User Tag List

Risultati da 1 a 9 di 9

Discussione: Occhi Azzurri

  1. #1
    Forumista senior
    Data Registrazione
    08 Mar 2002
    Località
    Mittel Europa Nord Est
    Messaggi
    1,078
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Occhi Azzurri

    La osservo attentamente.

    Anche Lei m’osserva attentamente.

    Occhi azzurri, cortissimi capelli biondi, con delicate sfumature dorate, nasino all’insù, boccuccia sottile, guance rosee, insomma lineamenti angelici.

    Una vera Bambola.

    Continuo ad osservarla.

    Occhi azzurri, sguardo intenso, anzi glaciale, fermissimo, penetrante, irresistibile.

    Cerco invano di confonderla.

    Lei continua ad osservami attentamente. Non distoglie il suo sguardo nemmeno per un millesimo di secondo. Sembra mi stia studiando, con uno sguardo glaciale, a raggi X.

    Le sorrido spavaldamente.

    Anche Lei reagisce con un sorrisetto, quasi sarcastico, deciso ma fugace.

    “Ah, finalmente sono riuscito a conquistarti”, penso io fra me e me, alquanto ingenuamente.

    Lei non si scompone e continua ad analizzarmi.

    “So mi, Juanin”, le dico.

    Ahimè, non pare conoscere la mia parlata in lingua veneta.

    Però la sua risposta, ancorché priva di reale audio fonetico, è chiaramente leggibile sulle sue pupille, in gergo lumbard: “Ma va a da’ via i ciapp!”, sembra voler rispondere.

    Incredibile, vero?

    Mica tanto.

    È il potere magico del territorio, delle proprie radici, della terra natia che misteriosamente sa colloquiare con te, subito, anche senza farti pronunciare una sola sillaba.

    Non m’offendo.

    Non solo perché sono coriaceo, ma soprattutto perché non posso assolutamente rinunciare a conquistare una favolosa creatura come questa.

    Decido quindi di ricorrere alle mie infallibili capacità seduttive impregnate di carisma etico, emotivo, affettivo, intellettuale …

    Cerco nuovamente di sorriderle, questa volta in modo un tantino più estetico e teatrale, romanesco oserei dire … ma …

    … ahimè, facendo fiasco totale …

    La biondina dallo sguardo azzurro e glaciale mi rivolge un’occhiata, se non sprezzante, per lo meno inquietante.

    Quindi, in rapidissima sequenza, aziona prima il piede destro, poi quello sinistro, come se volesse rifilarmi un paio di robusti calci sul didietro.

    Al che … mi sorge un legittimo sospetto: “vuto vedar che sta biondina l’a gha capìo che detesto il calcio spa?”

    Fatto sta che poi, senza più degnarmi nemmeno di un solo sguardo, nemmeno glaciale, la Bambola si rivolge altrove.

    Sapete dove?

    Ancor ora, se ci penso, rabbrividisco per l’emozione, e stento a credere a quanto io stesso ho visto con i miei propri occhi.

    Raddoppio quindi il mio livello di vigilanza, concentrandomi al massimo per non lasciarmi sfuggire la benché minima mossa e contromossa della Biondina, per discernere i suoi eventuali movimenti del tutto casuali da quelli plausibilmente intenzionali.

    E infatti che cosa scopro?

    Ad un certo momento la Bambola allunga il braccio, tende la sua angelica manina, NON una sola volta, bensì TRE volte, più volte, ripetutamente, consecutivamente, …

    … verso sua MADRE, cercando di toccarle il volto, cercando di sfiorarle le guance e di seguirne il profilo …

    NON una sola volta.

    Più volte.

    E quindi non per semplici e casuali, istintivi riflessi naturali.

    Seguendo con la sua minuscola mano il profilo materno, quest’incredibile creatura cercava anche di esprimersi, sembrava volesse dirle

    “Sei MIA Madre! Sei proprio TU!”

    NON male per una Bimba di soli DUE mesi!

    Ecco che in quel momento riaffioravano alla mia remota memoria alcuni scritti del famoso Jean Piaget, forse il massimo studioso di psicologia infantile, a proposito delle fasi di sviluppo dei neonati e dei bambini in generale.


