User Tag List

Risultati da 1 a 5 di 5
  1. #1
    Roderigo
    Ospite

    Predefinito Il Corriere della Sera contro la guerra

    Le ragioni per dire NO

    di FERRUCCIO DE BORTOLI

    Quale sarà la posizione del Corriere nel giorno in cui, speriamo di no, scoppierà la guerra? Nei conflitti precedenti ci esprimemmo a favore del ripristino della legalità internazionale violata con l’invasione del Kuwait (’91); condividemmo l’intervento in Kosovo nel 1999; appoggiammo la guerra in Afghanistan ai talebani complici dei terroristi di Al Qaeda nel 2001. L’uso della forza, legittimato dall’Onu, è innegabile che sia stato un bene per l’umanità. I pacifisti di allora dovrebbero chiederne conferma ai cittadini kuwaitiani, alle donne afghane, alle minoranze etniche dei Balcani. Nessuno può dire che si stava meglio quando si stava peggio, per esempio con il macellaio Milosevic o con i tagliagole di Kabul. Oggi è diverso. Il 12 settembre del 2001 scrissi un editoriale dal titolo «Siamo tutti americani». Lo siamo ancora, anche perché la trincea è comune. Ma esserlo non significa rinunciare a critiche e dubbi. L’amicizia è fatta di lealtà, non di passiva fedeltà. L’Europa deve trovare la forza (intellettuale), oltre che l’unità politica, di rinsaldare il proprio legame con gli Stati Uniti. Anche nella diversità delle idee. L’appiattimento delle opinioni e l’irritazione per i dubbi di coscienza non rendono più efficace la lotta al terrorismo. Tutt’altro. Gli americani sono in guerra (e noi europei spesso ce lo dimentichiamo), si sentono seriamente minacciati dal terrorismo, sono stati attaccati per la prima volta nel loro territorio, hanno avuto tremila caduti. Ma spiace leggere troppi autorevoli e sprezzanti giudizi sull’indecisa Europa. L’antieuropeismo cresce al pari purtroppo di quell’antiamericanismo strisciante che abbiamo sempre condannato: questo sì frutto della vecchia Europa smemorata e irriconoscente. L’Atlantico è più largo.
    Il nostro no a questa guerra è certo anche spontanea espressione di quegli interrogativi che dilaniano le coscienze di ogni cittadino. Nessun italiano, crediamo e speriamo, ama la guerra o ne intravvede un calcolo di convenienza. Siamo per la pace ma non pacifisti a senso unico (né con Bush né con Saddam) o di maniera (che tristezza leggere che La Civiltà Cattolica mette sullo stesso piano le violazioni delle risoluzioni Onu di Iraq e di Israele). Ma il nostro è anche un no razionale, per quanto possibile. E non perché le prove contro Bagdad non siano ancora convincenti. Forse non servono nemmeno. Qualcuno ha dubbi sulla minaccia costituita da un regime che ha già impiegato armi chimiche e gasato oppositori e curdi? No. La realtà è che la guerra preventiva è il prodotto, pur comprensibile ma pericoloso, del neounilateralismo americano e soprattutto non è iscritta nel sistema condiviso delle regole internazionali. Così, mentre si cercano le prove contro l’Iraq emergono, macroscopiche, quelle contro la Corea del Nord, che arriva persino a minacciare di attaccare gli stessi Stati Uniti. La guerra preventiva rischia di trasformarsi in una guerra continua: dopo l’Iraq toccherà al vicino Iran che fra pochi anni avrà l’atomica? E che fare con la Siria che considera patrioti i kamikaze?
    Siamo sicuri che una pressione internazionale costante, un’ispezione prolungata, una vigilanza ferrea (con l’impiego dei caschi blu come pensano Parigi e Berlino), non otterrebbero, dal lato della sicurezza e della lotta al terrorismo, migliori risultati di un conflitto dalle conseguenze imprevedibili, specie nei Paesi arabi confinanti? E’ la guerra continua l’eredità che lasceremo ai nostri figli in un Occidente più diviso e, dunque, più vulnerabile? E’ questo il modo migliore di dialogare con gli arabi moderati? E, soprattutto, con i giovani di quei Paesi, che saranno le classi dirigenti di domani, per convincerli che l’Occidente è libertà, democrazia, che rispetta e si fa rispettare e usa la forza soltanto quando vi è costretto?

