User Tag List

Risultati da 1 a 2 di 2
  1. #1
    Ospite

    Exclamation Dal forum radicale....leggete e rabbrividite...

    Traduco e impasto quasi l’integralità di un articolo preso li (http://racismeantiblanc.bizland.com/opinions/opi004.htm)
    nel quale l’autore parla di un fenomeno serissimo in Francia : l’esodo dei bianchi. Anche se non lo si puo’ condividere su tutta la linea (immigrazione vista sopratutto come fonte di sconforto, di disaggi, niente sulla minaccia « civilizzazionale », pochissimo sulla nozione di « popolo » e tradizione nel senso della vera destra ecc…insomma la solita visione individualistica), porta pero’ testimonianze da brividi sul vero viso dell’immigrazione, su come gli immigrati stanno buttando giu’ l’Europa, e su come i francesi sono stati lobotomizzati, « cerebrolavati » ad accettare passivamente questo destino.

    Lungo (e pieno dei miei errori di ortografia), ma va letto lo stesso !


    **************************************************
    **Fuggiasco !

    Domani, il sito verrà congelato per un periodo indeterminato : un agente dell’Enel mi toglierà l’elettricità e non saro’ piu in grado di utilizzare il computer, che sistemero’ finalmente in un cartone. Domenica lasciero’ il mio alloggio. Raggiungero’ le schiere di una categoria di francesi che cresce ogni anno : saro’ anch’io diventato un fuggiasco.

    Come sono finito per diventare anch’io un fuggiasco ? è semplicemente l’atto finale di una lunga rottura.

    Cinque mesi fa, decisi di lasciare il mio « simpatico quartiere » per motivi strettamente economici (NdDam : « simpatico quartiere » è il nome di una rubrica sul sito del tizio, dove, con la mappa del quartiere, racconta al lettore di quanto è stato testimone per anni… un « clandestini news » dal vivo, pane quotidiano dei francesi, e troppo banale per essere riportato nei giornali. Magari lo tradurro’ un di’ o l’altro. Per ora, lettura d’obbligo per chi capisce il francese http://racismeantiblanc.bizland.com...sympa/index.htm ). Da quando sono a Parigi, ho vissuto in un cubo di 30 m quadri, in una « résidence » privata. Pagavo il genere di somma di danaro che di deve pagare per avere vicini civilizzati. Questo significa che non prendevo molte ferie. Poi, a maggio scorso, tramite il mio lavoro, ho avuto l’opportunità di ottenere un appartamento HLM nuovo in una città di Seine-Saint-Denis (NdDam : da altre pagini nel sito si sa’ che il tipo lavora in prefettura, e quindi beneficia di facilitazioni per ottenere un HLM, cioè une alloggio « sociale » a costo molto basso. Gli HLM sono pieni di immigrati, sopratutto in Seine-Saint-Denis, ovviamente). Piu’ spazio, meno affitto da pagare : certo, nutrivo forti dubbi, ma finalmente, ho ceduto. Ho finito per spostarmi nel Nove-Tre come lo chiamano i « giovani », il dipartimento di Seine-Saint-Denis (NdDam : la Seine-Saint-Denis ha per numero amministrativo il 93, e lo si ritrova sulle targhe delle auto. i giovani afro-magrebini e i francesi negrizzati lo chiamano « nove-tre » seguendo la moda lanciata da un gruppo rap ultra violento che si vantava di provenirne. Tipo : « un posto da duri ». Occhio ragazzi, ne fuoriesco anch’io )

    I due primi mesi, era il paradiso. Vicini calmi, nessun problema, metropolitana vicina, 100 euro di piu’ al mese. Tutto andava per il meglio, quando un giorno un brano dei « Jackson 5 » a pieno volume venne coprire la musica che stavo ascoltando : « Monsieur Cherifi » era appena arrivato. Sbornie, urli diurni e notturni, parti comune del palazzo degradate. (NdDam : Cherifi, cognome tipicamente marochino. Notate il piccolo borghese francese. Piccolo piccolo piccolo : 100 euro, la musichetta, un Twix. Puo’ crollare il mondo ma è il paradiso, finche la puzza non gli arriva nelle narici)
    Di conseguenze : Visite a Monsieur Cherifi per chiedergli di abbassare un po’ la musica. Dispute all’una di notte tra Cherifi e diversi inquilini tra cui pure io. Insulte e minacce di Monsieur Cherifi. Segnalazzione al guardiano del palazzo. Causa fatta presso l’ufficio degli HLM. Poi alla polizia. Polizia chiamata. Mezzanotte passate in questura…
    Sono venuto anni fa’ in regione parigina per trovare un lavoro, ma sempre piu’ spesso mi sono chiesto « ma che cazzo faccio qui ? ».


