User Tag List

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 18
  1. #1
    Moderatore
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Località
    Messina
    Messaggi
    18,415
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito "Uomini pietrificati" e suggestioni alchemiche: la Cappella Sansevero

    Dal sito (non più esistente) http://members.xoom.it/bentesicime/sansevero/Home.htm

    Vita di Raimondo de' Sangro

    "Questo signore è di corta statura, di gran capo, di bello e gioviale aspetto. Filosofo di spirito, molto dedito nelle meccaniche, di amabilissimo e dolcissimo costume, studioso e ritirato, amante la conversazione di uomini di lettere".
    Così l'illuminista napoletano Antonio Genovesi delinea i tratti fisiognomici, morali ed intellettuali di Raimondo de' Sangro, settimo principe di Sansevero; un personaggio popolare e, tuttavia, poco conosciuto, il cui nome è indissolubilmente legato ad uno dei monumenti più famosi e, certamente, più visitati di Napoli, la Cappella sepolcrale di famiglia nel cui progetto iconografico egli fu personalmente impegnato e per la cui realizzazione impiegò, nell'arco di circa tre decadi, artisti di cultura ed esperienza europea.
    Il principe di Sansevero fu più che un intelligente committente ed un audace sperimentatore, attratto addirittura da pratiche ai confini del lecito, come vorrebbe di lui la fantasia popolare. Egli fu scienzato, uomo di lettere e figura di spicco nel panorama militare e politico di una Napoli che, ancora, a cavallo tra vicereame austriaco e dominazione borbonica, viveva un grande fermento. La sua vicenda umana offre una angolazione inconsueta per affacciarsi sui complessi scenari della vita politica e culturale nell'Europa dell'Età dei Lumi.
    Raimondo de' Sangro, VII Principe di Sansevero, nasce il 30 gennaio 1710 a Torremaggiore, in provincia di Foggia, da Antonio de' Sangro e da Cecilia Gaetani d'Aragona, rampolli di famiglie di antichissimo lignaggio. Sia i Sansevero che i Gaetani vantavano ascendenze risalenti al medio evo, un'eredità che li poneva in una posizione di autonomia rispetto alle varie dominazioni succedutesi a Napoli. Non vi è dubbio che la complessa personalità di Raimondo fu influenzata dalle tragiche vicende dei genitori e forgiata dal contesto di grandeur delle due famiglie di origine.
    La madre Cecilia, morta quando il Principe aveva appena un anno, era figlia di Aurora Sanseverino e Nicola Gaetani, intellettuali, mecenati di filosofi e di artisti come Vico e Solimena, e protettori di una certa intellighenzia napoletana che si era fatta portatrice di un rinnovamento, sia nel campo letterario sia in quello scientifico, che nei primi anni del '700 poteva apparire rivoluzionario.
    Il ramo paterno, di tradizione militare, annoverava numerosi condottieri al servizio dell'esercito spagnolo lungo tutto l'arco del vicereame. Ma è soprattutto nel periodo della dominazione austriaca (1705-1734) - quando, in seguito alla morte di Carlo II di Spagna, Napoli venne ceduta agli Asburgo - che la famiglia de' Sangro divenne particolarmente potente. Come si legge sulla lapide del mausoleo che Raimondo innalza al nonno nella Cappella, Paolo de' Sangro si era guadagnato il titolo di Grande di Spagna, di prima categoria, per sé e per i suoi discendenti maschi, oltre a tutti gli incarichi ufficiali presso la corte.
    La figura del nonno paterno ha un ruolo fondamentale nella formazione di Raimondo, poiché è alle sue cure, cui era stato affidato da piccolissimo, che si deve lo sviluppo intellettuale del Principe e il suo amore per la ricerca. Dopo la morte della madre, infatti, il padre abbandona il figlioletto e conduce una vita dissipata tra Napoli e Vienna, spezzata da una conversione che lo porterà a diventare abate.
    Per assicurare a Raimondo un'educazione all'altezza del suo rango, il nonno lo invia a Roma, a studiare presso il Collegio dei Padri Gesuiti: una scuola severa e prestigiosa dove il giovane ha modo di entrare in contatto con una cultura di orientamento sia umanistico che scientifico, manifestando inclinazione per l'una e l'altra branca del sapere.
    Nel 1730 Raimondo ritorna a Napoli, dove la sua vita scorre frenetica fra intensi studi ed osservazioni di fenomeni scientifici e naturali, impegni politici (è in questo periodo che inizia ad avvicinarsi alla massoneria) e militari. Si dedica intensamente pure all'editoria, dando alle stampe, con una particolare macchina di sua invenzione, diversi libri di contenuto massonico-occultistico.
    Anche la conservazione ed il restauro delle sue proprietà rientrano nei suoi mille interessi, infatti fin dal 1735 si adopera per il rifacimento di alcune parti del Palazzo avito, sito in piazza San Domenico Maggiore, forse cogliendo l'occasione dell'arrivo a Napoli della cugina Carlotta Gaetani d'Aragona, che egli aveva sposato per procura cinque anni prima. Lo si apprende da un documento dell'epoca, il quale recita che il 19 febbraio del 1735 furono pagati:

    « quaranta ducati a Don Raimondo de' Sangro e per esso a Gaetano Spallino capomastro fabbricatore del grezzo di pozzolana lapillo et acqua comprata per servizio di detto Suo palazzo, e piombo comprato per coprire l'"appennato" del balcone della camera della Fenice. »

    Questa testimonianza è utile non solo per ricostruire la cronologia degli interventi di restauro sul palazzo Sansevero, ma anche perché ci fa conoscere l'esistenza di un'ambiente che era utilizzato da Raimondo per i suoi esperimenti di chimica: la Camera della Fenice. Uccello sacro e favoloso degli egiziani, la fenice è un simbolo alchemico: combinazione ideale di significati per il giovane aristocratico, desideroso di avvolgere in un alone di mistero la sua attività scientifica.
    Nel 1744 dà inizio ai lavori di ristrutturazione della sua Cappella gentilizia, cui presero parte artisti di levatura europea che, sotto la guida e lo stimolo del Principe, riuscirono a esprimere in maniera unica e sorprendente il pensiero del committente. Il Principe, infatti, voleva che i gruppi scultorei presenti nella sua Cappella contenessero un particolare "messaggio" allegorico di chiaro stampo massonico-occultistico e che fossero rappresentativi del suo modo di essere e di pensare.
    I lavori nella Cappella durano per circa trenta anni, dando vita a quello splendido monumento che tutti noi possiamo ancora ammirare, e terminarono poco prima della morte del Principe, il quale si spense il 22 marzo del 1771, nel suo palazzo in piazza San Domenico Maggiore. Gli vennero tributate solenni onoranze funebri, come ricordano alcuni documenti relativi all'allestimento del suo catafalco:

