User Tag List

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 15

Discussione: iv Novembre

  1. #1
    Patrie dal Friul
    Data Registrazione
    11 Jul 2002
    Località
    Udin
    Messaggi
    1,148
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito iv Novembre

    Ogni anno , in occasione di feste tricolorite varie, al risveglio mi tocca vedere un grande tricolore davanti alla mia finestra.
    Mi da fastidio, vorrei .
    Si tratta di una sede di alpini della A.N.A, coraggio mi dico ancora un paio di ore di questa visuale

    Speriamo che ci sia una festa della unita' nazionale padana

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Globalization Is Freedom
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Messaggi
    2,486
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Thumbs down

    Dio ce ne scampi e liberi... l'idea di "unità nazionale" è una di quelle cose di cui farei volentieri a meno.
    "Non spargerai false dicerie; non presterai mano al colpevole per essere testimone in favore di un'ingiustizia. Non seguirai la maggioranza per agire male e non deporrai in processo per deviate la maggioranza, per falsare la giustizia. Non favorirai nemmeno il debole nel suo processo" (Esodo 23: 1-3)

  3. #3
    R.i.P. quorthon
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Asa Bay
    Messaggi
    1,791
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Originally posted by Stonewall
    Dio ce ne scampi e liberi... l'idea di "unità nazionale" è una di quelle cose di cui farei volentieri a meno.

    ...ma infatti....già mi basta quella di questa repubblichetta...ogni Popolo deve essere libero di festeggiare se stesso quando gli pare e piace...
    --------------
    The Warrior

  4. #4
    Patrie dal Friul
    Data Registrazione
    11 Jul 2002
    Località
    Udin
    Messaggi
    1,148
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Originally posted by Stonewall
    Dio ce ne scampi e liberi... l'idea di "unità nazionale" è una di quelle cose di cui farei volentieri a meno.

    Ho la tenazione di mettere fuori la bandira Padana, ma non penso di avere nulla in comune , ad esempio con la signora mari di venezia. Noi abbiamo una alta "educazione", sia pur nella "determinazione"

    Il pensiero , mi .......................tormenta, ho anche pensato all'accendino, no ,no, la sindrome di maria non ci ha coinvolto

  5. #5
    VENETO LÌBARO
    Data Registrazione
    14 Mar 2002
    Messaggi
    631
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito IL 4 NOVEMBRE DI GENTILINI.....

    NO COMMENT

    dalla Tribuna di Treviso di oggi



    Gentilini impugna il Tricolore
    e seppellisce la secessione


    Il sindaco: «Non ci sono guerre giuste e guerre ingiuste caduti buoni o cattivi, ma solo caduti per una patria unita» E invoca la giustizia divina contro chi ha lordato il monumento
    Andrea Passerini

