User Tag List

Pagina 5 di 5 PrimaPrima ... 45
Risultati da 41 a 42 di 42
  1. #41
    Super Troll
    Data Registrazione
    13 Oct 2010
    Località
    cagliari
    Messaggi
    55,089
    Inserzioni Blog
    1
    Mentioned
    83 Post(s)
    Tagged
    5 Thread(s)

    Predefinito

    Mio caro Amati ora ho capito chi sei…tanta insistenza , arroganza, sfacciataggine e insolenza mi ricordano tanto il sig. Schifani o qualche altro ributtante campione della compagine alla quale sicuramente appartieni … e se non sei uno di loro sicuramente ci sei andato a scuola….
    E sarà un guaio per la tua vita futura….. perciò….. giacchè mi fa schifo avere a che fare con individui par tuo che non accettano la sconfitta, e si lanciano in illazioni, mistificazioni, ed insolenze pur di ribattere qualcosa…..ogni qualvolta tu risponderai con nuove insolenze o illazioni campate in aria e menzogne, io ti posterò questo messaggio senza neppure cambiarlo di una virgola.

    1) le 35 ore in francia e germania non hanno influito sulla loro disoccupazione attuale in quanto risulta in linea con quella degli altri paesi che le 35 ore non le hanno adottate.. mentre tu, fatto che ora smentisci, la crisi francese e tedesca l’hai sempre e solo attribuita alle 35 ore…..
    2) hai sempre negato che il valore reale dei salari sia diminuito da 30 anni circa a questa parte mentre tutti i dati lo confermano;
    3) in USA il 95% dei lavoratori si ritira in povertà, e non perché sono spendaccioni, come tu sostieni, ma perché i salari sono sempre al limite della sopravvivenza sotto tutte le latitudini , e solo nei paesi dove c’è un sistema previdenziale obbligatorio gestito dallo stato pone i lavoratori al riparo da simili catastrofi;
    4) In USA non c’è solo il salario minimo a 5,15 dollari, ma anche di 3, 30 per certi lavoratori, come diceva l’articolo a cui ho fatto riferimento……e che non sono solo quelli che hanno diritto a mance, come tu sostieni, ma anche lavoratori che mance non ne prendono,,,,, e che comunque rimane un motivo chiaramente oppressivo, in quanto trasferisce direttamente nelle tasche del padrone tali guadagni extra che il lavoratore si guadagna con il suo servilismo, per di più reso obbligatorio da oscene leggi dello stato …..;

    5) In USA per ben 11 milioni di lavoratori americani (non di nuovi immigrati)sono remunerati a salario minimo, e c’è da presumere che moltissimi altri lavoratori abbiano paghe di poco superiori, giacchè tutti i datori di lavoro sono taccagni sotto tutte le latitudini; si deduce perciò che in USA almeno 5milioni di famiglie, ovverosia almeno 15.ooo.ooo di persone , e non solo di studenti, vivano con una paga inferiore a quella che godono le colf italiane ed europee;
    Detto questo mi sembra che continuare, come fai, a sostenere ancora oggi la validità del sogno americano, sia perlomeno utopico, oltre che puro campanilismo da sfacciata e falsa propaganda politica ..
    Con i miei ossequi……
    se l'europa non cambia sistema conviene andarsene...altrimenti ci ridurrà come e peggio della grecia.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #42
    Viva la piadina!!!
    Data Registrazione
    20 Nov 2009
    Località
    Miami, FL, USA
    Messaggi
    81,938
    Mentioned
    276 Post(s)
    Tagged
    3 Thread(s)

    Predefinito

    Originally posted by cciappas
    Mio caro Amati ora ho capito chi sei…tanta insistenza , arroganza, sfacciataggine e insolenza mi ricordano tanto il sig. Schifani o qualche altro ributtante campione della compagine alla quale sicuramente appartieni … e se non sei uno di loro sicuramente ci sei andato a scuola….
    E sarà un guaio per la tua vita futura….. perciò….. giacchè mi fa schifo avere a che fare con individui par tuo che non accettano la sconfitta, e si lanciano in illazioni, mistificazioni, ed insolenze pur di ribattere qualcosa…..ogni qualvolta tu risponderai con nuove insolenze o illazioni campate in aria e menzogne, io ti posterò questo messaggio senza neppure cambiarlo di una virgola.