    « In nome e in parte dell'odierno principe di Sansevero don Vincenzo de' Sangro - don Ludovico Cavallo, amministratore della casa, paga 12 ducati a francesco Luciano - in soddisfazione così dell'affitto di cassa e coltre di velluto blù ricamata d'argento e d'oro, della berretta indorata nuova e cuscino ricamato e quattro splendori d'argento per li funerali e castellana del principe don Raimondo de' Sangro, come altresì per qualsivogliano fatiche di beccamorto. »

    La castellana ornata di 390 cere lavorate, fu allestita nella sua chiesa sepolcrale e gentilizia di Santa Maria della Pietà accosto al suo palazzo.
    Il corpo doveva essere tumulato nella tomba che lui stesso s'era costruito, nel mausoleo di famiglia; ma, ultimo colpo di scena di un personaggio a ragione o a torto condannato ad essere misterioso, una leggenda vuole che le ossa del principe non trovino riposo nella Cappella...


    Le Meraviglie

    Un episodio, ricordato dallo stesso principe in una nota autobiografica che accompagna la Lettera Apologetica, opera che costituisce la vera summa delle sue conoscenze e della sua filosofia, è esemplare dell'eclettico talento del giovane aristocratico e della sua propensione per ogni forma di spettacolarità.
    Nel 1729 si manifestò la vivacità dello spirito di Raimondo: presso il Collegio dei gesuiti si voleva organizzare un festeggiamento per la nascita della figlia di Carlo VI d'Austria, Principessa Maria Amalia. I padri gesuiti pensarono di utilizzare il cortile grande del Seminario sia per allestirvi delle rappresentazioni teatrali che per farvi esibire in giostre cavalli e cavalieri. Il problema era, dunque, quello di realizzare un palco mobile adatto per il teatro che potesse essere rapidamente smontato per dar spazio alle giostre. Gli ingegneri avevano proposto soluzioni piuttosto complesse che prevedevano l'intervento di numerosi uomini di fatica.
    Anche il diciottenne Sansevero presentò un progetto che si rivelò il più funzionale di tutti:

    «...con l'opera di argani, ruote e corde, tutto nascosto alla vista degli spettatori, senza neppure apparirvi uomo che le tirasse, si vide subitamente ritirare il gran palco; quando dovettesi dar luogo per la Cavalleria, e quindi, sollevandosi nel mezzo, e restringendosi l'una metà e l'altra nel terreno, pendenti a forma di Libro, rimase in pochi istanti tutto ristretto e ridotto nel piccolo spazio di tre soli palmi e appoggiato agli archi inferiori della facciata; onde rimase libero il cortile d'ogni benché senza alcun inpedimento all'uso del Cavalcare; di che pur ora durano le stupende ricordanze, e come di un portento ancor se ne parla, e ancor si continua a farne le meraviglie.»

    L'episodio, oltre che dell'ingegno del principe, è testimonianza di due aspetti del suo "personaggio". Benché nobile, non disdegnava di applicarsi a un'attività per così dire tecnologica, impegnando la sua fertile mente nell'ideazione di un apparato da festa. Con un'altra eccezione soltanto, il duca Ferdinando Sanfelice, fratello del famoso cardinale Antonio e architetto di alcuni dei palazzi più belli del rococò campano, mai nessun nobile napoletano aveva ritenuto convenevole dedicarsi ad arti cosiddette "meccaniche".
    Raimondo rompe questa barriera di "casta" mettendosi su una strada che lo porterà a fare i più diversi esperimenti, talvolta anche con ricadute utili al viver quotidiano: inventare ad esempio una specie di stoffa impermeabile e finanche un modo più semplice per stagnare le pentole di rame.
    L'allusione alla "meraviglia" che quel "portento" aveva destato nei presenti, ci introduce in quell'atmosfera di "magia" che, ricercata dal principe stesso, finirà per accompagnare il suo personaggio, ingigantita e deformata dalla supertizione del popolo: un'aura alimentata da un lato dall'orgogliosa certezza della propria superiorità e dall'altro amplificata dalla mediocrità di interlocutori capaci di scambiare per portenti le sue conoscenze e le sue realizzazioni nel campo della scienza e della tecnica.
    A quell'epoca, infatti, queste discipline erano coltivate da pochissimi uomini, e spesso a rischio della propria incolumità personale: non soltanto perché essi conducevano degli esperimenti potenzialmente pericolosi per la quasi totale assenza di conoscenze e di metodiche sperimentali, ma soprattutto perché, indagando il mondo della natura, questi pionieri venivano a trovarsi in conflitto con le "verità assolute" della Chiesa.
    Ma il Raimondo scienzato non sapeva rinunciare alla spettacolarità e alla meraviglia. Si narra che un giorno egli costeggiasse il golfo di Napoli con una carrozza marittima mossa senza l'impiego di alcun rematore.
    Uno scherzo del principe? Forse, ma comunque ben curato nei dettagli tecnici, infatti la carrozza è mossa da un sistema di pale rotanti che sostituiscono le ruote tradizionali.
    Un'ulteriore prova del desiderio di "meravigliare" furono le ricerche condotte dal principe nel campo della pirotecnica, mettendo a punto metodi e formulazioni fino ad ottenere i più vividi e brillanti colori che mai si erano visti nel reame. Tuttavia, nel dedicarsi ad un'attività tipica del mondo alchemico di tradizione rinascimentale, Raimondo non si dedicava con lo spirito dello stregone ma con l'accanimento e la logica dello scienziato, annotando i passi e i risultati di volta in volta raggiunti, e come tale si proponeva di scrivere un trattato di pirotecnica,

    «...nel quale svelandosi quanto finora ha di ignoto e di nascosto la divisata Arte, si toglierà finalmente la maschera a tutti que' segreti, che con tanta gelosia si custodiscono, e de' quali piace ad alcuni farne tal mistero, che né pure le curiose richieste de' Sovrani né rimangono soddisfatte.»

