User Tag List

Risultati da 1 a 2 di 2

Discussione: dOVE ANDEMO?

  1. #1
    email non funzionante
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    9,909
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito dOVE ANDEMO?

    Ringraziando asburgico per la sua prontezza di riflessi e per la dedizione alla causa, ripeto qui il mio Thread.

    Il mio commento troppo lungo e' stato interroto e no ha potuto essere visualizzarto: lo ripeto in sintesi:

    1. L' anno scorso ho visitato nuovamente Colonia, vicino alla mia Patria. strade principali oppresse da negozietti di Kitsch, donne velata, giapponesi che facevano foto controluce, insomma, un disastro. Tedeschi costretti ad incontrarsi in quartieri periferici dai prezzi esorbitanti. Ho pianto.

    2. Ieri sono tornato da francoforte, dove ho trascorso 18 anni. Gli stranieri sono ormai della seconda-terza generazione. I controllori della metropolitana sono turchi e parlani dialetto locale, come pure una poliziotta cinese in divisa. Della puntualita' di metro ed aerei, nemmeno l' ombra, ognuno fa cio' che vuople.
    Gli stranieri della seconda generazione sio sono sì integreti, e non male, ma non hanno ancora l' idea di cio' che significa essere Tedeschi: non la puntualità, non la educazione, non, soprattutto il rispetto della nostra Madrelingua.

    3. Penso a che cosa dobbiamo imparare: in citta', in cui il cosmopolitismo e' di nuova introduzione (Colonia), la massa dgli stranieri si ghettizza, conquista la citta', si impone, distruigge tutto. Ci deruba della ns. identita'.

    Dove la globalizzazione ha radici antiche (Francoforte), gli stranieri imparano dagli strati piu' bassi della popolazione, ci controllano, senza conoscere la nostra lingua, tipo Papalia, per intenderci. Portano la nostra civilta' verso una driva locale, facile alle loro orecchie, ma sorda ai valori della nostra Patria (Padana o Tedesca).

    Penso che questo intervento sia utile, per aiutare a capire quale e' il nostro futuro e se vale la pena di insistere sul dialetto con gli immigrati. Sono perfettamente d' acordo sulla limitazione del loronumero, ma cosa dovranno imparare, Veneto/Friulano/Triestino, o Italiano??

    Serenissimi saluti Mitteleuropei



    Report this post to a moderator | IP: Logged | Post #29

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Forumista storico
    Data Registrazione
    09 Jun 2009
    Messaggi
    36,670
    Mentioned
    403 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    2

    Predefinito Re: dOVE ANDEMO?

    Originally posted by Mitteleuropeo
    Ringraziando asburgico per la sua prontezza di riflessi e per la dedizione alla causa, ripeto qui il mio Thread.

    Il mio commento troppo lungo e' stato interroto e no ha potuto essere visualizzarto: lo ripeto in sintesi:

    1. L' anno scorso ho visitato nuovamente Colonia, vicino alla mia Patria. strade principali oppresse da negozietti di Kitsch, donne velata, giapponesi che facevano foto controluce, insomma, un disastro. Tedeschi costretti ad incontrarsi in quartieri periferici dai prezzi esorbitanti. Ho pianto.

    2. Ieri sono tornato da francoforte, dove ho trascorso 18 anni. Gli stranieri sono ormai della seconda-terza generazione. I controllori della metropolitana sono turchi e parlani dialetto locale, come pure una poliziotta cinese in divisa. Della puntualita' di metro ed aerei, nemmeno l' ombra, ognuno fa cio' che vuople.
    Gli stranieri della seconda generazione sio sono sì integreti, e non male, ma non hanno ancora l' idea di cio' che significa essere Tedeschi: non la puntualità, non la educazione, non, soprattutto il rispetto della nostra Madrelingua.

    3. Penso a che cosa dobbiamo imparare: in citta', in cui il cosmopolitismo e' di nuova introduzione (Colonia), la massa dgli stranieri si ghettizza, conquista la citta', si impone, distruigge tutto. Ci deruba della ns. identita'.

    Dove la globalizzazione ha radici antiche (Francoforte), gli stranieri imparano dagli strati piu' bassi della popolazione, ci controllano, senza conoscere la nostra lingua, tipo Papalia, per intenderci. Portano la nostra civilta' verso una driva locale, facile alle loro orecchie, ma sorda ai valori della nostra Patria (Padana o Tedesca).

    Penso che questo intervento sia utile, per aiutare a capire quale e' il nostro futuro e se vale la pena di insistere sul dialetto con gli immigrati. Sono perfettamente d' acordo sulla limitazione del loronumero, ma cosa dovranno imparare, Veneto/Friulano/Triestino, o Italiano??

    Serenissimi saluti Mitteleuropei



    Report this post to a moderator | IP: Logged | Post #29

    Nel mio ultimo viaggio, novembre, sono passato anch'io da Francoforte e' mi e' parsa degradata fin dal mio arrivo all'aeroporto, aggravato anche dal caos delle costruzioni, il numero di sotto-immigrati e ultimo ma non di meno, il fastidio del fumo.
    Arrivato alla Malpensa, ritardi, menefreghismo per i bagagli, corridoi impraticabili con buche piu' grandi del carrello.
    Io l'ho sempre detto: siccome e' impossibile fermare l'immigrazione, l'unica cosa da fare sarebbe (forse e' troppo tardi)stato fare una scelta discriminata.
    Prendiamo per esempio il nordamerica: certe citta' sono meglio di altre, dipende sia dalla gente che e' arrivata sia dalla politica addottata.
    Non mi verrebbe mai in mente di stare a Detroit o a Orlando, mentre a Seattle o San Diego, si. Eppure tutte hanno un alto numero di immigrati.
    Il problema maggiore e' la crescita delle popolazioni piu' povere, dove purtroppo l'errore piu' grande e' stato
    quello di non dare un educazione sessuale alle popolazioni, peraltro contravvenendo le "grandi" religioni.
    Dobbiamo sperare di poter raggiungere un livello economico tale da eliminare la sotto-immigrazione, sempre che il popolo sia d'accordo a spendere delle cifre enormi per aiutare questi ultimi arrivati. O lasciarli al loro destino (cosa in un certo senso piu' giusta) e creare delle zone sicure e vigilate.
    L"America precede l'Europa di 30-50 anni, quasi in tutto, come costruzioni, beni di massa, ecc. Mi sa che in fatto di immigrazione i probemi fra 30-50 anni in Europa saranno ben maggiori di quelli che abbiamo oggi qui. Ma siccome siamo sulla stessa barca, bisognerebbe trovare una soluzione comune, che non puo' arrivare ne dal cattolicsimo ne dall'islam.
    ET

 

 

Discussioni Simili

  1. ...dove è stata fatta questa foto e dove si trova?
    Di mosongo nel forum Fondoscala
    Risposte: 24
    Ultimo Messaggio: 05-01-09, 00:46
  2. chi siamo,da dove veniamo?dove andiamo?
    Di sinistra_polliana nel forum Il Seggio Elettorale
    Risposte: 8
    Ultimo Messaggio: 23-09-08, 00:10
  3. Dove finiscono le bugie e dove comincia la verità
    Di Marco Piccinini nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 23-11-05, 14:45
  4. Dove inizia la Romagna, dove finisce l'Emilia?
    Di Alvise nel forum Il Seggio Elettorale
    Risposte: 57
    Ultimo Messaggio: 17-11-05, 20:28
  5. Risposte: 12
    Ultimo Messaggio: 16-08-02, 13:38

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226