User Tag List

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 16

Discussione: "Le armi ai bresciani"

  1. #1
    Globalization Is Freedom
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Messaggi
    2,486
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito "Le armi ai bresciani"

    Riporto il testo integrale d'un ordine del giorno presentato dai consiglieri Cesare Galli e Luca Isetti (Lega Nord) a Brescia. Mi auguro che i forumisti che hanno incarichi istituzionali lo facciano proprio.




    ORDINE DEL GIORNO
    per l’impegno del Consiglio Comunale di Brescia
    a favore di una interpretazione più conforme
    alle esigenze di una società libera
    delle norme che disciplinano il rilascio
    del porto d’armi a scopo di difesa personale

    In Italia quello sul porto d’armi è un dibattito inesistente. In pratica, è consolidata nel nostro paese l’idea che sia necessario un controllo statale sugli armamenti. Anche nel nostro Paese, tuttavia, sono recentemente sorti alcuni comitati di cittadini favorevoli al libero porto d’armi: è il caso, ad esempio, dei “Comitati popolani di lotta” di Genova o di “Sos Italia” di Udine.

    A favore di una politica più liberale nel rilascio del porto d’armi vi sono sia il diritto naturale di ognuno ad avere con sé un qualunque strumento di difesa; sia il diritto all’autodifesa e, in generale, alla resistenza di fronte all’aggressione; sia, infine, considerazioni utilitaristiche, dimostrate dai risultati di alcune interessanti ricerche svolte in vari Paesi del mondo sulla base del confronto tra i crimini commessi in Stati con diversa onerosità della legislazione sulle armi.

    Sebbene la legislazione contro le armi venga generalmente “venduta” come una necessità per arginare il crimine, la sua efficacia sembra lasciare molto a desiderare, come dimostra proprio l’esempio italiano. La percentuale di crimini – da quelli minimi, come scippi, furti o borseggi, a quelli più gravi, come rapimenti o omicidi – è estremamente elevata. Talmente elevata che ormai siamo quasi al punto che neppure gli omicidi fanno più notizia.

    D’altra parte, la Svizzera è un Paese in cui addirittura ogni famiglia possiede proprie armi: non solo perché la legislazione in merito è estremamente elastica, ma soprattutto perché – essendo l’organizzazione militare fondata sul sistema della milizia territoriale – tutti i cittadini hanno in dotazione un’arma potentissima come il fucile d’assalto e le relative munizioni. Il fatto che nessuno di noi senta parlare di stragi a Bellinzona o di sparatorie a Lugano avrà pure una relazione con questo fatto…

    Inoltre, uno studio condotto dalla Wisconsin University nell’autunno del 1975 è arrivato alla conclusione che “le leggi sul controllo delle armi non hanno alcun effetto individuale o collettivo sulla riduzione del numero di crimini violenti”. Confrontando i dati relativi agli omicidi nei vari Stati degli USA tale studio ha rivelato che non vi era alcuna correlazione tra il numero dei possessori di un’arma da fuoco e quello degli omicidi. Una seconda indagine effettuata in Gran Bretagna dalla Cambridge University nel 1971 ha mostrato come il numero di omicidi commessi in quel paese sia addirittura raddoppiato nel volgere dei quindici anni successivi alla proibizione delle pistole.

    Ma non si fermano qui le argomentazioni utilitaristiche a favore della liberalizzazione delle armi. In primo luogo, la semplice possibilità che una persona sia armata funge banalmente da deterrente nei confronti di ogni potenziale aggressore. E’ un normalissimo meccanismo psicologico, lo stesso meccanismo per cui chiunque di noi, prima di rischiare un investimento, vuole avere una visione relativamente chiara delle concrete possibilità di vincita. Niente più, e niente meno, di un calcolo costi/benefici, ovvero (detto in altri termini) di una valutazione del rischio: se una persona di dubbia moralità vede un ignaro passante dall’aria facoltosa in una strada buia e isolata, sarà tentata di intimargli di consegnarle il portafogli. Ma se la possibilità che il passante abbia in tasca una rivoltella è non trascurabile, il furfante ci penserà due volte prima di porre in atto l’aggressione.