    Quando sono arrivato nel 93, questa domanda era sempre piu viva. Prendendo la metropolitana e vedendo un bianco farsi spaccare un bicchiere in faccia da un nero perche si rifiutava di cedere il suo posto al « maestro africano ». Ma che cazzo faccio qui ? (NdDam : la storia del bichiere è documentata nella rubrica del « simpatico quartiere. Leggere per credere. ). Uscendo della metropolitana, sento il rumore dell’aqua che rimbomba sotto la volta in cemento, scopro un pakistano che piscia caminando nelle scale. Che cazzo faccio qui ? Andando bere un cafe, incrocio per la strada, scortato da due barbuti musulmani un essere impacchettato sotto una tela del quale pure gli occhi sono nascosti dietro a un velo opaco. Che cazzo faccio qui ?

    Vedendo in strada una banda di adolescenti africani e magrebini scappare dopo aver derubato « in forza » il panificio tenuto da una donna francese. Che cazzo faccio qui ?

    Ascoltando al telefono una mia ex-collega raccontarmi l’aggressione che ha subito la vigiglia. Ma che cazzo faccio qui ?

    Alla lavanderia automatica, vedendo un’africana incapace di capire come funzionasse la centralina di pagamento prendere a botte la lavatrice, sotto gli occhi di un’altro africano apatico. Che cazzo faccio qui ?

    Poi una sera, a mezzanotte, dopo che la vicina spagnola abbia urlato al balcone e dopo aver chiamato la polizia che non arriva, mi siedo sopra il casino e gli urli ubriacchi degli amici di Monsieur Cherifi : la risposta mi viene spontanea. Non ho nessuna ragione per rimanere qui.
    La missità « sociale », me ne frego. La facciano senza di me. Non ho vocazione per fare il baby-sitter per africani andicapati della lavatrice o per magrebini incontinenti del volume sonoro.

    Non ne posso piu’. Devo tornare a vivere con dei Francesi.
    Devo andarmene, il piu presto, il meglio. Ho dunque lasciato il mio lavoro per prendere un job in rapporto con le mie qualificazioni. Ormai posso lasciare la regione parigina senza timore professionale. E ora o mai, quindi è Ora. Subito.

    Non sono il primo a prendere le vie dell’esodo che portano un numero sempre maggiore di francesi di una città all’altra, alla ricerca di un quartiere non ancora saccheggiato. La famiglia dei « fuggiaschi » è una grande famiglia della quale i membri hanno diversi profili. Ci sono i fuggiaschi di buona o mala fede, i fuggiaschi integrali o parziali, i fuggiaschi cauti e i fuggiaschi disperati, ne conosco parecchi.

    Nel XVIIIesimo arrondissement di Parigi, due persone sono sul punto di diventare fuggiaschi. Jean Claude e suo amico abitano nel settore di Marx Dormoy, dove la maggioranza degli abitanti è costituita da immigrati. Una parte del quartiere è essenzialmente cinese, l’altra piuttosto afro-magrebina ; i due abitano in quest’ultima parte. Dopo qualche angolo di strada si arriva di fronte al loro domicilio. L’entrata della loro résidence è chiusa da una prima griglia che si apre con un codice di accesso. Si attraversa un piccolo giardino, e si arriva davanti alla porta del palazzo. Bisogna digitare un secondo codice di accesso, e solo dopo si arriva ai citofoni. « Siamo stati costretti a prendre queste misure perche si ritrovavavno siringhe nel hall del palazzo », mi risponde Jean-Claude quando evoco i dispositivi di sicurezza del suo palazzo. Poi continua sul pane quotidiano dei francesi nel quartiere : ostruzzioni di passaggio da parte degli adolescenti magrebini, con insulti razzisti. Nessun ristorante francese o europeo… L’amico di Jean-Claude esce solo per lavorare. Per il resto, se ne sta in casa e si rifiuta di uscire, anche per comprare il pane. Jean Claude dice che « non ne puo’ piu’ ». Sta cercando un alloggio altrove. E se non è fuggito prima, è perche l’appartamente gli appartiene. Jean Claude spiega che è andato in ambasciata di Croazia per sapere se un francese puo’ istallarsi facilmente laggiu’ « Perche in Croazia non ci sono queste etnie li ». Jean Claude e suo amico sono pronti per diventare fuggiaschi.

