User Tag List

Risultati da 1 a 2 di 2
  1. #1
    Registered User
    Data Registrazione
    07 Mar 2002
    Località
    palayork
    Messaggi
    3,243
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Thumbs up una grande storia di sport.........

    Maier da leggenda a Kitzbuehel


    A meno di due settimane dal rientro, l'austriaco vince il SuperG sulle nevi di casa. L'incidente dell'agosto 2001, quando rischiò di perdere una gamba, è ormai dimenticato. Malissimo gli italiani.
    di Gianfranco Di Gennaro

    KITZBUEHEL - Hermann Maier da leggenda a Kitzbuehel: a nemmeno due settimane dal suo rientro alle gare l'austriaco ha vinto il supergigante sulle nevi di casa. La folla è letteralmente impazzita per l'impresa del suo campione, che dopo l'incidente motociclistico del 24 agosto 2001 aveva addirittura rischiato di perdere una gamba.


    E si potrebbe definirlo un vero e proprio miracolo il ritorno alla vittoria. Oggi a Kitzbuehel Herminator è tornato alla grande vincendo per la 42/a volta in carriera, dominando un supergigante molto difficile, sotto una fitta nevicata, incerto sino all'ultimo momento. E pensare che solo un anno e mezzo fa un incidente aveva rischiato di fargli perdere una gamba. Hermann Maier è invece risorto oggi a Kitzbuehel, la Scala dello sci, la più prestigiosa località alpina con la sua famosa Streif. Maier, ed era già sembrata una cosa assolutamente straordinaria, era rientrato alle gare neppure due settimane fa, il 14 gennaio, nel gigante di Adelboden, il più difficile di tutto il circuito di Coppa. Con il 31/o tempo non era riuscito a qualificarsi tra i migliori trenta ammessi alla manche decisiva.

    Poi aveva gareggiato nelle due discese di Wengen conquistando rispettivamente prima un 22/o e poi un 7/o eccellente tempo. La sua quarta gara era stata quella di sabato scorso nella libera sulla Streif di Kitzbuehel. Si era migliorato ulteriormente con un'ottima sesta posizione. Oggi c'è stato il vero e proprio miracolo con una vittoria incredibile e storica. Sino all'ultimo la gara sembrava dovesse venire annullata per una fitta nevicata. Era già successo venerdì scorso sempre per lo stesso motivo e la prova era stata spostata ad oggi. Era la gara che doveva anche formalmente qualificare Hermann Maier per i prossimi mondiali di St. Moritz. Poi c'era stato, il giorno successivo, il sesto posto in discesa e a tutti era stato chiaro che Herminator era tornato, che un posto in squadra se lo meritava.

    Oggi c'è stato un vero e proprio miracolo di tenacia, di forza, di energia vitale. Hermann Maier stamani ha pianto ed ha nascosto il viso più di una volta dopo aver capito di aver vinto proprio a Kitzbuehel, proprio sulla Streif, come nei sogni più belli che sicuramente Herminator ha fatto in questi ultimi due anni. "Non me lo sarei mai aspettato. Non avrei mai creduto di tornare a vincere in così breve tempo. E' la più bella vittoria della mia vita. E' una giornata straordinaria", ha detto Herminator mentre la gara era ancora in corso ma già era chiaro che il vincitore sarebbe stato lui. A decine, compagni di squadra e allenatori gli hanno fatto i complimenti, gli hanno stretto la mano, consapevoli tutti di aver vissuto un momento unico nella storia dello sci e dello sport.

    Dopo l'infortunio motociclistico, Maier aveva cominciato una lunga serie di terapie riabilitative. L'estate scorsa era tornato ad allenarsi con i compagni di squadra ed era volato in Sudamerica per gli allenamenti sulle nevi andine. Sembrava andare tutto abbastanza bene, ma una nuova caduta pareva aver troncato definitivamente qualsiasi ambizione di ritorno alle competizioni. Poi, verso fine dicembre, Hermann è tornato ad allenarsi duramente. Lo ha fatto anche sulle piste altoatesine di Vipiteno. La gamba destra pareva improvvisamente non fargli più male sotto i terribili sforzi delle curve a 120 all'ora. Una prova dopo l'altra ed infine era arrivato il via libera per il ritorno alle competizioni nel gigante di Adelboden. Per lui ci sono state così quattro gare in continua progressione sino alla quinta di oggi coronata dalla vittoria.

    Proprio sulla Streif c'è un lunghissimo diagonale a sinistra dopo la Hausbergkante. Tutto lo sforzo è sulla gamba destra che sorregge gli sciatori impegnati a non perdere la linea e a tenere il massimo di velocità. Proprio in questo passaggio e proprio forzando sulla gamba destra che temeva di vedersi amputata, Maier ha costruito questa sua leggendaria vittoria. Il supergigante di oggi è stato poi anche un trionfo austriaco con cinque uomini ai primi cinque posti, sette tra i migliori otto. Maier ha messo in riga Cristoph Gruber, ma soprattutto Stephan Eberharter, il detentore della Coppa del Mondo. I due non si sono mai amati. Quando Maier gareggiava - 42 vittorie con quella di oggi, un titolo mondiale in discesa e supergigante, altrettanti titoli olimpici nelle stesse discipline e tre Coppe del Mondo all'attivo - Eberharter era stato spesso relegato al secondo posto. Poi, dopo l'infortunio ad Herminator, era toccato ad Eberharter esplodere in una serie di successi, non più ostacolato dall'ingombrante rivale. Con il terzo posto di oggi Eberharter è comunque ritornato in testa alla classifica generale di Coppa del Mondo con un pugno di punti di vantaggio sull'americano Bode Miller che ha chiuso il superG in 13/a posizione.

    Per quanto riguarda gli azzurri, assente Ghedina per i continui malanni, la gara è stata senza storia. In supergigante non ci sono italiani tra i migliori trenta, ed oggi sono usciti di scena per salto di porta Kurt Sulzenbacher e Patrick Staudacher mentre tutti gli altri - da Fischnaller a Gufler - hanno accumulato ritardi sin troppo abbondanti. Le discipline veloci sono il punto debole degli italiani in questa stagione ed anche il supergigante di oggi lo ha dimostrato. Domani, in notturna, ci sarà a Schladming, sempre in Austria, l'ultima gara di Coppa prima dei Mondiali. E' uno slalom speciale che l'azzurro Giorgio Rocca proverà a non inforcare più (tre uscite su quattro gare) e magari a vincere come gli era successo nove giorni fa a Wengen.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Registered User
    Data Registrazione
    07 Mar 2002
    Località
    palayork
    Messaggi
    3,243
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    sorry raga
    ho sbagliato forum, e dopo aver postato la notizia su quello giusto mi sono accorto che l`aveva gia` postato un altro forumista.....
    stasera non me ne va una dritta...........

 

 

Discussioni Simili

  1. La grande Crisi, nomi cognomi e storia della grande Truffa
    Di Fuori_schema nel forum Economia e Finanza
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 10-04-09, 13:30
  2. Lo sport e gli europei, una vecchia storia
    Di Harm Wulf nel forum Etnonazionalismo
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 24-10-04, 16:20
  3. Lo sport e gli europei, una vecchia storia
    Di Harm Wulf nel forum Destra Radicale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 23-10-04, 19:33
  4. una storia di vita e di sport
    Di benny3 nel forum Termometro sportivo
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 16-02-04, 14:36
  5. una grande storia di sport............
    Di benny3 nel forum Tuttosport
    Risposte: 8
    Ultimo Messaggio: 17-02-03, 18:29

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226