    Dopo gli studi romani Raimondo riprende a Napoli intorno al 1730 le sue ricerche e i suoi esperimenti, realizzando una serie d'invenzioni di pratico utilizzo. Tra le invenzioni del Sansevero una menzione particolare merita il grande orologio con carillon, ancora descritto nella Lettera Apologetica. Perfettamente al corrente con la moda corrente degli orologi meccanici decorati con automi che, azionati da complicati congegni, simulavano i movimenti di animali e di uomini, Raimondo ne aveva costruito uno e lo aveva posto sul ponte di comunicazione tra la Cappella e il Palazzo di famiglia che ancora oggi si affaccia su Piazza San Domenico.
    Anche in questo caso Raimondo si riallaccia alla tradizione della costruzione di automi. Una tradizione antichissima, che aveva avuto un grande revival nel Cinque e Seicento quando gli apparati da festa e tutta la cosiddetta architettura effimera, il gusto per l'artificio e la meraviglia presero ad alimentarsi dei più disparati accorgimenti, frutto della fantasia di artisti come Leonardo e Bernini. Con i suoi marchingegni Raimondo non fa altro che mettersi nella scia di questi inventori che già da due secoli erano riusciti a suscitare un alone di stupore per quelle loro realizzazioni: macchine che oggi possono apparirci come dei giocattoli d'altri tempi ma che allora dovevano sembrare qualcosa di prodigioso e forse anche di diabolico per quel non so che di straordinario che in qualche modo rompeva il tradizionale ordine della Natura.


    La Massoneria

    Il principe aderì alla Massoneria nel 1744 e vi fece parte fino al 1751, anno in cui Benedetto XIV e Carlo III di Borbone tentarono di porre fine alla attività delle logge napoletane.
    Le prime logge napoletane si erano formate dopo l'introduzione dei principi massonici nel regno, al tempo del vicereame austriaco verso la fine del '600, da parte di elementi del ceto militare austriaco. La fonte più antica a riguardo è un manoscritto conservato nell'archivio della Società Napoletana di Storia Patria, redatto nella prima metà del '700, in cui si parla di logge attive a Napoli fra il 1749 e il 1951.
    In un altro manoscritto il Principe di Belmonte si riferisce alle logge napoletane:

    «I Liberi Muratori sin dal tempo di Carlo III si erano introdotti a Napoli, ma vi si mantenevano in maniera nascosta, e ristretti fra solo forestieri, che sotto un altro pretesto si radunavano. Da principio vi furono ammessi un piemontese, di mestiere acquavitaro, ed un francese, mercante di drappi. Costoro, conosciuti a fondo i principi della società, pensarono di erigere una loggia separata. Infatti, l'anno 1745 eseguirono un tale immaginato disegno.»

    Il Principe di Belmonte era una figura di primo piano della massoneria siciliana alla fine del Settecento e numerosi suoi documenti sono conservati nella Biblioteca di Palermo. La matrice massonica militare era stata introdotta nel regno da Felice Gassola, massone piacentino affiliato ad una loggia in Inghilterra e giunto nella capitale del regno con l'esercito di Carlo di Borbone. Questi entrò presto in contatto con il Principe de' Sangro; si trovano tracce di questo rapporto nelle pagine scritte da Pietro Napoli Signorelli, allievo di G. B. Vico, che ha lasciato opere ricchissime di notizie sulla cultura napoletana dell'epoca, nella quale dedica ampio spazio alla figura di Raimondo ed alle sue scoperte.
    Tra queste egli ricorda:

    «...una carta per cartocci d'artiglieria che si converte subito in carbole senza rimanervi favilla veruna accesa... Era questa una invenzione inglese che si servava in Londra gelosamente. Re Carlo, nel 1745, ne ordinò che se ne facesse copiosa provvisione per servirsene per alcuni cannoni di campagna. Il Principe Sansevero, ad insinuazione del piacentino Gazzola, general comandante l'artiglieria, vi riflette, stima di essersi apposto nel trovare la mistura opportuna e dopo giorni uno presenta al Re sei fogli di una carta da lui fatta che alle pruova riuscirono al meglio della carta inglese.»

