User Tag List

Risultati da 1 a 5 di 5
  1. #1
    Simply...cat!
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Brescia,Lombardia,Padania
    Messaggi
    17,080
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Arrow Itaglia sempre + a picco

    «In Italia tanti telefonini, ma poca innovazione»

    Siamo al quart’ultimo posto fra i Paesi industrializzati nella capacità di recuperare competitività


    Oltre i telefonini, il deserto. Poche risorse per ricerca scientifica ed educazione universitaria, pochissime connessioni internet, zero commercio elettronico: un vuoto tecnologico figlio dei vecchi mali del sistema, con lo Stato che non funziona, le infrastrutture inadeguate, le lobbies di potere (politico, economico, ma anche sindacale e accademico) che bloccano ogni via di cambiamento. E il futuro promette peggio. Le scarse conoscenze tecnologiche, la poca attenzione allo sviluppo delle risorse umane e l’esiguo numero di brevetti prefigurano la prospettiva di allargare il gap che ci separa dagli Usa e dal resto d’Europa. E’ un’Italia che rischia di precipitare nelle retrovie del mondo industrializzato quella che esce dal rapporto «Innovazione di sistema» (sottotitolo: «Analisi comparata del potenziale innovativo dei principali paesi industrializzati») realizzato dalla Fondazione Rosselli per il Corriere della Sera . Un Paese che oggi appare arretrato e che, domani, la poca propensione alla conoscenza tecnologica minaccia di condannare a un inesorabile declino. Siamo i campioni mondiali nella diffusione di cellulari, ma la nostra spesa media in telecomunicazioni è meno della metà di quella dei grandi Paesi europei, segno che per noi i telefonini sono un giocattolo per chiamare mamma e per inviare messaggini ai compagni di scuola, mentre gli altri usano le linee per scambiare dati, per studiare, per lavorare. «Scontiamo l’eredità pesante lasciata dalla classe dirigente passata - osserva Riccardo Viale, presidente della Fondazione Rosselli e docente di Politica della ricerca e dell’innovazione presso la Scuola Superiore della Pubblica amministrazione di Roma -. E per classe dirigente intendo sia i governi, sia i sindacati e gli industriali, tutti responsabili di aver reso il Paese difficilmente riformabile. Anche chi ha cercato di introdurre cambiamenti, come Giuliano Amato quand’era premier, si è sempre trovato di fronte al muro delle resistenze conservatrici».
    L’indagine della Fondazione Rosselli ha cominciato a prendere forma sulla scia del vertice europeo di Lisbona, nel marzo 2000, quando i capi di governo dei Quindici lanciarono la sfida per trasformare l’Unione, grazie alle tecnologie dell’informazione, nella «più competitiva e dinamica economia mondiale» nel giro di un decennio. Da qui sono stati fissati i criteri per misurare il «potenziale innovativo delle nazioni», basandosi sui dati statistici ufficiali (Ocse ed Eurostat) e valutando sia gli indicatori classici (spesa per la ricerca e numero dei brevetti, per esempio) sia indicatori più mirati (dalle risorse umane alla creazione e trasmissione di nuova conoscenza). Così, a quasi tre anni di distanza dal summit europeo, quella che emerge oggi è una mappa continentale a due velocità. Con la Gran Bretagna (grazie soprattutto all’iniezione di competitività che 11 anni di governo Thatcher hanno introdotto nel sistema), con i piccoli Paesi del Nord (soprattutto Svezia, Danimarca e Olanda) che corrono al ritmo degli Usa. E con i grandi (Germania, Francia, Italia e Spagna) che non riescono ad accelerare.
    Per l’Italia, il bilancio è allarmante. Nella classifica complessiva sull’«innovazione del sistema» messa a punto dalla Fondazione Rosselli il Belpaese occupa le posizioni di coda. La Svezia trionfa, superando anche gli Usa. Noi invece, fra le nazioni Ocse, siamo al quart’ultimo posto, davanti soltanto a Portogallo, Grecia e Russia. E, in prospettiva, rischiamo di precipitare ancora più giù. Secondo Viale, i maggiori rischi di declino sono legati a due elementi: conoscenza e finanza. «La scarsa conoscenza tecnologica è il risultato di un sistema scolastico e universitario inadeguato - spiega il presidente della Fondazione -. Per quanto riguarda il secondo punto, invece, scontiamo il fatto di avere un sistema finanziario e bancario incapace di individuare e premiare la capacità innovativa delle imprese».
    Ma l’indagine della Fondazione Rosselli sfata anche una serie di luoghi comuni nazionali. Non è vero, per esempio, che in Italia manchino le infrastrutture di base (ferrovie, strade). Il punto è che sono poco efficienti. Un altro luogo comune è la fuga dei cervelli. «In realtà il numero dei "cervelli" che lasciano il Paese è limitato - spiega Viale -. Il problema è dato dalla bassa qualità di quelli che rientrano. Torna in Italia chi non è riuscito a trovare una collocazione stabile negli Usa o altrove». Stiamo viaggiando verso il declino? «Purtroppo non vedo segni di svolta -dice Viale -. Dal governo ci si aspettava molto, invece ci troviamo con una Finanziaria 2003 che riduce risorse alla ricerca e senza individuare priorità».

