User Tag List

Pagina 1 di 6 12 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 57
  1. #1
    non umanista
    Data Registrazione
    19 May 2009
    Messaggi
    330
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Frutti del Nord frutti del Sud

    Frutti del nord

    Fratelli d'Italia,

    l'Italia s'è desta,
    dell'elmo di Scipio
    s'è cinta la testa.
    Dov'è la vittoria?
    Le porga la chioma,
    che schiava di Roma
    Iddio la creò.

    Stringiamci a coorte,
    siam pronti alla morte.
    Siam pronti alla morte,
    l'Italia chiamò.
    Stringiamci a coorte,
    siam pronti alla morte.
    Siam pronti alla morte,
    l'Italia chiamò!

    --------------------------------------------------------------------------------

    Noi fummo da secoli
    calpesti, derisi,
    perché non siam popolo,
    perché siam divisi.
    Raccolgaci un'unica
    bandiera, una speme:
    di fonderci insieme
    già l'ora suonò.

    Stringiamci a coorte,
    siam pronti alla morte.
    Siam pronti alla morte,
    l'Italia chiamò.
    Stringiamci a coorte,
    siam pronti alla morte.
    Siam pronti alla morte,
    l'Italia chiamò!
    Uniamoci, amiamoci,
    l'unione e l'amore
    rivelano ai popoli
    le vie del Signore.
    Giuriamo far libero
    il suolo natio:
    uniti, per Dio,
    chi vincer ci può?

    Stringiamci a coorte,
    siam pronti alla morte.
    Siam pronti alla morte,
    l'Italia chiamò.
    Stringiamci a coorte,
    siam pronti alla morte.
    Siam pronti alla morte,
    l'Italia chiamò!
    Dall'Alpi a Sicilia
    Dovunque è Legnano,
    Ogn'uom di Ferruccio
    Ha il core, ha la mano,
    I bimbi d'Italia
    Si chiaman Balilla,
    Il suon d'ogni squilla
    I Vespri suonò.

    Stringiamci a coorte,
    siam pronti alla morte.
    Siam pronti alla morte,
    l'Italia chiamò.
    Stringiamci a coorte,
    siam pronti alla morte.
    Siam pronti alla morte,
    l'Italia chiamò!
    Son giunchi che piegano
    Le spade vendute:
    Già l'Aquila d'Austria
    Le penne ha perdute.
    Il sangue d'Italia,
    Il sangue Polacco,
    Bevé, col cosacco,
    Ma il cor le bruciò.

    Stringiamci a coorte,
    siam pronti alla morte.
    Siam pronti alla morte,
    l'Italia chiamò.
    Stringiamci a coorte,
    siam pronti alla morte.
    Siam pronti alla morte,
    l'Italia chiamò!
    Sì (cantato)
    Ultima modifica di Sollus; 16-09-09 alle 08:47
    Maledetto è l'uomo che confida nell'uomo (Geremia 17 5)

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    non umanista
    Data Registrazione
    19 May 2009
    Messaggi
    330
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Frutti del Nord frutti del Sud

    Frutti del Nord

    Va, pensiero, sull'ali dorate;
    va, ti posa sui clivi, sui colli
    ove olezzano tepide e molli
    l'aure dolci del suolo natal!
    Del Giordano le rive saluta,
    di Sionne le torri atterrate.
    Oh, mia patria sì bella e perduta!
    Oh, membranza sì cara e fatal!

    Arpa d'or dei fatidici vati,
    perché muta dal salice pendi?
    Le memorie nel petto raccendi,
    ci favella del tempo che fu!
    O simile di Solima ai fati
    traggi un suono di crudo lamento,
    o t'ispiri il Signore un concento
    che ne infonda al patire virtù!
    Ultima modifica di Sollus; 16-09-09 alle 09:57
    Maledetto è l'uomo che confida nell'uomo (Geremia 17 5)

  3. #3
    non umanista
    Data Registrazione
    19 May 2009
    Messaggi
    330
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Frutti del Nord frutti del Sud

