User Tag List

Pagina 1 di 23 1211 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 221
Like Tree6Likes

Discussione: Giovanni Spadolini (Firenze, 1925 - Roma, 1994)

  1. #1
    moderatore di bachelite
    Data Registrazione
    12 Aug 2002
    Località
    Germania
    Messaggi
    44,150
    Mentioned
    82 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Giovanni Spadolini (Firenze, 1925 - Roma, 1994)

    [mid]http://www.lumiarte.com/luardeoutono/musitalia/deandre-via_del_%20campo.mid[/mid]



    Giovanni Spadolini nasce a Firenze il 21 giugno 1925 in una famiglia borghese, il padre è un apprezzato pittore macchiaiolo amico di Soffici. Nella biblioteca di famiglia a soli dodici anni il giovane Giovanni vede sbocciare il suo più grande amore della sua vita, quello per il libri e per la cultura. Non si può, infatti, concepire la biografia politica di Giovanni Spadolini separatamente dall’azione intellettuale e dalla formazione di un innovativo pensiero personale atto ad inserirsi ed a rilanciare l’ideologia (da lui ritenuta e definita “un fiume carsico che riemerge in determinati momenti della Storia d’Italia”) laica, liberaldemocratica e radicale del nostro Risorgimento.

    È in quest’ottica che fioriscono tutte le sue principali pubblicazioni storiche, a partire dal quel primo “Il Papato socialista” degli anni ’50 fino a giungere al recente “Gobetti: un’idea dell’Italia” dei primi anni ’90, passando attraverso la monumentale biografia “Gli uomini che fecero l’Italia”. !

    Fu proprio Gobetti, apostolo della Rivoluzione liberale e martire del Fascismo, a diventare suo punto di riferimento in quella difficile opera di mediazione e di tentata convivenza tra laici, cattolici e marxisti che ha caratterizzato la sua vita politica diventando un programma politico mai scritto, ma sempre attuato. Uomo di veloci e rapidi successi a soli 25 anni è professore (senza mai essere stato assistente) di Storia Contemporanea all’Università degli studi di Firenze, incarico che manterrà fino al 1970, anche durante il periodo in cui sarà direttore (senza essere mai stato redattore) del quotidiano bolognese Il Resto del Carlino (1955-68) e de Il Corriere della Sera (1968-72).

    Nel 1972 inizia la seconda parte della vita di Giovanni Spadolini, quella più propriamente politica: viene eletto, nella circoscrizione di Milano, al Senato della Repubblica nelle liste del Partito Repubblicano Italiano (Pri) di Ugo La Malfa, suo grande amico ed acuto uomo politico che voleva far assumere al piccolo partito mazziniano un ruolo chiave, nella difficile situazione politica ed economica del momento, facendone il ponte per il dialogo tra i maggiori partiti di massa, i particolar modo tra la Democrazia Cristiana (Dc) ed il partito Comunista (Pci).

    Anche nella nuova veste di uomo politico Giovanni Spadolini non abbandona la sua naturale vocazione a bruciare le tappe: nel luglio del 1972 (due soli mesi dopo l’elezione alla carica di Senatore della Repubblica) è eletto Presidente della Commissione Pubblica Istruzione del Senato, nel 1974 diventa il primo Ministro dei Beni Culturali e Ambientali della Storia d’Italia (dicastero istituito per sua volontà attraverso un decreto legge) nel IV Governo presieduto da Aldo Moro (Dc) e nel 1979 è il primo Ministro della Pubblica Istruzione non democristiano nel V Governo Presieduto da Giulio Andreotti (Dc).

    Insieme all’impegno politico prosegue quello intellettuale e culturale: nel 1976 è Presidente del consiglio di amministrazione dell’Università degli Studi di Milano Bocconi e nel 1980 crea la “Fondazione nuova antologia”. Nel 1979 muove il leader repubblicano Ugo La Malfa e Spadolini, che si era iscritto al partito dell’Edera solo sette anni prima, ne diviene segretario dichiarandosi fautore del proseguimento lungo la linea “Moro-La Malfa”, ossia la linea della Solidarietà Nazionale e dell’incontro di tutte le forze democratiche con il Partito Comunista di Enrico Berlinguer.

