ANSAweb) - VENEZIA, 5 OTT - Tra il 1995 e il 2001, in tutte
le regioni del Nord Italia sono nate piu' bambini che
imprese.
Solo Liguria (-0,67) e Toscana (-0,07) mantengono, nel 2001,
un saldo negativo. Al Sud la situazione si capovolge. Solo la
Calabria (+0,39) presenta una differenza positiva nel periodo
analizzato. Il Nordest ha registrato il saldo medio piu'
elevato (+1,96). Sono i dati di uno studio su dati Istat dal
Centro studi dell'associazione artigiana CGIA di Mestre.
Secondo la ricerca, nelle regioni settentrionali e' aumentato
decisamente il tasso di natalita' della popolazione. Per
contro, in tutte le regioni del Centro-Sud si e' verificato
l'inverso. A livello regionale, sempre nel 2001, a guidare la
classifica delle regioni con il tasso di natalita' della
popolazione piu' elevato e' la Campania (11,72%), seguita dal
Trentino A.A. (11,35%) e la Sicilia (10,39%). In coda
l'Umbria (8,04%), il Molise (7,75%) e all'ultimo posto la
Liguria (7,23%). Per quanto concerne il tasso di natalita'
delle imprese, invece, la regione guida della classifica e'
la Calabria (9,2%). Seguono Campania e la Puglia con una
percentuale dell'8,9%. (ANSAweb).

2002-10-05 - 15:15:00

© Copyright ANSA Tutti i diritti

--------------------------------------------------

Dai che si cominciano a vedere i primi frutti.......