User Tag List

Risultati da 1 a 2 di 2
  1. #1
    email non funzionante
    Data Registrazione
    04 Mar 2002
    Località
    Per non lottare ci saranno sempre moltissimi pretesti in ogni circostanza, ma mai in ogni circostanza e in ogni epoca si potrà avere la libertà senza la lotta!
    Messaggi
    12,320
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito i misfatti dei savoiardi - Zena...

    [email protected]


    Home > Sacco di Genova: aprile 1849 > 1849, Genova massacrata
    [ Indietro ]

    il Giornale Domenica 5 settembre 1999
    1849, Genova massacrata
    dai bersaglieri dei Savoia
    Centocinquanta anni fa Vittorio Emanuele II
    ordinò alle sue truppe scelte di reprimere
    nel sangue la ribellione degli insorti
    della Superba che non intendevano subire
    supinamente l'annessione al regno. Di qui
    un risentimento non ancora dimenticato

    MASSIMO ZAMORANI
    Un anniversario rotondo offre l'occasione per rievocare quello che è forse l'episodio più sconcertante e oscuro della moderna storia d'Italia: centocinquant'anni fa la rivolta di Genova contro la monarchia dei Savoia. Le ragioni che indussero i genovesi a ribellarsi al regio governo e le modalità che caratterizzarono la sanguinosa repressione voluta dal giovane re Vittorio Emanuele II, appena salito al trono dopo l'abdicazione del padre Carlo Alberto, permangono oscure. Anche perché venne fatto di tutto pur di stendere una pesante coltre di silenzio su quella che fu un'autentica, che se breve, guerra civile nel contesto del già iniziato iter del Risorgimento. Per un riesame dei fatti di allora, l'antica associazione genovese «A Compagna» e la Società di storia patria hanno invitato a un convegno per il prossimo ottobre un gruppo di specialisti della storia del Risorgimento.

    Per cercar di comprendere l'insurrezione del 1849 è necessario tener conto di alcuni elementi essenziali. Con la caduta di Napoleone conseguente alla disfatta di Waterloo, la congrega dei vincitori, riunita in congresso a Vienna nel 1815, pretese di imporre un ordine nuovo (che poi era l'ordine vecchio che si voleva restaurare) aggiungendovi talune variazioni a beneficio dei trionfatori. La Repubblica di Genova, che aveva conservato la sua indipendenza attraverso i secoli e che era stata annessa a forza all'impero napoleonico, non ebbe restituita la sua libertà, ma venne invece offerta in dono al Regno di Sardegna. Contrariamente a quello che in tempi successivi accadde, nel corso del processo risorgimentale che portò all'unità d'Italia all'occupazione militare da parte della monarchia sabauda non fece mai seguito alcun plebiscito popolare. L'annessione del Granducato di Toscana, di Parma e Piacenza, del Lombardo Veneto, del Regno delle due Sicilie fu sempre legittimata da un atto plebiscitario che invece non fu mai concesso a Genova e alla Liguria. All'annessione al Piemonte seguì una grave crisi economica, che è stata di recente tema di ricerca da parte del giovane storico genovese Giorgio Doro. tale congiuntura certamente non favorì la fiducia nel buon governo sabaudo da parte dei genovesi, tenacemente rimasti legati all'idea repubblicana.

    Nasce il corpo dei soldati piumati
    Quest'anno cade un altro anniversario rotondo: i duecento anni dalla nascita di Alessandro Ferrero de La Marmora, nato a Biella il 2 marzo 1799 da una famiglia di piccola nobiltà militare. Alessandro aveva cinque fratelli ed erano tutti ufficiali dell'esercito, quattro dei quali pervenuti al grado di generale. Fra questo lo stesso Alessandro, la cui figura è importante, nel contesto della nostra storia, perché fu lui a inventare il corpo dei Bersaglieri. Presentò infatti una «Proposizione per la formazione di una compagnia di Bersaglieri e di un'arma per il loro uso», che venne respinta dalla conservatrice burocrazia militare. Il giovane capitano, contravvenendo alla norma rigidamente gerarchica, osò ripresentare la sua proposta direttamente al Re, che invece l'accettò e con decreto datato 18 giugno 1836 istituì il corpo dei Bersaglieri e vi trasferì il La Marmora promuovendolo maggiore e ponendolo a capo delle due prime compagnie formate.

