User Tag List

Risultati da 1 a 8 di 8
  1. #1
    Conservatorismo e Libertà
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Messaggi
    17,352
    Mentioned
    14 Post(s)
    Tagged
    5 Thread(s)

    Predefinito Una riflessione sulle elites

    La polemica nata in questi giorni dopo le dichiarazioni di Renato Brunetta ha del paradossale: da un lato un esponente di spicco del governo di centro-destra che attacca le élites e si appella direttamente al popolo e dall’altro i leader della sinistra che respingono con durezza le accuse di Brunetta e si ergono a paladine delle aristocrazie del potere. In teoria sarebbe proprio della cultura della destra liberal-conservatrice un approccio realista alla politica ed alla democrazia; un approccio che normalmente la porta a riconoscere il ruolo delle élites nel concreto funzionamento dei sistemi politici e sociali. Nella cultura della destra la democrazia non è il potere del popolo in quanto tale, quanto piuttosto il potere esercitato dalle élites, ma sottoposto al controllo del popolo. Viceversa è proprio della cultura della sinistra (o almeno di quella non totalitaria) una visione utopista della democrazia che affida direttamente al popolo la titolarità e l’esercizio del potere

    Ma il paradosso è solo apparente e si spiega facilmente se si pone attenzione alle caratteristiche peculiari della storia delle élites (intellettuali, letterarie, artistiche, cinematografiche, giornalistiche, burocratiche, sindacali, giudiziarie …) del nostro Paese. Sarà per la storica debolezza della borghesia, sarà per il processo faticoso ed incompiuto di formazione dello Stato unitario, sarà per la presenza radicata della Chiesa, sarà per la vicenda del fascismo, sarà per la presenza del più forte partito comunista di Occidente. Sarà per l’insieme di questi fattori ma certo è che in Italia le élites sociali non sono mai riuscite a svolgere appieno quel ruolo di guida morale e di punto di riferimento culturale che avrebbero dovuto assumere.

    Di fronte ad un sistema politico debole e frammentato, di fronte ad un sistema economico chiuso, di fronte ad una cultura nazionale scissa, le élites italiane hanno storicamente preferito svolgere una funzione “antinazionale”, ritagliandosi degli spazi di potere attraverso cui estrarre delle comode rendite al riparo da ogni rischio. Anziché correre i rischi inevitabilmente con l’esercizio della funzione di guida dei processi politici, economici e sociali, le élites nazionali hanno preferito adagiarsi su posizioni parassitarie, quasi sempre assistite da soldi pubblici. Ma questa dinamica assistenziale ha inevitabilmente minato la capacità delle élites di interpretare il sentimento nazionale e di comunicare con il demos. Anzi, per rafforzare la propria posizione ed il proprio prestigio, le élites hanno spesso ceduto alla tentazione di porsi in posizione antagonista rispetto alla cultura ed alla identità del Paese.

    Il caso del cinema italiano, sollevato proprio da Brunetta nelle scorse settimane è illuminante. Nel corso degli ultimi decenni si è sviluppato un vero e proprio ceto di registi, sceneggiatori ed attori cinematografici i quali, sopravvissuti grazie alle sovvenzioni dello Stato, non sono riusciti a produrre nulla di veramente notevole dal punto di vista artistico ma al tempo stesso si sono erti a rigorosi fustigatori dei (cattivi) costumi nazionali. Un esempio. Quanti sono in grado di ricordare all’impronta un (dico uno solo) film di Cito Maselli, regista sempre in prima fila nella polemica contro le degenerazioni del sistema?

    Ma l’equilibrio che si era storicamente consolidato fra potere politico debole ed élites parassitarie si è rotto quando nel 1994, crollata la prima repubblica, la nostra democrazia si è faticosamente avviata verso un modello di democrazia decidente. In quel momento il compromesso di reciproca tolleranza nell’indifferenza è venuto meno. Le élites, sentitesi minacciate nelle proprie posizioni, hanno preteso di alzare la voce nella speranza di restaurare l’età dell’oro. La violenza delle polemiche che l’intellighenzia italica rivolge da ormai quindici anni all’indirizzo di Silvio Berlusconi non è nemmeno lontanamente paragonabile a quella che si registrava negli ultimi vent’anni della prima Repubblica. Eppure in quegli anni si sono consumati alcuni dei principali misfatti che hanno demolito lo Stato italiano, hanno squalificato la nostra democrazia ed hanno azzoppato il nostro sistema economico. I gravi problemi che oggi ci troviamo ad affrontare derivano essenzialmente da quel periodo, periodo nel quale le nostre élites, mollemente adagiate tra Capalbio, Cortina e Montecarlo, non trovavano il coraggio di far sentire con forza la propria voce.

