User Tag List

Risultati da 1 a 6 di 6

Discussione: boicottiamo la L.S.U.

  1. #1
    100% sardu
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Sardìnnia
    Messaggi
    28,942
    Mentioned
    5 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Exclamation boicottiamo la L.S.U.

    de su jassu:
    www.godotnews.it

    LINGUA SARDA UNIFICATA, IL DIBATTITO
    UN APPELLO CONTRO I SOPRUSI DELLA REGIONE


    di Comitati per la tutela della lingua sarda campidanese
    e Sardinna Muzak

    La Commissione istituita con due convenzioni tra Regione Sarda (ultima quella n. 52/105 del 28-12-1999) e un gruppo di esperti per la normalizzazione ortografica della lingua sarda ha concluso i suoi lavori ufficialmente alla data stabilita (28 febbraio 2001), ma solo ora, a distanza di cinque mesi, se ne conoscono gli esiti, che sono sostanzialmente quelli già esposti nel convegno di Ala Birdi nell’autunno scorso. Quale la differenza? Che ci si è guardati bene dal rendere pubblico il contenuto conclusivo dei lavori della Commissione prima di essere pubblicato per conto della Regione.

    Se c’erano motivi di polemica allora, ce ne sono altrettanti ora che il documento è stato recepito sic e simpliciter dall’Assessorato alla pubblica istruzione, col risultato che la lingua unificata, anzi SA LIMBA SARDA UNIFICADA, è nient’altro che la variante logudorese aperta ad ampi apporti del nuorese, a tutto danno delle altre varianti, a cominciare da quella campidanese che è stata sacrificata sull’altare della "scienza" e degli interessi culturali, e no, dei membri della Commissione. Vediamo molto sinteticamente come, dando un piccolissimo saggio dei risultati "voluti" dagli esperti:

    a) dall’alfabeto della lingua unificata è sparita la x, e con essa, tenendo conto dei diminutivi, sono scomparse circa diecimila parole sarde campidanesi, sicché si dovrà scrivere àghina e non più àxina, domighedda e non domixedda;

    b) le vocali finali del singolare di certi sostantivi e di certi aggettivi, nonché dei gerundi saranno sempre -e ed -o, mai -i e, in alcuni casi, mai -u: sarà proibito ai segretari comunali campidanesi verbalizzare scrivendo boi perché si dovrà usare boe, non comunali ma comunale, non domu e ma domo, non andendi o andendu ma andende.

    c) gli articoli plurali da usare saranno solo sas e sos, mai e poi mai is: dunque si dovrà scrivere sas domos e non is domus, sos muros e non is murus.

    d) analogamente il plurale dei sostantivi e degli aggettivi, come del resto s’intuisce dagli esempi precedenti, sarà -os e non -us; dunque sas manos e non is manus; solo nel caso di una perfetta coincidenza lessicale tra logudorese e campidanese si potrà usare -is: sos panetteris.

    e) i pronomi personali saranno di pretta marca logudorese: eo e non deu, tue e non tui, isse e non issu, nois e non nos!, bois e non bosatrus; issos e non issus; analogo discorso per la serie atona: lu e non ddu, la e non dda ecc., dunque pìgalu e non pigaddu, fìrmala e non firmadda;

    f) lo stesso discorso vale per gli avverbi e per le locuzioni avverbiali: como e non immoi o immui, dae intro e no aintru;

    g) le congiunzioni: imbetzes e non invecias, tando e non insaras o inzaras;

    h) le preposizioni proprie: dae e non de (per da); le preposizioni improprie a inghiriu e non a furriu.

    i) pronomi indefiniti: carchi e non calincunu, onzi e non onnia o donnia;

    l) per i numerali gli esempi si sprecano: chimbe per cincu, baranta per coranta, miza per milla.

    m) per i verbi non c’è che l’imbarazzo della scelta: esser per èssiri o essi; faeddare per fueddai, timer per timiri o timi, fagher per fai, benner per bèniri o beni, benzas per bengas, dia sighire per emu a sighiri…

    Per quanto concerne il lessico, la Commissione afferma che bisogna "privilegiare l’etimologia", quando, però, questa non vada a cozzare contro le scelte aprioristiche fatte dagli esperti, aggiungiamo noi: due soli esempi fra i tantissimi che si potrebbero fare e tra quelli più noti: acqua, latino aqua(m), sardo unificato… aba o abba e non aqua!; lingua, latino lingua(m), sardo unificato… limba e non lingua!

