User Tag List

Risultati da 1 a 7 di 7

Discussione: Verso il maghreb

  1. #1
    email non funzionante
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    11,262
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Verso il maghreb

    Televideo - Home Page

    La notizia (che va presa con le molle) parla della disoccupazione che salirà al 10,5% in italia.
    Ma il bello che Sacconi è soddisfatto perché tutto va meglio per il previsto.( chissà cosa avevano previsto)

    E' leggermente drammatico che l'Ocse dichiari come gli stipendi in italia siano del 26,5 % inferiori della media della zona europea in cui siamo inseriti.

    Questo è il punto debole .

    Bisogna far crollare le tasse sulle buste paghe e le medesime agevolazioni vanno rivolte ai lavoratori autonomi in modo che siano meno tentati di evadere.

    Ma questo farà crollare il sistema partitocratico, se diminuiscono le tasse dei dipendenti la partitocrazia non riesce a sopravvivere perché vi è molto meno da rubare.
    La partitocrazia riesce a soddisfare a malapena la sue necessità di rapinare, aumentando vertiginosamente il debito pubblico. Se cala l'introito delle tasse sulle buste paga sono dolori.

    La società cosa deve fare di tutta questo esercito che ha nel portare via, l'unica sua specializzazione lavorativa???

    Siamo in un circolo chiuso.

    O il Nord se ne va o crolliamo inesorabilmente verso il Maghreb.
    Ultima modifica di jotsecondo; 17-09-09 alle 09:13

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    independent
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    7,807
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Verso il maghreb

    Guarda il lato positivo... avremo più tempo da dedicare al Vaticano (pregare)

  3. #3
    email non funzionante
    Data Registrazione
    07 Apr 2009
    Località
    Brèsa
    Messaggi
    2,808
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Verso il maghreb

    Concordo con jotsecondo e aggiungo che l'annessione forzata all'Itaglia sta letteralmente uccidendo il Nord che,ormai allo stremo,non fa + figli.


    Se il Nord non sene va prima possibile,è finita.

  4. #4
    email non funzionante
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    11,262
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Rif: Verso il maghreb

    Il dramma è che il Nord se ne deve andare assolutamente, non vi sono più alcune possibilità di poterla aggiustare.
    Solamente che più tardi si fa questo passo, più violento sarà.

    I tormenti politici di questi giorni sono il risultato della presa di coscienza del problema determinato dalla insostenibilità della unità d'italia.

    La corruzione, il lassismo, la cultura afro-semitica hanno distrutto la società.

    Quando vi è un disastro, è un dovere morale e civile salvare il salvabile.
    Ultima modifica di jotsecondo; 17-09-09 alle 11:19

  5. #5
    Mé rèste ü bergamàsch
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Messaggi
    13,041
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Verso il maghreb

    L’Europa corrotta dalle tasse e dal parassitismo

    In questa Europa è ormai inimmaginabile che si possa assistere ad una “rivolta fiscale”, che contrasti l’assolutismo del Principe in nome della libertà dei singoli

    di Carlo Lottieri

    IBL - L?Europa corrotta dalle tasse e dal parassitismo

    Il Vecchio Continente ha avuto un grande passato e ancora oggi, tutto sommato, continua ad essere un’area di una certa importante: che permette un tenore di livello piuttosto un alto ai propri abitanti e seguita ad esprimere – in qualche campo – eccellenze significative. Ma non è detto che le cose non possano cambiare, e anche rapidamente.

    In fondo, le civiltà passano. Se andate a visitare Atene certo non trovate molto della grandezza della città di Socrate e Aristofane, ma anche per Roma si può dire lo stesso: quello che fu il centro del mondo è oggi soltanto la capitale di un Paese largamente screditato, oppresso da un debito pubblico colossale e caratterizzato da una cronica incapacità ad affrontare i suoi problemi: una burocrazia oppressiva, uno statalismo pervasivo, un Mezzogiorno bloccato proprio perché troppo assistito, e via dicendo. Ma anche il resto dell’Europa sta declinando.

    È sufficiente richiamare l’attenzione su due notizie degli ultimi giorni per avere il polso di una situazione che non promette niente di buono. Da Parigi è giunta infatti la decisione di Nicolas Sarkozy di introdurre una carbon tax che non soltanto sposa in toto l’ecologismo più radicale, ma per giunta non sfrutta neppure la migliore caratteristica di un tributo che colpisca le emissioni di CO2: la semplicità. La carbon tax alla francese sarà invece un pasticcio di norme e rimborsi (per le famiglie più povere) e, quel che è peggio, con ogni probabilità non rappresenterà la sostituzione di vecchie imposte, ma finirà per aumentare la pressione fiscale complessiva.

