User Tag List

Risultati da 1 a 10 di 10
  1. #1
    Registered User
    Data Registrazione
    23 Aug 2002
    Località
    CATANIA
    Messaggi
    352
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Lazio la squadra di Mussolini!

    Guardate cosa ho trovato nella rete facendo una ricerca sugli Ultras della Lazio considerati dei Camerati
    Da notare il lato di parte di chi scrive l'articolo


    "La squadra di Mussolini?

    La Lazio ha sempre avuto disgustosi punti di contatto e un orientamento verso l'estremità nera dello spettro politico. Mussolini adorava la squadra, facendosi spesso vedere in tribuna. Il Duce ha persino costruito lo stadio attuale della Lazio, sostituendo il vecchio stadio del PNF. In parte, Mussolini era attratto da Silvio Piola, l'inarrestabile attaccante della squadra. Ma i fascisti avevano una più profonda attrazione per il club. Fondato nel 1900 da ufficiali dell'esercito italiano, il club si è circondato di un etos marziale. Il logo della squadra, un'aquila dallo sguardo fiero, ha l'aria di poter essere stato strappato da uno dei berretti di Mussolini. E con la sua base di tifosi a Roma Nord, la Lazio ha attratto i negozianti conservatori e i bifolchi che costituivano il popolino fascista.
    Con lo sbiadirsi del ricordo di Mussolini, l'affetto della Lazio per il fascismo è aumentato. I partiti di destra come la vecchia Alleanza Nazionale ha usato lo stadio della squadra come terreno per il reclutamento. Negli anni 80, la politica degli ultras ha assunto tratti xenofobi e razzisti mentre l'Italia attirava giocatori africani e brasiliani. Nuovi velenosi slogan e striscioni hanno cominciato ad apparire nella Curva Nord, la parte ultras dello stadio della Lazio. Prima di una partita, l'anno scorso, la polizia ha sequestrato 60 diversi striscioni razzisti e antisemiti ma ne ha mancati diversi altri, tra i quali uno striscione di 50 metri che derideva i tifosi dei rivali dell'altra sponda dichiarando che essi avevano "una squadra nera, una home end (n.d.t.: non so tradurlo) ebrea". In un'altra partita contro la Roma, gli avversari furono salutati con un'insegna che diceva loro "Auschwitz è la vostra casa, i forni le vostre case". Si sa degli ultras che si riferiscono agli ideali nazisti quando pronunciano "S.S." in S.S.Lazio (n.d.t.: tradotta liberamente). E quando guardate le partite della Lazio su Fox Sports World, potete ancora scorgere i lineamenti di Mussolini esibiti da un pubblico adorante.
    Gli ultras non fanno solo affermazioni politiche. A loro piace mettere in azione i propri slogan. Nelle passate due stagioni, la polizia ha collegato gli ultras della Lazio a diversi atti di terrorismo nazionale. Uno ha piazzato una bomba in un museo dedicato alla resistenza italiana nella Seconda Guerra Mondiale. La polizia di Roma ha anche disinnescato una bomba della Lazio (n.d.t.: sic) in un teatro che aveva in scena un documentario su Adolf Eichmann. In altre occasioni, i tifosi della Lazio hanno dissacrato cimiteri ebraici e hanno picchiato giocatori di squadre avversarie. Persino per i vergognosi standard del calcio europeo, i tifosi della Lazio sono un esempio pratico di amoralità.
    Oltretutto, la Lazio rispecchia i sentimenti dei suoi fan. A differenza della Roma o di praticamente qualsiasi altra squadra della Serie A, le file della Lazio sono prive di giocatori neri. Quando una volta ne hanno preso uno, l'olandese Aaron Winter, egli se n'è andato velocemente dopo che i fan lo avevano perseguitato con canti come "ebreo negro". Cosa abbastanza sospetta, quasi tutti gli attuali acquisti stranieri della Lazio provengono da paesi con un passato fascista - Cile, Argentina e Serbia. Il difensore della squadra, Sinisa Mihajlovic, strombazza senza problemi la sua devozione per Slobodan Milosevic e la sua amicizia con il paramilitare leader serbo Arkan, la cui banda di teppisti ha stuprato e saccheggiato in tutta la Bosnia. Quando Arkan è stato ucciso, Mihajlovic ha pubblicato un commosso necrologio in un quotidiano di Belgrado.
    Se questo non convinse la dirigenza della Lazio a prendere le distanze da Mihajlovic - o, meglio ancora, rispedirlo a Belgrado - avrebbe dovuto farlo il suo comportamento sul campo. Nella passata stagione, un giocatore di origini senegalesi ha accusato Mihajlovic di averlo chiamato "scimmia nera del *****". (Intervistato sull'affermazione, ha dichiarato: "L'ho chiamato ***** nera. Non l'ho chiamato scimmia nera"). Ahimé, la punizione della Lazio per Mihajlovic è ammontata a poco più di forzate scuse pubbliche. Il suo allenatore l'ha persino difeso: "Non so se si possa chiamarlo razzismo. E' semplicemente prendere in giro qualcuno." E pochi istanti dopo le scuse di Mihajlovic, in una partita in casa, i tifosi hanno cominciato a fare il verso della scimmia ogni volta che un giocatore nigeriano toccava palla.
    Per un certo periodo, è stato possibile nascondre l'imbarazzo della Lazio. La squadra nuotava a metà classifica. Ma alla fine degli anni '90 è emersa come una potenza in ambito europeo, vincendo la Coppa Uefa (n.d.t.: sic) e lo Scudetto, il campionato nazionale. Dell'ascesa della Lazio ha fatto le spese la salute della lega, e l'etos del club ha infettato l'intera cultura del calcio italiano. Alcuni dei migliori giocatori italiani, come Zinedine Zidane, se ne sono andati nel campionato spagnolo, che si comporta meglio ed è di qualità superiore. Altri, come il magnifico brasiliano Cafu, si sono lamentati del razzismo e hanno apertamente considerato di lasciarsi dietro l'Italia. Persino il presidente della Lazio Sergio Cragnotti parla del proprio club in termini di disgusto, chiamando i suoi tifosi "imbecilli", e spesso minaccia di dare le dimissioni. Dopo aver consegnato agli africani la Shalom Cup, comunque, per un attimo si è rasserenato ed ha persino descritto il momento come un "atto di civiltà". Era il primo della Lazio."