    1) le 35 ore in francia e germania non hanno influito sulla loro disoccupazione attuale in quanto risulta in linea con quella degli altri paesi che le 35 ore non le hanno adottate.. mentre tu, fatto che ora smentisci, la crisi francese e tedesca l’hai sempre e solo attribuita alle 35 ore…..
    2) hai sempre negato che il valore reale dei salari sia diminuito da 30 anni circa a questa parte mentre tutti i dati lo confermano;
    3) in USA il 95% dei lavoratori si ritira in povertà, e non perché sono spendaccioni, come tu sostieni, ma perché i salari sono sempre al limite della sopravvivenza sotto tutte le latitudini , e solo nei paesi dove c’è un sistema previdenziale obbligatorio gestito dallo stato pone i lavoratori al riparo da simili catastrofi;
    4) In USA non c’è solo il salario minimo a 5,15 dollari, ma anche di 3, 30 per certi lavoratori, come diceva l’articolo a cui ho fatto riferimento……e che non sono solo quelli che hanno diritto a mance, come tu sostieni, ma anche lavoratori che mance non ne prendono,,,,, e che comunque rimane un motivo chiaramente oppressivo, in quanto trasferisce direttamente nelle tasche del padrone tali guadagni extra che il lavoratore si guadagna con il suo servilismo, per di più reso obbligatorio da oscene leggi dello stato …..;

    5) In USA per ben 11 milioni di lavoratori americani (non di nuovi immigrati)sono remunerati a salario minimo, e c’è da presumere che moltissimi altri lavoratori abbiano paghe di poco superiori, giacchè tutti i datori di lavoro sono taccagni sotto tutte le latitudini; si deduce perciò che in USA almeno 5milioni di famiglie, ovverosia almeno 15.ooo.ooo di persone , e non solo di studenti, vivano con una paga inferiore a quella che godono le colf italiane ed europee;
    Detto questo mi sembra che continuare, come fai, a sostenere ancora oggi la validità del sogno americano, sia perlomeno utopico, oltre che puro campanilismo da sfacciata e falsa propaganda politica ..
    Con i miei ossequi……
    Cciappas, sei semrpe il solito mistificatore.. apporti dati SBAGLIATI< e neanche hai la decenaa di riconoscerlo. Prima dici una cosa e' poi te la rimangi e neghi pure d'averlo fatto (e t'ho indicato dove e le tue due risposte.....) Accusi ma ti gaurdi bene dal dimostarre dove e come avrei affermato quello che m'imputi... che casualita'. cVedi la differenza io t'apporto dati , molto facili da comprovare, ti' indico dove priam dici una ocsa e poi te la rimangi, tuinvece apporti dati ERATI e ti guardi bene dal provare le tue bufalate...
    Ma entriamo nel mertio del 3D che e' piu' interessante:

    ") le 35 ore in francia e germania non hanno influito sulla loro disoccupazione attuale in quanto risulta in linea con quella degli altri paesi che le 35 ore non le hanno adottate.. mentre tu, fatto che ora smentisci, la crisi francese e tedesca l’hai sempre e solo attribuita alle 35 ore…..:

    Ti richiedo NUOVAMENTE d' indicarmi dove avrei detto cio', senno smettila di mettermi le tue convinzioni e parole in bocca mia, sei penoso.
    Quello che io asserto e' le 35 ore non sono l'unico fattore, ma che sicuramente hanno avuto un ruolo importante, senno RICHIEDO spiegami come mai in FRANCIA le volgiono modificare ed in Germania hanno una disoccupazione magiore che nel1998, ovvero pre-35 ore. L' Italia le 35 ore non le ha ed ha un livello inferiore di disoccupazione ovvero del 8.9% (secondo FMI, ISTAT, Banca D' Italia e se non erro OSCE, e non secondo un giornaletto..), ovveroinferiore dei due paesi nomibnati. In USA e GB le 35 ore non le hanno eppure hanno una disoccpuazione molto inferiore. Quindi vi spossono esserre due spiegazioni logiche, una che le 35 abbiano influito negativamente, creando probblemi di concorrenza (esempio Francia) o che , seconda, non hanno avuto nessuna influenza, dato che i tassi non sono certo migliorati e che quindi coem propposta e' una BUFALA.
    E' anche ovvio che la disoccpazione in Francia e Germania non e' linea con i paesi che non le hanno adottate, fors eocn alcuni, ma non conm la maggiorparte, hanno una disoccupazione amggiore che l'Italia, acneh se la differenza e' minima ed hanno una disoccupazione enorme se ocmprarata a paesi tipo USA e GB. I dati ed i fatti ti smentiscono, non e' colpa mia se non te ne acorgi.