    Ha inneggiato al tricolore e alla patria. Ha difeso l'Unità d'Italia, seppellendo ogni pretesa padana o secessionista (cosa dirà il popolo leghista, al riguardo, quello che su Radio Padania invoca ancora il distacco da Roma?). Un Gentilini patriottico e irredentista come non mai, quello che ha parlato ieri in piazza Vittoria, in occasione della cerimonia cittadina per la celebrazione del 4 Novembre, festa dell'unità Nazionale e delle Forze Armate.
    Gentilini ha preso la parola dopo che erano stati letti i messaggi del capo dello Stato, Carlo Azeglio Ciampi e del ministro della Difesa, Antonio Martino.
    Parlare davanti al monumento appena fatto oggetto dello «sfregio» alla vigilia della manifestazione di Forza Nuova era un'opportunità troppo ghiotta, per il nostro. Figurarsi se il sindaco, in questi giorni impegnato nella polemica frontale con lo scrittore Camon sul tema della patria, se la faceva sfuggire.
    Italianissimo e militarista, il suo discorso. «Non ci sono guerre giuste e ingiuste - ha detto ad un certo punto - c'è solo la guerra, e chi cade in guerra cade per un'idea di patria che vanifica ogni divisione». «E' vergonoso ascoltare e leggere chi divide i caduti in veri e falsi, in caduti buoni o cattivi».
    La dottrina cristiana sulla «guerra necessaria»? Le ricerche di filosofi, teologi, i dilemmi dei pacifisti che con sofferenza hanno aperto agli interventi nell'ex Yugoslavia? Tutto spazzato via. Anche sul piano storico Gentilini ha adoperato la scure, senza curare i distinguo: le missioni coloniali dell'esercito in Libia e in Africa Orientale sono finite sullo stesso piano della prima e della seconda guerra mondiale (domanda: ma non c'erano anche soldati e ufficiali delle forze armate transitate che scelsero la Resistenza dopo l'8 settembre?)
    Gentilini ha voluto sottolineare la «sacralità» del giuramento alla patria, «uno e uno solo». Cosa avrà pensato Zaia, lì in prima fila, ricordando il suo servizio civile grazie alla legge 772 che ha legittimato l'obiezione di coscienza al servizio militare? Quanto all'unità d'Italia, dopo aver ricordato che «generazioni di italiani si sono immolate per dare all'Italia anche quei territori che per ragioni storicamente indiscutibili le spettavano», ha evocato «il grido di dolore che si leva dai nostri esuli giuliani istriano dalmati: un delitto di stato dimenticarli»
    Infine, la personalissima maledizione per gli autori dell'atto vandalico al momumento. «Devo togliermi questo macigno dallo stomaco» - ha detto. Auspicando un punizione della «giustizia divina» sui «responsabili» di questo «sacrilegio». Sulla giustizia umana e terrena il primo cittadino di Treviso ha «grossi dubbi». E ha concluso: «Caduti, io so che la vendetta non fa parte di chi riposa negli spazi eterni, ma ogni legge, e spero anche quella divina, ha le sue deroghe».
    Dalla piccola folla presente attorno alla piazza, si sono levati gli applausi. A margine, non è passata inosservata la presenza, tra le autorità, del senatore forzista Favaro schierato fra Zaia e Stiffoni, due leghisti suoi nemici giurati. Potenza dell'ufficialità: di sicuro non hanno parlato di casa delle Libertà.
    Il «rompete le righe» conclusivo, è accompagnato, nelle retrovie della piazza, da attimi di apprensione. Una bambina che assisteva alla cerimonia con la sua classe è svenuta, ed è stata soccorsa dagli uomini della Croce Rossa, che avevano la loro tenda proprio davanti alla «Gabelli».

  6. #6
    email non funzionante
    Data Registrazione
    04 Mar 2002
    Località
    Per non lottare ci saranno sempre moltissimi pretesti in ogni circostanza, ma mai in ogni circostanza e in ogni epoca si potrà avere la libertà senza la lotta!
    Messaggi
    12,320
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Fascista itagliano di merda

  7. #7
    Moderatore Libertarissimo
    Data Registrazione
    06 Mar 2002
    Località
    Covo dei "Sovversivi"
    Messaggi
    1,141
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Perche' non son stupito?

    Sa£udi serenissimi da Pippo III.

  8. #8
    Patrie dal Friul
    Data Registrazione
    11 Jul 2002
    Località
    Udin
    Messaggi
    1,148
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: IL 4 NOVEMBRE DI GENTILINI.....

    Originally posted by DVD
    NO COMMENT

    dalla Tribuna di Treviso di oggi



    Gentilini impugna il Tricolore
    e seppellisce la secessione


    Il sindaco: «Non ci sono guerre giuste e guerre ingiuste caduti buoni o cattivi, ma solo caduti per una patria unita» E invoca la giustizia divina contro chi ha lordato il monumento
    Andrea Passerini