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Registered User
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Messaggi
    1,665
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Mio buon amico e camerata, stavolta fraternamente ti dico che ti sbagli.
    Mussolini era romanista. Nulla da dire sul sentiment del team biancoceleste, ma se andiamo a toccare la storia non è così.

    Ma questo ha ben poca importanza. L'importante è dare allo sport il significato che lo sport ha, come l'abitudine per la gioventù a lottare lealmente e vincere socialmente così come perdere uniti, il rispetto dell'avversario e l'amore per la cultura fisica per potenziare la concentrazione mentale, il credere in sè stessi e nelle proprie potenzialità, il misurarsi e conoscere i propri limiti, il superare questi limiti con pazienza e senza scorrettezze, il trovare conforto, appoggio, solidarietà nei compagni di squadra, il volere insieme ed il ridere ed il divertirsi insieme....

    Tutto questo è stato distrutto, strappato dai cani di questa inciviltà....

    Ciao!!

    P.s. Ha ancora importanza se il Duce era romanista o laziale??


  3. #3
    Registered User
    Data Registrazione
    23 Aug 2002
    Località
    CATANIA
    Messaggi
    352
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Originally posted by angelo nero
    Mio buon amico e camerata, stavolta fraternamente ti dico che ti sbagli.
    Mussolini era romanista. Nulla da dire sul sentiment del team biancoceleste, ma se andiamo a toccare la storia non è così.

    Ma questo ha ben poca importanza. L'importante è dare allo sport il significato che lo sport ha, come l'abitudine per la gioventù a lottare lealmente e vincere socialmente così come perdere uniti, il rispetto dell'avversario e l'amore per la cultura fisica per potenziare la concentrazione mentale, il credere in sè stessi e nelle proprie potenzialità, il misurarsi e conoscere i propri limiti, il superare questi limiti con pazienza e senza scorrettezze, il trovare conforto, appoggio, solidarietà nei compagni di squadra, il volere insieme ed il ridere ed il divertirsi insieme....