    E supponiamo pure che l’aggressione avvenga. Allora, come si diceva prima, la vittima - se è armata - ha la possibilità di difendersi e di far valere i propri diritti. In caso contrario, è alla mercé del bandito, o – alla meglio – deve affidarsi alla fortuna o alle forze dell’ordine (più probabilmente alla prima…). Ma ancora più suggestive, da questo punto di vista, sono le argomentazioni addotte da Janalee Tobias, anima di Women against gun control, un’associazione di donne americane favorevoli alla liberalizzazione del porto d’armi. Al grido di “le armi sono il miglior amico di una donna”, la Tobias chiede a tutte le appartenenti al gentil sesso: “Ti trovi faccia a faccia con uno stupratore. Che fai? Chiami la polizia? Gridi aiuto? Corri? Ingaggi un incontro di wrestling sul pavimento? Buona fortuna...”.

    Vi è anche un’altra considerazione da svolgere, per quanto banale. Ovviamente, se è in vigore una legislazione che limita drasticamente il possesso di armi da fuoco entrerà in vigore, i cittadini onesti si affretteranno a rispettarla, rinunciando all’autodifesa. Ma pare davvero eccessivamente ingenuo pensare anche solo per un attimo che i criminali si comportino nella stessa maniera! Essi, anzi, essendo – per definizione – fuorilegge, si troveranno un una situazione estremamente favorevole alla propria “attività” (nella quale dunque riceveranno un incentivo). Se infatti in una società “armata” bisogna sempre mettere in conto la possibilità di una reazione da parte dell’aggredito, in una società “disarmata” il bandito che si presenta alla vittima con una pistola in pugno avrà una vita assai più facile.

    Da ultimo, va fatta una constatazione che, in realtà, altro non è se non l’ovvia conseguenza di quanto si è detto sin qui. Se i cittadini pacifici sono armati, non solo hanno maggiori possibilità di difendere se stessi, ma, sentendosi più sicuri di sé, saranno anche più frequentemente incentivati ad accorrere in soccorso di altri cittadini vittime di aggressioni. Un’inchiesta condotta nello Stato di New York ha rilevato che circa l’81% dei “buoni samaritani” era in possesso di un’arma da fuoco. Disarmarli significa dunque non solo privarli della possibilità di difendersi, ma anche impedire loro di aiutare chi ne ha bisogno. Tutto questo alla faccia di chi si riempie la bocca di parole come “solidarietà”, “rispetto” e “tolleranza”.

    Non è un caso, del resto, che il testo fondamentale italiano sulla regolamentazione delle armi risalga al ventennio fascista (Testo Unico di Pubblica Sicurezza del 18 giugno 1931, n. 773) e che esso contenga numerose disposizioni volutamente ambigue, che lasciano un’enorme discrezionalità agli organi dello Stato. L’articolo 39, ad esempio, sancisce che “il prefetto ha la facoltà di vietare la detenzione delle armi, munizioni e materie esplodenti, denunciate ai termini dell’articolo precedente, alle persone ritenute capaci di abusarne”.

    Proprio sulla base di questa discrezionalità, abbiamo assistito negli ultimi anni ad una drastica restrizione dei porti d’armi concessi alle persone oneste: e questo, incredibilmente, proprio nel momento in cui più forte si è fatta la pressione della criminalità. Basti pensare al vero e proprio stillicidio di azioni criminose compiute da delinquenti che hanno letteralmente sequestrato, sotto la minaccia delle armi (che loro detengono e usano senza bisogno di alcun porto d’armi…), intere famiglie, sorprendendole nelle loro abitazioni a scopo di rapina. Eventi che potrebbero evidentemente essere scoraggiati se i criminali fossero anche semplicemente consapevoli della possibilità di trovarsi di fronte qualcuno che ha i mezzi (le armi) per opporsi alla loro aggressione.