    Nel 1744 Raimondo aveva avuto modo di conoscere il Gazzola durante la campagna contro gli austriaci che tentavano la riconquista del regno di Napoli. Nella battaglia di Velletri, con cui l'esercito di Carlo si liberò definitivamente dell'aggressore austriaco, prese parte attiva anche il principe di Sansevero, dando prova del proprio valore, e suggellando così il legame e la fedeltà della sua famiglia, da sempre alleata degli Asburgo, alla casa di Borbone che dal 1734 regnava su Napoli.
    Il filone massonico di origine militare e quello di origine borghese furono fusi in uno proprio da Raimondo de' Sangro, con la collaborazione del Gazzola che, attraverso i suoi contatti inglesi, lo propose e ne ottenne l'elevazione al grado di "Gran Maestro delle Logge Napolitane". Ma un altro personaggio aveva lavorato per la riunificazione delle logge: Francesco Zelaja, alfiere militare che aveva capito che per salvare le logge bisognava metterle sotto la tutela e la protezione di un personaggio di grande prestigio e legato alla corte, come il Principe di Sansevero.
    I primi del 1740 v'erano due anime massoniche nel regno di Napoli: una formata dai ranghi più elevati della gerarchia militare insieme ai nobili legati alla corte, ed una seconda che accoglieva gran parte dei commercianti, inglesi e francesi, che commerciavano con il regno, ed anche ufficiali di basso rango. La maggioranza di coloro che componevano questa seconda ala borghese delle logge partenopee era di religione calvinista, ed era questa ala che era guidata dallo Zelaja.
    A partire dal momento del riconoscimento di Raimondo come Gran Maestro di tutte le logge napoletane, il nostro Principe si tuffa nella politica del regno, avvicinandosi al Re di cui gode la stima e collaborando alla ristrutturazione dell'esercito, anche attraverso l'invenzione di macchine da guerra, del tutto nuove per l'epoca e portando avanti quello che era il suo vero progetto. Tale attività la mantenne fino al 1751 anno in cui, cedendo alle pressioni vaticane che preludevano ad uno scontro armato, Carlo III di Borbone dovette con un editto cancellare le logge napoletane e bandire la massoneria dal regno. Raimondo de' Sangro abiurò.
    La scelta di sciogliere l'ordine fu da alcuni interpretato come atto di vigliaccheria, da altri, invece, come unico atto possibile per salvare i confratelli da ulteriori persecuzioni. Il progetto del de' Sangro era, come risulta anche dalla prefazione dell'edizione italiana de I Viaggi di Ciro da lui curata, di far risorgere la nobiltà napoletana, spesso accusata di essere dedita solo alla vita di corte, alla caccia, e di essere legata solo ai propri privilegi feudali. Egli si propone di riscattarla da questo letargo e si pone quale capo di quegli aristocratici che, volendo giocare un ruolo importante nei fermenti innovatori che in Europa si facevano sentire, aspiravano ad avere un peso decisivo nel governo della nazione.
    Convinto seguace di Bayle, Shaftesbury, Collins e Toland, da cui aveva mutuato i principi di tolleranza religiosa e di libertà di pensiero, il Principe non può fare a meno di coinvolgere nel proprio progetto i magistrati con i quali i nobili rivaleggiavano «negli affari del Regno» procurando grave disagio alla corona, al regno intero, ed offrendo all'estero motivo di discredito per il Regno di Napoli, terzo regno del mondo conosciuto. Questa apertura di Raimondo alla borghesia, questo considerare nobili coloro i quali mostrano ingegno, virtù ed onestà, e' di certo dovuto all'evolversi del suo pensiero massonico. Questa associazione, infatti, nacque senza pregiudizi relativi all'estrazione sociale dei suoi affiliati, il cui fine ultimo era, secondo un'immagine allegorica attinta dal Vecchio Testamento, costruire un tempo ideale, ispirato a quello di Salomone, basato sull'esercizio della virtù.
    A tale proposito, in un'allocuzione del 1745 in loggia in occasione dell'ammissione di alcuni apprendisti, Raimondo afferma:

    «Sono molto lusingato di potervi dare questo titolo, e di poter col tempo rivelarvi tutte le gloriose prorogative che esso comporta. Accettati, per il vostro medesimo desiderio e per un suffragio che vi assicurano le vostre qualità personali, nella nostra rispettabile società, dopo aver sfidato i pregiudizi del secolo, le opinioni del profano, dopo aver superato con costanza precisa le prove differenti che vi hanno condotto nell'augusto santuario della massoneria, è infine giusto che vi metta a parte della luce che avete cercato con tanta cura, e non contento di aver colpito i vostri occhi con il vivo fulgore dei suoi raggi, che io vi riscaldi il cuore, lo animi, illumini la vostra anima e il vostro spirito, svelandovi i misteri delle nostre logge, facendovi conoscere il vero oggetto dei lavori, lo scopo vero della nostra associazione, le regole per la nostra condotta ed i principi della nostra morale.
    Tutto ciò che facciamo è relativo alla virtù, è il suo tempio che noi costruiamo, e i semplici e grossolani strumenti di cui facciamo uso non sono che i simboli dell’architettura spirituale di cui ci occupiamo. Voi vedrete, fratelli, avanzando nei gradi dell'Ordine, cosa che il vostro zelo meriterà senza dubbio, fino a che punto l'allegoria ne sia sottilmente sostenuta: io posso, per adesso, rivelarvi solo quei segreti ai quali lo stato di apprendista vi permette di essere iniziati: non traccerò la storia della nostra origine; consultate i libri santi, voi la troverete all'epoca della sublime costruzione che consacrò con la saggezza del più grande dei re, un magnifico monumento alla gloria e al culto dell'Eterno...»

    «Questa breve spiegazione, fratelli, dissipa il prestigio che vi ha potuto preoccupare prima di conoscervi: eccovi, infine, alla portata di renderci giustizia, noi non ci lasciamo ingannare né dai nostri principi, né dai nostri sentimenti: riuniti dallo stesso scopo, pieni dello stesso zelo, noi siamo tutti fratelli e ce ne facciamo gloria; opere simili di una stessa provvidenza, siamo tutti uguali, la nascita, i ranghi, la fortuna non ci fanno uscire da questo giusto livello che dovrebbe, a quel che credo, ridurre tutti gli uomini nel loro valore intrinseco: la virtù sola e i soli talenti ci distinguono più o meno, e la bassa gelosia non occupa in noi il posto della nobile emulazione. Infine, fratelli, noi siamo uomini semplici, modesti nei piaceri, essenziali nelle amicizie, fermi negli impegni, puntuali nei doveri, sinceri nelle promesse...»