    Tutto questo è stato distrutto, strappato dai cani di questa inciviltà....

    Ciao!!

    P.s. Ha ancora importanza se il Duce era romanista o laziale??

    Black Angel io non ho detto che ha importanza o meno o solo riportato la news della simpatia che hanno i tifosi laziali verso Mussolini
    Poi Mussolini per chi tifava tifava a poca importanza...



  4. #4
    Registered User
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Messaggi
    1,665
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito


  5. #5
    Registered User
    Data Registrazione
    25 Nov 2002
    Messaggi
    5
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Veniamo da lontano



    lo stemma della SS Lazio nel 1927

  6. #6
    Registered User
    Data Registrazione
    23 Aug 2002
    Località
    CATANIA
    Messaggi
    352
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Grazie dell'immgine non l'avevo mai vista

  7. #7
    AC Milan 1899
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Messaggi
    12,999
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Tra la miriade di cazzate scritte da questo ignorante giornalista inglese spiccano:

    La Lazio ha vinto la Coppa Uefa! quando invece ha vinto la Coppa delle coppe e che Zidane se ne è andato per colpa della lazio?!? Quando tutto il mondo sa che se ne andato perchè a sua moglie non piaceva Torino e preferisce Madrid e lui si era stufato di stare alla juve.

    Lo striscione che l'ignorante giornalista inglese non riesce a tradurre è "Squadra de negri curva d'ebrei", i tifosi della Lazio diccon SS per intendere la Societa Sportiva e non certo le milizie del Fuhrer, ripeto quest'articolo raccogli una marea di cazzate.

    Sinceramente non capisco come alcuni tifosi della Lazio su questo forum se ne stiano vantando invece di essere amareggiati per essere stati infamati da qualche tabloid inglese..... bah?!?!

    Cmq Tomas se boui questo thread puoi benissimo mandarmelo su Pianeta Ultras o al limite ricopiarlo, fai tu.

  8. #8
    Moderatore
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Località
    Messina
    Messaggi
    18,415
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Originally posted by Gianmario
    Cmq Tomas se boui questo thread puoi benissimo mandarmelo su Pianeta Ultras o al limite ricopiarlo, fai tu.
    Te ne ho mandato una copia...

    Ciao.

  9. #9
    Forumista storico
    Data Registrazione
    10 Oct 2009
    Messaggi
    32,649
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Lazio la squadra di Mussolini!

    Originally posted by Ryo Saeba
    Guardate cosa ho trovato nella rete facendo una ricerca sugli Ultras della Lazio considerati dei Camerati
    Da notare il lato di parte di chi scrive l'articolo


    "La squadra di Mussolini?