    Sul tema è stato esplicito il premier spagnolo, il socialista José Luis Zapatero, che proprio nelle stesse ore ha confermato l’intenzione del governo di Madrid di aumentare le imposte. Per quale ragione? La giustificazione è stata che in Spagna s’innalzeranno le tasse al fine di “combattere la crisi”. Non si capisce in base a quale argomento togliere soldi a chi produce ricchezza (il settore privato) e trasferirli a chi sostanzialmente vive delle risorse altrui (il settore pubblico) possa aiutare l’economia. Zapatero ha assicurato che l’aumento del prelievo sarà contenuto entro l’equivalente dell’1,5% del Pil, ma anche qui non è chiaro il perché. Se “più tasse” aiuta a superare la crisi, perché si incrementa il prelievo solo dell’1,5%? Perché non del 5%? Perché non del 10%?

    L’idea del premier Zapatero è che, nella situazione attuale, la crisi sia destinata a lasciare a casa molte persone (il tasso di disoccupazione, in Spagna, è già al 18%) e quindi c’è bisogno di denaro pubblico per aiutare chi è a spasso. In questo modo, però, egli va esattamente a colpire chi ancora produce ricchezza e potrebbe creare lavoro: il rischio è che si allarghi l’area degli assistiti e – al tempo stesso – quella di chi è bisognoso di assistenza, poiché un incremento della pressione fiscale può solo aggravare una crisi già difficilissima.

    Causata da un coacervo di scelte stataliste compiute da chi gestisce la moneta (espansione monetaria), da chi controlla le banche (imposizione di fare mutui ipotecari anche in assenza di garanzie), da chi definisce il regime dei suoli (ostacoli alla costruzione di immobili) e via dicendo, la crisi dei subprime sta mordendo ovunque. Ma ovviamente è destinata a far più male dove il peso del potere statale è maggiore: e quindi in Europa. Tanto più che le risposte che i governi stanno dando sono tutte, o quasi, nel segno di un interventismo crescente. Ad ogni modo l’Europa non declina in primo luogo per ragioni economiche, ma per ragioni morali.

    L’incapacità degli europei di contrastare il crescente potere delle classi politiche è figlia di una debolezza culturale che è davanti agli occhi di tutti. Nella mentalità europea contemporanea la pretesa del ceto politico, tanto nazionale come euro-comunitario, di disporre dei diritti e delle risorse degli europei trova sostenitori ovunque. Chi oggi prova ad opporsi al dispotismo della politica, rivendicando il diritto naturale dei singoli e delle comunità volontarie (a partire dalle famiglie) a vivere pacificamente ma anche in piena autonomia, è guardato come un lunatico. Si è giunti al punto da definire “ladri” quanti tengono per sé i loro soldi (resistendo di fronte alle pretese di un fisco sempre più vorace), e non già gli esponenti di una classe politico-burocratica che si considera autorizzata a entrare costantemente in casa altrui per sottrarre ad altri il frutto del loro lavoro.

    In questa Europa è ormai inimmaginabile che si possa assistere ad una “rivolta fiscale”, che contrasti l’assolutismo del Principe in nome della libertà dei singoli. Per lo più senza valori e senza midollo, gli europei sono ormai costantemente impegnati nel cercare di partecipare al banchetto di chi si spartisce il bottino ottenuto grazie alla tassazione. Per la maggior parte di quanti vivono nei paesi europei, le tasse rappresentano una fonte di reddito parassitario (basti pensare agli agricoltori, ma l’elenco sarebbe lungo) e chi oggi non dispone di ciò spera soltanto di poter averlo al più presto.

    L’imposizione fiscale abnorme ha fatto sì che la maggior parte degli europei cerchino ora di realizzare quello che Giuseppe Prezzolini ebbe un giorno a definire il sogno della maggior parte degli italiani, che in fondo vogliono solo “lavorare poco e guadagnare tanto”, ma che sono anche pronti – come sempre Prezzolini rilevava – ad accontentarsi di “lavorare poco e guadagnare poco”. Continuando su questa strada (e sono già quasi totalmente pubblici l’istruzione, la sanità, l’università, i trasporti e molti altri settori), saranno presto accontentati.