    In queste condizioni s’impone dunque una forte iniziativa ad ogni livello – e quindi anche a livello del Consiglio comunale di Brescia, organo esponenziale della comunità cittadina – diretta a far mutare questo stato di cose, ed a consentire a tutti i cittadini onesti che lo desiderino di possedere armi a scopo di difesa della loro vita e delle loro proprietà.

    Per queste ragioni, il Consiglio comunale di Brescia

    impegna

    il Sindaco e la Giunta ad intervenire presso prefetto e questore per sollecitare una interpretazione più conforme alle esigenze di una società libera delle norme che disciplinano il rilascio del porto d’armi per difesa personale, sottolineando in particolare come, anche alla luce dei grandi problemi di ordine pubblico che affliggono Brescia, il divieto di fatto di possedere e usare armi non solo pone una grave spada di Damocle sul capo di ogni cittadino onesto, ma legittima l’idea che difendere la propria vita e la propria libertà sia più grave che aggredirle, perché il criminale merita sempre comprensione e compassione, laddove il cittadino onesto passa quasi per colpevole.

    Brescia, 8 marzo 2003.

    Cesare Galli

    Luca Isetti
    "Non spargerai false dicerie; non presterai mano al colpevole per essere testimone in favore di un'ingiustizia. Non seguirai la maggioranza per agire male e non deporrai in processo per deviate la maggioranza, per falsare la giustizia. Non favorirai nemmeno il debole nel suo processo" (Esodo 23: 1-3)

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Homo faber fortunae suae
    Data Registrazione
    03 Mar 2003
    Località
    Gussago
    Messaggi
    4,237
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Galli è un grande, spero che finalmente riesca a scacciare quel poltornaro cattocomunista di corsini...

  3. #3
    email non funzionante
    Data Registrazione
    04 Mar 2002
    Località
    Per non lottare ci saranno sempre moltissimi pretesti in ogni circostanza, ma mai in ogni circostanza e in ogni epoca si potrà avere la libertà senza la lotta!
    Messaggi
    12,320
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Più Beretta per tutti.


  4. #4
    Veneto indipendente
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Serenissima Euganea
    Messaggi
    5,951
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: "Le armi ai bresciani"

    Originally posted by Stonewall
    Riporto il testo integrale d'un ordine del giorno presentato dai consiglieri Cesare Galli e Luca Isetti (Lega Nord) a Brescia. Mi auguro che i forumisti che hanno incarichi istituzionali lo facciano proprio.




    ORDINE DEL GIORNO
    per l’impegno del Consiglio Comunale di Brescia
    a favore di una interpretazione più conforme
    alle esigenze di una società libera
    delle norme che disciplinano il rilascio
    del porto d’armi a scopo di difesa personale

    ---------------------omissis------------------------------------
    Per queste ragioni, il Consiglio comunale di Brescia

    impegna

    il Sindaco e la Giunta ad intervenire presso prefetto e questore per sollecitare una interpretazione più conforme alle esigenze di una società libera delle norme che disciplinano il rilascio del porto d’armi per difesa personale, sottolineando in particolare come, anche alla luce dei grandi problemi di ordine pubblico che affliggono Brescia, il divieto di fatto di possedere e usare armi non solo pone una grave spada di Damocle sul capo di ogni cittadino onesto, ma legittima l’idea che difendere la propria vita e la propria libertà sia più grave che aggredirle, perché il criminale merita sempre comprensione e compassione, laddove il cittadino onesto passa quasi per colpevole.

    Brescia, 8 marzo 2003.

