User Tag List

Risultati da 1 a 5 di 5
  1. #1
    Registered User
    Data Registrazione
    04 Apr 2002
    Località
    Brescia
    Messaggi
    391
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Che Dio ci salvi dal paradiso pacifista!

    CHE DIO CI SALVI DA PARADISO PACIFISTA

    Mons. Alessandro Maggiolini

    Dove non porta mai un pacifismo a oltranza! Ecco che in questi giorni un ex prete fa scalpore nell’informazione perché non vuole più accettare i brani violenti dell’Antico Testamento – ce ne sono, ce ne sono, e di terribili - , ma soprattutto rifiuta, sempre in nome del pacifismo, l’esistenza dell’inferno. In proposito afferma: “L’inferno è questo mondo governato dai potenti criminali, gli unici veri diavoli, ogni giorno in tv a terrorizzarci e chiedere adorazione. Se le religioni non maledicono questo inferno, ne sono parte esse stesse, come diavoli”.
    La citazione non presenta un’opinione molto originale. Di più: lascia intendere che i pacifisti sono angeli in questo mondo bislacco e perverso. Sia chiaro, le cose vanno così in questo mondo terrestre, poiché di là dal tempo si salvano tutti, ma proprio tutti: anche i più spietati. Ecco la posizione dell’ex prete pacifista: “Dio al momento della morte dei potenti brucerà la loro superbia e i delitti, facendoli ardere come grattaceli polverizzati, e dalle loro ceneri puzzolenti farà uscire piccole anime umiliate e così risanate e salvate”. Le due torri abbattute l’11 settembre 2001 “sono il segno di rivelazione… e noi che ci crediamo buoni impareremo ad amare i nemici, e non tanto i nostri piccolissimi nemici personali o di gruppo, quanto i nemici dell’umanità e di Dio, i tiranni e imperatori di ieri e di oggi, e i ridicoli tirannelli e vassalli eletti democraticamente da popoli narcotizzati”. ‘Sta gentaglia, fino al giudizio finale, potrà essere odiata? Mah! Purché siano americani, forse.
    Che dire. Che Gesù non risponde mai alla curiosità di chi lo interroga se ci sono o no dannati all’inferno, e quanti sono, almeno percentualmente rispetto agli uomini che vengono al mondo, e chi sono almeno esemplificativamente. Una volta insegna che è stretta la strada che porta alla salvezza e larga quella che porta alla dannazione. Un’altra volta sostiene che non è venuto per i giusti, ma per i peccatori. E allora? Sarà bene rispettare la zona di mistero che il Signore delimita e non intende svelarci. Possiamo sperare che tutti si salvino. Non possiamo sapere che tutti si salvino. L’interno è una possibilità reale. E la Chiesa indica i santi, ma tace sui dannati. Purché ciascuno di noi ammetta, con timore e tremore, che la disperazione finale sia destino possibile anche per lui.
    Purché, ancora, non si immagini un Dio stravagante e un poco sadico il quale si diverta a tormentare coloro che hanno voluto rifiutare il suo perdono. Motivare l’inferno non è qualche cattiveria e vendetta di Dio. E’ la nostra libertà che si può ergere di fronte alla sua giustizia che si manifesta nella misericordia. Possiamo contrastare o dribblare la tenerezza di Dio che ci fa nuovi e innocenti dopo ogni nefandezza, dopo ogni crimine. Non possiamo imporre a Dio di non essere tenerezza e bontà. In fondo, l’inferno deve stare anche per giustificare la nostra dignità di persone libere che possono scegliere la derelizione o la gloria, magari dopo una acuta e lunga sofferenza. Dà la vertigine una tale libertà finita che ci fa capaci di odio o di amore: fino al pianto e allo stridore di denti, o alla beatitudine senza limite e senza fine. Ma guai se rinunciassimo alla nostra attitudine a decidere il nostro futuro eterno. Saremmo zimbelli nelle mani di un fato anonimo contro il quale non riusciremmo nemmeno a ribellarci. E il paradiso, in questa ipotesi buonistica, sarebbe un’accozzaglia di imbecilli. Ci salveremmo perché non saremmo stati capaci di dannarci. Quale gusto ci sarebbe!
    Meglio riprenderci la nostra responsabilità. Noi non possediamo, come l’ex prete “l’etica originaria della pace che può giudicare tutte le religioni… grazie alla irresistibile coscienza che Dio ci dà del bene e del male”; siamo ciecuzienti e sordastri anche quando Dio si rivolge all’umanità in Cristo. Teniamoci l’arcano e la voglia di riparare al male compiuto se Dio ci condonerà la pena, dovremmo perdonarlo della sua benevolenza. Altro che pacifismo applicato a una teologia fatta a spanne.