    È proprio in qualità di segretario del PRI che il Senatore Giovanni Spadolini otterrà il suo massimo risultato politico: nel 1981, dopo la scandalo della P2 che aveva travolto il reticente Governo presieduto da Arnaldo Forlani (Dc), il Presidente della Repubblica Sandro Pertini (Psi) gli affida l’incarico di formare il nuovo governo: il primo guidato da un non democristiano nella storia dell’Italia repubblicana.

    Dal 10 giugno 1981 al 30 novembre 1981 Spadolini guiderà due successivi governi di pentapartito (Dc, Psi, Psdi, Pri e Pli) che, nonostante le reticenze del partito di maggioranza relativa e le divisioni tra democristiani e socialisti (non può non tornare alla memoria lo scontro tra le “comari” Nino Andreatta, Ministro del Tesoro democristiano in carica, e Rino Formica, Ministro delle Finanze socialista in carica nel medesimo esecutivo) riesce a dare un’idea di novità nella vita politica del Paese (quella che Indro Montanelli definirà “Odore di pulizia”) soprattutto con l’onestà e la forza con cui Spadolini affronterà e risolverà il problema della P2 e delle sue infiltrazioni negli apparati dello Stato, servizi segreti e di sicurezza in primis.

    Ma il clima politico, nonostante il buon risultato del Pri ottenuto nelle elezioni del 1983, in cui i repubblicani, grazie al cosiddetto effetto Spadolini, riusciranno a capitalizzare gli ottimi risultati d’immagine e d’azione derivati dai mesi di presenza del loro segretario a Palazzo Chigi ed a superare per la prima volta nella loro storia la soglia del 5 % (5,1 % alla Camera e 4,7 % al Senato) e diventando il terzo partito cittadino (alle spalle di Dc e Pci e superando il Psi) in grandi città del nord come Milano e Torino.

    Gli anni ’80 sono caratterizzati dalla diarchia democristiano-craxiana e dal CAF (l’asse Craxi-Andreotti-Forlani) e ogni iniziativa avanzata e sostenuta dal Pri viene cassata. Spadolini sarà Ministro della Difesa nei due Governi Presieduti da Bettino Craxi (4 agosto 1983 – 18 aprile 1987) e poi, nella X legislatura (1987-92) sarà eletto a grandissima maggioranza, coi voti contrari delle sole destre, Presidente del Senato della Repubblica, carica in cui verrà riconfermato nella XI legislatura repubblicana (1992-94) e sarà nominato a Senatore a vita dal Presidente della Repubblica Francesco Cossiga nel maggio del 1991, la più travagliata in cui si assisterà al dissolvimento dei tradizionali assetti politici e partitici sotto l’onda degli scandali delle inchieste per corruzione e per intrecci tra la politica e la criminalità organizzata.

    Spadolini, uomo irreprensibile e di alta e cristallina statura morale, non sarà nemmeno sfiorato dal sospetto di essere minimamente collegato a nessuna tipologia di reati e saprà svolgere un ruolo di guida in questa difficile fase della storia italiana da perfetto uomo delle istituzioni, insieme ad altri statisti del calibro di Oscar Luigi Scalfaro (Dc, Presidente della Repubblica nel 1992-99), Giorgio Napolitano (Pds ex Pci, Presidente della Camera 1992-94), Giuliano Amato (Psi, Presidente del Consiglio dei Ministri 1992-93) e Carlo Azeglio Ciampi (già Governatore della Banca d’Italia e poi successore di Amato a Palazzo Chigi dal 1993 al 1994) seppe evitare un’involuzione autoritaria e antidemocratica della crisi italiana.

