User Tag List

Risultati da 1 a 2 di 2
  1. #1
    Moderatore
    Data Registrazione
    13 Dec 2002
    Località
    Milano
    Messaggi
    2,969
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Ombra sull'8 marzo: in Italia uccise 10 donne al mese

    Da dicembre a febbraio sono state assassinate 31 donne. Gli autori dei delitti sono sempre uomini: mariti, fidanzati, figli e nipoti. Aumentano le violenze sessuali. Diminuiscono le nascite e anche gli aborti.


    MILANO – Donne vittime di violenze, donne assassinate. Cresce in modo allarmante il numero dei delitti che riguardano il gentil sesso: dal mese di dicembre del 2002 a febbraio 2003, infatti, sono state uccise 31 donne a fronte di oltre 42 omicidi familiari e di relazione. Questo significa che in media in Italia sono state uccise dieci donne al mese. Autori dei delitti solo uomini: conviventi, fidanzati, mariti, figli e nipoti. E’ il quadro, per nulla rassicurante, che emerge dalla tradizionale ricerca sull’universo femminile realizzata da Eurispes in occasione dell’otto marzo.

    Aumento esponenziale anche per le violenze sessuali cresciute in sei anni, dal 1995 al 2001, del 295 per cento.

    Resta, poi, la questione mai risolta del rapporto tra donne, carriera e famiglia. Aumenta, infatti, sempre di più il numero delle donne che sono riuscite ad ottenere un riconoscimento professionale, ma diminuisce nettamente quello delle nascite.

    Se si esclude una lieve crescita della natalità a partire dal 1998 (532.843 unità) fino al 2001 (544.550 unità, stando ai dati provvisori), le proiezioni per i prossimi decenni parlano di un tasso di fecondità dai valori molto bassi che non riuscirà a garantire nemmeno il ricambio generazionale: nel 2030 il TFT (tasso di fecondità totale) sarà 1,41 contro il 2,41 del 1960.

    Tra le cause della scarsa voglia di maternità ci sono anche, secondo Eurispes , l’innalzamento dell’età delle prime nozze, l’aumento delle rotture matrimoniali, il differimento della prima gravidanza.

    C’è, secondo Eurispes, una maggiore consapevolezza del valore della maternità, come dimostrato dai dati relativi agli aborti: nel 2001, infatti, sono diminuiti del 3,4% rispetto l’anno precedente e del 44,4% rispetto al 1982.

    In questo caso è il titolo di studio a condizionare la scelta: sono le donne in possesso della licenza media a ricorrere in misura maggiore all’interruzione volontaria della gravidanza.

    Eppure il 63,8 per cento degli intervistati non vuole che sia modificata la legge 194/78 che sancisce il diritto all’interruzione volontaria di gravidanza: segno questo che nel Paese c’è la tendenza a difendere il diritto alla libera scelta e ad una maternità consapevole. Un “no” deciso, infine, agli aborti in nero: conseguenza inevitabile, per oltre l’80 per cento degli intervistati, di un’eventuale abolizione della normativa in vigore.

    (7 MARZO 2003, ORE 19.03)


    da: http://www.ilnuovo.it/nuovo/foglia/0...172646,00.html

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    allevatore
    Data Registrazione
    09 Mar 2002
    Località
    campagna lombardo-veneta
    Messaggi
    4,930
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Ombra sull'8 marzo: in Italia uccise 10 donne al mese

    Originally posted by skorpion
    Da dicembre a febbraio sono state assassinate 31 donne. Gli autori dei delitti sono sempre uomini: mariti, fidanzati, figli e nipoti. Aumentano le violenze sessuali. Diminuiscono le nascite e anche gli aborti.