    Ultima modifica di Sollus; 16-09-09 alle 10:06
    Maledetto è l'uomo che confida nell'uomo (Geremia 17 5)

  4. #4
    non umanista
    Data Registrazione
    19 May 2009
    Messaggi
    330
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Frutti del Nord frutti del Sud

    Frutti del sud



    A lu suono de grancascia
    viva lu populo bascio.
    A lu suono de tamburrielli
    so' risurte li puverielli.
    A lu suono de campane
    viva viva li pupulane.
    A lu suono de viuline
    morte alli giacubbine.
    Sona sona
    sona Carmagnola
    sona li cunzigli
    viva 'o rre cu la famiglia.
    A sant'Eremo tanto forte
    l'hanno fatto comme 'a ricotta
    a 'stu curnuto sbrevognato
    l'hanno miso 'a mitria 'ncapa.
    Maistà chi t'ha traruto
    chistu stommaco chi ha avuto,
    'e signure 'e cavaliere
    te vulevano priggiuniere.
    Sona sona
    sona Carmagnola
    sona li cunzigli
    viva 'o rre cu la famiglia.
    Alli tridece de giugno
    sant'Antonio gluriuso
    'e signure 'sti birbante
    'e facettero 'o mazzo tanto.
    So' venute li Francise
    aute tasse 'nce hanno mise
    liberté... egalité...
    tu arrubbe a me
    i'arrobbo a ttè...
    Sona sona
    sona Carmagnola
    sona li cunzigli
    viva 'o rre cu la famiglia.
    Li Francise so' arrivate
    'nce hanno bbuono carusate
    e vualà e vualà
    cavece 'nculo alla libertà.
    A lu ponte 'a Maddalena
    'onna Luisa è asciuta prena,
    e tre miedece che banno
    nun la ponno fa sgrava'.
    Sona sona
    sona Carmagnola
    sona li cunzigli
    viva 'o rre cu la famiglia.
    A lu muolo senza guerra
    se tiraje l'albero 'nterra
    afferrajeno 'e giacubbine
    'e facettero 'na mappina.
    E' fernuta l'uguaglianza
    è fernuta la libertà,
    pe' vuje sò dulure 'e panza
    signo' jateve a cucca'.
    Sona sona
    sona Carmagnola
    sona li cunziglie
    viva 'o rre cu la famiglia.
    Passaje lu mese chiuvuso
    lu ventuso e l'addiruso
    a lu mese ca se mete
    hanno avuto l'aglio arrete.
    Viva tata maccarone
    ca rispetta la religione,
    giacubbine jate a mmare
    ca v'abbrucia lu panare.
    Sona sona
    sona Carmagnola
    sona li cunzigli
    viva 'o rre cu la famiglia.


    I padani non arriveranno mai a tali livelli di conservatorismo.
    Maledetto è l'uomo che confida nell'uomo (Geremia 17 5)

  5. #5
    non umanista
    Data Registrazione
    19 May 2009
    Messaggi
    330
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Frutti del Nord frutti del Sud

    Frutti del Nord

    Il buonismo giudiziario di cui soffre l'Italia lo dobbiamo ad opere come questa:
    Maledetto è l'uomo che confida nell'uomo (Geremia 17 5)

  6. #6
    Conservatorismo e Libertà
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Messaggi
    17,352
    Mentioned
    14 Post(s)
    Tagged
    5 Thread(s)

    Predefinito Rif: Frutti del Nord frutti del Sud

    Non ho capito il senso di questa discussione...o forse sì.

  7. #7
    non umanista
    Data Registrazione
    19 May 2009
    Messaggi
    330
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Post Rif: Frutti del Nord frutti del Sud

    Il senso di questa discussione è che al nord se la cantano e se la suonano.

    Noi al sud uno stato ce l'abbiamo dal XII secolo.

    Al nord hanno importato il napoleonismo e il liberalismo.

    Hanno voluto lo stato accentrato e ora non gli va più bene.

    Hanno voluto il tricolore giacobino e ora non gli va più bene.

    Hanno voluto l'inno di Mameli e ora va bene Verdi.