    Già sul finire degli anni ’80 dalla privilegiata postazione della presidenza di Palazzo Madama aveva potuto assistere alla crisi del pentapartito e aveva invitato a porre rimedio a ciò attraverso le riforme istituzionali da farsi con un ampio consenso tra democristiani, comunisti e socialisti. Sfuggitogli il Quirinale (sarà eletto il democristiano Scalfaro) nel 1992 per l’offensiva del morente duopolio Dc-Psi, nel 1994, l’anno della vittoria di Berlusconi e della sua eterogenea alleanza e instabile (durerà solo nove mesi - 226 giorni di permanenza del Cavaliere a Palazzo Chigi) con la Lega Nord di Umberto Bossi (al Nord) e con il Movimento Sociale Italiano – Alleanza Nazionale di Gianfranco Fini (al Sud), viene eletto alla Presidenza del Senato (al ballottaggio e per un solo voto di un senatore passato eletto nelle fila dell’opposizione, ma prontamente passato alla maggioranza) il berlusconiano Carlo Scognamiglio che, nell’ultima decisiva votazione, sconfigge proprio il Presidente uscente Giovanni Spadolini sul cui nome avevano fatto convergere il proprio voto i senatori del centro, della sinistra e delle minoranze linguistiche che, sconfitti nelle elezioni del 27-28 marzo 1994 a causa di una mancata reciproca alleanza elettorale, hanno potuto, con l’appoggio all’anziano senatore a vita, preannunciare quel comune accordo a dare vita a quella coalizione dei democratici e di centrosinistra che ha portato Romano Prodi alla vittoria elettorale del 1996.

    Umiliato dall’arroganza della nuova classe dirigente che pur professandosi liberale, non lo ha lasciato, lui che liberale era davvero e da più tempo, come ha scritto Indro Montanelli, “morire sulla poltrona più alta di Palazzo Madama “, perché pochi mesi dopo quello sgradevole evento il male che da mesi lo tormentava lo ha privato all’affetto dei suoi cari giovedì 4 agosto 1994.

    Nel momento suprema della dipartita, triste e dolorosa, ci piace ricordarlo come fece il suo amico Indro Montanelli sulla prima pagina de La Voce: uno Spadolini istituzionale, monumentale e monumento vivente a se stesso, ma con quel piglio da ragazzo timido che lo ha sempre contraddistinto (e contribuito a rendere popolare), che sale una lunga scala fatta di libri che scompare fra le nuvole sormontata dal seguente titolo “Buon viaggio professore”.

    Luca Molinari

    (preso su www.cronologia.it)
    Ultima modifica di Frescobaldi; 09-05-15 alle 20:05

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2

  3. #3
    agaragar
    Ospite

    Predefinito Re: Giovanni Spadolini (1925-1994)

    Originally posted by DrugoLebowsky
    Uomo di veloci e rapidi successi a soli 25 anni è professore (senza mai essere stato assistente) di Storia Contemporanea all’Università degli studi di Firenze, incarico che manterrà fino al 1970, anche durante il periodo in cui sarà direttore (senza essere mai stato redattore) del quotidiano bolognese Il Resto del Carlino (1955-68) e de Il Corriere della Sera (1968-72).

    Nel 1972 inizia la seconda parte della vita di Giovanni Spadolini, quella più propriamente politica: viene eletto, nella circoscrizione di Milano, al Senato della Repubblica nelle liste del Partito Repubblicano Italiano (Pri) di Ugo La Malfa, suo grande amico ed acuto uomo politico che voleva far assumere al piccolo partito mazziniano un ruolo chiave, nella difficile situazione politica ed economica del momento, facendone il ponte per il dialogo tra i maggiori partiti di massa, i particolar modo tra la Democrazia Cristiana (Dc) ed il partito Comunista (Pci).

    Anche nella nuova veste di uomo politico Giovanni Spadolini non abbandona la sua naturale vocazione a bruciare le tappe: nel luglio del 1972 (due soli mesi dopo l’elezione alla carica di Senatore della Repubblica) è eletto Presidente della Commissione Pubblica Istruzione del Senato, nel 1974 diventa il primo Ministro dei Beni Culturali e Ambientali della Storia d’Italia (dicastero istituito per sua volontà attraverso un decreto legge) nel IV Governo presieduto da Aldo Moro (Dc) e nel 1979 è il primo Ministro della Pubblica Istruzione non democristiano nel V Governo Presieduto da Giulio Andreotti (Dc).

    Insieme all’impegno politico prosegue quello intellettuale e culturale: nel 1976 è Presidente del consiglio di amministrazione dell’Università degli Studi di Milano Bocconi e nel 1980 crea la “Fondazione nuova antologia”. Nel 1979 muove il leader repubblicano Ugo La Malfa e Spadolini, che si era iscritto al partito dell’Edera solo sette anni prima, ne diviene segretario...
    Strano eh, i repubblicani contano come il due di briscola...ma fanno le carriere fulminanti...
    Sai come si fa?
    Nei censurati giornali italiani, ogni tanto qualcosa trapela,
    qualcuno definì spadolini "una specie di vescovo"....
    Vuoi fare una carriera fulminante? iscriviti ai servizi segreti clericali, e fai finta di essere liberalaicosocialista,
    ti si apriranno tutte le porte.

    e nel 1979 è il primo Ministro della Pubblica Istruzione non democristiano nel V Governo Presieduto da Giulio Andreotti (Dc).

    il Presidente della Repubblica Sandro Pertini (Psi) gli affida l’incarico di formare il nuovo governo: il primo guidato da un non democristiano nella storia dell’Italia repubblicana.
    poi dopo venne il non democristiano berlusconi...iscritto al ppe....