    MILANO – Donne vittime di violenze, donne assassinate. Cresce in modo allarmante il numero dei delitti che riguardano il gentil sesso: dal mese di dicembre del 2002 a febbraio 2003, infatti, sono state uccise 31 donne a fronte di oltre 42 omicidi familiari e di relazione. Questo significa che in media in Italia sono state uccise dieci donne al mese. Autori dei delitti solo uomini: conviventi, fidanzati, mariti, figli e nipoti. E’ il quadro, per nulla rassicurante, che emerge dalla tradizionale ricerca sull’universo femminile realizzata da Eurispes in occasione dell’otto marzo.

    Aumento esponenziale anche per le violenze sessuali cresciute in sei anni, dal 1995 al 2001, del 295 per cento.

    Resta, poi, la questione mai risolta del rapporto tra donne, carriera e famiglia. Aumenta, infatti, sempre di più il numero delle donne che sono riuscite ad ottenere un riconoscimento professionale, ma diminuisce nettamente quello delle nascite.

    Se si esclude una lieve crescita della natalità a partire dal 1998 (532.843 unità) fino al 2001 (544.550 unità, stando ai dati provvisori), le proiezioni per i prossimi decenni parlano di un tasso di fecondità dai valori molto bassi che non riuscirà a garantire nemmeno il ricambio generazionale: nel 2030 il TFT (tasso di fecondità totale) sarà 1,41 contro il 2,41 del 1960.

    Tra le cause della scarsa voglia di maternità ci sono anche, secondo Eurispes , l’innalzamento dell’età delle prime nozze, l’aumento delle rotture matrimoniali, il differimento della prima gravidanza.

    C’è, secondo Eurispes, una maggiore consapevolezza del valore della maternità, come dimostrato dai dati relativi agli aborti: nel 2001, infatti, sono diminuiti del 3,4% rispetto l’anno precedente e del 44,4% rispetto al 1982.

    In questo caso è il titolo di studio a condizionare la scelta: sono le donne in possesso della licenza media a ricorrere in misura maggiore all’interruzione volontaria della gravidanza.

    Eppure il 63,8 per cento degli intervistati non vuole che sia modificata la legge 194/78 che sancisce il diritto all’interruzione volontaria di gravidanza: segno questo che nel Paese c’è la tendenza a difendere il diritto alla libera scelta e ad una maternità consapevole. Un “no” deciso, infine, agli aborti in nero: conseguenza inevitabile, per oltre l’80 per cento degli intervistati, di un’eventuale abolizione della normativa in vigore.

    (7 MARZO 2003, ORE 19.03)


    da: http://www.ilnuovo.it/nuovo/foglia/0...172646,00.html
    Le violenze sessuali sono cresciute per:
    a- aumento del numero di extracomunitari, più portati a crimini di questo tipo
    b- lenta ma progressiva civilizzazione del Sud, dove ora è più facile che esse vengano denunciate
    c- maggiore e forse eccessiva sensibilizzazione delle donne riguardo al problema (mi riferisco alle molestie)

    Un 63% che non vuole che la legge sull'aborto sia modificata mi pare una maggioranza piuttosto esigua, bisognerebbe conoscere l'andamento dei sondaggi dall'anno del referendum.

    Della denatalità stiamo già parlando in un altro thread.

 

 

Discussioni Simili

  1. Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 12-04-13, 01:04
  2. L'ombra degli speculatori sull'Italia
    Di Majorana nel forum Socialismo Nazionale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 19-09-10, 19:58
  3. Produzione industriale -0.2% a Marzo 2008 in EU-15 (mese/mese)
    Di Dragonball (POL) nel forum Politica Estera
    Risposte: 27
    Ultimo Messaggio: 16-05-08, 11:56
  4. Ombra sull'8 marzo: in Italia uccise 10 donne al mese
    Di skorpion (POL) nel forum Destra Radicale
    Risposte: 27
    Ultimo Messaggio: 10-03-03, 18:36
  5. Ombra sull'8 marzo: in Italia uccise 10 donne al mese
    Di skorpion (POL) nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 08-03-03, 18:54

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226