    "2) hai sempre negato che il valore reale dei salari sia diminuito da 30 anni circa a questa parte mentre tutti i dati lo confermano;"

    Primo, se ti rieggi la discussione si parlava dagl' anni 80 ad oggi e non da 30 anni a questa parte, cosi su due piedi, hai cancellato la crisi petrolifera e l' inflazione conseguente che ha mangiato per anni il potere acquisitivo.... sei semplicemente ridicolo.
    Dall' uscita di scena della scala mobile, gli stipendi reali sono riaumentati (figuriamoci quelli nominali, mentre TU hai affermato il contrario... ti devo RI-INDICARE dove?), e non sono certo passati 30 anni... Cciappas e' inutile che cambi i numeri tanto quello che hai affermato e quello che abbiamo discusso e' nelle pagine anteriori, ti devo per forzaindicare NUOVAMENTE quello che hai scritto?
    Secondo, caro Cciappettino, semmai ho pure detto il contrario, parlando STORICAMENTE, ovvero quindi includendo ad esmepio il pre-scala mobile, quando ho detto (Svariate volte) che ad esmepio in USA neanche a valori relai lo stipendio minimo e' mai giunto a otto , neanche quando era al massimo, quidni ovviamente oggio non e' al massimo e quindiOVVIAMENTE oggi il potere acquisitivo reale ad esempio dello stipendio minimo non e' uguale ad esempio al '79. Creddevo che non v'era questa necessita' di psiegarti tutto, cerchero' di spiegare anche le virgole, dato che noto che non c'arrivi.

    "3) in USA il 95% dei lavoratori si ritira in povertà, e non perché sono spendaccioni, come tu sostieni, ma perché i salari sono sempre al limite della sopravvivenza sotto tutte le latitudini , e solo nei paesi dove c’è un sistema previdenziale obbligatorio gestito dallo stato pone i lavoratori al riparo da simili catastrofi;"

    Errato nuovamente. Stai interpretando i dati da te apportati sbagliando, nel senso che tu fai intendere che solo il 5% va in pensione negl'USA essendo non povero... ma secondo te cio'
    e' quelloc he indicano i dati? Guardi segui il mio consiglio fatteli rispegiare, dato che nei dati e' CHIARAMENTE indicato che la maggiorparte della popolazione integra i suoio stiepndi con il Social Security, ovvero la pensione pubblica. Giusto perhce' una perosna, non ha risorse perosnali sufficneti per 20/25 anni, non vuile dire che sia povero, del rsto che percentuale di pensionati Italiani vive dei loro soli risparmi? Molto ma molto poco, la maggiorparte li deve integrare con la pensione pubblica, che e' quello che i dati indicano. Dal tuo ragioanmento coloro cheintegran o la pensione ai propi risparmi sono poveri... che baggianata immane.
    Inotlre ti vorrei dare un consiglio prima di postare qualcosa assicurati che sia corretto come dato o fatto.
    Hai scritto:

    "solo nei paesi dove c’è un sistema previdenziale obbligatorio gestito dallo stato pone i lavoratori al riparo da simili catastrofi.."

    Quindi dicendo che in USA non esiste.. ma se pure nei dati fa te apportati, v'e' scritto del "Social Security", che non e' volontario, ma OBBLIGATORIO.

    "4) In USA non c’è solo il salario minimo a 5,15 dollari, ma anche di 3, 30 per certi lavoratori, come diceva l’articolo a cui ho fatto riferimento……e che non sono solo quelli che hanno diritto a mance, come tu sostieni, ma anche lavoratori che mance non ne prendono,,,,, e che comunque rimane un motivo chiaramente oppressivo, in quanto trasferisce direttamente nelle tasche del padrone tali guadagni extra che il lavoratore si guadagna con il suo servilismo, per di più reso obbligatorio da oscene leggi dello stato …..; "

    Cerchero' di psiegartelo un' altra volta... la norma FEDERALE soprassiede la nomra STATLE, e la NORMA FEDERALE e ' che il salario minimo orario e' di 5.15 dollari che ti piaccia o no. Quindi la norma statale (in quanti stati?) e' di 3.30 solamente se il lavoratre ha cmq assicurato entrate che lo portino ad un minimo di 5.15, in caso contrario la nomra Statle non puo' essere applicata, e quindi il minimo del lavoratore e' cmq 5.15... che ti piaccia o no non cambia come stanno le cose...

