User Tag List

Risultati da 1 a 5 di 5

Discussione: Ma la magistratura?

  1. #1
    Mé rèste ü bergamàsch
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Messaggi
    13,036
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Ma la magistratura?

    Si possono fare tutte le leggi che si vogliono se poi si trovano simili soggetti ad applicarle, interpretarle, rivoltarle...

    "Respingimenti ingiusti e inefficaci"

    Magistratura democratica, Movimento per la Giustizia e Medel a Lampedusa per una due giorni sull'immigrazione

    "Respingimenti ingiusti e inefficaci" - LASTAMPA.it

    ROMA- A Lampedusa per parlare di accoglienza e di legalità. Per essere vicini «alle vittime che in quei mari hanno perso la vita», per denunciare «l’incompatibilità della politica dei respingimenti con l’universale diritto di asilo; per riportare all’attenzione generale i doveri che allo Stato italiano derivano dall’appartenere all’Unione Europea». Con questo spirito Magistratura democratica, Movimento per la Giustizia-art.3 e Medel hanno organizzato sull’isola siciliana il convegno "La frontiera dei diritti, il diritto della frontiera". Due giorni di dibattito (oggi e domani), di confronto e di proposta.

    Più di cento i magistrati che saranno presenti insieme alle associazioni del mondo dell’accoglienza e di quello cattolico. Ai lavori interverranno, oltre a Valerio Fracassi di Movimento per la giustizia e a Vito Monetti di Medel e a tanti magistrati, anche Laura Boldrini (portavoce dell’Alto commissariato Onu per i rifugiati) e il regista Marco Tullio Giordana (autore del film ’Quando sei nato non puoi più nascondertì). «L’introduzione del reato di immigrazione clandestina - spiega Rita Sanlorenzo di MD -, oltre ad essere sostanzialmente priva di ogni fondamento giustificativo dal momento che la sua sfera applicativa è destinata a sovrapporsi integralmente a quella dell’espulsione quale misura amministrativa, vale a far passare nell’immaginario collettivo l’equazione immigrato-delinquente».

    Per i magistrati riuniti nelle tre associazioni «le restrizioni nei confronti dell’immigrazione regolare e il rifiuto degli strumenti di assorbimento della clandestinità, non faranno altro che aumentare il numero degli irregolari» destinati ad ingrossare le fila dei lavoratori in nero, senza diritti e garanzie, o del mondo della microcriminalità. Con la norma - aggiungono - non si risolvono le esigenze della sicurezza, e «in ogni caso la sicurezza, la cui importanza è indiscutibile, non può comportare la compressione dei diritti fondamentali, principio alla base di ogni garanzia». Per i magistrati l’introduzione del reato farà ulteriormente rallentare la macchina della giustizia, «sottrarrà risorse delle forze dell’ordine al contrasto della criminalità» e contribuirà «a costruire vieppiù un’identità negativa dello straniero, rappresentato secondo una logica schiettamente e dichiaratamente xenofoba, come un potenziale delinquente».

    Altro tema di discussione al convegno sarà la prassi dei respingimenti in mare, che «ha evidenziato come nei fatti in Italia si ponga nel nulla il diritto di asilo, che invece costituisce un perno irrinunciabile di qualsiasi politica sull’immigrazione». «Come giuristi e come magistrati - si legge in una nota congiunta - sentiamo il dovere di denunciare con forza le ricadute della normativa in materia di immigrazione: una normativa ingiusta, perchè contraria ai principi universali sul diritto dell’individuo a condurre un’esistenza libera e dignitosa, ed inefficace, perchè il fenomeno non si contrasta con i respingimenti e i processi, ma con una politica degli ingressi». «Andiamo a Lampedusa - concludo le associazioni - per mettere a disposizione delle formazioni sociali impegnate sul terreno dell’accoglienza dei migranti e della loro integrazione, la nostra competenza di giuristi: per contribuire a costruire insieme una cultura che del rispetto della vita umana e della solidarietà verso l’umile e il bisognoso faccia la propria bandiera, perchè la questione dell’immigrazione è ormai la questione della nostra democrazia».
    Dato che questa è una Magnum 44, cioè la pistola più precisa del mondo, che con un colpo ti spappolerebbe il cranio, devi decidere se è il caso. Dì, ne vale la pena? ("Dirty" Harry Callahan)

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Mé rèste ü bergamàsch
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Messaggi
    13,036
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Ma la magistratura?

    Come volevasi dimostrare...