    Jean Piaget credeva d’avere correttamente identificato e misurato le principali fasi dello sviluppo infantile, in particolare quello dei neonati. Con scientifica metodicità, egli aveva identificato ed analizzato i principali periodi della crescita infantile, dalle prime fasi delle attività motorie, alle primissime manifestazioni d’attività intellettiva ed affettiva, ai successivi periodi di rafforzamento dei riflessi e dei meccanismi ereditari, delle percezioni, del manifestarsi dei primi sentimenti, del formarsi dell’intelligenza pratica (anteriore alla nascita del linguaggio), all’insorgere dell’intelligenza intuitiva, alla capacità d’effettuare le prime operazioni intellettuali concrete (preludio al pensiero logico, ai sentimenti morali e sociali di cooperazione), sino alla definitiva affermazione della propria personalità, all’inserimento affettivo ed intellettuale nel mondo degli adulti, ed infine alle cosiddette operazioni intellettuali astratte.

    Insomma, le aveva studiate proprio tutte le caratteristiche dello sviluppo infantile.

    Complimenti postumi, ça va sans dire!

    Egli infatti scriveva:

    < Il periodo che va dalla nascita all’acquisizione del linguaggio è contraddistinto da uno sviluppo mentale straordinario. Non se ne sospetta appieno l’importanza , in quanto non è accompagnato da parole che permettano di seguire passo passo i progressi dell’intelligenza e dei sentimenti, come avverrà invece più tardi. Tuttavia è un periodo decisivo per tutta la successiva evoluzione psichica: consiste infatti nientedimeno che nella conquista di tutto l’universo pratico che circonda il bambino, per mezzo della percezione e del movimento. Questa “assimilazione sensomotoria“ del mondo esterno immediato, realizza in effetti, nello spazio di diciotto mesi o due anni, una rivoluzione copernicana in miniatura: mentre al punto di partenza di questo sviluppo il neonato riferisce ogni cosa a sé, o meglio al proprio corpo, al punto di arrivo, cioè quando hanno inizio il pensiero e il linguaggio, si colloca praticamente come elemento o corpo fra gli altri, in un universo che ha costruito a poco a poco, e che sente ormai come esterno a sé >

    Piaget riteneva che tutto lo sviluppo infantile consistesse in un costante e progressivo percorso “da uno stato di minor equilibrio ad uno di equilibrio superiore” …

    Certo. Forse secondo gli schemi mentali dei“cervelli adulti”, Piaget era rigorosamente e scientificamente esatto.

    Peccato avesse scordato di considerare altre ipotesi, non basate sulle classiche teorie dell’umana conoscenza astratta.

    Come dire: anche i più grandi scienziati possono prendere certe “cantonate”!

    Anche Jean Piaget aveva forse trascurato un particolare: che il neonato in realtà disponesse di capacità complessivamente superiori proprio al punto di “partenza” piuttosto che nei successivi momenti di crescita individuale, così come questa è normalmente valutata secondo le unità di misura dei cosiddetti “adulti”.

    Non occorre essere scienziati per accorgersene. Basta osservare attentamente il “comportamento” dei neonati.

    Il loro cervello è infinitamente più capace, anche di elaborazioni intellettuali astratte, ben prima di quanto noi meschini adulti non si vorrà mai ammettere.

    Il loro “essere” è infinitamente più complesso, più desideroso di ricevere l’affetto materno, più curioso di scoprire il mondo circostante, più pronto e più capace di comunicare con altri esseri del creato con analoga predisposizione …

    La loro capacità di apprendimento, e quindi di complessiva crescita individuale, è molto, molto superiore a quanto gli scienziati non potranno mai appurare nei loro laboratori …

    … per la semplice ragione che gli scienziati NON hanno (e non potranno mai avere) la benché minima idea di che cosa esattamente siano, ad esempio, cose come l’intelligenza, o la coscienza …

    La capacità d’apprendimento e quindi di complessiva crescita dei bimbi dipendono non tanto dal sapere scientifico bensì dall’affetto e dalle cure materne, in seno alla famiglia naturale costituita da madre naturale di sesso femminile e da padre naturale di sesso maschile. Entrambi naturali. NON clonati o altrimenti alterati.