    Il criterio usato, quello della scelta delle varianti "più conservative" rispetto a quelle "più innovative", nonostante la mistificante affermazione di una mediazione che sarebbe stata fatta, la dice lunga sulle scelte della Commissione. E’ bene tenere presente che gli esperti affermano che la "proposta "di LIMBA SARDA UNIFICADA poggia su basi scientifiche "incontestabili", come dire che nessuno, che non sia un docente di linguistica all’università di Cagliari o di Sassari o uno studioso (?) di lingua sarda, sarà autorizzato a muovere critiche all’operato della Commissione, facendo intendere che la scienza è scienza e c’è chi la possiede e chi no. Con la scienza si può avallare tutto e il contrario di tutto, è appena il caso di rispondere, specialmente con le scienze linguistiche. Se, per pura ipotesi, la Commissione avesse adottato il criterio del maggiore carattere innovativo di una delle varianti del sardo o avesse adottato quello della maggiore rappresentatività della popolazione dell’Isola, si sarebbero avuti esiti diametralmente opposti, giustificati, manco a dirlo, con "rigorose" analisi scientifiche. A dirla chiara, la scelta di questi studiosi, a dispetto del tentativo di mascherarla sotto paludamenti scientifici, è unicamente geopolitica.

    Nella convenzione a suo tempo stabilita tra Regione ed esperti si parla di "unificazione linguistica ad uso esclusivo dell’Assessorato" (leggere per credere!), mentre l’attuale titolare dell’Assessorato alla pubblica istruzione parla di "prospettive di ufficializzazione della lingua sarda" e i commissari aggiungono, senza mezzi termini, che esiste "l’esigenza di presenza e sviluppo ufficiale della nostra lingua in tutti gli ambiti sociali, didattici, informativi, amministrativi.". Una lingua unificata, dunque, di iniziale valenza burocratico-amministrativa, dovrà prima o poi, in quanto lingua ufficiale dei Sardi, essere introdotta nella scuola di ogni ordine e grado. Per rendere operabile questo progetto, a non voler parlare dello zuccherino di "eventuali aggiustamenti" di cui si parla nella presentazione del testo pubblicato dalla Regione, si annuncia l’esistenza di un Istitutu de sa limba Sarda, a suo tempo auspicato in un documento firmato da quattro illustri esperti, istituto che non solo esiste, ma che è operante e ha già elaborato un piano triennale ai sensi dell’art. 12 della L. R. n. 26 del 15. X. 1997, dal titolo "Promozione e valorizzazione della cultura e della lingua della Sardegna", piano pronto sulla scrivania dell’assessore alla pubblica istruzione da "sottoporre all’attenzione della Giunta regionale".

    Corrono voci di un programma scolastico regionale cui si starebbe lavorando: ci sono tutte le premesse, visto che a elaborarlo saranno i soliti linguisti, per vedere il programma di lingua e letteratura sarda di stretta marca logudorese-nuorese. Lo fa prevedere un documento (vedi allegato) mai reso pubblico, dei quattro esperti di cui si parlava prima (si tratta dei proff. Ignazio Delogu, Massimo Pittau, Leonardo Sole e, se non abbiamo decifrato male uno scarabocchio, di Tonino Rubattu), dove si discetta di sardo illustre, dove l’unico autore sardo campidanese citato è Benvenuto Lobina e in cui, tra le altre cose, il teatro sardo-campidanese è semplicemente ignorato.

    Riguardo a questa visione partigiana del problema linguistico si possono e si debbono fare alcune considerazioni. Innanzi tutto siamo di fronte a un vero è proprio tentativo di genocidio culturale a danno dei oltre metà della popolazione della Sardegna, in particolare dei suoi abitanti che parlano il campidanese nelle sue molteplici connotazioni. Privare della lingua qualcuno significa privarlo della propria cultura o ridurre questa a un ruolo marginale, dialettale o subdialettale, per usare una terminologia cara a certi esperti di linguistica. Dopo che per anni abbiamo condotto battaglie non sempre facili contro la colonizzazione della Sardegna sul piano economico e culturale ad opera del governo centrale, oggi ci troviamo a dover subire un colonialismo linguistico-culturale da parte di una parte di Sardi a danno di altri abitanti dell’Isola, cui si vorrebbe tagliare la lingua, come hanno fatto fino ad oggi i glottofagi italiani. Una delle conseguenze più deprecabili, però, su cui bisogna riflettere e di cui qualcuno dovrà prima o poi rispondere, è la spaccatura che si sta aprendo tra i Sardi, da secoli segnati, come si sa, da scarsa coesione nazionale: un pericolo di cui si avvertono già i sintomi, chiari e inequivocabili, e di cui avremmo sinceramente fatto tutti a meno.