  4. #4
    F***ing stubborn
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Carrara Ribelle
    Messaggi
    5,447
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Bhè, quantomeno il buon Giovannone al PPE non ci pensava proprio.
    saluti
    echiesa

  5. #5
    Anita
    Ospite

    Predefinito

    Prima di tutto i repubblicani non e' vero che contano quanto il due di briscola e poi, spesso, fanno carriera nei loro mestieri semplicemente perche' valgono dieci/cento agaragar !

    Sorrisi


  6. #6
    email non funzionante
    Data Registrazione
    20 May 2002
    Messaggi
    1,239
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Talking Uno Nessuno e Centomila...questo e quello per me pari sono

    Originally posted by Anita
    Prima di tutto i repubblicani non e' vero che contano quanto il due di briscola e poi, spesso, fanno carriera nei loro mestieri semplicemente perche' valgono dieci/cento agaragar !

    Sorrisi


    Giorgio La Malfa.....un esempio per tutti.

    Spadolini...ma non è quello che all'Arena di verona se ne andò via sdegnato xchè gli avevano assegnato un posto in terza fila, offrendo ai presenti un fuglido esempio di umiltà ed eguaglianza???

    Però è vero, i repubblicani non contano quanto il due di briscola. I repubblicani non contano.

  7. #7
    email non funzionante
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Messaggi
    36,452
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    La tua missiva ha solo il sapore della acredine che non so quanto giustificata sul piano tuo personale.
    Forse Spadolini ti avra' fatto qualcosa......oppure piu' semplicemente ti accorgi di quanto nulla sia la tua cultura a fianco della sua ?
    Credo che grandi uomini come Spadolini farebbero veramente comodo a questa nostra povera Repubblica che ancora non riesce a diventare veramente "Repubblicana"
    .
    Comunque il tuo intervento mi ha stimolato a prendere in mano e leggermi, nei prossimi giorni, un paio di libri di Spadolini che avevo messo in biblioteca alcuni anni fa senza leggerli e che, data la loro mole ed ampiezza, mi avevano un po' scoraggiato a sfogliarli.
    trattasi di:

    SENATO VECCHIO E NUOVO
    Dal Risorgimento alla Repubblica

    e
    CULTURA E POLITICA
    NEL NOVECENTO ITALIANO
    con documenti inediti


    .......ricordo ancora con piacere quando parlava di questi argomenti.....era un godimento dell'intelletto starlo a sentire ed abbeverarsi al suo sapere.....


    Con l'augurio di una buona vacanza


  8. #8
    email non funzionante
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Messaggi
    36,452
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito BRESCIA OGGI 2 dicembre 2002

