(Dicembar)







Te Basse Furlanie une volte e jere slargjade la tradizion dai presepis puartâts dai fruts pes cjasis dai paîs. Une ocasion, cheste, ancje par podê racuei cualchi palanche, o lis ufiertis in mangjative, come lujaniis, mêi, neracis e carobulis. Si tratave dispès di casselutis, metudis dongje a la miei, dulà che a cjatavin puest un pôcjis di statuis di arzile, sujadis tal soreli e pituradis, che a rapresentavin la sene de nativitât di Jesù Bambin, metût dentri tune capane e inluminât di dôs, tre cjandelis. Naturalmentri parsorevie no mancjave mai une stele d'arint.

La stele, a voltis dibessole e pojade insomp di un baston, e vignive puartade di cjase in cjase di un grop di fantats. Cheste tradizion e je stade presìnt a Porpêt, San Zorç e Maran. La companie sevi pes stradis che denant lis puartis des cjasis e dave sù il cjant dal "Oginato": "Oggi è nato il Salvatore/ redentor dell'universo,/ nella colpa tutto immerso,/ causa Adamo il trasgressor…". Il cjant al lave indenant ancje cun âtris strofis.

Purpûr a Strassolt e jere presint la tradizion dal presepi puartât dai fruts pes fameis, compagnade dal cjant: "Dormi, dormi, o bel Bambin". Melodie dal Sietcent, cjantade dai zovins in dutis lis cjasis di Strassolt e tes glesiis di Zarvignan e dai contôrs, dilunc la messe e lis funzions tra Nadâl e cjadalan. Chest biel patrimoni di usancis, magari cussì no, al è lât scuasit dal dut pierdût. Cunsumisim, globalizazion, Internet e cè a àn lassât il segn ancje chenti!



Mese per mese il Friuli nelle tradizioni


Con il Presepio, di casa in casa



Nella Bassa Friulana un tempo era diffusa la tradizione dei presepi portati dai ragazzi nelle case dei paesi. Un'occasione, questa, anche per poter raccogliere qualche soldo, oppure delle offerte in generi commestibili, come salsicce, mele, arance e carrube. Si trattava spesso di semplici cassette, attrezzate alla meglio, dove trovavano posto un certo numero di statuette di argilla, asciugate al sole e dipinte, che rappresentavano la scena della natività di Gesù Bambino, collocato in una capanna illuminata da due, tre candele. Naturalmente sopra non mancava mai una stella d'argento.

La stella, certe volte sola e posta sulla sommità di un bastone, veniva portata di casa in casa da un gruppo di giovanotti. Questa tradizione è stata presente a Porpetto, San Giorgio di Nogaro e Marano. La compagnia sia per le strade che davanti alle porte delle case intonava il canto dell' "Oginato": "Oggi è nato il Salvatore/ redentor dell'universo,/ nella colpa tutto immerso,/ causa Adamo il trasgressor…". Il canto proseguiva anche con altre strofe.

Anche a Strassoldo era presente la tradizione del presepio portato dai ragazzi nelle famiglie, accompagnata dal canto: "Dormi, dormi, o bel Bambin". Melodia del Seicento cantata dai giovani in tutte le case di Strassoldo e nelle chiese di Cervignano e dai cantori, durante la messa e le sacre funzioni tra Natale e capodanno. Questo bel patrimonio di usanze, purtroppo, è andato quasi completamente perduto. Consumismo, globalizzazione, Internet hanno lasciato il segno anche in questi luoghi!