    Giancarlo Radice


    E' un Paese che viaggia spedito verso l'Africa.
    Il sistema Itaglia è come un cancro che pian piano sta distruggendo anche il buono che c'e' ( o c'era?) al Nord.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    flemma beat
    Data Registrazione
    26 Jun 2002
    Messaggi
    1,729
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Itaglia sempre + a picco

    Originally posted by Dragonball
    [BE' un Paese che viaggia spedito verso l'Africa.
    Il sistema Itaglia è come un cancro che pian piano sta distruggendo anche il buono che c'e' ( o c'era?) al Nord.
    [/B]
    se sei così insoddisfatto puoi sempre emigrare
    tanto la padania non esisterà mai, rassegnati.

  3. #3
    Simply...cat!
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Brescia,Lombardia,Padania
    Messaggi
    17,080
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Re: Itaglia sempre + a picco

    Originally posted by ilgufo

    se sei così insoddisfatto puoi sempre emigrare
    tanto la padania non esisterà mai, rassegnati.
    Podarsi...ma vuoi mettere la soddisfazione di vedere questo Paese andare a picco?

  4. #4
    flemma beat
    Data Registrazione
    26 Jun 2002
    Messaggi
    1,729
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Re: Re: Itaglia sempre + a picco

    Originally posted by Dragonball
    Podarsi...ma vuoi mettere la soddisfazione di vedere questo Paese andare a picco?
    ah sì, una soddisfazione sai... la terra dei tuoi avi andare a puttane, un bell'augurio.
    io me ne andrò in iraq a fare lo scudo umano

  5. #5
    Simply...cat!
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Brescia,Lombardia,Padania
    Messaggi
    17,080
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Re: Re: Re: Itaglia sempre + a picco

    Originally posted by ilgufo

    ah sì, una soddisfazione sai... la terra dei tuoi avi andare a puttane, un bell'augurio.
    Dall'articolo:"Noi invece, fra le nazioni Ocse, siamo al quart’ultimo posto, davanti soltanto a Portogallo, Grecia e Russia. E, in prospettiva, rischiamo di precipitare ancora più giù".

    A picco!Verso l'Africa!Quanto godo!!!

    E' l'unica conclusione ovvia che poteva avere questo Paese.

 

 

Discussioni Simili

  1. Picco del petrolio: apocalisse rimandata, come sempre
    Di Morfeo nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 26-07-12, 19:58
  2. ITAGLIA: paese molto Amato e sempre in festa!
    Di ventunsettembre nel forum Padania!
    Risposte: 15
    Ultimo Messaggio: 14-01-12, 22:35
  3. Come sempre inflessibili con i criminali, W l'Itaglia!
    Di WillyI nel forum Politica Estera
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 17-01-10, 15:14
  4. sempre più lega itaglia
    Di gruppobusto nel forum Padania!
    Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 07-09-06, 23:48
  5. Itaglia sempre + a picco in ricerca,brevetti e high tech
    Di Dragonball (POL) nel forum Padania!
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 02-11-03, 12:41

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226