    Clandestinità e respingimenti in mare
    Mantovano: "Ci sono pm militanti che ostacolano la legge sulla sicurezza"


    Mantovano: "Ci sono pm militanti che ostacolano la legge sulla sicurezza" | l'Occidentale

    Sono passati solo sei anni ma la storia si ripete. Allora con la Bossi-Fini, oggi con la nuova legge sulla sicurezza. Risultato: le norme, specie sul versante della clandestinità, restano in parte “inapplicate” e ciò che democraticamente è stato approvato in parlamento rimane sulla carta. E’ un’analisi severa quella del sottosegretario all’Interno Alfredo Mantovano che chiama in causa le responsabilità di certa magistratura “politicizzata” impegnata nel “tentativo di ostacolare” una legge dello Stato. A questo si aggiunge il giudizio critico circa le polemiche sui respingimenti in mare e in particolare sul rischio di finire sotto inchiesta che potrebbero correre i comandanti delle motovedette della Guardia di Finanza e della Marina militare che hanno soccorso e riportato in Libia gli immigrati diretti a Lampedusa. Un rischio non remoto visto che la procura di Agrigento – come scrive Repubblica – ha aperto un fascicolo, per ora contro ignoti, sui respingimenti compiuti nei mesi scorsi dopo l’accordo siglato tra Italia e Libia.

    Mantovano ricorda bene l’estate del 2002 quando fu approvata la Bossi-Fini, perché immediatamente dopo il varo della legge “vi furono più riunioni da parte di magistrati, soprattutto aderenti a Magistratura democratica e a correnti di sinistra in cui si ragionava su come disapplicare le nuove norme”. Ma c’è un’altra data e un altro evento che il sottosegretario all’Interno richiama: “Nel gennaio 2003 al congresso di Magistratura democratica l’allora segretario disse apertamente che i giudici non sono vincolati alle decisioni della maggioranza di governo quando queste appaiono oppressive e tali da non tutelare chi ha bisogno. In questo modo, di fatto, venivano manifestate valutazioni politiche e indicazioni su come darvi seguito”.

    Il risultato, alla fine, è stato che la Bossi-Fini in alcune parti soprattutto quelle relative alle norme di contrasto “è stata colpita da centinaia di ordinanze di illegittimità costituzionale, la stragrande maggioranza delle quali poi non accolta dalla Consulta. Tuttavia, il riflesso concreto è che in ciascuno dei processi nei quali la questione di illegittimità costituzionale è stata sollevata, il clandestino non è stato espulso e quindi si è finito per non applicare le nuove disposizioni”, spiega Mantovano per il quale qualcosa di molto simile sta accadendo con le nuove norme sulla clandestinità. “Oggi ci troviamo nell’identica situazione: il governo e il parlamento approvano una legge che contiene provvedimenti più rigidi e certi pm per ragioni ideologiche tentano di vanificarne l’effetto”.

    Non a caso pone l’accento sul convegno che la scorsa settimana Md e Movimento per la giustizia hanno organizzato a Lampedusa sottolineando che “in quella sede le due correnti più a sinistra della magistratura hanno lanciato una sorta di proclama contro la legge. L’effetto immediato è che già in varie sedi giudiziarie fioccano ordinanze di illegittimità costituzionale. A Torino il procuratore capo ha dato indicazione ai suoi sostituti di non trattare in via prioritaria procedimenti che riguardano clandestini e c’è perfino qualche pm che apre un fascicolo su ciò che avviene al di fuori del territorio nazionale, perché i respingimenti vengono eseguiti in acque internazionali”.

    Proprio ieri Caselli ha repinto le accuse e rispondendo a un’analoga sottolineatura mossa dal vice coordinatore piemontese del Pdl Guglia ha affermato che “la preoccupazione di una qualche ‘disapplicazione della legge’ o di un qualche suo ‘stravolgimento’ da parte della Procura di Torino è del tutto infondata, oltre che obiettivamente smentita (come dimostrabile in qualunque sede competente) dalle direttive analitiche impartite proprio per corrispondere alle esigenze della nuova legge, direttive ispirate, come sempre, all'unico obiettivo di rendere il miglior servizio possibile nell'interesse dei cittadini”.

    Quanto alla querelle sui respingimenti in mare, Mantovano ricorda come l’Italia sia il paese che in Europa ha “sottratto alla morte il maggior numero di persone” ma detto questo, adesso è fondamentale che la comunità europea “dimostri una reale volontà politica” e faccia fino in fondo la propria parte dal momento che il fenomeno dell’immigrazione clandestina “non è né può essere un problema solo dell’Italia”.