    "e che non sono solo quelli che hanno diritto a mance, come tu sostieni, ma anche lavoratori che mance non ne prendono,,,,, "

    Questo l' articolo non lo dice, in caso contrario indicami dove lo dice, semmai dice che in altri settori dei servizzi, tale nomra puo' essere applicata, ma questa e' norma STATALE e non FEDERALE... se la differenza non la capisci fattela spiegare da qualcun altro. quidni dato che e' norma STATALE , la norma federale deve cmq esser rispettata, quindi se non saranno mance saranno altre cose che permetteranno cmq d' arrivare al 5.15, in caso contrario sarebbero norme non Applicabili costituzionalmente... se no la capisci , beh piu' chiaro di cosi..

    "e che comunque rimane un motivo chiaramente oppressivo, in quanto trasferisce direttamente nelle tasche del padrone tali guadagni extra che il lavoratore si guadagna con il suo servilismo, per di più reso obbligatorio da oscene leggi dello stato …..; "

    Guarda che ngl'USA v'e' pure il Profit Sharing, ovvero una parte dei profitti vanno ai lavoratori.... Cciappas ma smettila va la che e' meglio, che e' ovvio che certe cose neanche sai dove stanno di casa.

    Tu fiorse nella tua vita avrai avuto "PADRONI", io quando lavoravo per qualcun latro avevo un datore di lavoro non un opadrone, al quale vendevo i miei servizzi e pretendevo la paga puntuale.
    Ora che sono datore di lavoro, a fine mese prima pago le spese ed i lavoratori, poi se ci sono pago me.

    "5) In USA per ben 11 milioni di lavoratori americani (non di nuovi immigrati)sono remunerati a salario minimo, e c’è da presumere che moltissimi altri lavoratori abbiano paghe di poco superiori, giacchè tutti i datori di lavoro sono taccagni sotto tutte le latitudini; si deduce perciò che in USA almeno 5milioni di famiglie, ovverosia almeno 15.ooo.ooo di persone , e non solo di studenti, vivano con una paga inferiore a quella che godono le colf italiane ed europee;
    Detto questo mi sembra che continuare, come fai, a sostenere ancora oggi la validità del sogno americano, sia perlomeno utopico, oltre che puro campanilismo da sfacciata e falsa propaganda politica .."

    Era ora che apportassi un dato richiesto, cmq sarebbe oppportuno una referenza perche' prenderlo pe rbuono , beh dopo le castronate di dati che hai apportato, sarebbe meglio confermarli.
    Cmq, hai affermato (TU) che i lavoratori a paga minima negl'USA sono la maggiorparte....
    Bene allora, secondo il BLS i lavoratori USA (solo civili) sono 142,542,000, quindi prendendo la tua statistica, vediamo che i lavoratori a paga minima sono il 7.717% della popolazione lavorativa, quindi .... altra affermazione sbagliata da parte tua, ed altra affermazione giusta da parte mia, ovvero che i lavoratori a paga minima sono la minoranza....

    " e c’è da presumere che moltissimi altri lavoratori abbiano paghe di poco superiori, giacchè tutti i datori di lavoro sono taccagni sotto tutte le latitudini"

    Questo no e' un dato ma una tua idea.. che scusami da come hai apportato ddati fino ad ora, potrei anceh affermare sbagliata, portami un dato comprovabile, inoltre si basa su di una convinzione ideologica "i datori di lavoro sono taccagni sotto tutte le latitudini", la quale e' alquanto bizzara e generalistica.
    Le colf in USA prendono dai 40 ai 50 usd al giorno, dato puramente informativo.

    "Detto questo mi sembra che continuare, come fai, a sostenere ancora oggi la validità del sogno americano, sia perlomeno utopico, oltre che puro campanilismo da sfacciata e falsa propaganda politica .."

    La propaganda la fai tu, mettendto aprole tue in bocc amia, apportando dati SBAGLIATI e d'interpretazioni insufficenti e alquanto infantili, mi sorprendo, dato che a detta tua sei una persona anziana, quindi un pochino piu' di ragionamento lo devresti avere.

    Cciappas, ripeto se ti basi su dati sbalgiati, non e' colpa mia, cmq saluti e alla prossima.

 

 
Pagina 5 di 5 PrimaPrima ... 45

Discussioni Simili

  1. Il Sogno Americano
    Di lupodellasila nel forum Destra Radicale
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 11-06-08, 15:58
  2. il sogno americano
    Di Micene nel forum Destra Radicale
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 18-03-08, 16:28
  3. Il sogno americano
    Di Hyspanico (POL) nel forum Destra Radicale
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 06-06-07, 13:41
  4. Il sogno americano
    Di Tesista (POL) nel forum Aviazione Civile
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 13-09-05, 01:35
  5. il sogno americano..
    Di carbonass nel forum Etnonazionalismo
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 20-04-03, 23:27

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226