    Ha inneggiato al tricolore e alla patria. Ha difeso l'Unità d'Italia, seppellendo ogni pretesa padana o secessionista (cosa dirà il popolo leghista, al riguardo, quello che su Radio Padania invoca ancora il distacco da Roma?). Un Gentilini patriottico e irredentista come non mai, quello che ha parlato ieri in piazza Vittoria, in occasione della cerimonia cittadina per la celebrazione del 4 Novembre, festa dell'unità Nazionale e delle Forze Armate.
    Gentilini ha preso la parola dopo che erano stati letti i messaggi del capo dello Stato, Carlo Azeglio Ciampi e del ministro della Difesa, Antonio Martino.
    Parlare davanti al monumento appena fatto oggetto dello «sfregio» alla vigilia della manifestazione di Forza Nuova era un'opportunità troppo ghiotta, per il nostro. Figurarsi se il sindaco, in questi giorni impegnato nella polemica frontale con lo scrittore Camon sul tema della patria, se la faceva sfuggire.
    Italianissimo e militarista, il suo discorso. «Non ci sono guerre giuste e ingiuste - ha detto ad un certo punto - c'è solo la guerra, e chi cade in guerra cade per un'idea di patria che vanifica ogni divisione». «E' vergonoso ascoltare e leggere chi divide i caduti in veri e falsi, in caduti buoni o cattivi».
    La dottrina cristiana sulla «guerra necessaria»? Le ricerche di filosofi, teologi, i dilemmi dei pacifisti che con sofferenza hanno aperto agli interventi nell'ex Yugoslavia? Tutto spazzato via. Anche sul piano storico Gentilini ha adoperato la scure, senza curare i distinguo: le missioni coloniali dell'esercito in Libia e in Africa Orientale sono finite sullo stesso piano della prima e della seconda guerra mondiale (domanda: ma non c'erano anche soldati e ufficiali delle forze armate transitate che scelsero la Resistenza dopo l'8 settembre?)
    Gentilini ha voluto sottolineare la «sacralità» del giuramento alla patria, «uno e uno solo». Cosa avrà pensato Zaia, lì in prima fila, ricordando il suo servizio civile grazie alla legge 772 che ha legittimato l'obiezione di coscienza al servizio militare? Quanto all'unità d'Italia, dopo aver ricordato che «generazioni di italiani si sono immolate per dare all'Italia anche quei territori che per ragioni storicamente indiscutibili le spettavano», ha evocato «il grido di dolore che si leva dai nostri esuli giuliani istriano dalmati: un delitto di stato dimenticarli»
    Infine, la personalissima maledizione per gli autori dell'atto vandalico al momumento. «Devo togliermi questo macigno dallo stomaco» - ha detto. Auspicando un punizione della «giustizia divina» sui «responsabili» di questo «sacrilegio». Sulla giustizia umana e terrena il primo cittadino di Treviso ha «grossi dubbi». E ha concluso: «Caduti, io so che la vendetta non fa parte di chi riposa negli spazi eterni, ma ogni legge, e spero anche quella divina, ha le sue deroghe».
    Dalla piccola folla presente attorno alla piazza, si sono levati gli applausi. A margine, non è passata inosservata la presenza, tra le autorità, del senatore forzista Favaro schierato fra Zaia e Stiffoni, due leghisti suoi nemici giurati. Potenza dell'ufficialità: di sicuro non hanno parlato di casa delle Libertà.
    Il «rompete le righe» conclusivo, è accompagnato, nelle retrovie della piazza, da attimi di apprensione. Una bambina che assisteva alla cerimonia con la sua classe è svenuta, ed è stata soccorsa dagli uomini della Croce Rossa, che avevano la loro tenda proprio davanti alla «Gabelli».
    Ma questo si sapeva, e io gli ho pagato un taj di vin a tREVISO.

  9. #9
    Patrie dal Friul
    Data Registrazione
    11 Jul 2002
    Località
    Udin
    Messaggi
    1,148
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Originally posted by Nanths
    Fascista itagliano di merda
    giusto facista tricolorito, fuori dalle bae

  10. #10
    Patrie dal Friul
    Data Registrazione
    11 Jul 2002
    Località
    Udin
    Messaggi
    1,148
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Originally posted by Pippo III
    Perche' non son stupito?

    Sa£udi serenissimi da Pippo III.
    saludi furlans e. risorga venezia(senza tiricolori)

 

 
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Risposte: 18
    Ultimo Messaggio: 20-11-18, 00:14
  2. Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 09-11-12, 13:34
  3. Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 12-11-10, 01:22
  4. Risposte: 14
    Ultimo Messaggio: 06-11-08, 11:43
  5. Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 05-07-08, 21:00

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226