse di un anno prima (con Bettini che parlò di trecentomila preferenze per confermare Pannella in Europa), arrivando a parlare di “divorzi consensuali” mai avvenuti.
    Il progetto veltroniano di un grande e moderno partito di sinistra non era affatto da buttar via, ma, a mio modo di vedere, non è stato concretizzato proprio per la sospettosa e preconcetta chiusura alle varie anime della sinistra, e in primo luogo a quella liberale dei radicali. Una sinistra che non saprà essere anche, compiutamente, liberale sarà destinata a esprimere la sua reale vocazione: quella di essere una minoranza, incapace di far proprie le istanze, per rimanere in un ambito italiano, almeno di Carlo Rosselli e di Guido Calogero.

    Radicali nel Pdl: antica frequentazione. Il mistero è la diffidenza del Pd|Libertiamo.it

    Non posso che straquotare. Fin troppo buono nei confronti del Pd.

 

 

Discussioni Simili

  1. Risposte: 17
    Ultimo Messaggio: 20-09-09, 13:13
  2. Italia Piu' 'straniera', Cresce Diffidenza
    Di Ajeje Brazorf nel forum Destra Radicale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 29-04-08, 16:39
  3. Perchè verso i napoletani c'è sempre diffidenza?
    Di ME-NONE'SICILIA nel forum Il Termometro Politico
    Risposte: 653
    Ultimo Messaggio: 15-05-07, 19:22
  4. La profezia di una antica maestra antica di scuola elementare
    Di giovannipresbit nel forum Cattolici
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 15-09-06, 10:39
  5. La frequentazione nel forum Ulivo
    Di Red River nel forum Centrosinistra Italiano
    Risposte: 27
    Ultimo Messaggio: 24-08-02, 09:24

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226