User Tag List

Risultati da 1 a 2 di 2
  1. #1
    Registered User
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Messaggi
    317
    Mentioned
    7 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Quello che non vorrei mai vedere e sentire.

    A quanto pare i problemi sono sempre da quelle parti...... Qui in Padania va tutto al meglio, vero? Da notare che c'è un'offensiva mediatica senza precedenti che punta tutta l'attenzione sui problemi della terronia. L'azione di governo è massima anche sotto questo profilo ( se si eccettua la Legge Cirami). Adesso Stucchi ci ha spiegato che cos'è il federalismo: efficienza!
    Bene, prendiamone atto ( tutto come prima, nulla è cambiato)!
    -----------------------
    da il Nuovo

    Un leghista sotto l'Etna


    Arriva nel profondo sud Giacomo Stucchi, parlamentare "bossiano", per parlare di federalismo: la cronaca di una presenza nel catanese che mancava da dieci anni.
    di Marco Benanti

    CATANIA - E' sbarcato sotto l'Etna proveniente dal "sua" Bergamo, in abito scuro e fazzoletto verde ben visibile dal taschino della giacca: così si è presentato al pubblico catanese, che non accoglieva da circa dieci anni esponenti leghisti, Giacomo Stucchi, 33 anni, deputato della Lega Nord, ma soprattutto Presidente della Commissione Politiche dell'Unione Europea della Camera.

    L'appuntamento era con una tavola rotonda sul federalismo, organizzato dal coordinamento provinciale locale di Forza Italia, in un albergo del comune pedemontano di Zafferana Etnea, a quindici chilometri da Catania, città di tradizione politica moderata, ma i cui abitanti non hanno, spesso, nascosto la loro irritazione per talune "esternazioni" di stampo "nordista" della Lega. Un dato è certo: le uniche "camicie verdi" che hanno mai attraversato le vie sotto l'Etna sono state quelle degli alpini, nello scorso maggio, in occasione del loro raduno nazionale.

    Significativo, al riguardo, lo slogan di apertura del convegno: "Forza Sud". Due parole ripetute sui depliant e sulle locandine affissi nella sala congressi dell'hotel, che hanno fatto da cornice all'arrivo di Stucchi, insieme ad altri parlamentari, fra cui i senatori Francesco D'Onofrio (Udc), Carlo Vizzini (FI), Guido Ziccone (FI), Pino Firrarello (FI) Ida Dentamaro (misto Udeur).

    Ad accogliere l'esponente della Lega un catanese famoso, Mario Petrina, già Presidente dell'Ordine dei Giornalisti e moderatore dell'incontro: "Lei è il benvenuto, qui" ha detto Petrina, rivolto a Stucchi e il pubblico in sala ha applaudito, convinto. La tavola rotonda dal titolo "dal regionalismo al federalismo" è diventata così occasione per fare un paragone, anche storico, sugli sviluppi delle Regioni del Nord e di quelle del Sud. Stucchi, aria giovanile, pizzetto e lessico molto pratico, in "stile bossiano", non ha certo "mostrato i denti" e ha fatto sfoggio di ottimismo: "nutro molte speranze per il federalismo" ha esordito. Le preoccupazioni? "Le comprendo". Ecco, allora, dopo l' "atto di fede" per il primo punto del programma leghista, le rassicurazioni sui pericoli di secessioni: "Il federalismo è fatto per unire non per dividere." Certo, lo dice anche l'etimo della parola federalismo: "foedus cioè patto, unione" ha chiosato Stucchi.

    La Lega simbolo dell'egoismo del Nord? No, infatti "nessuno -ha precisato l'on. leghista - vuole sottrarsi all'obbligo di aiutare le zone svantaggiate del Paese". Cos'è allora il federalismo? Prima di tutto efficienza, "volere servizi della pubblica amministrazione di qualità, di livello accettabile. La proposta federale va proprio nella direzione di maggiore responsabilizzazione degli enti locali, della Regione". Giù applausi. Poi, massima attenzione ai suoi interlocutori che hanno parlato di Sud e Nord, di regole e Costituzione e non hanno dimenticato il "dramma Fiat" di Termini Imerese: no secco alla chiusura dello stabilimento, da parte di Carlo Vizzini. Giù applausi. Il sorriso di Stucchi è arrivato repentino a confermare un'impressione: probabilmente la vicinanza di Berlusconi ha convinto i leghisti a curare di più l'appeal verso il grande pubblico. Anche meridionale.

    (11 OTTOBRE 2002, ORE 185)

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Registered User
    Data Registrazione
    14 Mar 2002
    Località
    Verona
    Messaggi
    2,066
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Vergogna.
    E sono stanco di vergognarmi per quella diligenza che nel mio piccolo ho contribuito a sedere a Roma.
    Paolo

 

 

Discussioni Simili

  1. Vorrei sentire in privato i membri della Commissione che presiedo
    Di Dark Knight nel forum Parlamento di Pol
    Risposte: 10
    Ultimo Messaggio: 10-03-08, 23:56
  2. *Scelta multipla*: vorrei vedere...
    Di DrugoLebowsky nel forum Il Seggio Elettorale
    Risposte: 63
    Ultimo Messaggio: 17-11-06, 19:25
  3. E vorrei vedere...
    Di capaneo nel forum Politica Estera
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 27-10-06, 17:41
  4. Risposte: 26
    Ultimo Messaggio: 02-11-05, 10:32
  5. Radio Nostalgia. Il discorso che vorrei sentire
    Di Stonewall nel forum Padania!
    Risposte: 15
    Ultimo Messaggio: 22-05-05, 08:00

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226