    Dal nostro punto di vista, allora, il problema quindi non è tanto la polemica contro le élites in quanto tali. Non è la rivendicazione del popolo come unica fonte di legittimazione del potere. Il problema è che cambi in profondità la qualità delle nostre élites. Le élites dovrebbero essere in grado di anticipare e guidare i processi di innovazione, di aprire nuovi scenari. E’ di queste élites che sentiamo dannatamente la mancanza in questa fase di transizione. Viceversa di élites di mera conservazione dello status quo (e delle rendite parassitarie di cui godono) non abbiamo alcun bisogno. Queste élites, ha ragione allora Brunetta, che vadano a morire ammazzate!

    Ha ragione Brunetta: bisogna liberarsi di élites parassitarie e improduttive | l'Occidentale

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Chap Socialist
    Data Registrazione
    13 Sep 2002
    Messaggi
    31,653
    Mentioned
    10 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Una riflessione sulle elites

    Citto Maselli da cinquant'anni fa quasi un film all'anno, alcuni dei quali ben famosi, non mi pare proprio il migliore obiettivo polemico ....

    Le ombre rosse (2009)
    Civico zero (2007)
    Frammenti di Novecento (2005)
    Firenze, il nostro domani (2003)
    Lettere dalla Palestina (2002)
    Un altro mondo è possibile (2001)
    Il compagno (1999) (TV)
    Cronache del terzo millennio (1996)
    Intolerance (1996) (episodio "Pietas")
    Il segreto (1990)
    L'alba (1990)
    Codice privato (1988)
    Storia d'amore (1986)
    L'addio a Enrico Berlinguer (1984)
    Tre operai (1980) miniserie TV
    Il sospetto (1975)
    Lettera aperta a un giornale della sera (1970)
    Ruba al prossimo tuo (1969)
    Fai in fretta ad uccidermi... ho freddo! (1967)
    Gli indifferenti (1964)
    Le italiane e l'amore (1961) (episodio "Le adolescenti e l'amore")
    I delfini (1960)
    La suola romana (1960)
    Adolescenza (1959)
    Bambini al cinema (1956)
    La donna del giorno (1956)
    Gli sbandati (1955)
    Cantamaggio a Cervarezza (1954)
    L'amore in città (1953) (episodio "Storia di Caterina")
    Città che dorme (1953)
    Festa dei morti in Sicilia (1953)
    I fiori (1953)
    Uno spettacolo di pupi (1953)
    Ombrelli (1952)
    Bambini (1951)
    Sport minore (1951)
    Stracciaroli (1951)
    Zona pericolosa (1951)
    Finestre (1950)
    Bagnaia, villaggio italiano (1949)
    Tibet proibito (1949)

    Sentire poi una critica alle elitès improduttive dal governo della Confindustria ...
    Ultima modifica di Manfr; 24-09-09 alle 10:33

  3. #3
    Stalinismo Berlusconiano
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Messaggi
    553
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Una riflessione sulle elites

    Citazione Originariamente Scritto da Manfr Visualizza Messaggio

    Sentire poi una critica alle elitès improduttive dal governo della Confindustria ...


