User Tag List

Risultati da 1 a 5 di 5
  1. #1
    Simply...cat!
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Brescia,Lombardia,Padania
    Messaggi
    17,080
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Exclamation + Pagliarini e meno Bricolo please

    Dov'e' finito Pagliarini?E' un po' che non lo sento.
    Eppure era apprezzato da molti sia all'interno che all'esterno della Lega per i modi pacati,ma decisi e per la chiarezza con cui esponeva bene i fatti.
    Trovo disarmente che ormai tal Bricolo stia diventando il totem della Lega.
    Rivoglio Pagliarini alla ribalta!
    E Bricolo torni pure in seminario...

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    email non funzionante
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Per non lottare ci saranno sempre moltissimi pretesti in ogni circostanza, ma mai in ogni circostanza e in ogni epoca si potrà avere la libertà senza la lotta!
    Messaggi
    12,320
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: + Pagliarini e meno Bricolo please

    Originally posted by Dragonball
    Dov'e' finito Pagliarini?E' un po' che non lo sento.
    Eppure era apprezzato da molti sia all'interno che all'esterno della Lega per i modi pacati,ma decisi e per la chiarezza con cui esponeva bene i fatti.
    Trovo disarmente che ormai tal Bricolo stia diventando il totem della Lega.
    Rivoglio Pagliarini alla ribalta!
    E Bricolo torni pure in seminario...
    Di questo passo sarà bricolo il nuovo segretario federale, sembra che ci sia solo lui...

  3. #3
    Veneta sempre itagliana mai
    Data Registrazione
    06 Mar 2002
    Località
    '' E' in gran parte merito di Luca Cordero di Montezemolo se la Juventus non si rivolse ai tribunali ordinari '' (Joseph S. Blatter - Presidente F.I.F.A. - Dicembre 2007)
    Messaggi
    63,122
    Mentioned
    8 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Re: + Pagliarini e meno Bricolo please

    Originally posted by Dragonball
    Dov'e' finito Pagliarini?E' un po' che non lo sento.
    Eppure era apprezzato da molti sia all'interno che all'esterno della Lega per i modi pacati,ma decisi e per la chiarezza con cui esponeva bene i fatti.
    Trovo disarmente che ormai tal Bricolo stia diventando il totem della Lega.
    Rivoglio Pagliarini alla ribalta!
    E Bricolo torni pure in seminario...

    Se guardavi telepadania, ieri sera, c'era.......ogni settimana parla d'economia.....sveglia......


    ----pensiero----

  4. #4
    Veneta sempre itagliana mai
    Data Registrazione
    06 Mar 2002
    Località
    '' E' in gran parte merito di Luca Cordero di Montezemolo se la Juventus non si rivolse ai tribunali ordinari '' (Joseph S. Blatter - Presidente F.I.F.A. - Dicembre 2007)
    Messaggi
    63,122
    Mentioned
    8 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Re: Re: + Pagliarini e meno Bricolo please

    Originally posted by Nanths


    Di questo passo sarà bricolo il nuovo segretario federale, sembra che ci sia solo lui...


    Magari !!!!!!Chissà che con un Veneto le cose non vadano meglio ahahahaha

  5. #5
    Simply...cat!
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Brescia,Lombardia,Padania
    Messaggi
    17,080
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    L'Italia ci costa come 7 Coree

    Giancarlo Pagliarini da la Padania 30/12/97

    Le ultime notizie del 1997 dal fronte dell'economia sono state due: 1) l'approvazione di una legge finanziaria che aumenta ancora la pressione fiscale. Pressione fiscale che calcolando gli effetti della rivalutazione del Pil per considerare il nero e l'economia sommersa, era già la più alta del mondo. Figuratevi adesso; e 2) la diminuzione del tasso ufficiale di sconto.

    Dal 6.25 per cento il tasso di sconto e sceso al 5,5 per cento. Avrete notato tutti che le televisioni del regime di Roma hanno dato quasi più importanza a questa notizia che alla ricorrenza del Natale. Sono andate avanti a rimenarla per tutte le feste, come se Roma avesse vinto la terza guerra mondiale. Naturalmente le televisioni del regime si sono "dimenticate" di ricordare che malgrado la riduzione di Natale questa Italia e ancora tra i Paesi dove il denaro e più caro al mondo. Tanto per fare degli esempi, il tasso ufficiale di sconto del Portogallo e del 5,30 per cento, quello della Francia del 3,30 e quello della Germania del 2,50. Per non parlare di Giappone (0,50) e Svizzera (1 per cento).