    La Lazio ha sempre avuto disgustosi punti di contatto e un orientamento verso l'estremità nera dello spettro politico. Mussolini adorava la squadra, facendosi spesso vedere in tribuna. Il Duce ha persino costruito lo stadio attuale della Lazio, sostituendo il vecchio stadio del PNF. In parte, Mussolini era attratto da Silvio Piola, l'inarrestabile attaccante della squadra. Ma i fascisti avevano una più profonda attrazione per il club. Fondato nel 1900 da ufficiali dell'esercito italiano, il club si è circondato di un etos marziale. Il logo della squadra, un'aquila dallo sguardo fiero, ha l'aria di poter essere stato strappato da uno dei berretti di Mussolini. E con la sua base di tifosi a Roma Nord, la Lazio ha attratto i negozianti conservatori e i bifolchi che costituivano il popolino fascista.
    Con lo sbiadirsi del ricordo di Mussolini, l'affetto della Lazio per il fascismo è aumentato. I partiti di destra come la vecchia Alleanza Nazionale ha usato lo stadio della squadra come terreno per il reclutamento. Negli anni 80, la politica degli ultras ha assunto tratti xenofobi e razzisti mentre l'Italia attirava giocatori africani e brasiliani. Nuovi velenosi slogan e striscioni hanno cominciato ad apparire nella Curva Nord, la parte ultras dello stadio della Lazio. Prima di una partita, l'anno scorso, la polizia ha sequestrato 60 diversi striscioni razzisti e antisemiti ma ne ha mancati diversi altri, tra i quali uno striscione di 50 metri che derideva i tifosi dei rivali dell'altra sponda dichiarando che essi avevano "una squadra nera, una home end (n.d.t.: non so tradurlo) ebrea". In un'altra partita contro la Roma, gli avversari furono salutati con un'insegna che diceva loro "Auschwitz è la vostra casa, i forni le vostre case". Si sa degli ultras che si riferiscono agli ideali nazisti quando pronunciano "S.S." in S.S.Lazio (n.d.t.: tradotta liberamente). E quando guardate le partite della Lazio su Fox Sports World, potete ancora scorgere i lineamenti di Mussolini esibiti da un pubblico adorante.
    Gli ultras non fanno solo affermazioni politiche. A loro piace mettere in azione i propri slogan. Nelle passate due stagioni, la polizia ha collegato gli ultras della Lazio a diversi atti di terrorismo nazionale. Uno ha piazzato una bomba in un museo dedicato alla resistenza italiana nella Seconda Guerra Mondiale. La polizia di Roma ha anche disinnescato una bomba della Lazio (n.d.t.: sic) in un teatro che aveva in scena un documentario su Adolf Eichmann. In altre occasioni, i tifosi della Lazio hanno dissacrato cimiteri ebraici e hanno picchiato giocatori di squadre avversarie. Persino per i vergognosi standard del calcio europeo, i tifosi della Lazio sono un esempio pratico di amoralità.
    Oltretutto, la Lazio rispecchia i sentimenti dei suoi fan. A differenza della Roma o di praticamente qualsiasi altra squadra della Serie A, le file della Lazio sono prive di giocatori neri. Quando una volta ne hanno preso uno, l'olandese Aaron Winter, egli se n'è andato velocemente dopo che i fan lo avevano perseguitato con canti come "ebreo negro". Cosa abbastanza sospetta, quasi tutti gli attuali acquisti stranieri della Lazio provengono da paesi con un passato fascista - Cile, Argentina e Serbia. Il difensore della squadra, Sinisa Mihajlovic, strombazza senza problemi la sua devozione per Slobodan Milosevic e la sua amicizia con il paramilitare leader serbo Arkan, la cui banda di teppisti ha stuprato e saccheggiato in tutta la Bosnia. Quando Arkan è stato ucciso, Mihajlovic ha pubblicato un commosso necrologio in un quotidiano di Belgrado.
    Se questo non convinse la dirigenza della Lazio a prendere le distanze da Mihajlovic - o, meglio ancora, rispedirlo a Belgrado - avrebbe dovuto farlo il suo comportamento sul campo. Nella passata stagione, un giocatore di origini senegalesi ha accusato Mihajlovic di averlo chiamato "scimmia nera del *****". (Intervistato sull'affermazione, ha dichiarato: "L'ho chiamato ***** nera. Non l'ho chiamato scimmia nera"). Ahimé, la punizione della Lazio per Mihajlovic è ammontata a poco più di forzate scuse pubbliche. Il suo allenatore l'ha persino difeso: "Non so se si possa chiamarlo razzismo. E' semplicemente prendere in giro qualcuno." E pochi istanti dopo le scuse di Mihajlovic, in una partita in casa, i tifosi hanno cominciato a fare il verso della scimmia ogni volta che un giocatore nigeriano toccava palla.
    Per un certo periodo, è stato possibile nascondre l'imbarazzo della Lazio. La squadra nuotava a metà classifica. Ma alla fine degli anni '90 è emersa come una potenza in ambito europeo, vincendo la Coppa Uefa (n.d.t.: sic) e lo Scudetto, il campionato nazionale. Dell'ascesa della Lazio ha fatto le spese la salute della lega, e l'etos del club ha infettato l'intera cultura del calcio italiano. Alcuni dei migliori giocatori italiani, come Zinedine Zidane, se ne sono andati nel campionato spagnolo, che si comporta meglio ed è di qualità superiore. Altri, come il magnifico brasiliano Cafu, si sono lamentati del razzismo e hanno apertamente considerato di lasciarsi dietro l'Italia. Persino il presidente della Lazio Sergio Cragnotti parla del proprio club in termini di disgusto, chiamando i suoi tifosi "imbecilli", e spesso minaccia di dare le dimissioni. Dopo aver consegnato agli africani la Shalom Cup, comunque, per un attimo si è rasserenato ed ha persino descritto il momento come un "atto di civiltà". Era il primo della Lazio."
    scusami se mi permetto ma wunter non e' rimasto poi tanto poco,
    Mihajlovic poi anche non essendo una persona da stimare non e' che sia simpatico alla curva.
    Inoltre ricordo che nell'incontro di Champions League fu apostrofato da Vieira come "zingaro di merda" quindi anche all'estero non e' che siano meglio.
    E poi cosa mi dici delle altre cureve italiene che sventolano celtiche a tutto spiano?