    Negli anni '80 ho ascoltato frotte di nordisti esaltare quel buonista ante litteram di Beccaria e ora hanno scoperto che il politically correct non si porta più.

    Hanno voluto il fascismo (il sud era in maggioranza a-fascista) e poi hanno votato in massa per la repubblica, che poi però non è andata più bene.

    Ne abbiamo le palle piene, tutto qui.

    Fatela 'sta secessione e non rompete più i Maroni

    E se i leghisti non ce l'hanno 'sta maggioranza, si ritirino sulle montagne e si facciano la loro Svizzera.

    Chiaro il concetto?
    Maledetto è l'uomo che confida nell'uomo (Geremia 17 5)

  8. #8
    Becero Reazionario
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    Königreich beider Sizilien
    Messaggi
    18,031
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Frutti del Nord frutti del Sud

    Santa fede e brigantaggio
    Pierfrancesco Palmisano
    30/11/2005


    Se c'è un' accusa alla quale chi è rimasto fedele alla tradizione cattolica è abituato è quella di essere «all'antica».
    Ad essa ne vanno aggiunte altre: «oscurantista», «becero reazionario», «retrogrado», «rimasto indietro», «non al passo coi tempi», «nemico del progresso», etc.
    Se ci si fa caso tutti questi epiteti possono essere affibbiati (magari aggiungendo «borbonico») ai meridionali in generale, a prescindere da ogni valutazione sulle loro idee.
    Tutto ciò fa di chi scrive un retrogrado all'ennesima potenza.
    Solo un caso? O c'è qualcosa che accomuna il meridionale tipo al tradizionalista (1) tipo?
    In un recente studio del professor Vito Plantamura dell'Università di Bari, apparso sulla Rivista della Scuola Superiore dell'Economia e della Finanza, si ripercorre la storia d'Italia analizzando la contrapposizione fra «due opposti fronti, che possono denominarsi, rispettivamente, della tradizione e della progressione». (2)
    Il cosiddetto «fronte della progressione» ha portato avanti per secoli la sua attività antitradizionale «e dunque anticattolica», fino al suo successo culminante: la Rivoluzione Francese.

    «La data più significativa della rivoluzione in questione non è costituita dal 1789, anno della presa della Bastiglia, e neppure dal 1793, data della decapitazione del re, ma dal 1717, anno al quale, convenzionalmente, si fa risalire la fondazione della gran loggia di Londra. Ma cosa era avvenuto mai, nei secoli che separano i suindicati eventi, dalle lotte tra gli imperatori ghibellini ed i comuni guelfi? Era avvenuta la degenerazione più avanzata della società cattolica: la rinascenza, l'umanesimo, la riforma protestantica, il razionalismo, si pongono tutti come antecedenti naturali della rivoluzione francese».
    Dalla Massoneria nasce dunque lo spirito giacobino.
    Che si scaglia contro il suo nemico.
    «Ciò che però, almeno in questa sede, è indispensabile chiarire, è che il vero nemico del giacobinismo non fu affatto rappresentato dalla monarchia, ma dalla Chiesa cattolica. Infatti, se certamente il re di Francia costituiva il principale nemico per i giacobini, questo era dovuto essenzialmente al fatto che trattavasi di un sovrano cattolico, re per diritto divino. Ed è per questo, poi, che si può facilmente spiegare il paradosso, solo apparente, dell'esistenza di alcuni sovrani europei - e addirittura di un imperatore, come Napoleone Bonaparte - di fede giacobino-massonica. […] E proprio le feroci persecuzioni subite dalla Chiesa cattolica sotto i regimi repubblicani giacobino-liberali, quasi sempre neglette dalla storiografia ufficiale, costituirono la vera causa scatenante delle insorgenze controrivoluzionarie: ed è per questo, poi, che, in tutta l'Europa, il grido di guerra dei reazionari non fu principalmente 'viva il re', ma piuttosto 'viva Maria' o, a Napoli, 'viva san Gennaro', quasi a riecheggiare il 'Dio lo vuole', dei cavalieri cristiani della prima crociata». (3)