    Quanto più intense saranno le cure materne, tanto più completo e rapido sarà il vero sviluppo del neonato …

    … ora, domani, sempre … verso un mondo migliore … reale, NON virtuale.

    Il neonato, forse anche prima della nascita stessa, è un’entità che complessivamente NON può essere, NON potrà mai essere esaustivamente definito e descritto in termini scientifici.

    La sua complessità è tanto grande e misteriosa da non poter essere definita che vero e proprio MIRACOLO.

    Alcuni neonati sono e saranno, fortuna permettendo, ben accolti, nutriti, educati, seguiti, aiutati a trovare il proprio cammino in un loro misterioso destino.

    Altri, purtroppo meno fortunati, non saranno ben accolti, non ben accetti, non amati, non coccolati. Forse solo malnutriti, e perseguitati.

    Tutti saranno in ogni modo vulnerabili assai alle mistificazioni che il sofisticato mondo moderno cercherà di propinare loro, in ogni istante della loro esistenza.

    Il pianeta è popolato da neonati di “classi” varie: alcuni di classe A, altri di classe B, altri di classe C. Altri di nessuna classe.

    Però tutti i neonati sono la manifestazione di una certa volontà di compiere MIRACOLI.

    Quindi mi chiedo:

    Se ogni neonato è esempio di miracolo vivente, perché la gente sembra cercare dappertutto, ALTROVE, le prove dei miracoli?

    Ci sono persone sfortunate che percorrono centinaia, talvolta migliaia di chilometri per recarsi in luoghi dove si suppone siano accaduti rari miracoli, nella speranza di poterne essere novelli testimoni e magari anche novelli beneficiari. Ci sono folle che speranzose portano in processione statue e statuette d’ogni costume e dimensione. Altre che accorrono aspettando che una lacrima di sangue scorra giù di qui o di là. Altre ancora che aspettano fiduciose che il contenuto di qualche bottiglietta si liquefaccia … alla faccia …

    Eppure il MIRACOLO della VITA che si rinnova OVUNQUE, OGNI GIORNO, apportando la concreta testimonianza di nuovi fiduciosi e credenti neonati, lascia completamente indifferente, talvolta ostile, la maggior parte delle gente.

    Come mai?

    J.B.
    Hans Von Buleghinen

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    ilariamaria
    Ospite

    Predefinito

    Johnny sei diventato papà e non dici niente????


    però è vero c'è un momento in cui osservando un neonato ti rendi conto che quello che fa lo fa apposta... e quasto momento può variare fra i 20 giorni e i due mesi, a seconda dalla capacità dei genitori di vedere il miracolo e di capire che è proprio vero....

    loro , invece, i piccoli, cominciano da subito....

  3. #3
    Forumista senior
    Data Registrazione
    08 Mar 2002
    Località
    Mittel Europa Nord Est
    Messaggi
    1,078
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito NON dico niente perché

    Originally posted by ilariamaria
    Johnny sei diventato papà e non dici niente????


    però è vero c'è un momento in cui osservando un neonato ti rendi conto che quello che fa lo fa apposta... e quasto momento può variare fra i 20 giorni e i due mesi, a seconda dalla capacità dei genitori di vedere il miracolo e di capire che è proprio vero....

    loro , invece, i piccoli, cominciano da subito....
    io non c'entro niente.

    Mi trovavo nei paraggi solo in veste di pseudo scientifico ricercatore di miracoli ...

    Ce ne sono, ce ne sono.

    Basta guardarli con i propri naturali occhi, senza paraocchi radiotelevisivi e simili specchietti per allodole.

    Che c'entrano le allodole?

    Che ne so io? Perché mi fai ste domande?

    J.B.
    Hans Von Buleghinen

  4. #4
    ilariamaria
    Ospite

    Predefinito

    è raro trovare un ricercatore di simili miracoli non legato in modo particolare al miracolo stesso....

    di solito la gente non si ferma ad osservare i bambini per più del tempo necessario per dire "che carino".

    bravo,johnny, sei un vero poeta.