    La visione dei rapporti tra uomini colti e virtuosi, basati sostanzialmente su di un ideale di ugualianza e fraternità, preannuncia quei fermenti che si svilupperanno nel corso degli anni successivi e che porteranno alla Rivoluzione borghese del 1789 in Francia, ed alla Repubblica Partenopea del 1799 a Napoli.
    Naturalmente con Raimondo siamo ancora in una visione elitaria, ma già consapevole che il processo di rinnovamento avviato dall'Illuminismo europeo con il superamento dei vecchi dogmi in materia di scienza, religione, filosofia e diritto, avrebbe portato ad un cambiamento anche sul piano politico e sociale.
    Quanto Raimondo si fosse nutrito di tutti i classici del pensiero moderno ci è testimoniato dall'Inventario della sua ricca biblioteca: 1600 volumi circa, oggi dispersi, con numerosi trattati sulle più svariate materie econ opere autografe di Pierre Bayle, Denis Diderot, Montesquieu, Voltaire, Condillac, Rousseau e tanti altri.
    Per quanto riguarda un filone più strettamente scientifico ci sono opere di Galilei e Newton, quest'ultimo nel trattatello divulgativo del massone veneziano Algarotti. Vi sono poi numerosi testi di storia delle religioni e sulla Compagnia di Gesù in relazione alle spedizioni nei continenti extra-europei. Si trovano, anche, numerosi libri legati al mondo dell'antiquaria e delle arti applicate, come le Antichità di Ercolano, un'edizione che documenta gli scavi che il re Carlo di Borbone aveva patrocinato per farne omaggio solo a regnanti ed esponenti della più alta aristocrazia. Accanto a questa, Raimondo possedeva altre opere aventi come argomento Ercolano e tutte scritte o curate da fratelli massoni.
    L'ideologia massonica, con la sua aspirazione a far rivivere un modello di società giusta e incorrotta, spinge alcuni intellettuali del Settecento a ritrovare, attraverso lo studio dei monumenti antichi rimasti ancora in piedi (Paestum) o venuti alla luce con le allora nascenti campagne di scavo (Ercolano e Pompei), tracce concrete di una civiltà, quella greca e romana, che ai loro occhi appariva un esempio di democrazia e di rigore morale.
    Nella sua sterminata libreria non compare alcun testo di argomento alchemico o magico di alcun autore classico della tradizione esoterica cinque-seicentesca. Si trovano, però, due manoscritti, Dissertazione sopra la magia e Arte magica dileguata, quest'ultima opera dell'illuminista veneto massone Maffei che si scagliava contro l'interpretazione di alcuni fenomeni naturali in termini di magia e stregoneria, frutto di superstizione ed ignoranza.
    L'unico testo di argomento cabalistico era Il Conte di Gabalis dell'abate francese Villars de Montfaucon che Raimondo possedeva in ben due copie, una francese e l'altra tradotta in italiano e pubblicata dalla sua stamperia.
    Dopo i fatti del 1751, la repressione, la scomunica ed il tentativo a vuoto dell'Inquisizione di tradurlo a Castel Sant'Angelo, Raimondo si vide costretto a chiudere la tipografia in cui stampava i manoscritti da lui stesso tradotti, a volte sotto pseudonimo. Due gesuiti, in particolare, tallonavano da presso il Principe: Innocenzo Molinari e Francesco Pepe che riferivano ai responsabili superiori dei servizi vaticani circa le opere e le iniziative del Principe. Soprattutto si scagliavano, nei loro rapporti, contro le opere pericolosamente scientifiche che Raimondo stampava e divulgava: un vero attentato alla dottrina della fede.
    Fra le opere editate due in particolare suscitarono le ire del papa di turno tanto da provocare l'editto di scomunica e la richiesta d'estradizione. Si trattava de Il Conte di Gabalis ovvero Ragionamenti sulle Scienze Segrete e della Lettera Apologetica dell'Esercitato Accademico della Crusca contenente la difesa del libro intitolato - Lettere d'una peruana - per rispetto alla supposizione de' quipu scritta alla Duchessa di S ***.
    Ultima modifica di Tomás de Torquemada; 18-05-15 alle 00:06

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Moderatore
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Località
    Messina
    Messaggi
    18,415
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito


    Macchina anatomica


    Dalla Breve nota di quel che si vede in casa del Principe di Sansevero (1766):

    "In una stanza d'un altro Appartamento, che chiamano della Fenice, il quale sta tutto in fabbrica, per renderlo meglio diviso e comodo, si veggono due macchine anatomiche, o, per meglio dire, due scheletri, d'un maschio, e d'una femmina, ne' quali si osservano tutte le vene de' corpi umani, fatte per iniezione, che, per essere tutti intieri, e, per diligenza, con cui sono stati lavorati, si possono dire singolari in Europa. Oltre a tutte le visceri, e le parti interiori del corpo, colla apertura del cranio, si osservano tutti i vasi sanguigni della testa; e coll'aprirsi la bocca, si veggono i vasi della lingua. Mirabile poi la delicatezza colla quale è stato lavorato il corpicciuol d'un Feto che morì in un colla Madre, la quale sta in piedi e si fa girare d'ogni intorno, per osservarsene tutte le parti. Vicino a detto bambino vi è la sua placenta aperta, dalla quale esce l'intestino ombelicale, che va ad unirsi al feto nel suo proprio luogo. Anche il cranio di questo piccolo corpicciuolo si apre e se ne osservano i vasi sanguigni. Le dette due macchine, o sieno scheletri, son opera del Signor Domenico Giuseppe Salerno, Medico Anatomico Palermitano".

    * * *

    Dal sito (non più esistente)
    http://members.xoom.it/bentesicime/sansevero/Home.htm

    Nel corso dell'Ottocento, ben dopo la morte del Principe, furono trasferiti dal Palazzo alla cavea due vecchi armadi che custodiscono i corpi di un uomo, di statura minuta e di età avanzata, e di una donna, molto alta, giovane e di probabile provenienza africana, presumibilmente morta di parto. Fino ad alcuni anni fa ai piedi della donna si trovava anche il feto, che è stato successivamente trafugato. Questi due corpi sono il frutto delle ricerche che il Principe conduceva con il medico anatomista Giuseppe Salerno nelle più segrete stanze del suo palazzo, lontano da occhi indiscreti e col pericolo di essere denunciato per la sua smania di indagare "i più riposti segreti della natura".
    La loro particolarità è che da essi sono state eliminate, con ignoti procedimenti, tutte le parti molli, eccettuato l'intero apparato circolatorio fin nelle sue minime ramificazioni arteriose e venose. Risalgono al secondo decennio della seconda metà del '700 e costituiscono motivo di controversia scientifica ancor oggi, tra coloro che propendono per la teoria secondo la quale il Principe avrebbe fatto inoculare un liquido da lui stesso inventato nei due cadaveri (o addirittura alcuni istanti prima della loro morte), ottenendo così la cristallizzazione di vene ed arterie, e coloro che, invece, ritengono che, accanto ad organi autentici, vi siano pezzi ricostruiti ex novo con materiali inventati da don Raimondo molto simili ai polimeri e alle fibre sintetiche dei nostri giorni, in questo ultimo caso stupisce enormemente il grado di conoscenza sul sistema circolatorio cui erano giunti i due artefici delle macchine anatomiche.