    La storia dello scontro tra cattolicesimo e sovversione si fa più aspra proprio nel sud Italia, in occasione dell'invasione francese del 1799.
    L'epopea di quella che è stata chiamata la «Vandea italiana» (4) ha un protagonista principale: il cardinale Fabrizio Ruffo di Calabria.
    «Nel meridione, la popolazione - guidata, come è noto, dal principe cardinale Ruffo, partito da Palermo con al seguito solo sei persone - riuscì con le sue sole forze a riconquistare il regno, e a restituirlo al legittimo sovrano. L'armata della 'santa fede' rappresentò, quindi, un unicum in tutto il panorama europeo dell'epoca, perché fu la sola armata esclusivamente popolare che risultò vittoriosa - per altro, in maniera, schiacciante - contro le forze congiunte dell'invasore giacobino e di quella parte dell'aristocrazia e della borghesia liberale meridionale che - per reale convinzione o per convenienza - si era schierata a favore dei francesi. Dunque, è proprio con il sanfedismo che il popolo meridionale si caratterizzò definitivamente quale popolo reazionario per eccellenza. E questo avrebbe segnato irrimediabilmente il suo destino».

    Già, il destino del sud, del «Regno delle Due Sicilie», è da quel momento segnato.
    Il regno di Ferdinando I (ultimo sovrano europeo ad aver tagliato il codino nobiliare, simbolo reazionario per eccellenza) diventa un fastidioso cuneo di tradizione cattolica (ma anche di benessere - prima dell'unificazione il sud era la zona più ricca d'Italia) nel Mediterraneo.
    Da allora apriti cielo!
    Ambasciatori inglesi, letterati francesi e tedeschi, giornali di tutte le nazioni (ma di un'unica «setta») accomunano il re del sud ed il Papa con le stesse accuse: «oscurantista», «reazionario», «retrogrado».
    Per il «Regno delle Due Sicilie» ne fu coniata un'altra che ebbe fortuna: «negazione di Dio sulla terra» (5).
    Beh, detto da un massone doc come lord Gladstone (cugino e «fratello» del primo ministro inglese Palmerstone) non c'è male come complimento.

    Fu dunque il «Piemonte anticattolico», nell'ambito dell'offensiva lanciata, a livello mondiale, dalla «setta» contro i sovrani di diritto divino (6), ad «occuparsi» del regno del sud.
    I meridionali non furono solo conquistati, ma spogliati delle proprie ricchezze e «colonizzati» dal punto di vista sociale e «culturale» (7).
    Vittorio Emanuele II, Cavour e Garibaldi, burattini nelle mani della Massoneria inglese, portarono a termine la prima parte di quella missione che doveva compiersi nel 1870 con la presa di Roma e, a livello europeo, con la prima guerra mondiale, che sconfisse gli ultimi sovrani per diritto divino (rivoluzione bolscevica e caduta dello zar in Russia; disfatta militare degli «imperi centrali» e soppressione delle ultime vestigia del Sacro Romano Impero, cioè dell'impero asburgico).
    Il popolo meridionale si ribellò alla conquista piemontese ed all'attacco alla propria religione («schiacceremo il sacerdotal vampirio» proclamava il piemontese generale Pinelli, antesignano dei moderni anticlericali).
    La guerra di brigantaggio che ne seguì fece più morti di tutte le guerre di indipendenza contro l'Austria, ma la vittoria, che arrise al Ruffo, mancò.

    E 150 anni dopo ci ritroviamo con un sud povero, allora derubato, oggi accusato di essere la assistita palla al piede dell'economia italiana; e con la Chiesa alla quale si rimproverano i vantaggi derivanti dal Concordato, dimenticando che il Concordato è solo un - pur parzialissimo - indennizzo delle ricchezze (e non parliamo solo di denaro o palazzi: parliamo dell'intero Lazio, dell'Umbria, delle Marche, della Romagna, delle città di Roma, Ancona, Perugia, etc.) sottratte con la forza dallo Stato italiano al Papato.
    Ma tant'è: ormai si dice che i «buoni» dimenticano in fretta e solo i «cattivi» hanno la memoria lunga.
    Accetteremo anche questo: oscurantisti, reazionari, retrogradi, borbonici… e cattivi.

