User Tag List

Risultati da 1 a 7 di 7
  1. #1
    Simply...cat!
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Brescia,Lombardia,Padania
    Messaggi
    17,080
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Talking G8:Lula,il questuante con il cappello in mano si mette a predicare

    26.01.2003
    Lula ai potenti di Davos: «Vogliamo un nuovo patto. Contro la guerra, contro la povertà»
    di Marina Mastroluca

    «Dieci anni dopo la caduta del muro di Berlino, sussistono altri muri. Il muro tra chi mangia e chi ha fame, il muro che separa chi ha un lavoro dai disoccupati, il muro tra chi sa leggere e scrivere e gli analfabeti. Tra quelli che vivono con dignità e quelli che vivono nelle strade o nelle favelas. Abbiamo bisogno di nuove etiche». Parla di armi e parla di guerra, Luis Ignacio da Silva. Prende la parola davanti alla platea del Forum economico mondiale di Davos poco dopo il segretario di Stato americano Colin Powell, che usa le stesse parole, ma per dire altro. Lula, il presidente no global arrivato dritto da Porto Alegre, ha in mente una guerra diversa da quella all’Iraq. La guerra alla fame, la guerra per garantire il diritto alla dignità e alla pace.

    «Dare a tutti la possibilità di fare tre pasti al giorno. Ecco una sfida per il Forum di Davos», dice il capo di Stato brasiliano. E il suo intervento, contestato al social forum da chi temeva che Lula finisse nella bocca del lupo, polverizzato nel meccanismo delle regole dei grandi, diventa di colpo il discorso più forte sentito in queste stanche giornate di Davos. Il presidente brasiliano propone un fondo internazionale, costituito dai paesi del G7, per combattere la fame nei paesi del Terzo mondo. Chiede un «Patto mondiale per la pace e contro la fame», una santa alleanza di altra natura rispetto a quelle in voga di questi tempi. Ricorda che troppo spesso «la povertà, la fame e la miseria sono un terreno fertile per la crescita dell’intolleranza e il fanatismo». Quando finisce, dopo venti minuti in cui parla di debiti che lievitano fino a strangolare ogni possibilità di sviluppo, di miliardi di esclusi, di un mondo che stritola i diritti di troppi, sulle sue parole piovono gli applausi di un migliaio tra capi di Stato, politici e imprenditori del pianeta che conta. Lacrime di coccodrillo, forse. Ma Lula incassa con la soddisfazione di essere riuscito a portare nel Forum economico mondiale un vocabolario inedito. «Ecco - dice - non mi sono lasciato mangiare e non ho mangiato nessuno».
    Certo non saranno solo le parole a cambiare il corso della storia, qualcuno però doveva pur dirle, mettere in contatto Davos e Porto Alegre, due consessi che - dice il presidente brasiliano - se «si riunissero intorno ad uno stesso tavolo scoprirebbero di avere più cose in comune di quanto non credano». Lula parla dell’urgenza di coniugare l’espressione «nuovo ordine economico» con una dose maggiore di giustizia, per non lasciare disattese le domande di miliardi di persone che vivono ai margini. Punta il dito sulla necessità di «un nuovo programma di sviluppo mondiale condiviso»: che sia sviluppo per tutti, non solo per una parte del pianeta.
    «Qui a Davos non c’è oggi che un dio, ed è il mercato libero - dice Luis Ignacio da Silva -. Ma il mercato libero deve avere per corollario la libertà e la sicurezza della popolazione. Vogliamo il commercio libero ma nella reciprocità. La comunità internazionale deve inoltre porre ostacoli alla fuga dei capitali nei paradisi fiscali». Libero scambio ad armi pari, quindi, senza imbrogli, perché per colmare il fossato del debito in cui finisce ogni speranza di sviluppo bisogna avere accesso ai mercati, poter vendere ciò che si è prodotto senza incappare in barriere protezionistiche o in un meccanismo truccato in partenza dalle sovvenzioni statali agli agricoltori dei paesi ricchi, Stati Uniti in testa: un sistema che, ricorda Lula, soffoca sul nascere le speranze del suo paese di uscire dal circolo vizioso dei debiti contratti per pagare altri debiti. «Vogliamo rispettare i diritti di tutti, ma vogliamo che gli altri rispettino i diritti del Brasile. Non vogliamo essere trattati come cittadini di serie B».
    Nuove regole e una nuova etica, per gestire le sorti del pianeta e annientare la fame, vero obiettivo di una guerra che varrebbe la pena combattere, una guerra giusta. Dell’altro conflitto, quello che incombe da mesi e quotidianamente viene annunciato, il presidente brasiliano invece non parla. Dice che il suo paese «è fermamente orientato alla pace», che le crisi possono essere risolte negoziando sotto l’egida dell’Onu, che la fame e la povertà alimentano l’intolleranza e i conflitti: combatterle, significa lavorare per la pace.
    Non parla di armi di distruzione di massa, Lula. Parla di milioni di dollari bruciati in armamenti, soldi spesi male, mentre milioni di bambini muoiono di fame. Non parla della guerra al terrorismo come ne parla l’amministrazione Bush. La lotta al riciclaggio, sostiene il presidente brasiliano nel paese dell’alta finanza e del segreto bancario, è fondamentale per sconfiggere il terrorismo e il crimine.
    «Da questa montagna magica io vi invito a guardare il mondo con occhi diversi - dice Lula citando Thomas Mann -. È assolutamente necessario costruire un ordine economico mondiale che risponda alla domanda di miliardi di persone che vivono ai margini».