  3. #3
    Sognatrice
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Piacenza
    Messaggi
    10,985
    Mentioned
    15 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Uomo singolarissimo, Raimondo di Sangro fu naturalista e filosofo, astronomo, poeta, scrittore, guerriero, generoso mecenate e al tempo stesso spietato... quando occorreva. Per lui si scomodò perfino Benedetto Croce, che in "Storie e leggende napoletane" ci racconta alcune macabri episodi. Particolarmente suggestivo è il resoconto della morte del Principe... Raimondo di Sagro avrebbe scoperto un elisir prodigioso, capace di dar vita ai cadaveri, che volle sperimentare su se stesso. Giunto il giorno fatale, diede ordine ad uno schiavo negro, l' unico di cui si fidasse, di tagliare il suo corpo a pezzi e di collocarlo in un baule, dove avrebbe dovuto svolgersi il processo di "resurrezione", raccomandandogli di non aprirlo se non dopo un determinato periodo... Meglio avrebbe fatto a non avvisare i familiari, che, curiosi, impiccioni secondo consuetudine e forse anche avidi, speranzosi di trovare chissà quali ricchezze in quel contenitore, lo aprirono anzitempo vincendo le resistenze del povero schiavo negro. Avvenne allora qualcosa di orripilante: il corpo del principe si sollevò semivivo tra il terrore dei presenti, i suoi occhi si sbarrarono, dalla sua bocca aperta uscì il più terribile degli urli, infine quella larva di corpo si scompose, il tutto ricadde nel baule e il Principe, di fatto, morì per la seconda volta.

    Racconta inoltre Benedetto Croce… Solo che per essere un gran signore, un principe, egli riuniva alle arti diaboliche capricci da tiranno, opere di sangue e atti di raffinata crudeltà. Per lieve fallo fece uccidere due suoi servi, un uomo e una donna, e imbalsamarne stranamente i corpi in modo che mostrassero nel loro interno tutti i visceri, le arterie e le vene, e li serbò in un armadio, e ancora si mostravano dal sagrestano in un angolo della chiesa: ammazzò altra volta nientemeno che sette cardinali, e dalle loro ossa costruì sette seggiole, ricoprendone il fondo con la loro pelle; all'artista che gli scolpì per la sua cappella il Cristo morto, trasparente sotto un velo di marmo, e che vi lavorò la vita intera, fece cavare gli occhi affinchè non eseguisse mai per altri così straordinaria scultura...

    Dicerie popolari, che però dimostrano come la vita del Principe sia sempre stata circondata da un alone di mistero e associata all'oltretomba ed alla morte.


  4. #4
    Registered User
    Data Registrazione
    04 Jan 2003
    Messaggi
    17
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Io ho sentito dire che i vasi sanguigni sarebbero ricostruiti con banale fil fi ferro ricoperto da cera colorata.
    Vorrei sapere se sono mai stati fatti dei controlli SERI sulla reale natura materiale di queste due "MACCHINE ANATOMICHE".

  5. #5
    Moderatore
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Località
    Messina
    Messaggi
    18,415
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Originally posted by Jehan
    Io ho sentito dire che i vasi sanguigni sarebbero ricostruiti con banale fil fi ferro ricoperto da cera colorata.
    Vorrei sapere se sono mai stati fatti dei controlli SERI sulla reale natura materiale di queste due "MACCHINE ANATOMICHE".
    Caro Jehan,

    è una voce assai diffusa, della quale sono al corrente anch'io...

    Le "macchine anatomiche" sarebbero fatte di fil di ferro e cera abilmente disposti intorni a due scheletri (veri, almeno quelli...)... Sembra, d'altro canto, che la ricostruzione del sistema arterio-venoso sia troppo precisa rispetto alle conoscenze dell'epoca...

    Non mi risulta comunque, anche se è stranissimo, che siano mai stati effettuati controlli accurati...

    Ciao.

  6. #6
    Sognatrice
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Piacenza
    Messaggi
    10,985
    Mentioned
    15 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    In Origine Postato da Tomás de Torquemada


    Le "macchine anatomiche" sarebbero fatte di fil di ferro e cera abilmente disposti intorni a due scheletri (veri, almeno quelli...)...
    Sì, è probabile, anche perché la siringa ipodermica, necessaria per iniettare la misteriosa sostanza, è stata inventata quasi un secolo dopo (ma forse questo problemuccio non avrebbe fermato Don Raimondo, capace di escogitare qualsiasi diavoleria… ). Un esame compiuto negli anni Cinquanta sulle cosiddette "macchine anatomiche" avrebbe rivelato (il condizionale è d’obbligo…) che l'intero sistema cardio-vascolare era metallizzato, cioè impregnato e tenuto insieme dai metalli in esso depositati. In realtà è assai più credibile che quegli scheletri siano soltanto povere ossa splendidamente ricoperte da simil-organi e vasi sanguigni in materiali (questo sì) non del tutto conosciuti. La questione resta sfumata, anche perché – forse - chiarirla del tutto attenuerebbe l’alone di mistero che circonda Don Raimondo.

    Si deve al canonico Celano (Notizie del bello, dell’antico e del curioso della città di Napoli, 1792) la denominazione di “macchine anatomiche”. Queste soprattutto hanno alimentato le leggende popolari che dipingono Raimondo di Sangro come un essere diabolico. E, in effetti, questi due corpi "metallici" perfettamente ricostruiti, le sue scoperte sulla circolazione sanguigna, i primi progetti per la carrozza sottomarina precorrevano i tempi, e di parecchio, lasciando perplesse le menti di allora.
    Le due stravaganti macchine anatomiche, per lungo tempo considerate risultati di un orrido esperimento, sono oggi interpretate come il frutto di un’osservazione attenta, approfondita e scientifica dei fatti della natura: un corretto modo per riconsegnare a Don Raimondo il giusto posto nella storia partenopea.


    ... Lo scheletro della donna ha il braccio destro alzato e i globi oculari interi, quasi ancora lucenti, in un'espressione di vero terrore. Sembra quasi che invochi aiuto. Le ossa sono interamente rivestite dal fittissimo sistema arterioso e venoso che, metallizzandosi, ha preservato anche gli organi più importanti. Il cuore è intero e nella bocca si possono riconoscere persino i vasi sanguigni della lingua. Era incinta. Nel ventre si può notare la placenta aperta dalla quale fuoriesce il cordone ombelicale che va a congiungersi con il feto. Così come quello della madre, anche il cranio di questo bambino mai nato si può aprire per vederne all'interno la complessa rete dei vasi sanguigni.
    Il corpo dell'uomo ha più o meno le stesse caratteristiche, solo che le braccia scendono lungo il tronco. Lavorando di fantasia, si potrebbe pensare che entrambi siano stati legati mani e piedi ad una specie di tavolo operatorio e che solo la donna, prima di morire, sia riuscita a liberare il braccio destro che ha agitato, cercando scampo, fino a quando la sua circolazione sanguigna non si è bloccata...

