User Tag List

Risultati da 1 a 5 di 5
  1. #1
    Estremista della libertà
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Stanza dei bottoni del Forum "Libertarismo"
    Messaggi
    18,289
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Thumbs down C'è una chiesa favorevole all'aborto...

    Semplicemente scandaloso.

    Da www.ilnuovo.it

    Stuprata a 9 anni e incinta. Il cardinale: "No all'aborto"


    Torna alla ribalta il cardinale Obando y Bravo, negli anni '80 intermediario tra Cia e antisandinisti. Il Presidente di Nicaragua-Nicaraguita spiega: "Ma la Chiesa di base non ha queste posizioni ideologiche"
    di Carlo Ottaviano

    Miguel Obando y Bravo ha 77 anni. Di mestiere fa il cardinale. Nominato nel 1985 da Giovanni Paolo II, aveva già conquistato sul campo ammiratori e detrattori, per avere fatto da intermediario tra la Cia e gli oppositori del governo sandinista.

    Lucìa, chiamiamola così per non scrivere il suo vero nome, ha 9 anni, è una bimba figlia di contadini. O almeno lo era, una bimba. Fino a quando un ragazzo di vent'anni non l’ha rapita e violentata. Oggi è un caso, un argomento di discussione, un motivo di scontro in Nicaragua. Rimasta incinta dopo aver subito lo stupro, è in attesa di aborto.

    "Un aborto che si deve impedire con ogni mezzo", ha tuonato il prelato, il più potente dei cardinali centroamericani. La lotta all’aborto, del resto, è da anni uno dei capisaldi della attività di Obando y Bravo che ha organizzato innumerevoli "marce per la vita", per modificare il codice penale nazionale che non confidura come reato l’aborto terapeutico.

    Adesso il campo di battaglia è la vita di una ragazzina di nove anni. "Mia figlia -dice il padre- è solo una bambina che non capisce cosa le sta succedendo e se portasse avanti la gravidanza rischierebbe di morire di parto". "Gli specialisti -afferma da parte sua il cardinale - devono tentare di salvare la vita della bambina e della creatura che porta in grembo".

    Ribatte il padre della bambina, un contadino di 28 anni: "Oltre al pericolo di morte per mia figlia, una maternità sarebbe un nuovo trauma dopo il trauma dello stupro che ha già subito". ""Mia figlia - aggiunge - ha paura di morire ed è terrorizzata all'idea di avere un bambino. Dobbiamo intervenire al più presto"

    Lucìa non è la prima e non sarà l’ultima bambina ad affrontare un dramma simile. "Sono episodi purtroppo abbastanza frequenti, non insoliti". Lo riconosce Gianni Pagni, presidente di Nicaragua-Nicaraguita, una onlus italiana (ha sede a Volterra, in Toscana) impegnata in progetti di recupero di ragazzi di strada.

    "In tutta l’America centrale - spiega Pagni- al di là di ciò che viene denunciato, c’è una violenza abbastanza forte. I governi hanno approvato legislazioni specifiche contro i reati sui minori, rafforzando le disposizioni delle Nazioni Unite. Ma queste leggi rimangono lettera morta."

    All’origine della violenza sono le disastrose condizioni economiche. "Il Nicaragua, dopo Haiti, è il paese più povero dell’area", aggiunge Pagni. "Le famiglie abbandonano i bambini per strada, gli uomini disoccupati passano le giornate a ubriacarsi. Le famiglie sono disgregate e la violenza specialmente nelle grandi città è una consuetudine".

    La vicenda di Lucìa è finita sui giornali per la presa di posizione del cardinale, che ha criticato un padre che una volta tanto non aveva abbandonato al suo destino la piccola vittima di una violenza. Il cardinale non sa che le famiglie spesso trovano il conforto in questi casi proprio della chiesa.

    Non quella ufficiale, però. Non quella dell’impomatato Miguel Obando y Bravo. "C’è invece una chiesa di base - racconta Pagni che in Nicaragua trascorre ogni anno lunghi periodi- e la chiesa della Curia. Quella di base è fatta di preti che vivono a contatto dei drammi della gente comune. I preti sono ovviamente contro l’aborto, ma non inflessibili. Di fronte a ragazzine incinte dopo aver subito violenze, almeno si pongono il problema, capiscono la contraddizione della violenza della maternità forzata dopo la violenza dello stupro. Non hanno insomma solo una posizione ideologica".

    L’ultima parola sulla vicenda della bambina è attesa dalla procura dei minori di Managua, che ha nominato una commissione medica, ma che si è già pronunciata in linea di principio in favore di un aborto terapeutico "in considerazione del rischio di morte" della puerpera "che in questo caso non è neanche un'adolescente".

    Fin qui la storia di Lucìa. Che si inquadra in una situazione di disperazione complessiva. "Le cose che abbiamo visto con i nostri occhi sono incredibili, ai limiti dell’animalesco", dice il presidente di Nicaragua-Nicaraguita . E racconta della droga che sta uccidendo i ragazzi: "Sniffano la colla dei calzolai e nel giro di pochi anni la loro mente si annebbia e ogni attività motoria cessa. E c’è anche l’enorme problema della prostituzione minorile".