    Dopo l'elemosina datagli come la si da allo zingarello insistente,immagino quanto lo abbiamo ascoltato i ministri del G8.
    Ma chi selo caga il Brasile che conta come il 2 di picche?Ma vi rendete conto?

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    email non funzionante
    Data Registrazione
    19 May 2002
    Località
    Firenze
    Messaggi
    6,067
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Non mi pare che il Brasile conti il 2 di picche.....
    Lasciatelo lavorare Lula....

  3. #3
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Messaggi
    26,593
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Originally posted by Oasis
    Non mi pare che il Brasile conti il 2 di picche.....
    Lasciatelo lavorare Lula....


    Se fossi intelligente capirei che i comunisti sono brave persone... Per fortuna sono una testa di cazzo e me ne vanto!

  4. #4
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    15 Apr 2002
    Messaggi
    22,335
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Re: G8:Lula,il questuante con il cappello in mano si mette a predicare

    Originally posted by Dragonball
    [
    Dopo l'elemosina datagli come la si da allo zingarello insistente,immagino quanto lo abbiamo ascoltato i ministri del G8.
    Ma chi selo caga il Brasile che conta come il 2 di picche?Ma vi rendete conto?
    [/B]
    Cazzo dimenticavo che contano Bossi e
    Borghezio, quelli si che sono teste pensanti,
    statisti a livello planetario, rappressentanti di
    200 mlni della nazione Padana, conosciuta in
    tutto il mondo, e membro permanente del
    consiglio di sicurezza dell ONU con diritto di
    veto.......

    ma va a cagare che fai piu bella figura Drago
    dei miei stivali

  5. #5
    kshatrya
    Data Registrazione
    21 Oct 2002
    Località
    Thule
    Messaggi
    1,216
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Brasile... 40 milioni di pezzenti, tassi di analfabetismo da record, mostri urbani (San paolo - 18 milioni d'abitanti), devastazione ecologica in Amazzonia, 15% di negri e 40% di meticci e mix vari in un calderone etnico che solo grazie alla consistente minoranza bianca non precipita al livello del Bangladesh.
    Lula pensi al suo paese invece di dare lezioni al mondo.

  6. #6
    Super Troll
    Data Registrazione
    13 Oct 2010
    Località
    cagliari
    Messaggi
    55,101
    Inserzioni Blog
    1
    Mentioned
    83 Post(s)
    Tagged
    5 Thread(s)

    Predefinito

    Originally posted by Aryan
    Brasile... 40 milioni di pezzenti, tassi di analfabetismo da record, mostri urbani (San paolo - 18 milioni d'abitanti), devastazione ecologica in Amazzonia, 15% di negri e 40% di meticci e mix vari in un calderone etnico che solo grazie alla consistente minoranza bianca non precipita al livello del Bangladesh.
    Lula pensi al suo paese invece di dare lezioni al mondo.
    ====
    TOH!!!
    UN'ALTRA MINORANZA BIANCA CAPITALISTA E LIBERISTA CHE ANCORA NON HA DATO AL SUO PAESE LA LIBERTà E LA PROSPERITà........CHE PERò CI DARA DOMANI.. SEMPRE DOMANI...
    se l'europa non cambia sistema conviene andarsene...altrimenti ci ridurrà come e peggio della grecia.

  7. #7
    email non funzionante
    Data Registrazione
    08 Apr 2009
    Località
    Cyborg nazzysta teleguidato da Casaleggio
    Messaggi
    26,844
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Ringrazia che si mette a predicare invece che a prenderli (e prenderti) a calci nel culo come forse dovrebbe essere.

    Se il sig. Lula decidesse di non pagare il debito estero del Brasile vedresti come tante Banche del prospero occidente si cagherebbero in mano...

    Quindi ringrazia e stai zitto, al limite ti consiglio un soggiorno a Sierra Pelada con un istruttivo corso di estrazione dell'oro, attivita' sicuramente adatta alle tue capacita' cognitive e di concetto...

    Saluti

    Luca Loi
    Vuoi una soluzione VERA alla Crisi Finanziaria ed al Debito Pubblico?

    NUOVA VERSIONE COMPLETATA :
    http://lukell.altervista.org/Unasolu...risiEsiste.pdf




 

 

Discussioni Simili

  1. Timido e con il cappello in mano............
    Di foiegras nel forum Fondoscala
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 05-12-10, 16:14
  2. Notizie da Cuba - col cappello in mano all'estero
    Di Michele nel forum Politica Estera
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 14-10-10, 17:27
  3. In Europa (e a Roma) col cappello in mano
    Di Furlan nel forum Padania!
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 15-05-09, 16:24
  4. Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 27-09-05, 20:14
  5. Fini, cappello in mano, da Cheney e Rumsfeld
    Di ossoduro nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 25-04-04, 19:29

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226