    (Rino Di Stefano su Il Giornale del 18 Ottobre 1996)


  7. #7
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    22 Jul 2002
    Messaggi
    16,995
    Mentioned
    20 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    1

    Predefinito

    accidenti! sono pietrificato dallo stupore.

  8. #8
    sacher.tonino
    Ospite

    Predefinito

    Bellissimo questo 3d, addirittura io propongo di tenerlo in rilievo per un pò di tempo.
    Sono stato personalmente alla cappella sansivero.

    Nulla nell'UNIVERSO è paragonabile alla bellezza del Cristo Velato.
    Stupendo il piano interrato dove sono esposte le statue scientifiche.
    Per me Sansivero era un Grande.
    Grazie Tomàs per questo 3d.
    Tonino

  9. #9
    Moderatore
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Località
    Messina
    Messaggi
    18,415
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Dal sito http://www.ndonio.it/

    http://www.ndonio.it/Principe%20di%20San%20Severo.htm

    Il Principe di Sansevero
    Nato a Torremaggiore (Foggia) nel 1710 e morto a Napoli nel 1771

    La grande Scuola Alchemica Napoletana, che coinvolse e coinvolge studiosi di provato valore scientifico ed operò importantissime ricerche riguardanti i metalli e le loro proprietà ha il più noto rappresentante in Don Raimondo di Sangro, duca di Torremaggiore e principe di Sansevero, tra i massimi scienziati napoletani, indagatore ostinato ed elegante dei più diversi segreti della natura. Le sue scoperte spaziano dalla tipografia simultanea a più colori (irrealizzabile con le cognizioni dell'epoca) alla balistica, alle proprietà dei metalli, alla decifrazione di linguaggi esoterici usati degli Indios del Perù, a preparati che indurivano le materie molli metallizzandole e pietrificandole (alcuni marmi esistenti nella sua celebre cappella sono di origine alchemica) o rendevano "a freddo" plastico il ferro e altri metalli. Grande anatomista, operò una "ricostruzione" delle reti venose del corpo umano con l'aiuto del suo allievo Salerno. Ispiratore delle sculture "esoteriche" della citata cappella, fu Gran Maestro "pentito" della Massoneria napoletana e celò sotto l'aspetto di "chimico-filosofo" la sua vera identità di iniziato ed alchimista. Raimondo di Sangro divenne principe di Sansevero molto presto, avendo ereditato il titolo, e le notevoli rendite che comportava, direttamente dal nonno Paolo, sesto principe di Sansevero, per la rinuncia al titolo del padre Antonio, vedovo, che dopo una vita alquanto dissoluta aveva rinunciato ai piaceri mondani per vestire l'abito sacerdotale, consentendo così al giovane Raimondo di divenire il settimo principe della casata di Sansevero di Sangro, che ebbe come capostipite e primo principe(1587) Gianfrancesco, "Cecco" di Sangro. L'antichissima stirpe dei conti dei Marsi e di Sangro, vantava una discendenza borgognona dallo stesso Carlo Magno; infatti lo stemma dei di Sangro è lo stemma dei discendenti dei duchi di Borgogna, che fondevano le stirpi carolingia, longobarda e normanna. Legatissima al potente Ordine Benedettino, la Casa di Sangro vanterà, oltre ad abati ed altissimi prelati, anche i santi Oderisio, Bernardo e Rosalia. Legati da vincoli di parentela con la potente casata furono quattro pontefici: Innocenzo III (1198-1216), Gregorio IX (1227-1241), che istituì la famigerata Santa Inquisizione contro l'ammissione della quale nel regno di Carlo di Borbone si battè proprio il lontano discendente Raimondo di Sangro, Paolo IV Carafa e Benedetto XIII(1724-1730). Proprio attraverso S. Bernardo la Casa si legò all'Ordine Templare e ciò ci interessa per quanto riguarda il cammino iniziatico celato nella cappella di famiglia, quella Pietà dei Sangro di Sansevero, capolavoro dell'ultimo barocco napoletano, voluta dal principe che rinnovò una precedente cappella come tempio di famiglia, chiamando a Napoli gli scultori Queirolo e Corradini accanto ai napoletani Sammartino, Celebrano, Persico e i pittori F. M. Russo e C. Amalfi. Artisti che si limitarono ad eseguire la particolare iconografia ideata dal principe, che fornì anche marmi e colori "alchemici". Scrive Aspreno Galante, fonte assolutamente attendibile nel 1872: " ... egli costruì il cornicione ed i capitelli dei pilastri con un mastice da lui formato che parea madreperla...". Le bellissime sculture della cappella Sansevero, che ornano i sepolcri degli antenati, soprattutto dei genitori del principe, sono perfette espressioni di una simbologia massonica-templare-rosacrociana di tale pregnanza ed impatto visivo che lasciano, anche nel visitatore profano, l'impronta indelebile di un "messaggio" che se pur non recepisce, "avverte" con forza. Non tutti sanno che la zona sulla quale sorge il tempio della Pietà dei Sangro; faceva parte del quartiere nilense, abitato dagli Alessandrini d'Egitto, dove, nel tempio, si venerava la statua "velata" della dea. La cappella, questo fondamentale "Libro di Pietra" della conoscenza, sorge quindi sul "luogo di forze" scelto dai primi sacerdoti alessandrini custodi della tradizione egizia di Neapolis. Nel suo palazzo "legato" da un passaggio aereo (oggi purtroppo distrutto e dal quale si scendeva nella cappella) il principe volle la sua officina di alchimista-scienziato, dove sperimentò dall'impermeabilizzazione dei tessuti a quel Lume Eterno che avrebbe dovuto per sempre rifulgere nella cripta sotterranea ai piedi del Cristo morto. Tutta la simbologia del tempio desangriano si ispira all'antica simbologia del Ripa (uno studioso che aveva fissato i canoni simbolici della Fortuna, Fortezza, Sapienza, Fede, Astronomia, Matematica, ecc.. Quasi sempre figure femminili con "oggetti" simbolici come: caducei, cornucopie, fiori, cuori, fiammelle, libri, compassi, genietti, il tutto rigorosamente spiegato nel suo testo usato per secoli dagli illustratori e dagli artisti in genere) con "innovazioni" che l'antico testo iconografico non contemplava come nel caso del Cristo velato. Purtroppo di quanto era contenuto nella casa del principe di Sansevero (e che si trova minutamente descritto nelle varie edizioni della "Breve Nota di quel che sivede in casa del Principe di Sansevero Raimondo di Sangro" edite tra il 1766 e il 1769 e conservate nella Biblioteca Nazionale di Napoli, delle quali le prime due, del 1766 e del 1767, sono introvabili. La stessa famiglia del principe impaurita dalla censura papale e della "imposta" abiura del principe che consegnò alcuni elenchi di "fratelli" al pontefice e volendo far placare il gran rumore che si era fatto intorno a questa "abiura" che fece temere anche la vendetta di massoni ritenutisi traditi e abbandonati dallo stesso Gran Maestro, distrussero tutto quanto potesse collegare la memoria di Raimondo al mondo occulto. Ne fecero le spese tutte quelle realizzazioni scientifiche che avrebbero potuto di molto affrettare la scoperta di molti ritrovati odierni già ottenuti alchemicamente dal Sansevero. resta la inquietante testimonianza delle sue "macchine" anatomiche conservate dal principe in un'apposita stanza del suo palazzo dall'indicante nome di "appartamento della fenice" ed oggi in quella cripta ovale, che don Raimondo aveva prevista imitante una grotta naturale, necessaria per la meditazione degli apprendisti e poggiante su terra battuta, senza pavimentazione, per non impedire quelle vibrazioni naturali provenienti dal "luogo" isiaco sottostante e sorretta da otto (numero fondamentale della ritualità templare che si ripete spesso nell'armonia "numerica" della cappella stessa) pilastri che dovevano definire il posto delle sepolture degli avi intorno al "mistero Magistrale" del Cristo velato. Queste due preparazioni sono un vero e proprio "testo" medico-anatomico, costruite su due scheletri (maschile e femminile) strutturando organi "induriti" da preparati distillati dal Maestro con "ricostruzioni" di sostegno ottenute e colorate con materiali "alchemici" sempre provenienti dall'officina del Sansevero. Ancora un ultimo accenno allo scomparso passaggio che il principe aveva voluto per discendere dal palazzo alla cappella, e che presentava sui due lati un orologio dotato di un particolare impianto di carillon a campane ospitato nel tempietto rituale (che ancora si trova in alcune, interessanti, costruzioni antiche), particolare "faro" per indicare "a chi aveva occhi ed orecchie" il sito iniziatico. Il tempietto era ottagonale ed otto erano le colonne che ne reggevano la cupoletta; il mirabile meccanismo ideato dal principe, che vi era nascosto, permetteva di eseguire qualsiasi motivo percuotendo col pugno una serie di grossi tasti rotondi che corrispondevano ai vari suoni delle campane. Anche questa meraviglia meccanica del genio creativo "minore" del principe fu abbattuta dai famigliari dopo la sua morte per far sedimentare l'imbarazzante ricordo della fama stregonesca del parente "grande iniziato".