    Cesare Galli

    Luca Isetti
    __________________________
    l'O.D.G. è ben fatto e può essere una buona traccia per chi volesse presentarne uno analogo.
    Se fossi stato al posto di Galli, però, non avrei chiesto al sindaco soltanto l'impegno di tentare di convincere il prefetto ed il questore di essere un po' più di manica larga nel concedere il porto d'armi ai cittadini, anche perchè le probabilità di successo sono quasi nulle, in quanto queste autorità non sono altro che dei funzionari dello stato che dipendono gerarchicamente dal ministero dell'interno, di cui seguono pedissequamente le disposizioni secondo le leggi vigenti.
    Diciamo che, indipendentemente dal fatto che L'O.D.G. venga o meno approvato, Galli potrebbe ottenere un risultato politico positivo attraverso la visibilità offertagli dalla stampa: non sono al corrente se ha avuto risonanza o meno presso la stampa locale.
    Se io fossi stato al posto di Galli avrei potuto agire nei seguenti modi alternativi:
    1) Non presentare l'ordine del giorno, ma raccogliere firme ed inviare una petizione ai propri parlamentari a Roma affinchè presentino loro una proposta di modifica della legge in corso per il porto d'armi: se no lo possono (o non lo vogliono) loro che sono in parlamento per fare le leggi, qualsiasi O.D.G. non serve a una beata mazza.
    2) PREMESSO che il sindaco di una città capoluogo ha sicuramente una notevole influenza in Regone concesagli dalla legge, mi sarei studiato per bene lo Statuto della Regione Lombardia in modo da conoscere bene quali atti può compiere un sindaco di città capoluogo (o più sindaci di località minori) avendone ricevuto il mandato dai rispettivi Coinsigli Comunali. Non conosco lo statuto della regione Lombardia, ma in Veneto, ad esempio, può essere presentato un progetto di legge di iniziativa popolare accompagnato da 5000 firme, in alternativa da un sindaco di città capoluogo che ne abbia ricevuto il mandato mediante delibera del proprio Consiglio Comunale, in alternativa cinque sindaci di località minori che abbiano ricevuto il medesimo mandato mediante delibere dei rispettivi Consigli Comunali (art. 38 Statuto Regione Veneto).
    In questo modo avrei almeno cercato di coinvolgere la Regione (ente più vicino alle esigenze delle popolazioni delle proprie città) se non proprio i parlamentari romani.

    E' chiaro che un'azione isolata di un bravo leghista, senza il supporto dei suoi colleghi che stanno molto più in alto (Regione - Parlamento - Ministeri), rimane solo un'azione che può dare una certa visibilità, nel caso nostro al pur meritevole Cesare Galli (auguri a lui), ma purtroppo (e questo lo dico con amarezza) purissima aria fritta.

  5. #5
    Veneto indipendente
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Serenissima Euganea
    Messaggi
    5,951
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Originally posted by Nanths
    Più Beretta per tutti.

    [IMG]http://www.beretta.it/images_2002/92deluxe_foto1_maxi.jpg
    [/IMG]
    ____________________
    Magari! Lo sai che non possiamo usare nemmeno armi improprie per legittima difesa? Tipo bombolette spray ecc.?
    Se di notte ti entra un ladro in casa, prima di difenderti gli devi chiedere: "Scusi lei, buon ladro, ..... dico a lei,..... ha mica intenzione di spararmi per caso? Eh si,....... perchè in tal caso mi posso cautelare, sennò la legge me lo proibisce!!!!!!!!!!" Ma pensi che quello ti risponderebbe per farti un favore ed evitarti la galera per eccesso di legittima difesa? Tu in galera e lui libero subito! Muahuahuahuahuah.....
    Se poi il ladro è albanese, rumeno, cinese o ter-afro-marocchino e non parla nè il lombardo, nè la lingua di Dante, non hai neppure quella probabilità su 100 milioni che ti risponda e sei irrimediabilmente e totalmente fregato.
    Io mi ripeto sempre: "MEGLIO UN BUON PROCESSO CHE UN BUON FUNERALE".
    Ergo, in casi del genere, il mio comportamento sarà dettato dalla necessità giudicata insindacabilmente da me e da nessun altro

  6. #6
    Ospite

    Predefinito

    L'ODG è ben articolato, concordo al cento per cento. Purtroppo come al solito non se ne farà niente: vi immaginate i girotondi e le sceneggiate isteriche dei "pacifisti" (le virgolette sono d'obbligo) se da qualche parte venissero modificate le norme sul porto d'armi?