    Ma anche in Belgio, Spagna, Usa, Canada e in tanti altri Paesi il tasso di sconto e significativamente più basso. Ma di questo non ha parlato nessuno. II regime continua ad imporre le sue "verità virtuali", i giornali le enfatizzano, e qualcuno ci crede.

    I cittadini non venivano imbrogliati in questo modo nemmeno dalla propaganda del regime fascista.

    A proposito di questa legge finanziaria, ricordo che un giorno, poco prima della sua approvazione, è arrivato in aula a Montecitorio il ministro dei Trasporti Burlando. Quasi tra le lacrime questo incredibile signore ha annunciato che le ferrovie dello Stato sono allo sbando, e che perdono quasi 5.000 miliardi all'anno.

    Mah, sarà: io ricordo che le ferrovie italiane contabilizzavano tra i ricavi i contributi del ministero del Tesoro. Si trattava di quattrini che lo Stato dava alle ferrovie. Formalmente li dava per i motivi più fantasiosi: per coprire i1 costo degli ammortamenti delle immobilizzazioni tecniche, per mancati adeguamenti delle tariffe, per sovvenzioni ai prepensionamenti, per contributi sugli oneri finanziari, eccetera eccetera. Ma comunque si chiamino, quelli erano soldi che lo Stato italiano, e quindi i contribuenti, davano alle ferrovie per coprire perdite di gestione, e che naturalmente non potevano essere considerati dei ricavi. Cosa che invece veniva fatta regolarmente.

    In questo modo si diminuivano in modo fittizio tre cose: I) le perdite reali, 2) la percezione della gravita del problema 3) la percezione del costo sociale di questo baraccone romano. In questo momento non ho sottomano i dati più recenti, ma so per certo che nel 1989 le ferrovie avevano perso prima di contabilizzare tra i ricavi gli aiuti dello Stato 12.923 miliardi. Questa cifra era salita a 14.555 miliardi nel 1990 e a 15.571 miliardi nel 1991.

    Per darvi una idea di cosa significhino questi numeri, pensate che e di ieri la notizia che per salvare la Corea del Sud, precipitata in una gravissima crisi finanziaria, tre enti molto importanti, vale a dire a) il Fondo monetario internazionale, b) la Banca mondiale e c) il G7* hanno stanziato una cifra enorme: 17mila miliardi. Sul Sole-24 Ore si legge che <<lo sforzo internazionale per tenere a galla la Corea del Sud è quindi immane>>. Questo è vero. Ma e vero anche che questo immane sforzo internazionale costa come 2-3 anni di perdite delle ferrovie dello Stato italiano.

    Pensate agli investimenti per la cultura. per le strade. le scuole. e in generale per la qualità della vita che potremmo fare se non dovessimo finanziare questo ed altri assurdi baracconi romani. E sempre per fare qualche altro paragone, ricordate gli 80.000 miliardi per il terremoto in Irpinia: quasi cinque Coree. E i 120.000 della legge 64 per gli aiuti al Mezzogiorno: 7 Coree. E questi sono solo due piccoli esempi. Insomma, se 17mila miliardi rappresentano uno "sforzo internazionale immane" per la Corea del Sud. Fatevi spiegare perché la Padania, da sola, deve sostenere ogni anno sforzi immani superiori a dieci Coree per finanziare gli sprechi di Roma e i consumi del Mezzogiorno.

    E adesso che storie ci vengono a raccontare questi signori dell'Ulivo? Che le ferrovie di questo Stato italiano sono allo sbando? Ma e una cosa che la Lega Nord sta dicendo da anni, in tutte le sedi. E lo dimostriamo pubblicando i bilanci riclassificati delle ferrovie, e discutendo di numeri. mica di filosofia o dei massimi sistemi. Ed e da anni che raccomandiamo, in coerenza con la direttiva Cee 440 del 1991, di separare la gestione dell'infrastruttura (i binari) dall'esercizio dei servizi di trasporto. Gli investimenti e la manutenzione dei binari sono compiti che possono restare allo Stato, ma l'esercizio dei servizi di trasporto deve essere svolto da privati, in concorrenza tra di loro, sulla base di concessioni chiare, ragionevoli e controllate. Insomma. e da anni che la Lega dimostra che la situazione e drammatica e propone di risolverla privatizzando le ferrovie. E adesso arriva il Burlando dell'Ulivo in Parlamento a dire che c'è qualcosa che non funziona. E nella Finanziaria si stanziano quattrini per mandare in pensione anticipata 15mila ferrovieri alla faccia degli allevatori truffati dalla gestione delle quote latte decisa a Roma dal potere romano. In Italia

    non c'è niente da fare, le ferrovie fanno parte della gestione del potere, sono "cosa'' degli sfruttatori di turno: Dc. Psi e adesso sotto a chi tocca. E noi paghiamo, teniamo accese le luci di Roma e paghiamo stipendi e pensioni ai SUOI burocrati e meniamo una vita sempre più grama.

