User Tag List

Risultati da 1 a 10 di 10

Discussione: Domanda sull' Art. 18

  1. #1
    Morigadori
    Data Registrazione
    24 Mar 2002
    Località
    Sardinnya
    Messaggi
    1,173
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Domanda sull' Art. 18

    Tutti voi che volete abrogarlo, l'avete letto?



    ART. 18. - Reintegrazione nel posto di lavoro.
    Ferma restando l'esperibilità delle procedure previste dall'art. 7 della legge 15 luglio 1966, n. 604, il giudice, con la sentenza con cui dichiara inefficace il licenziamento ai sensi dell'art. 2 della legge predetta o annulla il licenziamento intimato senza giusta causa o giustificato motivo ovvero ne dichiara la nullità a norma della legge stessa, ordina al datore di lavoro di reintegrare il lavoratore nel posto di lavoro.
    Il lavoratore ha diritto al risarcimento del danno subito per il licenziamento di cui sia stata accertata la inefficacia o l'invalidità a norma del comma precedente.
    In ogni caso, la misura del risarcimento non potrà essere inferiore a cinque mensilità di retribuzione, determinata secondo i criteri di cui all'art. 2121 del codice civile.
    Il datore di lavoro che non ottempera alla sentenza di cui al comma precedente è tenuto inoltre a corrispondere al lavoratore le retribuzioni dovutegli in virtù del rapporto di lavoro dalla data della sentenza stessa fino a quella della reintegrazione.
    Se il lavoratore entro trenta giorni dal ricevimento dell'invito del datore di lavoro non abbia ripreso servizio, il rapporto si intende risolto.
    La sentenza pronunciata nel giudizio di cui al primo comma è provvisoriamente esecutiva.
    Nell'ipotesi di licenziamento dei lavoratori di cui all'art. 22, su istanza congiunta del lavoratore e del sindacato cui questi aderisce o conferisca mandato, il giudice, in ogni stato e grado del giudizio di merito, può disporre con ordinanza, quando ritenga irrilevanti o insufficienti gli elementi di prova forniti dal datore di lavoro, la reintegrazione del lavoratore nel posto di lavoro.
    L'ordinanza di cui al comma precedente può essere impugnata con reclamo immediato al giudice medesimo che l'ha pronunciata.
    Si applicano le disposizioni dell'art. 178, terzo, quarto, quinto e sesto comma del codice di procedura civile.
    L'ordinanza può essere revocata con la sentenza che decide la causa.
    Nell'ipotesi di licenziamento dei lavoratori di cui all'art. 22, il datore di lavoro che non ottempera alla sentenza di cui al primo camma ovvero all'ordinanza di cui al quarto comma, non impugnata o confermata dal giudice che l'ha pronunciata, è tenuto anche, per ogni giorno di ritardo, al pagamento a favore del Fondo adeguamento pensioni di una somma pari all'importo della retribuzione dovuta al lavoratore.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    live long and prosper
    Data Registrazione
    29 Mar 2002
    Località
    Perugia
    Messaggi
    8,356
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    ariecolo un altro che crede alle menzogne di cofferati e compagni sull'abrogazione dell'art.18!!!!

  3. #3
    Morigadori
    Data Registrazione
    24 Mar 2002
    Località
    Sardinnya
    Messaggi
    1,173
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Originally posted by Libero
    ariecolo un altro che crede alle menzogne di cofferati e compagni sull'abrogazione dell'art.18!!!!
    Io ho chiesto solo se era stato letto!

  4. #4
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Messaggi
    26,593
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Originally posted by Antoneddu


    Io ho chiesto solo se era stato letto!


    Se fossi intelligente capirei che i comunisti sono brave persone... Per fortuna sono una testa di cazzo e me ne vanto!

  5. #5
    Forumista senior
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Roma
    Messaggi
    2,018
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Originally posted by Antoneddu


    Io ho chiesto solo se era stato letto!




    Devi avere pazienza. Sono caricati a molla. Ti rispondo io. No, non lo hanno letto, a malapena sanno l'argomento di cui si tratta.

  6. #6
    VELENO
    Ospite

    Predefinito

    L'articolo 18 non va toccato da quei ladroni del governo Berlusconi,troppo comodo!!!!
    I lavori hanno dei diritti sacrosanti che non devono essere calpestati!!!
    Confindustria ordina e Berlusconi e il suo fedele maggiordomo Fini eseguono!!!
    CHE SCHIFO!!!