  7. #7
    flemma beat
    Data Registrazione
    26 Jun 2002
    Messaggi
    1,729
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    x i simpatici moderatori:
    ah ah ah la verità fa così male che la negate?
    assolutamente ridicoli!

    il miei mess contengono offese? assolutamente no!
    contengono parolacce, bestemmie? assolutamente no!

    la verità è che a bs siete 4 gatti e solo per questo il mio mess viene cancellato?

    vi brucia così tanto che a bs governano i ds?
    a bs, la terra della lega ci sono al governo gli excomunisti!
    ma dove finirà la leonessa?

  8. #8
    Homo faber fortunae suae
    Data Registrazione
    03 Mar 2003
    Località
    Gussago
    Messaggi
    4,237
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Originally posted by ilgufo
    vi brucia così tanto che a bs governano i ds?
    a bs, la terra della lega ci sono al governo gli excomunisti!
    ma dove finirà la leonessa?
    i ds ci saranno ancora per poco...

    Corsini non è un ex comunista bensi un ex-dc

    se andra su galli verra ripulita se rimarra il pakistano diventerà nuova kabul

  9. #9
    flemma beat
    Data Registrazione
    26 Jun 2002
    Messaggi
    1,729
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Originally posted by Elendil
    i ds ci saranno ancora per poco...
    Corsini non è un ex comunista bensi un ex-dc
    se andra su galli verra ripulita se rimarra il pakistano diventerà nuova kabul
    ripeto il mess che mi è stato censurato:
    non so se ci sarà ancora corsini, forse no, forse ci sarà la beccalossi, sicuramente non galli!
    e poi chiaramente se vincesse il polo ci sarebbe lo scontato accordo con la lega per spartire qualche poltrona.
    film già visto.

    ah, paolo corsini è diessino.

  10. #10
    Homo faber fortunae suae
    Data Registrazione
    03 Mar 2003
    Località
    Gussago
    Messaggi
    4,237
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Originally posted by ilgufo
    ripeto il mess che mi è stato censurato:
    non so se ci sarà ancora corsini, forse no, forse ci sarà la beccalossi, sicuramente non galli!
    e poi chiaramente se vincesse il polo ci sarebbe lo scontato accordo con la lega per spartire qualche poltrona.
    film già visto.

    ah, paolo corsini è diessino.
    si è ora nei ds ma ex dc non ex pc non sarebbe riuscito a plagiare i bresciani sennò...

    a parte che dopo 50 di cattocomunisti che i bresciani da brescia sono scappati...

 

 
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. "Padre Antonio Bresciani SJ: attualità di uno scrittore"
    Di Luca nel forum Tradizione Cattolica
    Risposte: 12
    Ultimo Messaggio: 11-04-14, 17:36
  2. Risposte: 13
    Ultimo Messaggio: 15-04-12, 14:57
  3. Quali "armi" userà ora la sinistra "extraparlamentare"?
    Di ugolupo nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 22
    Ultimo Messaggio: 16-04-08, 10:07
  4. "Le armi ai bresciani"
    Di Stonewall nel forum Liberalismo e Libertarismo
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 09-03-03, 20:51
  5. Film da non perdere x i bresciani "I BANCHIERI DI DIO - Il caso Calvi"
    Di padus996 (POL) nel forum Etnonazionalismo
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 24-07-02, 13:24

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226