    E' morto Strehler. Come regista era molto bravo: i suoi spettacoli li ho visti tutti e ho sempre applaudito con entusiasmo.

    Mi dicono che a presentare conti e preventivi era molto meno bravo, ma questo e un altro discorso. Che non spetta a me fare. Il punto e che io sono convinto che di talenti come quello del grande Strehler, o di altri grandi artisti europei che adesso non ci sono più come Jacques Brel, ce ne sono in giro tanti nelle Nazioni della Padania. Ma cosa fa un giovane che ha il potenziale del grande poeta, del grande pittore, del grande attore, del grande regista. se da quando ha 15 anni e li che deve tirare la lima, o fare il pane alle 4 del mattino, o aggiustare le auto, o fare mille altri lavori di giorno e studiare di notte.

    In Padania non abbiamo risorse finanziarie da investire per consentire ai nostri ragazzi, ai nostri poeti, di studiare, viaggiare, aprire il loro potenziale, esprimersi e creare. I nostri soldi vanno tutti a Roma e sono gestiti da chi ha il potere a Roma: i Veltroni per la cultura? I Pinto per l'agricoltura, e via dicendo. E così i grandi artisti a volte sono grandi davvero, mentre a volte sono solo piccoli tirapiedi. Ma grandi e piccoli secondo me una cosa in comune ce l'hanno: o sei di un partito, o non sei un artista. Non hai amici in alto? E allora sta zitto, che non sai scrivere. non sai cantare? non sai recitare, non sai comporre, non sei un regista. Non capisci niente. E la poesia non sai nemmeno cosa sia. In Italia mi sembra che oggi le cose funzionino in questo modo. Questo Paese non e il mio Paese. Questo non può essere il nostro Paese. Lavoriamo come bestie, come e più dei giapponesi, ma i frutti del nostro lavoro finiscono tutti a Roma. Buon Dio se ci sei fa che il 1997 sia l'ultimo di questo insopportabile sfruttamento.

    E Prodi che dichiara, come ha fatto la settimana scorsa, che <<al Carroccio. esclusa la secessione, resta ben poco>>. Ma cosa dice, cosa e questo "ben poco"?

    Tolta la libertà, agli uomini non resta proprio niente.

    Questo 1997 che sta per finire in futuro sarà certamente ricordato nei libri di storia come "l'anno dei gazebo". Questo ormai e un fatto: comunque andrà a finire, i bianchi gazebo che i popoli della Padania hanno messo nelle piazze delle grandi città e dei più piccoli Paesi per testimoniare il loro desiderio di libertà sono ormai scolpiti nelle nostre coscienze e nella storia dell'Europa dei popoli.

    Quei gazebo sono stati una lezione di democrazia. di comune sentire e d'amore. E hanno scritto pagine di storia che nessuno potrà mai cancellare: quella del 25 maggio! quando cinque milioni di cittadini hanno dichiarato di essere favorevoli alla indipendenza della Padania. E quella del 26 ottobre che ha identificato. eleggendoli uno per uno, i duecento membri del Parlamento della Padania. E l'anno venturo i gazebo parleranno ancora. Con il sorriso, senza tensioni e senza odiare nessuno. questo Paese lo cambieremo. Ma facciamo presto. Perché siamo in molti a non farcela proprio piu. Auguri di buon anno a tutti i lettori della Padania.

    Giancarlo Pagliarini

 

 

Discussioni Simili

  1. meno tasse significa meno servizi o meno sprechi?
    Di dedelind nel forum Il Termometro Politico
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 27-04-11, 17:29
  2. Meno Stato per ripartire - di Giancarlo Pagliarini
    Di Stonewall nel forum Liberalismo e Libertarismo
    Risposte: 10
    Ultimo Messaggio: 02-06-05, 22:48
  3. Meno Stato per ripartire - di Giancarlo Pagliarini
    Di Stonewall nel forum Padania!
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 31-05-05, 16:10
  4. Grande Pagliarini: Meno Stato, meno tasse
    Di Stonewall nel forum Padania!
    Risposte: 15
    Ultimo Messaggio: 01-09-04, 11:09
  5. Immigrati: Bricolo
    Di Der Wehrwolf nel forum Etnonazionalismo
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 31-01-03, 19:20

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226