  10. #10
    Registered User
    Data Registrazione
    07 Mar 2002
    Località
    palayork
    Messaggi
    3,243
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Lazio la squadra di Mussolini!

    Originally posted by Ryo Saeba
    Guardate cosa ho trovato nella rete facendo una ricerca sugli Ultras della Lazio considerati dei Camerati
    Da notare il lato di parte di chi scrive l'articolo


    "La squadra di Mussolini?

    La Lazio ha sempre avuto disgustosi punti di contatto e un orientamento verso l'estremità nera dello spettro politico. Mussolini adorava la squadra, facendosi spesso vedere in tribuna. Il Duce ha persino costruito lo stadio attuale della Lazio, sostituendo il vecchio stadio del PNF. In parte, Mussolini era attratto da Silvio Piola, l'inarrestabile attaccante della squadra. Ma i fascisti avevano una più profonda attrazione per il club. Fondato nel 1900 da ufficiali dell'esercito italiano, il club si è circondato di un etos marziale. Il logo della squadra, un'aquila dallo sguardo fiero, ha l'aria di poter essere stato strappato da uno dei berretti di Mussolini. E con la sua base di tifosi a Roma Nord, la Lazio ha attratto i negozianti conservatori e i bifolchi che costituivano il popolino fascista.
    Con lo sbiadirsi del ricordo di Mussolini, l'affetto della Lazio per il fascismo è aumentato. I partiti di destra come la vecchia Alleanza Nazionale ha usato lo stadio della squadra come terreno per il reclutamento. Negli anni 80, la politica degli ultras ha assunto tratti xenofobi e razzisti mentre l'Italia attirava giocatori africani e brasiliani. Nuovi velenosi slogan e striscioni hanno cominciato ad apparire nella Curva Nord, la parte ultras dello stadio della Lazio. Prima di una partita, l'anno scorso, la polizia ha sequestrato 60 diversi striscioni razzisti e antisemiti ma ne ha mancati diversi altri, tra i quali uno striscione di 50 metri che derideva i tifosi dei rivali dell'altra sponda dichiarando che essi avevano "una squadra nera, una home end (n.d.t.: non so tradurlo) ebrea". In un'altra partita contro la Roma, gli avversari furono salutati con un'insegna che diceva loro "Auschwitz è la vostra casa, i forni le vostre case". Si sa degli ultras che si riferiscono agli ideali nazisti quando pronunciano "S.S." in S.S.Lazio (n.d.t.: tradotta liberamente). E quando guardate le partite della Lazio su Fox Sports World, potete ancora scorgere i lineamenti di Mussolini esibiti da un pubblico adorante.
    Gli ultras non fanno solo affermazioni politiche. A loro piace mettere in azione i propri slogan. Nelle passate due stagioni, la polizia ha collegato gli ultras della Lazio a diversi atti di terrorismo nazionale. Uno ha piazzato una bomba in un museo dedicato alla resistenza italiana nella Seconda Guerra Mondiale. La polizia di Roma ha anche disinnescato una bomba della Lazio (n.d.t.: sic) in un teatro che aveva in scena un documentario su Adolf Eichmann. In altre occasioni, i tifosi della Lazio hanno dissacrato cimiteri ebraici e hanno picchiato giocatori di squadre avversarie. Persino per i vergognosi standard del calcio europeo, i tifosi della Lazio sono un esempio pratico di amoralità.