    FORZA NUOVA,DA SEMPRE CONTRO CAPITALISMO E COMUNISMO

  7. #7
    I amar prestar aen
    Data Registrazione
    09 Sep 2002
    Località
    Brescia
    Messaggi
    8,891
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Domanda sull' Art. 18

    Originally posted by Antoneddu
    Tutti voi che volete abrogarlo, l'avete letto?



    ART. 18. - Reintegrazione nel posto di lavoro.
    Ferma restando l'esperibilità delle procedure previste dall'art. 7 della legge 15 luglio 1966, n. 604, il giudice, con la sentenza con cui dichiara inefficace il licenziamento ai sensi dell'art. 2 della legge predetta o annulla il licenziamento intimato senza giusta causa o giustificato motivo ovvero ne dichiara la nullità a norma della legge stessa, ordina al datore di lavoro di reintegrare il lavoratore nel posto di lavoro.
    Il lavoratore ha diritto al risarcimento del danno subito per il licenziamento di cui sia stata accertata la inefficacia o l'invalidità a norma del comma precedente.
    In ogni caso, la misura del risarcimento non potrà essere inferiore a cinque mensilità di retribuzione, determinata secondo i criteri di cui all'art. 2121 del codice civile.
    Il datore di lavoro che non ottempera alla sentenza di cui al comma precedente è tenuto inoltre a corrispondere al lavoratore le retribuzioni dovutegli in virtù del rapporto di lavoro dalla data della sentenza stessa fino a quella della reintegrazione.
    Se il lavoratore entro trenta giorni dal ricevimento dell'invito del datore di lavoro non abbia ripreso servizio, il rapporto si intende risolto.
    La sentenza pronunciata nel giudizio di cui al primo comma è provvisoriamente esecutiva.
    Nell'ipotesi di licenziamento dei lavoratori di cui all'art. 22, su istanza congiunta del lavoratore e del sindacato cui questi aderisce o conferisca mandato, il giudice, in ogni stato e grado del giudizio di merito, può disporre con ordinanza, quando ritenga irrilevanti o insufficienti gli elementi di prova forniti dal datore di lavoro, la reintegrazione del lavoratore nel posto di lavoro.
    L'ordinanza di cui al comma precedente può essere impugnata con reclamo immediato al giudice medesimo che l'ha pronunciata.
    Si applicano le disposizioni dell'art. 178, terzo, quarto, quinto e sesto comma del codice di procedura civile.
    L'ordinanza può essere revocata con la sentenza che decide la causa.
    Nell'ipotesi di licenziamento dei lavoratori di cui all'art. 22, il datore di lavoro che non ottempera alla sentenza di cui al primo camma ovvero all'ordinanza di cui al quarto comma, non impugnata o confermata dal giudice che l'ha pronunciata, è tenuto anche, per ogni giorno di ritardo, al pagamento a favore del Fondo adeguamento pensioni di una somma pari all'importo della retribuzione dovuta al lavoratore.
    L'obbiettivo della riforma dell'Art.18 era dividere il sindacato, liberare la Cisl e la Uil dalla "ingombrante" (per il governo) compagnia della Cgil. Mi sembra che lo si sia raggiunto. Infatti se non fosse stato per il referendum l'argomento era passato ampiamente nel dimenticatoio (governativamente parlando).

    Ora se il referendum dovesse perdere, cosa possibile se non altamente probabile, l'unico risultato sarebbe la non estendibilità dei famosi diritti e la possibilità di restringerli.

    Cordiali Saluti
    E voi tutti, o Celesti, ah! concedete,
    Che di me degno un dì questo mio figlio
    Sia spendor della patria, e de Troiani
    Forte e possente regnator. Deh! fate
    Che il veggendo tornar dalla battaglia
    Dell'armi onusto de' nemici uccisi,
    Dica talun: NON FU SI' FORTE IL PADRE:
    E il cor materno nell'udirlo esulti.

  8. #8
    Super Troll
    Data Registrazione
    13 Oct 2010
    Località
    cagliari
    Messaggi
    55,114
    Inserzioni Blog
    1
    Mentioned
    83 Post(s)
    Tagged
    5 Thread(s)

    Predefinito Re: Re: Domanda sull' Art. 18

    Originally posted by locke


    L'obbiettivo della riforma dell'Art.18 era dividere il sindacato, liberare la Cisl e la Uil dalla "ingombrante" (per il governo) compagnia della Cgil. Mi sembra che lo si sia raggiunto. Infatti se non fosse stato per il referendum l'argomento era passato ampiamente nel dimenticatoio (governativamente parlando).