    Frasi fatte, campate di quello.
    Dimitri Oblomov per un PDL colbertista, socialista e fascista

  4. #4
    Chap Socialist
    Data Registrazione
    13 Sep 2002
    Messaggi
    31,653
    Mentioned
    10 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Una riflessione sulle elites

    Citazione Originariamente Scritto da Dimitri Oblomov Visualizza Messaggio
    Frasi fatte, campate di quello.
    Non è il vostro, il governo della deregolazione in tema di diritto del lavoro ? A casa mia questo si chiama essere il "governo dei padroni"

  5. #5
    Stalinismo Berlusconiano
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Messaggi
    553
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Una riflessione sulle elites

    Citazione Originariamente Scritto da Manfr Visualizza Messaggio
    Non è il vostro, il governo della deregolazione in tema di diritto del lavoro ? A casa mia questo si chiama essere il "governo dei padroni"


    A casa mia la tua è riesumazione di idee che hanno fallito in tutto e per tutto.
    Dimitri Oblomov per un PDL colbertista, socialista e fascista

  6. #6
    Stalinismo Berlusconiano
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Messaggi
    553
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Una riflessione sulle elites

    La deregolamentazione poi è iniziata coi governi di centrosinistra ed è un fatto ineluttabile nel mercato globale.
    O pensi di reintrodurre la scala mobile magari?
    Dimitri Oblomov per un PDL colbertista, socialista e fascista

  7. #7
    Chap Socialist
    Data Registrazione
    13 Sep 2002
    Messaggi
    31,653
    Mentioned
    10 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Una riflessione sulle elites

    Citazione Originariamente Scritto da Dimitri Oblomov Visualizza Messaggio
    La deregolamentazione poi è iniziata coi governi di centrosinistra ed è un fatto ineluttabile nel mercato globale.
    O pensi di reintrodurre la scala mobile magari?
    Io sono socialista, la scala mobile ho contribuito indirettamente ad abolirla

    Il nostro è l'unico paese d'Europa che non preveda un sistema organico di ammortizzatori sociali contro la disoccupazione: si può iniziare da lì.

    Ti faccio inoltre notare che parlavo d'altro: un conto è il welfare state, un altro è la tutela giuridica del lavoro, che questo governo ha SGRETOLATO permettendo nuovamente, ad esempio, il foglio di dimissioni in bianco.
    Ultima modifica di Manfr; 01-10-09 alle 20:47

  8. #8
    Stalinismo Berlusconiano
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Messaggi
    553
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Una riflessione sulle elites

    Citazione Originariamente Scritto da Manfr Visualizza Messaggio
    Io sono socialista, la scala mobile ho contribuito indirettamente ad abolirla

    Il nostro è l'unico paese d'Europa che non preveda un sistema organico di ammortizzatori sociali contro la disoccupazione: si può iniziare da lì.

    Ti faccio inoltre notare che parlavo d'altro: un conto è il welfare state, un altro è la tutela giuridica del lavoro, che questo governo ha SGRETOLATO permettendo nuovamente, ad esempio, il foglio di dimissioni in bianco.

    Dai dati sulla disoccupazione emerge che l'Italia è messa meglio degli altri Paesi UE, non voglio certo minimizzare l'entità della crisi che c'è e si fa sentire ma sicuramente il dato è positivo.
    Per quanto riguarda l'inadeguatezza degli ammortizzatori sociali vorrei ricordare che l'Italia soffre di un debito pubblico notevole. La cosa più esilarante è che da una parte l'opposizione accusa il Governo di aumentare il debito pubblico e dall'altra di non immettere ulteriore denaro nell'economia. E va detto che, comunque, gli ammortizzatori sociali ci sono. Non è che non esistono in Italia.
    Poi quando il Governo cerca di recuperare fondi tramite lo scudo fiscale ecco la levata di scudi contro il provvedimento criminale e mafioso.
    Un pò di coerenza. Nient'altro vi si chiede.
    Dimitri Oblomov per un PDL colbertista, socialista e fascista

 

 

Discussioni Simili

  1. riflessione sulle campagne antievasione
    Di Galaad nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 14
    Ultimo Messaggio: 29-03-12, 16:18
  2. Riflessione sulle offese razziste
    Di SimpleJK nel forum Fondoscala
    Risposte: 27
    Ultimo Messaggio: 29-02-12, 05:45
  3. riflessione sulle fusioni di partiti
    Di furbo nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 54
    Ultimo Messaggio: 25-08-10, 20:41
  4. Riflessione sulle guardie forestali
    Di FdV77 nel forum Padania!
    Risposte: 26
    Ultimo Messaggio: 27-08-07, 17:18
  5. Spunto di riflessione sulle amministrative
    Di yurj nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 11-06-02, 11:41

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226