    Patrice è maturo per diventare fuggiasco anche lui. Sarà fuggiasco di malafede. E un giovanotto di 27 anni, figlio di sotto-prefetto e republicano di sinistra che canta a chi lo vuole sentire che odia un cosa sola, « il razzismo ». Ha preso con la sua compagna un appartamento nel Xecimo arrondissement a Parigi. Si « congratulava » per la « diversità » del quartiere, che considerava uno dei pregi maggior ai suoi occhi, perche la « diversità » va di moda. Una mattina ha ritrovato il suo motorino distrutto. Non rubato. Soltanto distrutto. Un altro giorno, scende in cantina per prendere i suoi attrezzi, e la scopre vuota. Poverino, non sa’ che a Parigi una cantina esiste solo per essere vuotata del suo contenuto ? Poi, è una sua vicina ad essere stuprata da un aggressore che gli ha messo una pistola sulla testa. Ammette poco dopo di non sentirsi in sicurezza quando camina per le strade del quartiere. Dopo un anno, Patrice dichiara che lui e la sua compagna hanno deciso di andarsene. Non serve chiedergli se, magari, i problemi di insicurezza ai quali è stato confrontato hanno un legame con le popolazioni per la presenza delle quali un anno fa era cosi entusiasta. « Non è razzista ». Patrice è un fuggiasco integrale di malafede che fugge per restare « tolerante ». Ufficialmente trasloca per trovare « piu confortevole ».

    Nathalie è mamma single, artista, abita Villeneuve d’Asq, nel nord della Francia. Ha una figlia di 16 anni, Agathe. Ha sempre messo la figlia nelle scuole statali. Nathalie non è razzista, e il passaggio di Le Pen al primo turno delle presidenziali l’ha orrificata. Ma un giorno, sul finire dell’anno scolastico 2001-2002 (NdDam : solo due mesi dopo l’orrificante primo turno ?!! Stronza !), mentre parlavamo, mi disse « Sai, non è piu possibile. Quando mia figlia torna da scuola, parla solo di Abdel o Rashid. Non ne posso piu’. L’anno prossimo la metto a X (scuola privata), deve sapere cos’è crescere tra francesi ! ». Quest’anno, Agathe è in pensione in questa scuola privata, e sembra che gli picia enormemente : sicuramente non ne ha coscienza, ma finalmente circondata da adolescenti simili a lei e di identica cultura, puo’ maturare serenamente. La madre, Nathalie è una fuggiasca parziale : ha traslocato sua figlia.

    Sandrine è impiegata statale. Anche lei madre single, due figlie. Dice che ha traslocato in « grande banlieue » (NdDam : grande periferia, oltre 30 km da Parigi), anche al costo di fare un’ora di macchina per « proteggere le sue figlie degli arabi ». Aggiunge « Eppure è stata dura, durante il divorzio ». Sandrine vuole che le sue figle diventino « Francesi, come lei ». Sandrine è una fuggiasca integrale, onesta. Ama le sue figlie e teme per loro. Ha agito di conseguenza.