    Corriere della Sera, 9 febbraio 2003

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Walker
    Data Registrazione
    24 Dec 2002
    Località
    CENTRO IGIENE MENTALE
    Messaggi
    1,802
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    L'AUTOREVOLE POSIZIONE DEL CORSERA SICURAMENTE HA UN PESO NEL FORMARSI DELL'OPINIONE POLITICA DELL'ELETTORE MEDIO DEL CENTRODESTRA,STRANO KE A CITARE TALE TESTATA SIA UN KOMUNISTA IN KUANTO TALE QUOTIDIANO DA SEMPRE VI DEFINISCE KOME IL PRIMO DEI MALI DELLA POLITICA ITALIANA.

  3. #3
    Roderigo
    Ospite

    Predefinito

    Originally posted by STRESSSSSSS_W
    L'AUTOREVOLE POSIZIONE DEL CORSERA SICURAMENTE HA UN PESO NEL FORMARSI DELL'OPINIONE POLITICA DELL'ELETTORE MEDIO DEL CENTRODESTRA,STRANO KE A CITARE TALE TESTATA SIA UN KOMUNISTA IN KUANTO TALE QUOTIDIANO DA SEMPRE VI DEFINISCE KOME IL PRIMO DEI MALI DELLA POLITICA ITALIANA.
    Ma, noi comunisti siamo laici e liberaldemocratici, non abbiamo difficoltà a segnalare e citare articoli che condividiamo in tutto o solo in parte (come questo) anche se scritti da chi ci contesta. In fondo, non possiamo pretendere che il Corriere della Sera sia meglio di Liberazione.

    R.

  4. #4
    Walker
    Data Registrazione
    24 Dec 2002
    Località
    CENTRO IGIENE MENTALE
    Messaggi
    1,802
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Originally posted by Roderigo

    Ma, noi comunisti siamo laici e liberaldemocratici, non abbiamo difficoltà a segnalare e citare articoli che condividiamo in tutto o solo in parte (come questo) anche se scritti da chi ci contesta. In fondo, non possiamo pretendere che il Corriere della Sera sia meglio di Liberazione.

    R.
    LO SEGNALI SOLO PERKE' SEI IPOKRITA ALTRIMENTI PROVERESTI VERGOGNA A CITARE KI KUOTIDIANAMENTE CONDUCE UNA LINEA POLITIKA KE VI ADDITA KOME CAUSA DI INSTABILITA' DELLA SCENA POLITIKA ITALIANA OLTRE KE KOME RESIDUO MALEODORANTE DELLA PUTRIDA E SANGUINARIA IDEOLOGIA MARXISTA.

  5. #5
    Roderigo
    Ospite

    Predefinito

    Originally posted by STRESSSSSSS_W
    LO SEGNALI SOLO PERKE' SEI IPOKRITA ALTRIMENTI PROVERESTI VERGOGNA A CITARE KI KUOTIDIANAMENTE CONDUCE UNA LINEA POLITIKA KE VI ADDITA KOME CAUSA DI INSTABILITA' DELLA SCENA POLITIKA ITALIANA OLTRE KE KOME RESIDUO MALEODORANTE DELLA PUTRIDA E SANGUINARIA IDEOLOGIA MARXISTA.
    Adesso non esageriamo.
    Tu e il Corriere della Sera siete ancora due cose diverse.

    R.

 

 

Discussioni Simili

  1. L'europeismo del Corriere della Sera contro Václav Klaus
    Di L'Europeo nel forum Politica Europea
    Risposte: 8
    Ultimo Messaggio: 25-01-09, 06:16
  2. Fiore:manifesteremo Contro Corriere Della Sera
    Di GABRIELS nel forum Destra Radicale
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 06-11-08, 22:41
  3. Il corriere della sera contro PD e sindacati sulla scuola
    Di Baltar nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 129
    Ultimo Messaggio: 13-10-08, 20:16
  4. democrazia e guerra Corriere della sera di oggi
    Di pietroancona nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 20-11-06, 15:35
  5. La guerra per le banche e per il 'Corriere della Sera'
    Di un bolscevico nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 12
    Ultimo Messaggio: 11-09-05, 21:48

Chi Ha Letto Questa Discussione negli Ultimi 365 Giorni: 0

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226