Com' nata la neve in

Tutti in Carnia lo sanno, almeno quelli che abitano nel Canale di Gorto, che la montagna chiamata Crostis una delle pi ricche di leggende.
A Collina, Givigliana, a Tualis e a Salars se ne possono ascoltare pi d'una.
Sul monte Tenchia si riuniscono in convegno e ballano le streghe, come del resto si sapeva anche prima che lo scrivesse la Percoto e che il Carducci lo cantasse nelle sue poesie; ma che sul monte Crostis fosse nata la neve, crediamo che siano davvero pochi a saperlo.
Racconta questa leggenda che si era alla fine del mese di marzo, e che i primi segni della primavera cominciavano gi a farsi sentire.
Cominci d'un tratto a fuoriuscire un leggero vapore dalla terra, che si alzava sempre pi in alto, fino ad arrivare a ricoprire i fiumi, i laghi, le pianure, i boschi e il monte Crostis.
E pi il tempo passava, pi si faceva tutto bianco.
Un bianco sempre pi denso. cos ogni cosa venne circondata e avvolta da quello che era ormai diventato una sorte di mare di nebbia candida.
Ma ecco che a un certo punto venne fuori una pecora che and su per la salita di Tualis, attravers il bosco e svelta come un capriolo corse sulla cresta della montagna fino su all'ultima cima, poi con un grande salto arriv su nel cielo. Dietro di lei arriv una seconda, e una terza, e dieci e cinquanta e cento...
Allora sugli infiniti prati dal cielo inizi una gara, vivace e graziosa.
Le pecore correvano leggere una pi dell'altra e gli angeli volavano loro attorno e cercavano di fermarle afferrandole per i riccioli del loro vello di lana.
Ma le pecore si liberavano, lasciando tra le mani degli angeli i boccoli del loro soffice mantello.
A un certo punto arriv anche il vento ad unirsi a questa specie di gioco.
La lana sfilacciata leggera dondolava nel vento, rilucendo al sole che stava salendo dietro le cime. Giravano attorno a se stessi i fiocchi candidi in una danza leggera, si alzavano su in alto e poi piano piano venivano gi, venivano gi...
La nevicata andata avanti fitta, fitta, per tutta la notte, poi alle prime luci dell'alba la nuvola cominci ad aprirsi e sotto la luce incerta del primo mattino la terra mostr i monti coperti dal bianco mantello.
A questa vista rise appagato perfino il sole che si alzava sul monte Crostis, come per una stregoneria che era riuscita bene.






Ducj in Cjargne lu san, almancul chei che a lghin tal Cjanl di Guart, che la mont clamade di Crostas e je une des plui ricjis di lejendis.
A Culino, a Gjviano, a Tualis e a Salrs s'in puedin scolt plui di une.
Su la mont di Tencje si dan adun in cunvigne e a blin lis striis, come che si saveve ancje deant che lu scrivs tes ss prosis la Percude, e che il Carducci lu cjants te ss poesiis; ma che su la mont di Crostas e fos nassude la nf o crodn che a sdin pardabon in ps a savlu.
E conte cheste liende che si jere a la fin dal ms di mar e che i prins clips de vierte a tacavin bielz a fsi sint. Dutcs une buinore de tiere al scomen a bur fr come par un incjantesim, un lizr vapr ch'al lave jevansi simpri plui in alt, fintramai ch'al riv a subiss e a cuviergi i flums, i lts, i plans, i boscs e la mont di Crostas. E plui il timp al passave, plui si faseve dut blanc. Un blanc simpri plui pen. Cuss ogni cjosse e rest torcenade e subissade di chel ch'al jere aromai diventt une sorte di mr di fumate cjandide.
Ma v che a un ciert pont e vign fr une piore che l su disburide pe cleve di Tualis, e traviers il bosc e svelte come un cjavrl e cor su la cueste de mont fintremai a l'ultime cime, po cun tun grant varc e riv s tal cl.
Dar di j e riv une seconde, e une tierce, e ds e cinquante e cent...
Alore pai infints prts, colr blf dal cl s'invi une gare, vivarse e gracise. Lis pioris al corevin lizeris une plui di ch tre e i agnui ur svualavin dar e a cirivin di fermlis cjapanlis pai rits de lr velade di lane.
Ma lis pioris si diliberavin, lassant tes mans dai agnui i bocui de coltre mulisite.
A un ciert pont al riv ancje il vint e si zont a cheste sorte di zc. La lane sgjarpide e lizere si niulave ta l'arie muesse, slusint al soreli ch'al lave a mont dar lis cretis.
A sgurlavin i flocs cjandits in lgre danze, si alavin s adalt e po biel planc a vignivin j, a vignivin j...
La nevere e l indenant fiss, fiss, pa dute la gnot, po sul scric de l'albe la neule e scomen a viergisi e sot la ls incierte de buinore la tiere braurse e mostr lis monts cuviertis dal blanc mantl.
In face a cheste vision al rid apajt purpr il soreli ch'al jevave su la mont di Crostas, come par un strie ch'al jere riesst pult.