    L’intitolazione al politico è caldeggiata da Teodoro Montanaro

    La biblioteca è senza nome Spadolini è in pole position

    BOVEZZO - La nuova sede della biblioteca comunale di Bovezzo sarà intitolata a Giovanni Spadolini? Forse. Intanto, a circa 5 anni dall’apertura, la raccolta civica è ancora senza nome, perchè le diverse parti politiche non hanno ancora trovato un accordo, preferendo rinviare in eterno la scelta. Ed ecco spiegata l’iniziativa di Teodoro Montanaro, capogruppo della lista civica di centrosinistra che governa il Comune ed esponente dell’area laica repubblicana. Montanaro ha proposto di ricordare una delle figure più illustri della storia politica italiana del XX secolo.
    Osserva Montanaro - i rappresentanti dell’edera storica restano comunque uniti sotto il profilo di alcuni valori che avevano fatto grande, seppure piccolo come peso elettorale, il vecchio Partito repubblicano.
    La figura di Giovanni Spadolini, se rappresenta per noi un mito, merita rispetto da parte di tutte le forze politiche».
    Il capogruppo sottolinea che l’uomo che si vuole ricordare non è tanto il politico, ma piuttosto lo storico. «Amo ricordarlo come uno degli ultimi personaggi del Risorgimento. Sosteneva il filosofo Carlo Arturo Jemolo che "lo storico dialoga sempre con i morti". Come possiamo dialogare con i personaggi che non ci sono più se non ricordandoli attraverso letture, monumenti, testimonianze, che quotidianamente incontriamo?».
    Teodoro Montanaro ha chiesto che in un prossimo consiglio comunale la proposta di intitolazione sia inserita tra i punti all’ordine del giorno.
    Montanaro ricorda che a Londra è stata inaugurata una cattedra a suo nome alla facoltà di Legge dell’University college: prima sede non italiana di insegnamento delle materie giuridiche italiane.
    Giovanni Spadolini
    era nato a Firenze nel 1925. E’ stato direttore del Resto del Carlino e del Corriera dela Sera. Eletto senatore a Milano nel 1972 nelle liste del Partito Repubblicano Italiano, ha pure ricoperto la carica di presidente del Consiglio e del Senato. Studioso del Risorgimento e della storia del XX secolo, aveva scritto diversi libri. Tra i più significativi «Giolitti e i cattolici», «L’opposizione cattolica», «Il papato socialista», «Giolitti: un’epoca», «La stagione del Mondo» (rivista fondata da Mario Panunzio), «Bloc notes» e «Il mondo in bloc notes», «Gli uomini che fecero l’Italia» e «A tu per tu: incontri con i personaggi del nostro tempo». Spadolini è morto nel ’94.

    Sergio Botta

  9. #9
    kid
    kid è offline
    Forumista assiduo
    Data Registrazione
    23 Oct 2009
    Messaggi
    9,385
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Drugo, per cortesia, toglimi la curiosità

    com'è che ti interessi di Spadolini?

  10. #10
    email non funzionante
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Messaggi
    36,452
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Ipotizzo che l'inserimento di questa nota riguardante Spadolini sia dovuta al tacito intento di evidenziare, da parte di DrugoLebowsky come siano state proprio le forze del centro-destra, nel 1994, ad affossare il suo ritorno al Quirinale .....:
    Ipotizzo sempre che, se cosi' fosse, DrugoLebowsky avrebbe cercato di fare leva sull'orgoglio di partito per dirottare malumori e rancori di amici e simpatizzanti contro la Segreteria e la sua maggioranza.....senza valutare pero', sempre secondo me, che nella famiglia repubblicana siamo avvezzi a valutare la politica senza rancori, invidie o fisime personali....ma sulla base delle situazioni concrete e con una visione pragmatica della realta' contingente.

    -----------------------------------------------------------------------------------

    ".....nel 1994, l’anno della vittoria di Berlusconi e della sua eterogenea alleanza e instabile (durerà solo nove mesi - 226 giorni di permanenza del Cavaliere a Palazzo Chigi) con la Lega Nord di Umberto Bossi (al Nord) e con il Movimento Sociale Italiano – Alleanza Nazionale di Gianfranco Fini (al Sud), viene eletto alla Presidenza del Senato (al ballottaggio e per un solo voto di un senatore passato eletto nelle fila dell’opposizione, ma prontamente passato alla maggioranza) il berlusconiano Carlo Scognamiglio che, nell’ultima decisiva votazione, sconfigge proprio il Presidente uscente Giovanni Spadolini...."

 

 
Pagina 1 di 23 1211 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Giovanni Spadolini: marxismo e mazzinianesimo
    Di Frescobaldi nel forum Repubblicani
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 24-06-13, 15:24
  2. Mozione per il ricordo di Giovanni Spadolini
    Di Tipo Destro nel forum Parlamento di Pol
    Risposte: 30
    Ultimo Messaggio: 06-09-08, 17:10
  3. Giovanni Spadolini
    Di albertsturm nel forum Repubblicani
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 28-11-07, 01:51
  4. Giovanni Spadolini
    Di Danny nel forum Centrosinistra Italiano
    Risposte: 7
    Ultimo Messaggio: 11-11-07, 19:29
  5. In ricordo di Giovanni Spadolini
    Di Paolo Arsena nel forum Repubblicani
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 05-08-04, 09:32

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226