    Catherine anche lei è impiegata statale, sposata con un colonello. E stuffa del stereotipo che vuole il militare « fascista per forza », si dichiara francamente repubblicana. Suo marito è stato mobilitato in Serbia durante la guerra nei Balcani. Ha tre figlie. Fino a poco tempo fa’, une era scolarizzata al liceo Bergson, nel XIXesimo arrondissement di Parigi. Catherine era soddisfatta del liceo dice, ma un giorno, per storie « missità sociale », la popolazione del liceo è cambiata. Non i programmi. Non i professori. Non il regolamento interno. Solo l’appartenenza etnica dei nuovi alunni. Il livello del liceo è iniziato a scendere, e sua figlia ha preso l’abitudine di tornare dalla scuola piena di lividi. « Grossi comme del piattini da servizio da thé ». Catherine non ci ha pensato due volte : uno dei suoi antenati era stato « Chevalier de la Légion d’Honneur » » (NdDam :ricompensa civile tipo « cavaliere ») , quindi ha compilato la domanda per che sua figlia venga accolta alla pensione per « les demoiselles de la légion d’honneur ».

    Nel fratempo, Hakima, una piccola magrebina scolarizzata in Seine-Saint-Denis ha fatto uno « stage » nel servizio di Catherine. Interrogata durante una discussione sulla violenza nella sua classe (4 professori aggrediti) ha spiegato ridendo che nella sua scuola « solo le francese vengono picchiate ». Catherine glie ne ha chiesto la ragione, e l’adolescente gli ha risposto « perche sono delle vittime ». Poco dopo, Catherine ha trovato la sua figlia in lacrime tornando dal lavoro. La piccola era stata inseguita da una banda di adolescenti afro-magrebini, e come dice la mamma : « meno male che c’era il guardiano »
    Oggi la figlia di Catherine non è alle « demoiselles de la Légion d’Honneur », perche non voleva andare in pensione, ma ha lasciato Bergson per Charlemagne. L’ultima volta che ho sentito del liceo Bergson, una piccola araba era stata aggredita all’acido nei bagni.
    Catherine è una fuggiasca parziale. Senz’aver votato Le Pen alle ultime presidenziali, dice di « non essere sorpresa », e ha chiesto alle sue figlie di non partecipare alle manifestazioni anti Le Pen con il resto della classe. Questi ultimi tempi, pero’, Catherine è sempre piu irritata dal suo quartiere, il XIXesimo arrondissement.

    Françoise, trent’anni circa, era presente quando la piccola Hakima ha racocntato che nella sua scuola, solo le francese venivano aggredite. Ha una figlioletta di 3 anni scolarizzata in Seine-Saint-Denis. L’anno scorso, questa bambinetta, bionda dagli occhi molto blu era nella « classe dei francesi ». Chiamata cosi perche vi erano 8 piccoli bianchi, mentre nelle altre classi, ce ne sono due o tre (NdDam : In Francia all’asilo nido, le classi sono composte da circa 25-30 alunni). Un giorno, l’angioletto, dopo la scuola ha detto : « Mamma, voglio essere nera ». A tre anni, la piccola creatura ha capito che essere bianca in Seine-saint-Denis rappresenta uno svantaggio. Françoise è disperata, e la rivelazione di Hakima gli aveva gia’ tirato un urlo. Françoise ci stà pensando.

    A dire il vero, la voglia di scrivere un’articolo sui fuggiaschi rimonta a molto prima della mia stessa decisione di lasciare il quartiere dove resido attualmente. Delle dichiarazioni di Malik Boutih, presidente di SOS-Racisme mi avevano gia interpellato in questo senso. Mi si perdonerà di non citarlo con precisione, ma gli archivi di questo sito sono gia’ nei cartoni. Nell’intervista, Malik Boutih si rammaricava per la « ghettoizzazione » di certi quartieri perche, diceva, i francesi « se ne vanno ».
    Se ne vanno…
    SE NE VANNO !?!