    Il Giornale 3 febbraio 2003

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    22 Jul 2002
    Messaggi
    16,995
    Inserzioni Blog
    1
    Mentioned
    22 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    L’inferno è questo mondo governato dai potenti criminali, gli unici veri diavoli, ogni giorno in tv a terrorizzarci e chiedere adorazione. Se le religioni non maledicono questo inferno, ne sono parte esse stesse, come diavoli”.
    vero ma costoro rappresentano le nazioni più industrializzate..

  3. #3
    Affus
    Ospite

    Predefinito Re: Che Dio ci salvi dal paradiso pacifista!

    Originally posted by theophilus
    CHE DIO CI SALVI DA PARADISO PACIFISTA

    Mons. Alessandro Maggiolini

    Dove non porta mai un pacifismo a oltranza! Ecco che in questi giorni un ex prete fa scalpore nell’informazione perché non vuole più accettare i brani violenti dell’Antico Testamento – ce ne sono, ce ne sono, e di terribili - , ma soprattutto rifiuta, sempre in nome del pacifismo, l’esistenza dell’inferno. In proposito afferma: “L’inferno è questo mondo governato dai potenti criminali, gli unici veri diavoli, ogni giorno in tv a terrorizzarci e chiedere adorazione. Se le religioni non maledicono questo inferno, ne sono parte esse stesse, come diavoli”.
    La citazione non presenta un’opinione molto originale. Di più: lascia intendere che i pacifisti sono angeli in questo mondo bislacco e perverso. Sia chiaro, le cose vanno così in questo mondo terrestre, poiché di là dal tempo si salvano tutti, ma proprio tutti: anche i più spietati. Ecco la posizione dell’ex prete pacifista: “Dio al momento della morte dei potenti brucerà la loro superbia e i delitti, facendoli ardere come grattaceli polverizzati, e dalle loro ceneri puzzolenti farà uscire piccole anime umiliate e così risanate e salvate”. Le due torri abbattute l’11 settembre 2001 “sono il segno di rivelazione… e noi che ci crediamo buoni impareremo ad amare i nemici, e non tanto i nostri piccolissimi nemici personali o di gruppo, quanto i nemici dell’umanità e di Dio, i tiranni e imperatori di ieri e di oggi, e i ridicoli tirannelli e vassalli eletti democraticamente da popoli narcotizzati”. ‘Sta gentaglia, fino al giudizio finale, potrà essere odiata? Mah! Purché siano americani, forse.
    Che dire. Che Gesù non risponde mai alla curiosità di chi lo interroga se ci sono o no dannati all’inferno, e quanti sono, almeno percentualmente rispetto agli uomini che vengono al mondo, e chi sono almeno esemplificativamente. Una volta insegna che è stretta la strada che porta alla salvezza e larga quella che porta alla dannazione. Un’altra volta sostiene che non è venuto per i giusti, ma per i peccatori. E allora? Sarà bene rispettare la zona di mistero che il Signore delimita e non intende svelarci. Possiamo sperare che tutti si salvino. Non possiamo sapere che tutti si salvino. L’interno è una possibilità reale. E la Chiesa indica i santi, ma tace sui dannati. Purché ciascuno di noi ammetta, con timore e tremore, che la disperazione finale sia destino possibile anche per lui.
    Purché, ancora, non si immagini un Dio stravagante e un poco sadico il quale si diverta a tormentare coloro che hanno voluto rifiutare il suo perdono. Motivare l’inferno non è qualche cattiveria e vendetta di Dio. E’ la nostra libertà che si può ergere di fronte alla sua giustizia che si manifesta nella misericordia. Possiamo contrastare o dribblare la tenerezza di Dio che ci fa nuovi e innocenti dopo ogni nefandezza, dopo ogni crimine. Non possiamo imporre a Dio di non essere tenerezza e bontà. In fondo, l’inferno deve stare anche per giustificare la nostra dignità di persone libere che possono scegliere la derelizione o la gloria, magari dopo una acuta e lunga sofferenza. Dà la vertigine una tale libertà finita che ci fa capaci di odio o di amore: fino al pianto e allo stridore di denti, o alla beatitudine senza limite e senza fine. Ma guai se rinunciassimo alla nostra attitudine a decidere il nostro futuro eterno. Saremmo zimbelli nelle mani di un fato anonimo contro il quale non riusciremmo nemmeno a ribellarci. E il paradiso, in questa ipotesi buonistica, sarebbe un’accozzaglia di imbecilli. Ci salveremmo perché non saremmo stati capaci di dannarci. Quale gusto ci sarebbe!
    Meglio riprenderci la nostra responsabilità. Noi non possediamo, come l’ex prete “l’etica originaria della pace che può giudicare tutte le religioni… grazie alla irresistibile coscienza che Dio ci dà del bene e del male”; siamo ciecuzienti e sordastri anche quando Dio si rivolge all’umanità in Cristo. Teniamoci l’arcano e la voglia di riparare al male compiuto se Dio ci condonerà la pena, dovremmo perdonarlo della sua benevolenza. Altro che pacifismo applicato a una teologia fatta a spanne.


