User Tag List

Risultati da 1 a 3 di 3
  1. #1
    email non funzionante
    Data Registrazione
    05 May 2002
    Località
    roma
    Messaggi
    9,788
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Nuovo decreto antitifoso

    Finalmente il grande problema che affligge lo stato italiano sarà risolto.
    Il nuovo decreto contro la violenza negli stadi è stato approvato nella giornata di venerdì dal Consiglio dei Ministri.
    Il nuovo decreto consentirà l'arresto di chi commetterà atti di violenza negli stadi anche senza flagranza di reato, ma in base al principio della flagranza prolungata.
    Ovvero chi verrà identificato sulla base di documentazione e video-fotografica potrà essere arrestato entro 36 ore dallo svolgimento dei fatti.
    La flagranza prolungata era già presente nel precedente decreto datato 2001, poi soppressa ed ora reintrodotta con la sorprendente norma che consente di estendere la flagranza di reato anche in assenza di immagini video, ma anche solo sulla base di "gravi, precisi e concordanti indizi di colpevolezza".
    Inoltre, maggiori poteri a forze dell'ordine e prefetti, i quali potranno decidere di intervenire sui calendari dei vari campionati in presenza di rischi consistenti sotto il profilo della sicurezza e disporre la chiusura degli stadi fino ad un mese in caso di intollerabili episodi di violenza.
    Come al solito ad accompagnare questo decreto non sono macate le "cifre della crisi". I dati riferiti alle prime 20 giornate della stagione in corso rapportati a quelle dello scorso campionato dimostrerebbero un aumento degli incidenti, delle denunce e dei feriti sia tra le forze dell'ordine che tra i tifosi.
    L'opinione pubblica ha, naturalmente, accolto con soddisfazione queste nuove normative, definendole un segnale forte e deciso contro gli atti di violenza, essendosi ispirati al tanto famigerato modello inglese.
    Ora, i benpensanti potranno, finalmente, dormire sonni tranquilli, sapendo che gli ultras, il nemico pubblico numero uno dell'Italia hanno i minuti contati.
    Non saranno più necessarie le tavole rotonde piene di illustri ospiti pronti a puntare il dito contro i tifosi. Con il nuovo decreto si risolveranno tutti i problemi.
    Ma, siamo sicuri che sia la repressione la strada giusta da seguire?
    Prima di tutto, il nuovo decreto appare incostituzionale, in particolar modo quando si parla di flagranza differita, norma peraltro già bocciata per questo motivo dal Parlamento nella scorsa legislatura.
    La flagranza differita è applicata solo per quanto riguarda lo stadio, non esiste per altri reati.
    In un paese democratico come l'Italia la legge dovrebbe essere uguale per tutti...
    In secondo luogo, vorremmo sapere quali siano gli indizi di colpevolezza di cui si fa menzione nel decreto in assenza di filmati o prove fotografiche. Non vorremmo che in mancanza di prove si spari indiscriminatamente sul mucchio, cosa già avvenuta in passato, solo per portare un colpevole e dimostrare l'efficacia della legge.
    Inoltre, chissà se il tifoso arrestato avrà un regolare processo o se, come avviene per i provvedimenti di diffida, non potrà in alcun modo difendersi. Questo ancora non è dato saperlo.
    Il tifoso, purtroppo, non è trattato come un normale cittadino. Tutto quello che avviene all'interno degli stadi, da un normale litigio a fatti più gravi, è amplificato, e si paga in maniera maggiore l'atto di violenza o presunta tale in quella sede che in altre.
    Lo stadio non è la zona franca che ci vogliono far credere, al massimo lo è al contrario.
    Ogni domenica sono numerosi i soprusi che deve subire il tifoso, dal caro biglietti alle condizioni in cui si affrontano le trasferte della propira squadra del cuore.
    Di tutto ciò, però, non se ne parla mai.
    Naturalmente, fa più notizia la violenza.
    Ci sembra logico chiederci il perchè di tanta attenzione sui tifosi, mentre, in Italia, accade davvero di tutto.
    Sarebbe più sensato risolvere prima altri problemi. Le leggi speciali si dovrebbero applicare per combattere la pedofilia, la mafia, la vivisezione, la malasanità.
    Ma, questa è l'Italia dei conflitti di interesse, dei due pesi e delle due misure ed è normale che il primo pensiero vada per reprimere i tifosi.
    Il disegno ci sembra abbastanza chiaro, usare la repressione per eliminare gli ultras, sempre contrari ad un certo tipo di sistema e mai omologati o inquadrati in esso.
    Si vorrebbe trasformare lo stadio in un teatro, spostare tutti dai seggiolini alle poltrone di casa davanti alla paytv.
    Si è dimenticato, però, che il calcio è del popolo, non è dei padroni miliardari o di giocatori viziati.
    Il tifoso è la parte sana di questo calcio saturo di polemiche, dovrebbe essere protetto non certo perseguitato.
    Per risovere il problema della violenza si deve cercare un dialogo, un punto di incontro, ma non risolvendo il tutto con questi decreti punitivi antitifoso, che esaspereranno solo gli animi, e non servono certo a prevenire.