    Da La Voce di Romagna, 16 settembre 2009
    Ultima modifica di Bèrghem; 17-09-09 alle 15:59
    Dato che questa è una Magnum 44, cioè la pistola più precisa del mondo, che con un colpo ti spappolerebbe il cranio, devi decidere se è il caso. Dì, ne vale la pena? ("Dirty" Harry Callahan)

  6. #6
    email non funzionante
    Data Registrazione
    07 Apr 2009
    Località
    Brèsa
    Messaggi
    2,808
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Verso il maghreb

    Ahimè,l'Istituto Bruno Leoni andrebbe ascoltato molto + spesso...mentre invece è messo ai margini.
    Anche dalla Lecca che un tempo si proclamava liberista,mentre oggi attua il + bieco socialismo statalista.

  7. #7
    Forumista
    Data Registrazione
    08 Aug 2009
    Messaggi
    427
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Verso il maghreb

    Citazione Originariamente Scritto da Bèrghem Visualizza Messaggio
    L’Europa corrotta dalle tasse e dal parassitismo

    In questa Europa è ormai inimmaginabile che si possa assistere ad una “rivolta fiscale”, che contrasti l’assolutismo del Principe in nome della libertà dei singoli

    di Carlo Lottieri

    IBL - L?Europa corrotta dalle tasse e dal parassitismo

    Il Vecchio Continente ha avuto un grande passato e ancora oggi, tutto sommato, continua ad essere un’area di una certa importante: che permette un tenore di livello piuttosto un alto ai propri abitanti e seguita ad esprimere – in qualche campo – eccellenze significative. Ma non è detto che le cose non possano cambiare, e anche rapidamente.

    In fondo, le civiltà passano. Se andate a visitare Atene certo non trovate molto della grandezza della città di Socrate e Aristofane, ma anche per Roma si può dire lo stesso: quello che fu il centro del mondo è oggi soltanto la capitale di un Paese largamente screditato, oppresso da un debito pubblico colossale e caratterizzato da una cronica incapacità ad affrontare i suoi problemi: una burocrazia oppressiva, uno statalismo pervasivo, un Mezzogiorno bloccato proprio perché troppo assistito, e via dicendo. Ma anche il resto dell’Europa sta declinando.

    È sufficiente richiamare l’attenzione su due notizie degli ultimi giorni per avere il polso di una situazione che non promette niente di buono. Da Parigi è giunta infatti la decisione di Nicolas Sarkozy di introdurre una carbon tax che non soltanto sposa in toto l’ecologismo più radicale, ma per giunta non sfrutta neppure la migliore caratteristica di un tributo che colpisca le emissioni di CO2: la semplicità. La carbon tax alla francese sarà invece un pasticcio di norme e rimborsi (per le famiglie più povere) e, quel che è peggio, con ogni probabilità non rappresenterà la sostituzione di vecchie imposte, ma finirà per aumentare la pressione fiscale complessiva.

    Sul tema è stato esplicito il premier spagnolo, il socialista José Luis Zapatero, che proprio nelle stesse ore ha confermato l’intenzione del governo di Madrid di aumentare le imposte. Per quale ragione? La giustificazione è stata che in Spagna s’innalzeranno le tasse al fine di “combattere la crisi”. Non si capisce in base a quale argomento togliere soldi a chi produce ricchezza (il settore privato) e trasferirli a chi sostanzialmente vive delle risorse altrui (il settore pubblico) possa aiutare l’economia. Zapatero ha assicurato che l’aumento del prelievo sarà contenuto entro l’equivalente dell’1,5% del Pil, ma anche qui non è chiaro il perché. Se “più tasse” aiuta a superare la crisi, perché si incrementa il prelievo solo dell’1,5%? Perché non del 5%? Perché non del 10%?

    L’idea del premier Zapatero è che, nella situazione attuale, la crisi sia destinata a lasciare a casa molte persone (il tasso di disoccupazione, in Spagna, è già al 18%) e quindi c’è bisogno di denaro pubblico per aiutare chi è a spasso. In questo modo, però, egli va esattamente a colpire chi ancora produce ricchezza e potrebbe creare lavoro: il rischio è che si allarghi l’area degli assistiti e – al tempo stesso – quella di chi è bisognoso di assistenza, poiché un incremento della pressione fiscale può solo aggravare una crisi già difficilissima.