    Il Giornale 3 febbraio 2003

    Alessandro Maggioni , non ha capito che quel pacifismo che lui sta criticando , rappresenta il 90% della mentalita pacifista della Chiesa Cattolica,la quale sta sulle stesse posizioni di quel tale senza rivelarlo apertamente .
    Basta leggersi "varcare la soglia della speranza " l'intervista del "cattolico " Vittorio Messori al papa .

    Santificherebbe anche Ghandi se potesse !

  4. #4
    Registered User
    Data Registrazione
    04 Apr 2002
    Località
    Brescia
    Messaggi
    391
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Purtroppo è vero, sono molti quelli che all'interno del "mondo cattolico" la pensano così. Forse non sono il 90%, ma sono lo stesso molti. E la profusione di bandiere iridate (propagandate dai pulpiti... beh, non proprio dai pulpiti che non si usano più) appese alle finestre lo dimostra.
    Non penso però che mons. Maggiolini non l'abbia capito. E infatti, riferendosi all'ex prete, ma chiaramente non solo, l'ha detto.

    Theophilus

  5. #5
    Estremista della libertà
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Stanza dei bottoni del Forum "Libertarismo"
    Messaggi
    18,289
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Re: Che Dio ci salvi dal paradiso pacifista!

    Originally posted by Affus

    Basta leggersi "varcare la soglia della speranza " l'intervista del "cattolico " Vittorio Messori al papa .
    Chi discuti dei due?
    Se contesti il papa mi sa che sbagli forum. Se invece ce l'hai con Messori, sappi che egli è tutto fuorchè un pacifista di quelli che tanto vanno di moda oggi.

 

 

Discussioni Simili

  1. Pacifista
    Di orpheus nel forum Fondoscala
    Risposte: 10
    Ultimo Messaggio: 14-03-12, 12:30
  2. ti consideri pacifista?
    Di Enrico1987 nel forum Il Termometro Politico
    Risposte: 127
    Ultimo Messaggio: 17-08-08, 22:21
  3. Pacifista
    Di mustang nel forum Centrodestra Italiano
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 15-10-06, 08:34
  4. Risposte: 12
    Ultimo Messaggio: 21-08-06, 15:58
  5. Auguri al più pacifista di POL
    Di Alessandra nel forum Fondoscala
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 08-04-03, 16:23

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226