  5. #5
    Forumista senior
    Data Registrazione
    08 Mar 2002
    Località
    Mittel Europa Nord Est
    Messaggi
    1,078
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Davvero?

    Originally posted by ilariamaria


    bravo,johnny, sei un vero poeta.
    Non esageriamo!

    Cmq You are just too lovely.

    Smak
    Hans Von Buleghinen

  6. #6
    Ridendo castigo mores
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Messaggi
    9,515
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    ebbi anchio una biondina cosi' piu' di ventanni fa ' ...

    goditela ora perche' poi anche le donne piu' belle ' invecchiano ' ..

  7. #7
    Forumista senior
    Data Registrazione
    08 Mar 2002
    Località
    Mittel Europa Nord Est
    Messaggi
    1,078
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Confesso ...

    Originally posted by ilariamaria
    è raro trovare un ricercatore di simili miracoli non legato in modo particolare al miracolo stesso....

    di solito la gente non si ferma ad osservare i bambini per più del tempo necessario per dire "che carino".

    bravo,johnny, sei un vero poeta.
    E va bene.
    Non posso più tacere.
    Cara e gentile Ilariamaria, più che “poeta perfetto” sono un “emerito bugiardo”.
    In quanto ricercatore, ero legato al miracolo stesso: era infatti mia nipote.
    Di più non posso rivelare, per non compromettere seriamente i miei programmi di carismatica seduzione …
    Però, che c’entra? Ho esattamente lo stesso atteggiamento con qualsiasi altra Biondina, Moretta, Rossetta, Brunetta ecc.
    Sono miracoli sì o no?

    J.B.
    Hans Von Buleghinen

  8. #8
    ilariamaria
    Ospite

    Predefinito

    sono il più grande miracolo che esista... quello che fa accendere una luce speciale negli occhi dei papà e dei nonni, e anche in quelli degli zii sensibili.

    manca perfino il fiato, e lo stupore, quando ci si accorge che ci sono e che fanno valere la loro personalità, che non sono solo dei "dormi e mangia" , è la più esaltante emozione che si possa provare.

    Chissà perchè pare la si assapori di più da nonni che da genitori o da zii: forse perchè c'è il tempo di pensare e si può essere più sottili nella seduzione.

    aspetta quando ti sorriderà la prima volta....

    dicono che per le nipotine si perda totalmente la testa.

    hai trovato quella che t' ingabbia , johnny

  9. #9
    Forumista senior
    Data Registrazione
    08 Mar 2002
    Località
    Mittel Europa Nord Est
    Messaggi
    1,078
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito A proposito ...

    Originally posted by ilariamaria
    sono il più grande miracolo che esista...

    Chissà perchè pare la si assapori di più da nonni che da genitori o da zii: forse perchè c'è il tempo di pensare e si può essere più sottili nella seduzione...

    aspetta quando ti sorriderà la prima volta....

    dicono che per le nipotine si perda totalmente la testa.

    hai trovato quella che t' ingabbia , johnny
    di poesia ...

    Beh, consentimi, queste qui sì, queste tue parole sono vera poesia...

    ... la Biondina oramai mi ha sorriso numerose volte ...

    per altri, in altri momenti, forse non ce se ne accorge abbastanza proprio perché questi

    implacabili TEMPI MODERNI

    non ti lasciano nemmeno il tempo di intravvedere i veri miracoli della vita ...

    Ne riparleremo

    J.B.

    Hans Von Buleghinen

 

 

Discussioni Simili

  1. Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 27-03-13, 16:58
  2. Bambino nero con occhi azzurri
    Di Mitchell nel forum Fondoscala
    Risposte: 131
    Ultimo Messaggio: 31-01-12, 09:23
  3. Occhi Azzurri
    Di nicolas eymeric nel forum Destra Radicale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 31-01-08, 18:33
  4. O.T. Domenicale : OCCHI AZZURRI....
    Di Jenainsubrica nel forum Etnonazionalismo
    Risposte: 23
    Ultimo Messaggio: 26-02-05, 15:16

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226