User Tag List

Risultati da 1 a 5 di 5
  1. #1
    Simply...cat!
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Brescia,Lombardia,Padania
    Messaggi
    17,080
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Vi ricordate quando Ciappi esortava ad investire al Sud?

    Dal Corriere di oggi:

    Gabriella Castiglione: «Ero felice. Poi le minacce e l’ordigno che ha fermato la mia vita»
    «Sogni distrutti dal racket a 25 anni»
    La denuncia da Reggio Calabria: mi sono indebitata per un negozio, una bomba l’ha cancellato


    REGGIO CALABRIA - Gabriella ha 25 anni: sino a tre settimane fa era una ragazza felice, perché aveva realizzato il sogno della sua vita. Il piccolo negozio d’abbigliamento, aperto nel centralissimo viale Amendola, a due passi dal Museo di Reggio Calabria, dove sono custoditi i Bronzi di Riace, prometteva una vita di lavoro e soddisfazioni. Poi gli avvertimenti, i segnali di un racket al quale non si è voluta piegare. E il 13 gennaio la bomba: un ordigno potentissimo, sufficiente - hanno detto gli artificieri - a buttare giù la Torre di Pisa. Del suo negozio ora sono rimaste solo le macerie: centomila euro di danni. Tutto distrutto, salvo i debiti che adesso pesano anche sul suo futuro. «Io non so perché l’hanno fatto - spiega Gabriella, seconda di tre figli, papà ispettore di polizia, madre insegnante -. Un mese prima dell’attentato ho ricevuto sei-sette telefonate minacciose; una voce maschile mi ripeteva: "Stai attenta". Ho pensato a qualche scherzo e non ho dato eccessivo peso a quelle telefonate. Ero così tranquilla che non ho riferito nulla neanche a mio padre».
    Giovane, bionda, bella, ma anche molto ingenua Gabriella. E’ cresciuta secondo valori che non possono accettare il linguaggio delle cosche. E che le hanno fatto ignorare i messaggi delle cosche, quelle minacce che le segnalando che qualcosa stava per succedere, se non si assoggettava al potere dei clan.
    Un giorno scopre che le portiere della sua fiammante Mercedes classe A erano state danneggiate con un punteruolo. «Mi sono detta: sarà stata l’invidia di qualcuno che non accettava l’idea di vedermi seduta su un’auto nuova, tutta mia. Anche in quel caso ho lasciato correre. Avevo altri pensieri: stavo trascorrendo un periodo bellissimo, gli affari andavano molto bene, avevo già in mente di ampliare il locale». Si ferma nel racconto Gabriella, prende fiato e maschera l’emozione passato intrecciando le mani. «Sono disperata - afferma poi con un filo di voce - perché il negozio non era coperto dall’assicurazione. Anziché pagare la polizza altissima ho preferito investire tutto nel nuovo campionario. La mia vita si è fermata».
    Non prova nessun rancore questa giovane commerciante, né odio per coloro che hanno scritto la parola fine ad un sogno iniziato quattro anni fa, grazie soprattutto all’aiuto dei genitori. «Lavoravo come commessa in un grande magazzino al centro di Reggio Calabria. Guadagnavo 400 mila lire al mese. Una miseria. Mi sono licenziata. E’ stata una scelta difficile, facilitata solo dal conforto dei miei familiari».
    Non c’è tempo né spazio per la rassegnazione. Ieri Gabriella ha portato la sua testimonianza in un convegno dove è esplosa la protesta degli esercenti reggini, che si sentono abbandonati in una città dove tutti sono nel mirino: edifici pubblici, istituzioni ma soprattutto gli imprenditori. E ha ripetuto il suo appello: «Non ci abbandonate al nostro destino». La sua voce tremula aumenta d’intensità quando inizia a parlare della legge 44 del 1999, una norma scritta per tutelare le vittime del racket.
    «E’ giusto che questa legge sia modificata - sostiene Gabriella - i tempi del risarcimento sono lunghi e laboriosi. Che cosa significa poi che noi vittime dobbiamo dimostrare la dolosità dell’attentato? Io non immagino chi possa aver voluto la mia rovina, non è stato certo uno spasimante respinto. So soltanto che a 25 anni mi ritrovo senza un futuro e con un mare di debiti sopra le spalle. Meno male che ho un diploma di ragioniera. E poi c’è sempre il lavoro di commessa a 400 mila lire al mese. Lavorerò tutta una vita, ma alla fine pagherò i debiti».

