User Tag List

Risultati da 1 a 4 di 4
  1. #1
    Simply...cat!
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Brescia,Lombardia,Padania
    Messaggi
    17,080
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Talking Quegli ignoranti della Lega

    Un passo avanti per verificare i principi-cardine della fisica, come la teoria sulla relatività di Einstein. Il capo del team: così spiegheremo la vera natura del cosmo
    Prodotta l’antimateria, svelerà l’origine dell’Universo
    Il Cern di Ginevra vara una fabbrica di atomi freddi. Quaranta scienziati firmano l’esperimento, 14 sono italiani


    Due nuvole di particelle atomiche si scontrano scatenando una fitta pioggia di migliaia di atomi di antimateria ogni ora. Il risultato, a lungo inseguito nei laboratori di tutto il mondo e che permetterà di decifrare meglio l’origine dell’universo, è stato ottenuto al Cern di Ginevra aprendo una porta fondamentale nella conoscenza della natura e uno squarcio nel mitico, fantascientifico antimondo. Vi hanno lavorato una quarantina di scienziati di varie nazioni: dal Brasile all’Inghiltera, dal Giappone alla Danimarca. E quattordici di loro, riuniti nel gruppo Athena, sono italiani, dell’Istituto nazionale di fisica nucleare (Infn) e delle università di Pavia e Brescia. Oggi sul sito on line della rivista britannica Nature gli studiosi raccontano il loro exploit nel mondo della fisica. «In passato si era riusciti a fabbricare al massimo una decina di atomi di anti-idrogeno - spiega Gemma Testera della sezione genovese dell’Istituto e a capo del gruppo italiano protagonista nell’esperimento - ma erano pochi, caldissimi e troppo veloci e quindi inutilizzabili per ulteriori studi. Così, seguendo una strada diversa, siamo riusciti a generarne invece tantissimi e freddi, cioè in condizioni adeguate per proseguire nelle indagini».
    Forse è utile ricordare che l’antimateria, intuita dal fisico inglese Paul Dirac intorno agli anni Trenta, è uguale alla materia di cui anche noi siamo fatti, ma ha una carica elettrica contraria. Un elettrone, ad esempio, invece di essere negativo è positivo. Inoltre, se materia e antimateria vengono a contatto si distruggono reciprocamente generando energia.
    Gli atomi di antiidrogeno sono stati fabbricati creando prima due nuvole, una di antiprotoni e l’altra di positroni (cioè elettroni positivi) che poi fuse insieme hanno generato i nuovi atomi di antimateria. Gli scienziati italiani hanno in particolare lavorato sugli antiprotoni e sui rilevatori degli atomi studiati dal professor Alberto Rotondi e Evandro Lodi Rizzini rispettivamente delle università di Pavia e Brescia.
    Ma quali prospettive apre il risultato ottenuto a Ginevra? «Si potranno affrontare tre questioni fondamentali per decifrare la natura e l’origine dell’Universo» dice Gemma Testera.
    Sarà cioè possibile scoprire se la gravità agisce nello stesso modo anche sull’antimateria come prescrive la teoria della relatività di Einstein. Inoltre si capirà se gli antiatomi sono specularmente uguali a quelli normali; un aspetto che ha implicazioni dirette sulla cosmologia, vale a dire sull’origine del cosmo. Se infatti risulterà un’uguaglianza, sarà confermata l’idea che al momento del big bang, lo scoppio iniziale da cui tutto ebbe origine, materia e antimateria erano presenti in quantità equivalenti. E ciò potrebbe significare che esistono altri universi di antimateria in dimensioni parallele al nostro. «Queste - conclude Testera - saranno le ricerche che ci impegneranno nell’immediato futuro».

    Giovanni Caprara


    Il prof.Evandro Lodi Rizzini e' stato candidato sindaco di Cremona per la Lega Nord tempo fa,oltre ad essere stato il mio prof. di Fisica II all'università di Brescia.
    Che ignoranti questi leghisti!
    Volete mettere un Fo con questa scoperta?E' chiaro che Fo e' un genio e il prof.Lodi Rizzini e' solo un rozzo leghista
    Comunque....vediamo altri aspetti interessanti...



    Un robot italiano alla scoperta dei ghiacci
    Romeo, il robot sottomarino del Cnr, partirà per l'Artide dove studierà i fondali marini. Nei suoi movimenti sarà guidato via Internet, dove finiranno anche le immagini che scatterà fra i ghiacci


    Roma – Questa volta Romeo, il robot sottomarino italiano del Cnr, parte per l'Artico dove andrà a scrutare e studiare i gelidi fondali polari. Dopo i positivi risultati raggiunti in Antartide, questo nuovo viaggio di Romeo dà il via alla seconda fase del Progetto E-Robot2, promosso dal Consiglio Nazionale delle Ricerche-RobotLab di Genova. In Artico il robot opererà sotto la direzione di Gianmarco Veruggio, dalla stazione italiana del Cnr ''Dirigibile Italia'' di Ny-Elesund, nelle isole Svalbard, a una latitudine di 78 gradi e 56 primi Nord e 11 gradi e 56 primi Est.