    Oltretutto, la Lazio rispecchia i sentimenti dei suoi fan. A differenza della Roma o di praticamente qualsiasi altra squadra della Serie A, le file della Lazio sono prive di giocatori neri. Quando una volta ne hanno preso uno, l'olandese Aaron Winter, egli se n'è andato velocemente dopo che i fan lo avevano perseguitato con canti come "ebreo negro". Cosa abbastanza sospetta, quasi tutti gli attuali acquisti stranieri della Lazio provengono da paesi con un passato fascista - Cile, Argentina e Serbia. Il difensore della squadra, Sinisa Mihajlovic, strombazza senza problemi la sua devozione per Slobodan Milosevic e la sua amicizia con il paramilitare leader serbo Arkan, la cui banda di teppisti ha stuprato e saccheggiato in tutta la Bosnia. Quando Arkan è stato ucciso, Mihajlovic ha pubblicato un commosso necrologio in un quotidiano di Belgrado.
    Se questo non convinse la dirigenza della Lazio a prendere le distanze da Mihajlovic - o, meglio ancora, rispedirlo a Belgrado - avrebbe dovuto farlo il suo comportamento sul campo. Nella passata stagione, un giocatore di origini senegalesi ha accusato Mihajlovic di averlo chiamato "scimmia nera del *****". (Intervistato sull'affermazione, ha dichiarato: "L'ho chiamato ***** nera. Non l'ho chiamato scimmia nera"). Ahimé, la punizione della Lazio per Mihajlovic è ammontata a poco più di forzate scuse pubbliche. Il suo allenatore l'ha persino difeso: "Non so se si possa chiamarlo razzismo. E' semplicemente prendere in giro qualcuno." E pochi istanti dopo le scuse di Mihajlovic, in una partita in casa, i tifosi hanno cominciato a fare il verso della scimmia ogni volta che un giocatore nigeriano toccava palla.
    Per un certo periodo, è stato possibile nascondre l'imbarazzo della Lazio. La squadra nuotava a metà classifica. Ma alla fine degli anni '90 è emersa come una potenza in ambito europeo, vincendo la Coppa Uefa (n.d.t.: sic) e lo Scudetto, il campionato nazionale. Dell'ascesa della Lazio ha fatto le spese la salute della lega, e l'etos del club ha infettato l'intera cultura del calcio italiano. Alcuni dei migliori giocatori italiani, come Zinedine Zidane, se ne sono andati nel campionato spagnolo, che si comporta meglio ed è di qualità superiore. Altri, come il magnifico brasiliano Cafu, si sono lamentati del razzismo e hanno apertamente considerato di lasciarsi dietro l'Italia. Persino il presidente della Lazio Sergio Cragnotti parla del proprio club in termini di disgusto, chiamando i suoi tifosi "imbecilli", e spesso minaccia di dare le dimissioni. Dopo aver consegnato agli africani la Shalom Cup, comunque, per un attimo si è rasserenato ed ha persino descritto il momento come un "atto di civiltà". Era il primo della Lazio."

    Ma `sto articolo chi lo ha scritto Mago Zurli`????????

 

 

Discussioni Simili

  1. Ultimissima: la mussolini esclusa dal lazio
    Di Zefram_Cochrane nel forum Destra Radicale
    Risposte: 213
    Ultimo Messaggio: 14-03-05, 19:08
  2. Regione Lazio: effetto Mussolini
    Di MarioDVX nel forum Destra Radicale
    Risposte: 20
    Ultimo Messaggio: 09-03-05, 16:12
  3. Lazio: Storace 49,7% - Marrazzo 46,8% - Mussolini 3,5%
    Di Gianfranco nel forum Il Termometro Politico
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 19-02-05, 14:55
  4. Mussolini si candida nel Lazio
    Di costantino nel forum Destra Radicale
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 28-01-05, 20:14
  5. Lazio la squadra di Mussolini!
    Di Ryo Saeba nel forum Destra Radicale
    Risposte: 13
    Ultimo Messaggio: 02-12-02, 00:44

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226