    Tratto da Rinascita

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    We Are The Firm
    Data Registrazione
    12 Mar 2002
    Località
    Poggibonsi - Granducato di Toscana
    Messaggi
    9,355
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    ne abbiamo parlato a lungo sia in questo forum che sul Principale.
    Il decreto è anticostituzionale.
    ULTRAS MODUS VIVENDI

  3. #3
    email non funzionante
    Data Registrazione
    25 Feb 2009
    Messaggi
    33,124
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Nuovo decreto antitifoso

    Originally posted by cornelio
    Finalmente il grande problema che affligge lo stato italiano sarà risolto.
    Il nuovo decreto contro la violenza negli stadi è stato approvato nella giornata di venerdì dal Consiglio dei Ministri.
    Il nuovo decreto consentirà l'arresto di chi commetterà atti di violenza negli stadi anche senza flagranza di reato, ma in base al principio della flagranza prolungata.
    Ovvero chi verrà identificato sulla base di documentazione e video-fotografica potrà essere arrestato entro 36 ore dallo svolgimento dei fatti.
    La flagranza prolungata era già presente nel precedente decreto datato 2001, poi soppressa ed ora reintrodotta con la sorprendente norma che consente di estendere la flagranza di reato anche in assenza di immagini video, ma anche solo sulla base di "gravi, precisi e concordanti indizi di colpevolezza".
    Inoltre, maggiori poteri a forze dell'ordine e prefetti, i quali potranno decidere di intervenire sui calendari dei vari campionati in presenza di rischi consistenti sotto il profilo della sicurezza e disporre la chiusura degli stadi fino ad un mese in caso di intollerabili episodi di violenza.
    Come al solito ad accompagnare questo decreto non sono macate le "cifre della crisi". I dati riferiti alle prime 20 giornate della stagione in corso rapportati a quelle dello scorso campionato dimostrerebbero un aumento degli incidenti, delle denunce e dei feriti sia tra le forze dell'ordine che tra i tifosi.
    L'opinione pubblica ha, naturalmente, accolto con soddisfazione queste nuove normative, definendole un segnale forte e deciso contro gli atti di violenza, essendosi ispirati al tanto famigerato modello inglese.
    Ora, i benpensanti potranno, finalmente, dormire sonni tranquilli, sapendo che gli ultras, il nemico pubblico numero uno dell'Italia hanno i minuti contati.
    Non saranno più necessarie le tavole rotonde piene di illustri ospiti pronti a puntare il dito contro i tifosi. Con il nuovo decreto si risolveranno tutti i problemi.
    Ma, siamo sicuri che sia la repressione la strada giusta da seguire?
    Prima di tutto, il nuovo decreto appare incostituzionale, in particolar modo quando si parla di flagranza differita, norma peraltro già bocciata per questo motivo dal Parlamento nella scorsa legislatura.
    La flagranza differita è applicata solo per quanto riguarda lo stadio, non esiste per altri reati.
    In un paese democratico come l'Italia la legge dovrebbe essere uguale per tutti...
    In secondo luogo, vorremmo sapere quali siano gli indizi di colpevolezza di cui si fa menzione nel decreto in assenza di filmati o prove fotografiche. Non vorremmo che in mancanza di prove si spari indiscriminatamente sul mucchio, cosa già avvenuta in passato, solo per portare un colpevole e dimostrare l'efficacia della legge.