  10. #10
    Sognatrice
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Piacenza
    Messaggi
    10,985
    Mentioned
    15 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    In Origine Postato da Tomás de Torquemada
    Le sue scoperte spaziano dalla tipografia simultanea a più colori (irrealizzabile con le cognizioni dell'epoca) alla balistica, alle proprietà dei metalli, alla decifrazione di linguaggi esoterici usati degli Indios del Perù, a preparati che indurivano le materie molli metallizzandole e pietrificandole (alcuni marmi esistenti nella sua celebre cappella sono di origine alchemica) o rendevano "a freddo" plastico il ferro e altri metalli.
    E non solo…

    La studiosa Clara Miccinelli, nel volume "Il tesoro del Principe di San Severo, Luce nei sotterranei" (Genova - ECIG, 1985), racconta di una lettera di Raimondo Di Sangro (sottoposta a perizia calligrafica e ritenuta autentica) datata 14 novembre 1763 e indirizzata al barone H. Theodor Tschudy, suo grande amico.

    In questa lettera ci sono passaggi criptati, scritti con un codice a traslitterazione. La Miccinelli ne fornisce la chiave di lettura: il Principe avrebbe scoperto la radioattività naturale a metà del '700, con almeno centocinquant'anni di anticipo sui coniugi Curie. Il "raggio-attivo", così lo chiamava, proveniva da un minerale, la pechbenda (che però Don Raimondo indicava con termini vaghi: "… quelle sostanze cristalline, luminescenti al buio color di pece e d'olive..."), e aveva un effetto letale sui viventi, come provato dalla sperimentazione sulle farfalle, effetto che si poteva però annullare con il piombo (chiamato "Saturno").

    Ecco come viene riportato il passaggio:

    "Allorquando ebbi incontro con Supremo Fr. S. Germain, per Gabalì a lui mostrai la scoperta di quelle sostanze (che sapete) cristalline luminescenti al buio di color pece e d’olive (ch’ebbi in gentile dono da S. M. di Prussia) ch’io purgai da piombo, silicio, rame e varie impurità. Le quali subirono in crogiolo concentrato nei vari cammini alchemici. Esse procurarono la morte di farfalle chiuse in ampolle con coverchi forati. Infrapponendo lastra di Piombo tra ampolle e sostanze, le farfalle non morirono. Saturno bloccava raggio e affluvio mortali. Il fenomeno è al pari di raggio-attivo, simile a quello osservasi nel Sole."


 

 
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. "Uomini pietrificati" e suggestioni alchemiche nella Cappella Sansevero
    Di Tomás de Torquemada nel forum Esoterismo e Tradizione
    Risposte: 21
    Ultimo Messaggio: 04-10-18, 15:59
  2. Risposte: 10
    Ultimo Messaggio: 28-04-13, 22:21
  3. Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 24-11-08, 21:03
  4. La musica "a cappella"
    Di Drunkabilly nel forum Musica
    Risposte: 18
    Ultimo Messaggio: 14-11-02, 11:14
  5. Risposte: 11
    Ultimo Messaggio: 14-04-02, 18:34

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225