    In questa situazione che cosa si può ragionevolmente opporre a chi cerca di accelerare i tempi verso la soluzione, artificiale, della lingua sarda unificata? Osserviamo, intanto, che la fretta è stata sempre cattiva consigliera e foriera di mali peggiori di quelli che si vorrebbero curare. In primo luogo, dobbiamo combattere tutti perché il sardo entri a pieno titolo nelle scuole dell’Isola. Una didattica basata sul principio pedagogico secondo cui le esperienze, a cominciare da quelle linguistiche, debbono prendere l’avvio dal vicino e conosciuto per arrivare, col tempo, allo sconosciuto, o al poco conosciuto, e al lontano, sarebbe il mezzo migliore per avvicinare i bambini e i ragazzi a tutte le varianti della lingua sarda. Si partirebbe, dunque, dall’insegnamento nella variante locale per giungere alla conoscenza e padronanza della lingua e della cultura comune attingendo al patrimonio di tutti.

    La presenza di notiziari televisivi già operanti nelle due varianti principali, ma non solo, sono da incoraggiare perché aprono la strada, quanto meno, a una maggiore comprensione tra i Sardi in tutti i sensi e costituisce una delle vie maestre per una unificazione graduale, profonda, senza lacerazioni, della lingua sarda (Il piano triennale in questo senso non lascia prevedere nulla di buono: si ha l’impressione che si vogliano dirottare i finanziamenti verso le televisioni che si faranno strumento di diffuzione della limba unificada).

    Gli scrittori (sono loro, sono stati sempre loro, del resto, gli artefici dell’unificazione linguistica) dovranno continuare nello sforzo, già palese sia tra i campidanesi sia tra i logudoresi, di avvicinare le due varianti principali nella loro scrittura, tendendo costantemente a ciò che unisce, tanto sul piano grammaticale che su quello lessicale. Solo così si potrà raggiungere un traguardo che altri vogliono tagliare al più presto per fini non sempre nobili, come si vuole far credere.

    Che cosa fare intanto per stroncare sul nascere il loro golpe strisciante?

    Si debbono mobilitare gli intellettuali, gli artisti, gli scrittori, gli operatori culturali, i politici, gli amministratori, le forze sociali ed economiche con prese di posizione decise che non lascino dubbi sul valore da attribuire alla cosiddetta lingua unificata così come è stata recepita dall’assessore alla pubblica istruzione. Si debbono formare comitati in ogni comune, in seno alle associazioni e ai centri culturali, alle associazioni di categoria, ai gruppi folcloristici, non solo in Campidano ma anche in Gallura e nel Sassarese. I singoli cittadini dovranno attivarsi per sensibilizzare amici, conoscenti e il mondo della scuola, là dove essi ricoprano cariche istituzionali o elettive, facendo udire la propria voce mediante lettere di protesta ai giornali quotidiani e alle riviste di zona, con telegrammi o poste elettroniche alle autorità politiche e amministrative, a cominciare dal presidente della Giunta regionale e dall’assessore competente ([email protected];
    [email protected]), in modo da far giungere forte un coro di no fino alle stanze del potere contro le prevaricazioni di chi crede di poter fare tutto, impunemente, a danno della cultura di un popolo.


    Comitati per la tutela della lingua sarda campidanese
    Sardinna Muzak

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Consurta Comunista Sarda
    Data Registrazione
    05 Jun 2002
    Località
    SARDINNA
    Messaggi
    3,749
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Meta Indipendentistas de Manca sone contra sa Lsu ki ateru no faket ki ponnere disamistade in daintro 'e sos Sardos e sa curtura nostra....Sa limba Sarda est sa Logudoresa e sa Campidanesa ca gai han detzisu sos Sardos allegandelas!!
    Sa virma mea e de ateros cumpanzos b'hat a esser!
    CCS - SNI

  3. #3
    Registered User
    Data Registrazione
    09 Aug 2002
    Località
    Cuartu S. Aleni - Sardinnya
    Messaggi
    37
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito limba+lìngua=sardu beru

    De acòrdiu.
    Po abarrai in paxi tòcat a fai passillai is duas bariedadis in paris in parallelu; feti di aici s'ant a podi castiai bìviri tot'as duas in sa limba de is sardus. Aici nosu mannus e is pipius iant a podi connosci mellus sa bariedadi insoru e cussa de is atrus e su sardu e totu essi prus arricu.
    Mi parit ki comuncas seus jai treballendu po biri custa kistioni comenti da 'olint is sardus.
    Ant a tenni axiu a 'olli incarcai in conca sa LSU: is sardus no da 'olint e basta. Peri custa 'ia no seus aici macus!
    Lìngua Campidanesa e Limba Logudoresa, is duas perras de su sardu, bìvant!