    Come se ne esce? Per rendere efficaci le norme in materia di contrasto all’immigrazione clandestina ciascuno deve fare la propria parte perché basta che “uno si metta di traverso e si blocca tutto e oggi c’è una parte consistente della magistratura che si sta mettendo di traverso”, incalza Mantovano convinto del fatto che “il problema è politico perché esiste una parte della magistratura che tenta di sostituirsi a quanto approvato dal parlamento e lo fa secondo uno schema che è solo politico. E visto che il problema è politico va trattato come tale”. Due i piani sui quali il sottosegretario all’Interno invita ad agire: “Da un lato è necessario chiedere alla magistratura se sia giusto che le cose vadano così, e dall’altro occorre sollecitare chi all’interno della stessa magistratura non condivide questa sorta di travalicamento di funzioni e competenze”.

    Ma a leggere le cronache quotidiane c’è da ritenere che il nuovo braccio di ferro tra governo e pm "militanti" sia soltanto all’inizio
    .
    Dato che questa è una Magnum 44, cioè la pistola più precisa del mondo, che con un colpo ti spappolerebbe il cranio, devi decidere se è il caso. Dì, ne vale la pena? ("Dirty" Harry Callahan)

  3. #3
    non umanista
    Data Registrazione
    19 May 2009
    Messaggi
    330
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Ma la magistratura?

    I magistrati dovrebbero essere nominati dal Capo dello Stato e scelti fra gli avvocati con una specchiata reputazione morale e professionale.
    Per me gli avvocati italiani non dovrebbero diventare parlamentari (il Parlamento italiano ne è pieno, con risultati non sempre lusinghieri) ma giudici.
    Invece in Italia la magistratura è acefala burocrazia impiegatizia.

    Che vergogna.
    Maledetto è l'uomo che confida nell'uomo (Geremia 17 5)

  4. #4
    .
    Data Registrazione
    06 Apr 2009
    Località
    Parma
    Messaggi
    2,995
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Ma la magistratura?

    Citazione Originariamente Scritto da Old Right Visualizza Messaggio
    I magistrati dovrebbero essere nominati dal Capo dello Stato e scelti fra gli avvocati con una specchiata reputazione morale e professionale.
    Per me gli avvocati italiani non dovrebbero diventare parlamentari (il Parlamento italiano ne è pieno, con risultati non sempre lusinghieri) ma giudici.
    Invece in Italia la magistratura è acefala burocrazia impiegatizia.

    Che vergogna.
    più che altro il problema sta nel fatto che le associazioni dei magistrati vogliono sostituirsi al Parlamento. Devono limitarsi al loro lavoro,senza dire la loro opinione sulle leggi.
    Potevano protestare prima che la legge fosse approvata,ormai i giochi sono fatti,non possono fare ostruzionismo extra e post-parlamentare usando la loro posizione.
    Senatore Imperiale,Patrizio dell’Impero,Duca Duce di Parmula,Placentula et Guastallula,Sovrintendente agli ‘Mperial vitigni di Sangiovese,Vicecomandante del FICA.

  5. #5
    Conservatorismo e Libertà
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Messaggi
    17,352
    Mentioned
    14 Post(s)
    Tagged
    5 Thread(s)

    Predefinito Rif: Ma la magistratura?

    Ne abbiamo a bizzeffe di magistrati che fanno il possibile per ostacolare l'applicazione delle leggi approvate dal Parlamento, dai rappresentanti del popolo sovrano. E ne abbiamo altrettanti che sproloquiano e firmano appelli di natura eminentemente politica. Magistrati (e associazioni della magistratura organizzata) che attaccano il governo, fanno strame dei provvedimenti, insultano le massime istituzioni (ebbene sì, il Presidente del Consiglio è una istituzione fra le più importanti!). E' sempre più urgente una riforma radicale per disarticolare la magistratura rossa, per impedire infiltrazioni politiche, per assicurare all'Italia magistrati seri e preparati, lontani dalle dispute, e disposti solo a rispettare la sovranità della legge, ad emanare sentenze "in nome del popolo italiano", sine ira ac studio, con onestà ed integrità. Ne abbiamo abbastanza di giudici più o meno schierati e faziosi, di associazioni o Consigli sempre pronti a difendere senza mai punire comportamenti scorretti o disdicevoli. Siamo stufi di magistrati che interpretano le norme a loro piacimento per poi emettere sentenze scandalose, assurde, per lo più buoniste.

 

 

Discussioni Simili

  1. Ma se la magistratura
    Di dede1893 nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 16
    Ultimo Messaggio: 16-02-11, 21:30
  2. Ma la Magistratura
    Di DaleCooper nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 16-01-08, 20:56
  3. Dov'è la Magistratura ?
    Di tolomeo nel forum Centrodestra Italiano
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 21-09-06, 11:11
  4. La Magistratura non ci sta.
    Di MrBojangles nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 17-03-02, 20:44

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226