salucc
------------------------------------------------------------------------------------
Rapina sventata, impiegato non capisce ladri napoletani


Modena, i rapinatori parlano napoletano e l'impiegato della banca
presa di mira non li capisce. I due ladri se la danno a gambe senza
il bottino.


MODENA - Prendi i soldi e scappa. Non tanto facile se il rapinatore
parla una lingua incomprensibile per l'impiegato della banca presa di
mira per il colpaccio. Non è la scena di un film comico, ma la storia
della rapina che due banditi volevano mettere a segno ieri mattina
alla Cassa di Carpi di Modena.

I due malviventi, secondo quanto riportato dalla Gazzetta di Modena,
sono entrati nella banca da perfetti professionisti : scesi da una
Fiat Uno grigia rubata, armati di cutter nascosti nei calzini e
facendosi beffa dei metal detector, i due banditi si sono diretti
verso la cassa. A questo punto, da perfidi Diabolik i due malviventi
si sono trasformati nella banda bassotti.

Mentre uno dei rapinatori teneva a bada gli altri dipendenti e i
quattro clienti che erano nella banca, l'altro bandito si è rivolto
al cassiere parlando in dialetto napoletano stretto. Una lingua
incomprensibile per l'impiegato che ha risposto ''Non ho capito, che
cosa vuole?''.

Una reazione spontanea quanto inaspettata, che ha preso di sorpresa
il rapinatore che dopo un attimo di smarrimento, ha ripetuto la sua
richiesta. Ma ancora in dialetto napoletano, sempre più
incomprensibile e questa volta accompagnata da una certa alterazione
per il nervosismo. All'ennesimo segno di incomprensione da parte del
cassiere, i due banditi hanno perso la pazienza e, invece di compiere
qualche gesto 'da bandito' prendendo in ostaggio qualcuno , hanno
inscenato una gag tipica della commedia napoletana. Uno dei due
avrebbe infatti rimproverato il suo compare, sempre in dialetto,
decidendo di comune accordo di darsela a gambe senza il bottino.

Nel pomeriggio è stata ritrovata la Uno grigia dei malviventi,
abbandonata nei pressi della tangenziale. Grazie alla registrazione
delle telecamere a circuito chiuso della banca, gli agenti avrebbero
individuato i due malviventi, forse gli stessi che tre giorni prima
avevano rapinato la filiale del Monte dei Paschi di Siena, questa
volta con successo.