  4. #4
    100% sardu
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Sardìnnia
    Messaggi
    28,942
    Mentioned
    5 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito

    de:
    www.godotnews.com

    10 marzo 2002
    Comitau studiantis
    po sa lìngua sarda


    S'unidadi s'agàtat in sa comunesa de interessus e in s'arrespetu de donniunu faças a is atrus, e no in s'imponnidura de unu pensamentu a pitz''e is atrus.
    Ligeisi' su ki narat Miali Anjulinu Pira, a pitz''e su logudoresu e su campidanesu, issu e totu ki fiat bitesu:
    "Dialetti come quello di Bitti (ancor oggi ma meno che nel passato recente fortemente conservatore delle forme latine) definito dal Wagner una volta il palladio d'arcaicità, sono testimonianza di una latinizzazione non già, come ritenuto da taluni, anticipata, ma fortemente ritardata. Il latino, dove è penetrato prima (come è accaduto nella parte meridionale dell’Isola), ha anche avuto la sua maggiore evoluzione, sia in conseguenza del maggior uso interno, sia in conseguenza dei più stretti contatti successivi con le lingue romanze della penisola iberica e di quella italiana. Gloriarsi come erano soliti fare i bittesi e i letterati sardi in genere, della maggiore vicinanza dei dialetti sardi al latino, significa gloriarsi dell’immobilità e della bassa accumulazione culturale; il che può anche essere vanto legittimo, ma in una sincronia che assuma a proprio valore appunto la conservazione e l’immobilità".
    E in su pròpiu libru sighit a nai: "Oltretutto il bilancio finale deve registrare una maggiore arrendevolezza e una maggiore vulnerabilità attuale delle culture (segnatamente quella barbaricina) che all'interno della Sardegna avevano nel passato difeso la propria identità con la fuga e con la chiusura, rispetto a quelle (segnatamente le urbane di Cagliari e Sassari) che avevano difeso la propria identità accettando le rese inevitabili e i mutamenti graduali compatibili con le proprie strutture. Il dialetto di Cagliari resiste meglio del dialetto di Bitti all'assalto dell'italiano".
    M. Pira, La rivolta dell'oggetto, Giuffrè, Milano, 1978; pp. 111 e 134.
    Comitau studiantis po sa lìngua sarda:
    [email protected]

  5. #5
    100% sardu
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Sardìnnia
    Messaggi
    28,942
    Mentioned
    5 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito

    de:
    www.godotnews.com

    24 marzo 2002
    Graziano Fois


    La LSU è ciò che di peggio poteva essere partorito riguardo al sardo. Sinteticamente:
    1) quale necessità di una sola lingua? questo è un criterio da stato italiano: un popolo, una lingua. Abbiamo visto i risultati.
    2) cosa vuol dire che il logudorese è più vicino al latino? Allora i francesi devono cambiare lingua per avvicinarsi al latino? C'è odore di ritorno alle origini, finte, ricostruite.
    3) Il logudorese è più puro? Discutibile e comunque anche Hitler voleva una razza pura, Milosevic ha eliminato tutti quelli che non erano serbi. In Sardegna si accontentano di eliminare (o tentare di eliminare) una lingua.
    4) La legge-quadro regionale non autorizzava ad arrivare a una proposta del genere.
    5) Di dodici (più o meno) membri del comitato, uno solo è campidanese. Che strano!!!
    Per finirla, ma definitivamente per quanto mi riguarda: cari sostenitori logudoresi illustri, barbaricini illustri, tutti gli illustri della LSU: scrivetevela e parlatevela la Vostra LSU. D'ora in avanti mi sentirò meno discriminato parlando l'italiano; sapete, noi che siamo un po' burdi (bastardi, in italiano) nel Campidano, poco illustri, lasciamo ad altri veri puri e veri sardi (noi siamo un falso) cotanta gloria di purezza etnica.

  6. #6
    100% sardu
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Sardìnnia
    Messaggi
    28,942
    Mentioned
    5 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito esempio di saggezza dalla corsica

    de:
    www.godotnews.com

    14 dicembre 2000
    Petru Mari, Bastia

    Bravi ragazzi pè u bellu travagliu. Aghju lettu Godot incù piacè. Sperandu chì prestu ci si truerà nutizie culturali sardo-corse. È riguardu à lingua sarda vi lampu issa pruposta da Corsica: "Uniti sì, unificati innò".

 

 

Discussioni Simili

  1. Boicottiamo Gli Usa
    Di Re Silvio nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 17-03-06, 08:05
  2. boicottiamo Noa
    Di waldgaenger76 nel forum Etnonazionalismo
    Risposte: 9
    Ultimo Messaggio: 01-11-05, 18:11
  3. boicottiamo Noa
    Di waldgaenger76 nel forum Destra Radicale
    Risposte: 17
    Ultimo Messaggio: 29-10-05, 17:00
  4. Boicottiamo 'Max & Tux'
    Di Oasis nel forum Centrosinistra Italiano
    Risposte: 12
    Ultimo Messaggio: 30-09-02, 21:13
  5. Boicottiamo 'Max & Tux'
    Di Oasis nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 26-09-02, 00:06

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226