    Causata da un coacervo di scelte stataliste compiute da chi gestisce la moneta (espansione monetaria), da chi controlla le banche (imposizione di fare mutui ipotecari anche in assenza di garanzie), da chi definisce il regime dei suoli (ostacoli alla costruzione di immobili) e via dicendo, la crisi dei subprime sta mordendo ovunque. Ma ovviamente è destinata a far più male dove il peso del potere statale è maggiore: e quindi in Europa. Tanto più che le risposte che i governi stanno dando sono tutte, o quasi, nel segno di un interventismo crescente. Ad ogni modo l’Europa non declina in primo luogo per ragioni economiche, ma per ragioni morali.

    L’incapacità degli europei di contrastare il crescente potere delle classi politiche è figlia di una debolezza culturale che è davanti agli occhi di tutti. Nella mentalità europea contemporanea la pretesa del ceto politico, tanto nazionale come euro-comunitario, di disporre dei diritti e delle risorse degli europei trova sostenitori ovunque. Chi oggi prova ad opporsi al dispotismo della politica, rivendicando il diritto naturale dei singoli e delle comunità volontarie (a partire dalle famiglie) a vivere pacificamente ma anche in piena autonomia, è guardato come un lunatico. Si è giunti al punto da definire “ladri” quanti tengono per sé i loro soldi (resistendo di fronte alle pretese di un fisco sempre più vorace), e non già gli esponenti di una classe politico-burocratica che si considera autorizzata a entrare costantemente in casa altrui per sottrarre ad altri il frutto del loro lavoro.

    In questa Europa è ormai inimmaginabile che si possa assistere ad una “rivolta fiscale”, che contrasti l’assolutismo del Principe in nome della libertà dei singoli. Per lo più senza valori e senza midollo, gli europei sono ormai costantemente impegnati nel cercare di partecipare al banchetto di chi si spartisce il bottino ottenuto grazie alla tassazione. Per la maggior parte di quanti vivono nei paesi europei, le tasse rappresentano una fonte di reddito parassitario (basti pensare agli agricoltori, ma l’elenco sarebbe lungo) e chi oggi non dispone di ciò spera soltanto di poter averlo al più presto.

    L’imposizione fiscale abnorme ha fatto sì che la maggior parte degli europei cerchino ora di realizzare quello che Giuseppe Prezzolini ebbe un giorno a definire il sogno della maggior parte degli italiani, che in fondo vogliono solo “lavorare poco e guadagnare tanto”, ma che sono anche pronti – come sempre Prezzolini rilevava – ad accontentarsi di “lavorare poco e guadagnare poco”. Continuando su questa strada (e sono già quasi totalmente pubblici l’istruzione, la sanità, l’università, i trasporti e molti altri settori), saranno presto accontentati.

    Da La Voce di Romagna, 16 settembre 2009
    Le premesse erano interessanti mentre le conclusioni un po banali.
    La voracità fiscale del principe non è infatti sufficiente a spiegare il declino economico delle società europee.
    La questione centrale è che i centri degli scambi finanziari e commerciali si sono spostati dall'atlantico verso l'asia .
    Successe una cosa simile quando venne scoperta l'america : ad un tratto la via della seta decadde in pochissimo tempo e l'impero veneziano, la cina, il mondo bizantino si disgregarono.
    Ora i mercati si stanno spostando in asia.
    L'europa rischia di diventare una zona di serie B se non si creano nuove realtà sociali che siano totalmente e mentalmente diverse da quelle categorie mentali che vedono nell'europa continentale atlantica il centro del mondo. Purtroppo l'europa atlantica, il cosiddetto occidente è destinato ad eclissarsi.
    Bisogna guardare ad est !

 

 

Discussioni Simili

  1. Avanzata di Al Qaeda nel Maghreb
    Di Cattivo nel forum Politica Estera
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 04-04-12, 17:44
  2. Milano, Maghreb
    Di martesanaidentitaria nel forum Destra Radicale
    Risposte: 64
    Ultimo Messaggio: 27-10-11, 18:38
  3. Il Maghreb brucia?
    Di Muntzer nel forum Comunismo e Comunità
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 04-02-11, 15:55
  4. berlusconi sulla sua tv in maghreb
    Di aussiebloke nel forum Padania!
    Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 11-09-09, 00:42
  5. Unione Europea: dopo la Turchia, verso l’"euro-maghreb"?
    Di Orazio Coclite nel forum Destra Radicale
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 20-02-05, 11:04

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226