    Inoltre, chissà se il tifoso arrestato avrà un regolare processo o se, come avviene per i provvedimenti di diffida, non potrà in alcun modo difendersi. Questo ancora non è dato saperlo.
    Il tifoso, purtroppo, non è trattato come un normale cittadino. Tutto quello che avviene all'interno degli stadi, da un normale litigio a fatti più gravi, è amplificato, e si paga in maniera maggiore l'atto di violenza o presunta tale in quella sede che in altre.
    Lo stadio non è la zona franca che ci vogliono far credere, al massimo lo è al contrario.
    Ogni domenica sono numerosi i soprusi che deve subire il tifoso, dal caro biglietti alle condizioni in cui si affrontano le trasferte della propira squadra del cuore.
    Di tutto ciò, però, non se ne parla mai.
    Naturalmente, fa più notizia la violenza.
    Ci sembra logico chiederci il perchè di tanta attenzione sui tifosi, mentre, in Italia, accade davvero di tutto.
    Sarebbe più sensato risolvere prima altri problemi. Le leggi speciali si dovrebbero applicare per combattere la pedofilia, la mafia, la vivisezione, la malasanità.
    Ma, questa è l'Italia dei conflitti di interesse, dei due pesi e delle due misure ed è normale che il primo pensiero vada per reprimere i tifosi.
    Il disegno ci sembra abbastanza chiaro, usare la repressione per eliminare gli ultras, sempre contrari ad un certo tipo di sistema e mai omologati o inquadrati in esso.
    Si vorrebbe trasformare lo stadio in un teatro, spostare tutti dai seggiolini alle poltrone di casa davanti alla paytv.
    Si è dimenticato, però, che il calcio è del popolo, non è dei padroni miliardari o di giocatori viziati.
    Il tifoso è la parte sana di questo calcio saturo di polemiche, dovrebbe essere protetto non certo perseguitato.
    Per risovere il problema della violenza si deve cercare un dialogo, un punto di incontro, ma non risolvendo il tutto con questi decreti punitivi antitifoso, che esaspereranno solo gli animi, e non servono certo a prevenire.

    Tratto da Rinascita
    Sul fatto che il tifoso vada tutelato sono d'accordo. Finché però il tifo, o il presunto tale non diventa violenza contro infrastrutture o contro gli altri. Vorrei che mi venisse citato l'articolo della Costituzione che contrasta con questo decreto, che mi auguro possa servire a arrestare la situazione che c'è in Italia (visto che cambiare la mentalità è molto, molto difficile).

 

 

Discussioni Simili

  1. Commento al nuovo decreto presidenziale
    Di von Dekken nel forum Parlamento di Pol
    Risposte: 49
    Ultimo Messaggio: 24-04-13, 20:35
  2. Nuovo decreto solare fotovoltaico
    Di Grifo nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 9
    Ultimo Messaggio: 27-02-10, 03:09
  3. i rom espulsi con il nuovo decreto -comunicato stampa-
    Di marcocontifir nel forum Centrodestra Italiano
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 20-11-07, 10:06
  4. 40 mil di € a FR con il nuovo decreto
    Di landingFCO nel forum Aviazione Civile
    Risposte: 10
    Ultimo Messaggio: 11-10-05, 19:41
  5. Il nuovo decreto legge
    Di Il_Siso nel forum Termometro sportivo
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 14-03-03, 21:41

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226