    Paese allo sbando, il Nicaragua è indebitato con moltissime nazioni. La Francia ha già ridotto a zero il suo credito. "Ma non basta", spiega Pagni. "I nuovi aiuti dovrebbero arrivare direttamente per progetti specifici, saltando la burocrazia corrotta. Due anni fa c’è stato un fortissimo uragano. Tutti i paesi del mondo, anche il nostro, hanno mandato aiuti, ma alle popolazioni non è arrivato nulla. Bisogna trovare sistemi nuovi per evitare che i finanziamenti finiscano nelle solite tasche."

    (18 FEBBRAIO 2003, ORE 15)



    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Forumista assiduo
    Data Registrazione
    24 Aug 2009
    Messaggi
    5,381
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    La piccola Lucia ha abortito. Non mi va affatto di fare polemica su questa tragedia, sul dilemma di una famiglia cattolica. Purtroppo altri strumentalizzando le dichiarazione di un Vescovo
    e speculando sulla pelle di questa povera bambina credono di portare acqua al loro mulino. Tristissimo.

    Altra piccola nota; si legge nell'articolo:
    Paese allo sbando, il Nicaragua è indebitato con moltissime nazioni. La Francia ha già ridotto a zero il suo credito.

    Cosa fa l'Europa? Il 13 febbraio il Parlamento Europeo ha adottato
    il rapporto della europarlamentare Ulla M. Sandbaek che modifica il progetto di regolamento dell'Ue circa gli aiuti alle politiche sanitarie e ai diritti in materia di riproduzione e della sessualità nei Paesi in via di sviluppo. In sostanza i fondi dell'Ue finiranno per finanziare l'aborto nei Paesi in via di sviluppo.
    Può la situazione di povertà nei Paesi in via di sviluppo essere risolta con l'aborto?

  3. #3
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    22 Jul 2002
    Messaggi
    16,995
    Inserzioni Blog
    1
    Mentioned
    22 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    se non sbaglio in sudamerica i liberali risolvono il problema pagando gli squadroni della morte per seccare i ragazzini per la strada.

  4. #4
    Forumista assiduo
    Data Registrazione
    24 Aug 2009
    Messaggi
    5,381
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Nell'africa ammalata di aids, il papa vieta l'uso del preservativo in nome del diritto (sic!) alla maternità e paternità casuale.
    Il Papa vieta? E da quando lo Stato Pontificio ha sovranità sull'africa? Forse è più probabile che gli africani siano contrari alle politiche sanitarie che i ricconi occidentali vorrebbero imporgli. Sì, perchè l'opulento occidente crede di risolvere il problema della povertà limitando le nascite di questi "straccioni", quando è arcinoto che nella società africana il numero dei figli è importantissimo. Altra piccola notizia, l'aids mica è saltato fuori da solo...

  5. #5
    Forumista assiduo
    Data Registrazione
    24 Aug 2009
    Messaggi
    5,381
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    In Uganda ci sono venti milioni di abitanti, una guerra civile alle spalle, l'Aids addosso a almeno due milioni di persone. E un milione e mezzo di orfani.
    Chissà che l'ha portato l'aids...

    E i manifesti con la foto del Papa che condanna l'uso del preservativo, e che come unico rimedio consigliano, in stampatello maiuscolo: "Stay virgin!".
    Questa mi sembra una tua invenzione. Inoltre ricordo che i cattolici in africa non sono la maggioranza.

    Importantissimo il numero di figli? Sì, per perpetuare la sofferenza e la morte per aids, di cui la chiesa si compiace, evidentemente.
    Di evidente c'è che non conosci la società africana.

    Per il resto prendo atto che per risolvere i problemi proponi un metodo nazista. Eliminiamo i deboli, non facciamo riprodurli.
    E poi i perversi sarebbero i cattolici...

    P.S.
    Ti invito a moderare i termini, ricordati che sei ospite e che devi rispetto al Papa e alla Chiesa. Va bene la polemica, ma non la violenza delle parole. In caso contrario saranno presi i dovuti provvedimenti.

 

 

Discussioni Simili

  1. ABORTO: VALDESI, INFONDATE PREOCCUPAZIONI CHIESA
    Di MarcoGhiotti nel forum Il Termometro Politico
    Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 10-08-09, 15:43
  2. sei favorevole all'aborto se il bambino è portatore di handicap?
    Di PandaSaggio (POL) nel forum Il Termometro Politico
    Risposte: 90
    Ultimo Messaggio: 29-12-07, 18:55
  3. sei favorevole all'aborto?
    Di PandaSaggio (POL) nel forum Il Termometro Politico
    Risposte: 15
    Ultimo Messaggio: 25-12-07, 18:34
  4. Sei favorevole alla separazione tra stato e chiesa?
    Di Zefram_Cochrane nel forum Il Seggio Elettorale
    Risposte: 65
    Ultimo Messaggio: 16-09-05, 09:13
  5. Risposte: 13
    Ultimo Messaggio: 31-10-04, 20:18

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226