    Ora se il referendum dovesse perdere, cosa possibile se non altamente probabile, l'unico risultato sarebbe la non estendibilità dei famosi diritti e la possibilità di restringerli.

    Cordiali Saluti
    =======
    GRAZIE PER IL CHIARIMENTO.... è POSSIBILE ORA CHE ANCHE CGIL CILS E UIL LO CAPISCANO.....
    E LO CAPISCANO CHE VINCENDO IL NO RIMANE SOLO LA POSSIBILITà DI RESTRINGERLO O ELIMARLO PER TUTTI.....
    E CHE LO CAPISCANO ANCHE TUTTI QUELLI CHE NON FANNO GLI IMPRENDITORI
    se l'europa non cambia sistema conviene andarsene...altrimenti ci ridurrà come e peggio della grecia.

  9. #9
    Forumista
    Data Registrazione
    11 Mar 2002
    Messaggi
    779
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    ''Auguri Sergio Cofferati, vedo che ti stai arrampicando sugli specchi perche' dovrai spiegare come mai non sei a favore del si' in questo referendum. Noi con il nostro no ci troveremo a nostro agio''. A fare l'augurio all'ex leader della Cgil e' il sottosegretario al Welfare, Maurizio Sacconi. L'esponente di governo ha poi spiegato: ''nel 2002 c'e' stata una campagna di odio in nome di una mistificazione fondamentale secondo la quale l'art. 18 contiene un diritto di civilta'. Siamo stati aggrediti perche', dicevano, volevamo toccare un diritto di civilta'. Ma quel diritto sta altrove e non nell'articolo 18, che e' solamente una tutela rafforzata, ed e' il diritto a che il licenziamento sia con giusta causa e non discriminatorio. E quel diritto nessuno ha mai voluto mettere in discussione''. Infine, riferendosi al referendum, il sottosegretario ha aggiunto: ''questa campagna referendaria ci permettera' di discutere se si tratta davvero di un diritto di civilta'. Perche' se fosse un diritto di civilta', esso sarebbe disconosciuto in nove decimi d'Europa che non lo ha e soprattutto dovrebbe davvero essere esteso a tutti come dice Bertinotti''.
    Adn/Kronos



  10. #10
    Morigadori
    Data Registrazione
    24 Mar 2002
    Località
    Sardinnya
    Messaggi
    1,173
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Originally posted by Lupo Solitario
    ''Auguri Sergio Cofferati, vedo che ti stai arrampicando sugli specchi perche' dovrai spiegare come mai non sei a favore del si' in questo referendum. Noi con il nostro no ci troveremo a nostro agio''. A fare l'augurio all'ex leader della Cgil e' il sottosegretario al Welfare, Maurizio Sacconi. L'esponente di governo ha poi spiegato: ''nel 2002 c'e' stata una campagna di odio in nome di una mistificazione fondamentale secondo la quale l'art. 18 contiene un diritto di civilta'. Siamo stati aggrediti perche', dicevano, volevamo toccare un diritto di civilta'. Ma quel diritto sta altrove e non nell'articolo 18, che e' solamente una tutela rafforzata, ed e' il diritto a che il licenziamento sia con giusta causa e non discriminatorio. E quel diritto nessuno ha mai voluto mettere in discussione''. Infine, riferendosi al referendum, il sottosegretario ha aggiunto: ''questa campagna referendaria ci permettera' di discutere se si tratta davvero di un diritto di civilta'. Perche' se fosse un diritto di civilta', esso sarebbe disconosciuto in nove decimi d'Europa che non lo ha e soprattutto dovrebbe davvero essere esteso a tutti come dice Bertinotti''.
    Adn/Kronos


    Ma cosa c'è di così malvaggio nell'art 18?

 

 

Discussioni Simili

  1. Feliks, domanda sull'SH...
    Di Alessandro nel forum Fondoscala
    Risposte: 8
    Ultimo Messaggio: 09-12-11, 07:49
  2. Domanda sull'11 Settembre
    Di Grifo nel forum Aviazione Civile
    Risposte: 20
    Ultimo Messaggio: 11-11-05, 04:46
  3. Domanda sull'indipendentismo
    Di Ichthys nel forum Sinistra Italiana
    Risposte: 115
    Ultimo Messaggio: 02-01-05, 15:56
  4. Domanda sull'Articolo 18
    Di ilDave nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 15-03-02, 12:24

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226