    Romeo è un avanzatissimo prototipo di robot sottomarino in grado di trasportare strumenti scientifici, sensori e attuatori come bracci meccanici, controllabili attraverso un'interfaccia web e sviluppata proprio dal RobotLab. Il robot s'immergerà nei fondali del Kongsfjord, dalla nave appoggio ''Farm'', cui sarà collegato da un cordone ombelicale che lo alimenterà e consentirà di veicolare dati, immagini, telemetria e comandi. “A bordo dell'imbarcazione –spiega il Cnr – l’Unità operativa del RobotLab curerà le operazioni in loco, mentre lo staff del servizio Reti e Telecomunicazioni del Cnr garantirà l'efficienza dei collegamenti con il 'centro di controllo' del RobotLab a Genova”.

    L'infrastruttura di comunicazione è “un vero e proprio gioiello della tecnologia”, che permetterà di rendere disponibile su Internet l'interfaccia per il controllo del robot e di far vedere, in videoconferenza in diretta, le immagini dei fondali artici. In particolare, verrà predisposto un collegamento peer-to-peer con accesso alla rete della ricerca italiana GARR, collegata a sua volta a quella europea, attraverso un link a larga banda con GEANT, per garantire un'elevata affidabilità del collegamento con i laboratori partecipanti.

    ”Il collegamento e il pilotaggio – riferisce il Cnr – saranno possibili impiegando un normale pc, semplicemente collegandosi al sito www.e-robot.it”. Il robot italiano Romeo, che rappresenta un esempio affascinante di E-Robotics, apre nuove frontiere alla telerobotica “avvicinandola sempre più alla vita di tutti i giorni”, come tiene a sottolineare l'Ente di ricerca. Ma non solo. Romeo “diventerà lo strumento di lavoro per diversi laboratori di ricerca europei in campo marino, distanti migliaia di chilometri dal luogo delle operazioni”, secondo il principio del 'laboratorio virtuale'.

    (19 SETTEMBRE 2002, ORE 120)


    Italiani qui,italiani là...ca**o!Ma io vedo solo padani!
    E' una vergogna come questi italos si approprino e si prendano i meriti per cose da loro NON fatte.
    Vergogna ladri!

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    El Venexian
    Ospite

    Predefinito

    concordo in toto ... quanti terroni avete mai sentito vantarsi
    dell'industria itagliana , della moda itagliana , della ferrari ,
    di baggio e del piero etc etc , sapendo bene in mala fede
    che sono tutti prodotti del NORD .... !

    ai terroni concedo ormai solo la buona cucina , ma con i
    dovuti distinguo.

  3. #3
    fui lsu
    Data Registrazione
    02 Sep 2011
    Messaggi
    1,546
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Originally posted by El Venexian
    concordo in toto ... quanti terroni avete mai sentito vantarsi
    dell'industria itagliana , della moda itagliana , della ferrari ,
    di baggio e del piero etc etc , sapendo bene in mala fede
    che sono tutti prodotti del NORD .... !

    ai terroni concedo ormai solo la buona cucina , ma con i
    dovuti distinguo.
    Vantarsi di baggio e del piero???
    Mai sei proprio alla frutta. Anzi, al conto.

  4. #4
    email non funzionante
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    9,909
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    [QUOTE]Originally posted by El Venexian
    [B]concordo in toto ... quanti terroni avete mai sentito vantarsi
    dell'industria itagliana , della moda itagliana , della ferrari ,
    di baggio e del piero etc etc , sapendo bene in mala fede
    che sono tutti prodotti del NORD .... !

    ai terroni concedo ormai solo la buona cucina , ma con i
    dovuti distinguo

    *I terroni sono pronti ad appropriarsi delle nostre conquiste e del nostro lavoro, ma sono i peggiori razzisti (contro di noi) che Dio ha messo al mondo.

    Lavoro come "unico Nordico" in una Ditta siciliana in una posizione di alta responsabilità e mi rendo conto ogno giorno di più che chi non appartiene alla loro MAFIA è discriminato. Solo loro possono accedere a questioni sensibili, come le sovvenzioni per la "ricerca". Cosa ne esce, da questa "ricerca" sovvenzionata...lo capiscono solo loro. Se fosse per loro, staremmo ancora litigando in Tribunale sulla paternità dell' invenzione della ruota.

    La cucina Veneta è comunque superiore a qualsiasi cucina terrona, che prevede solo pesce arrosto, galleggiante in litri d' acqua, della consistenza di gomma americana ed intrisa di altrettanti litri di olio. Loro la costata di maiale la fanno sì alla brace, ma poi la annegano nell' olio, da fare schifo al cazzo!

 

 

Discussioni Simili

  1. Risposte: 31
    Ultimo Messaggio: 11-07-12, 17:23
  2. Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 29-12-09, 09:51
  3. Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 16-10-09, 11:43
  4. Scuola Pisacane, vincono gli impostori della storia e gli ignoranti
    Di Gonzalo nel forum Regno delle Due Sicilie
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 21-05-09, 13:50
  5. Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 08-12-06, 14:25

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226