    Leggendo queste parole, ho pensato ai piu tristi dei fuggiaschi, i fuggiaschi disperati. Non quelli che lasciano un quartiere perche l’hanno scelto, ma perche ne sono cacciati. Delle ultime famiglie di francesi di un quartiere, quando la loro figlia è stata violentata a sessanta riprese da adolescenti afro-magrebini, quando padre e madre sono stati insultati e minacciati di morte, si puo’ dire che « se ne vanno » ?(NdDam : l’autore fa allusione a casi recenti di « tournantes », i stupri in branco dove poi famiglia e amici dei stupratori costringono l’intera famiglia della vittima alla fuga, con cambio di nome, e ammissione d’impotenza totale da parte dei poteri pubblici. Ad ottobre, hanno fatto vedere in tivu’ famiglie dei stupratori di una una ragazza –violentata oltre 20 volte- insultare la vittima fuori dal tribunale perche mandava i figli in gallera, mentre « era lei la puttana ». Scene di isterie. Tutti magrebini. A giurare vendetta sul Corano). La fuga di queste famiglie francesi, le ultime di un quartiere, quelli che non potevano partire prima, rivela, in modo amplificato, le ragioni che spingono un numero sempre maggiore di francesi a trasformarsi in fuggiaschi : « perche non è piu’ possibile ». Un’altra parola mi fa reagire : « ghettoizzazione ». Bisogna riccordare : un ghetto è il posto dove si costringeva della gente a vivere. Nei casi dei quartieri o delle cités afro-magrebini, la situazione è diversa. Sono le popolazione afro-magrebine a « fare il vuoto » attorno a loro. La partenza tragica delle famiglie di ragazze violentate da un indizio sufficente di cio che causa la fuga. La parola gehttoizzazione invece diffonde l’idea che le communità che si sono appropriato questi quartieri sono vittime di una sorta di razzismo, mentre è vero solo il contrario.

    Si fugge non perche si è razzisti ma perche si è vittima del razzismo antibianco cosi presente nelle communità afro-magrebine. Le donne che hanno cambiato la loro figlia di scuola non l’hanno fatto per oddio per gli africani o per i magrebini ma per amore dei proprii bambini. Non c’è nel fuggiasco nessuno volontà di mettere gli africani e i magrebini in un ghetto ma il desiderio di potere vivere « francesi » liberi.

    […](NdDam : taglio una piccola parte del discorso sulla natura dei « fuggiaschi », buonista-miserabilista « non vogliono cambiare l’ordine del mondo, chiedono solo tranquilità »…)

    Appartengo alla seconda categoria di fuggiaschi (NdDam : i fuggiaschi poveri). Ho lasciato la sicurezza del mio lavoro di impiegato statale e ho deciso di lasciare la regione parigina. Dopo aver vissuto 6 anni accanto ad africani e magrebini, ho finito per capire. Preferisco essere disoccupato nel Nord, mia regione, in una città col minor numero di africani e magrebini possibile, in una camera da 10 m quadri per 200 euro, circondato da francesi, che essere in minoranza e vittima del razzismo e della delinquenza dei quartieri afro-magrebini. Voglio vivere con gente che pensa come me, con gente che si comporta come me, che ha lo stesso temperamento di me perche ha le stesse mie origini, la stessa mia storia, con gente che celebra le stesse feste e le stesse gioie mie.
    All’ora di iniziare il mio esodo di fuggiasco, ritenevo importante mettere in linea quest’articolo relativo a questo fenomeno di società.

    ************

    « Mamma, voglio essere nera »…. Brrrr………



    E' questo il nostro destino??

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    email non funzionante
    Data Registrazione
    27 Aug 2009
    Messaggi
    809
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    E' davvero impressionante notare come mettendo i terroni al posto degli arabi il risultato finale resti pressochè identico

 

 

Discussioni Simili

  1. Leggete il comunicato in rilievo in tutti i forum.
    Di Thomas Aquinas nel forum Cattolici
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 23-11-05, 23:25
  2. Leggete e rabbrividite!!!
    Di arconovaldo nel forum Centrodestra Italiano
    Risposte: 14
    Ultimo Messaggio: 06-11-05, 09:50
  3. Leggete e rabbrividite!!!
    Di arconovaldo nel forum Centrodestra Italiano
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 03-11-05, 18:18
  4. ma leggete gli altri forum?
    Di concorde nel forum Aviazione Civile
    Risposte: 7
    Ultimo Messaggio: 19-08-04, 10:00
  5. NUOVISSIMO REGOLAMENTO DEL FORUM. Leggete ora e non rompete dopo.
    Di Tomás de Torquemada nel forum Destra Radicale
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 12-05-04, 02:07

Chi Ha Letto Questa Discussione negli Ultimi 365 Giorni: 0

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226