    Carlo Macrì

    E' il Sud che cambia...

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    email non funzionante
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Per non lottare ci saranno sempre moltissimi pretesti in ogni circostanza, ma mai in ogni circostanza e in ogni epoca si potrà avere la libertà senza la lotta!
    Messaggi
    12,320
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Se non rispetta la legge questo è quello che si deve aspettare. In terronia la legge la detta la mafia, è sempre stato così e sempre sarà, quindi , di che stupirsi? A ogni terra la sua "legge".

  3. #3
    email non funzionante
    Data Registrazione
    16 Dec 2010
    Messaggi
    1,744
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Ognuno ha ciò che si merita...

  4. #4
    Simply...cat!
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Brescia,Lombardia,Padania
    Messaggi
    17,080
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Vibo Valentia, chiude il negozio perché taglieggiata
    Dopo l'ennesima intimidazione, una negoziante di 38 anni di un paese del vibonese ha deciso di cessare l'attività.


    VIBO VALENTIA - Dopo l’ennesimo avvertimento ha gettato la spugna. Ha chiuso il negozio e apposto sulla saracinesca un conciso cartello: "Vendesi attività".

    Protagonista della triste vicenda la proprietaria di un piccolo esercizio per la vendita di materiale per l'edilizia di Pizzoni, un comune in provincia di Vibo Valentia.

    La donna, Teresa Arena, 38 anni, ha deciso di gettare la spugna dopo aver trovato nel negozio una busta di plastica con dentro 7 cartucce per pistola. Solo l’ultima di una serie di intimidazioni. Appena qualche settimana fa aveva subito un furto.

    "Stanotte non ho chiuso occhio - ha spiegato -. Non posso continuare a vivere con una simile angoscia. Mio padre è ammalato di cuore e mia madre, già piena di malanni, durante l'estate ha subito un grave incidente stradale".

    E pensare che per portare avanti quell’attività avviata dai genitori, Teresa si era ritirata dall'università di Roma dove frequentava la facoltà di psicologia. Con quel negozio manteneva i genitori e due fratelli più piccoli disoccupati.

    Pizzoni è un paese duramente segnato dall’emigrazione. Il destino di molti è quello dell’emigrazione. “Mentre un tempo si emigrava per fame – spiega Teresa - adesso si emigra per paura, per disperazione".

    (5 FEBBRAIO 2003, ORE 17:10)


    E dopo ci si chiede xchè si preferisce delocalizzare nell'Est Europa +ttosto che al Sud...

  5. #5
    Simply...cat!
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Brescia,Lombardia,Padania
    Messaggi
    17,080
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Sapevate che la parola "mafia" ha un'etimologia araba?

 

 

Discussioni Simili

  1. Ricordate quando i piddini...
    Di Dottor Zoidberg nel forum Centrodestra Italiano
    Risposte: 38
    Ultimo Messaggio: 03-08-08, 00:04
  2. Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 14-02-08, 09:54
  3. Vi ricordate quando i padani...
    Di Kropotkin nel forum Fondoscala
    Risposte: 14
    Ultimo Messaggio: 17-12-05, 14:19
  4. vi ricordate quando bossi......
    Di jonny nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 19
    Ultimo Messaggio: 30-10-04, 04:03
  5. Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 04-07-03, 22:10

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226