    Pierfrancesco Palmisano

    Note
    1) Usiamo il termine «tradizionalismo» per brevità, sebbene non ci piaccia: tutti gli «ismi» sottendono una «ideologizzazione» che la mentalità tradizionale cattolica non ha mai conosciuto.
    2) Rivista della Scuola superiore dell'economia e delle finanze, anno II, numero 11.
    3) Rivista della Scuola, ibidem.
    4) Massimo Viglione, «La Vandea italiana», Effedieffe edizioni.
    5) Carlo Alianello, «La conquista del Sud», Rusconi.
    6) E. Malinsky, L. de Poncins, «La guerra occulta», Edizioni di Ar.
    7) In realtà la parola «cultura» (come anche «civilizzazione») è di per sé massonica. Non per niente il massone Bismark chiamò «kulturkampf» (battaglia culturale) la sua offensiva contro la Chiesa, volta a sradicare il cattolicesimo dai cuori del popolo tedesco. In questo senso si potrebbe parlare di «inculturazione» ovvero di «inoculazione della cultura», analogamente a ciò che potrebbe farsi con un veleno. In quest'ottica, quando i «progressisti» vantano che la cultura sia solo di «sinistra», non c'è da parte nostra, che da rallegrarsi. Da parte nostra riteniamo sensato proporre l'alternativa «Chiesa o cultura». E non sceglieremmo la seconda.

    EFFEDIEFFE Giornale on-line - Direttore Maurizio Blondet

  9. #9
    Juv
    Juv è offline
    Moderatore
    Data Registrazione
    03 Jun 2006
    Località
    Quel Posto Davanti al Mare
    Messaggi
    32,725
    Mentioned
    54 Post(s)
    Tagged
    3 Thread(s)

    Predefinito Rif: Frutti del Nord frutti del Sud

    Citazione Originariamente Scritto da Old Right Visualizza Messaggio

    Chiaro il concetto?
    Fai lo sborone dicendo che auspichi la secessione, ma in realtà se si facesse veramente ti scoccierebbe alquanto.
    Ultima modifica di Juv; 16-09-09 alle 14:10
    "Insomma se è in gamba, ti porta l'aereo così basso.. ehehehe...
    Lei dovrebbe vederlo, è uno spettacolo: un gigante come il B-52.... BHOOAAAMMM!!!!.. con i gas di scarico t'arrostisce le oche vive!!"

  10. #10
    non umanista
    Data Registrazione
    19 May 2009
    Messaggi
    330
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Frutti del Nord frutti del Sud

    Guarda che non mi scoccerebbe affatto.
    L'Italia senza la Padania sempre Italia sarebbe.

    E poi mica potete fare come quei bambini che non vogliono crescere?

    Forza! Emancipatevi, rompete le catene, secondo il verbo del progresso.

    Negli anni '90 eravate liberisti. Oggi siete protezionisti. Domani forse comunisti.

    Via dall'Italia!!!
    Ultima modifica di Sollus; 16-09-09 alle 14:14
    Maledetto è l'uomo che confida nell'uomo (Geremia 17 5)

 

 
Pagina 1 di 6 12 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Dai loro frutti li riconoscerete
    Di Giovanni dalle Bande Nere nel forum Destra Radicale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 23-01-13, 02:24
  2. I frutti avvelenati......
    Di mustang nel forum Centrodestra Italiano
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 31-07-09, 09:25
  3. Frutti Tropicali
    Di Rain Forest nel forum Regno delle Due Sicilie
    Risposte: 9
    Ultimo Messaggio: 19-10-06, 23:07
  4. Frutti Tropicali
    Di Rain Forest nel forum Energia, Ecologia e Ambiente
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 13-10-06, 14:07
  5. I Frutti E L'albero
    Di Zdenek nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 14-03-06, 21:01

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226