    Dopo la battaglia di Novara, 20 marzo 1849, che segnò la irreparabile sconfitta dell'Esercito piemontese e l'abdicazione del re Carlo Alberto, a Genova si diffuse il timore di tradimento. Si parlava di un'intesa tra Torino e Vienna a i fini di consentire l'occupazione austriaca di Genova. Era vivo il ricordo dell'occupazione di Genova di un secolo prima e della cacciata degli austriaci invasori dopo il famoso episodio di Balilla, 10 dicembre 1746. Difficile valutare quanto il ricordo dell'esacrata invasione precedente abbia giocato nella formazione di uno stato d'animo di ribellione, che indusse i genovesi a non riconoscere l'armistizio stipulato dal governo piemontese con l'Austria e nominare un governo provvisorio cittadino, facente capo a un triumvirato composto dal generale Giuseppe Avezzana comandante la Guardia Nazionale, dall'avvocato Davide Morchio e dal deputato Costantino Reta. Quando poi il generale De Asarta, comandante la guarnigione militare in città ordinò di mettere in posizione i cannoni a San Benigno e a Oregina, in modo da avere il centro urbano sotto tiro, la furia popolare si scatenò e incominciò una vera battaglia, con morti e feriti da ambo le parti. Il generale Giuseppe Avezzana, alla testa della Guardia Nazionale, caricò galoppando lungo via Balbi e il 2 aprile i carabinieri e i granatieri di De Asarta si arresero, consegnando i forti Sperona, Begato, Specola e lasciarono la città dopo aver deposto le armi. A questo punto, secondo il Brofferio, che ricostruì la vicenda genovese una quindicina d'anni dopo i fatti, la situazione avrebbe potuto ancora essere salvata se il ministro dell'Interno Pinelli «avesse voluto essere umano». Invece il governo, reduce dalla sconfitta militare e umiliato dalle condizioni armistiziali imposte dall'Austria, volle compiere un atto di forza esemplare e il generale Alfonso La Marmora, fratello di Alessandro, ravvisò nella repressione un'occasione per mettersi in luce. Il generale, la cui disposizione d'animo è rivelata dalla frase «non meritar riguardo una città di ribelli», mosse alla volta di Genova alla testa di un corpo di spedizione di trentamila uomini, il cui ferro di lancia era costituito da 1600 Bersaglieri, che per quanto il corpo fosse di recentissima costituzione, già erano considerati la crema dell'Esercito per la loro prestanza fisica e l'addestramento. I Piemontesi potevano contare anche sull'appoggio del vascello britannico «Vengeance» comandato dal lord Harwick, alla fonda nel porto di Genova

    La nefasta ingerenza degli Inglesi
    L'ingerenza inglese apparirà tanto più strana se si considera che il 29 marzo, quando i primi fermenti di insofferenza si palesavano in città, il console inglese Brown si permise l'iniziativa di far affiggere un manifesto con il quale si minacciava l'intervento delle «forze inglesi stanziate in porto, in caso di tumulto volto a rovesciare l'ordine costituito».

    Il 2 aprile, quando le forze regie escono disarmate dalla città, il corpo di spedizione La Marmora in avvicinamento sulla strada dei Giovi è arrivato a Ronco; il 4 è in vista di Sampierdarena. I diecimila insorti in armi si apprestano alla difesa. Il forte Tenaglia, che chiude la cintura difensiva verso il Ponente, viene occupato dai regi grazie al tradimento del comandante; i cannoni della «Vengeance» aprono il fuoco sul sbborgo di San Teodoro in appoggio alla colonna attaccante che raggiunge la porta si San Tommaso e si accende un furioso combattimento per conquistare il magnifico palazzo Doria di Fassolo. Avanti a tutti sono sempre i Bersaglieri, che vanno all'assalto della casa Bonino, difesa con accanimento da un pugno di insorti.

    Lo stesso giorno 5, La Marmora ordina il bombardamento della città e anche i pezzi della «Vengeance» si uniscono al coro. Nonostante sia contrassegnato dalla bandiera nera (la Croce Rossa è di là a venire) ripetute salve di artiglieria finiscono sull'ospedale di Pammatone nel centro urbano, dove fanno strage: 107 cadaveri verranno recuperati dai frati Cappuccini e inumati. Tra i religiosi c'è addirittura un santo: Francesco da Camporosso, oggetto di venerazione allora e oggi come «Padre Santo», che successivamente sarà proclamato Beato.

    L'esercito regio conquista uno per uno i forti, avanza nell'abitato e i soldati hanno la mano pesante: case saccheggiate, cittadini brutalizzati e derubati. Purtroppo non mancano neppure casi di prigionieri passati per le armi e donne stuprate. Il generale La Marmora ordina personalmente la fucilazione di un cittadino. L'11 aprile, a città occupata e insurrezione domata, i soldati di La Marmora sfilano per le via deserte di una città silenziosa.

    Nella «Cronistoria documentata dei fatti di Genova» di Gualtiero Lorigiola, pubblicata nel 1898, sono raccolti le testimonianze verbalizzate, la relazione della commissione d'inchiesta, il rapporto del sindaco Antonio Profumo e anche un estratto dall'autodifesa del generale Alfonso La Marmora («Un episodio del Risorgimento italiano» edito da Barbera, Firenza, 1875) che peraltro ammette «... è purtroppo ancora uso di guerra che il saccheggio succeda a una tale presa». Affermazione significativa, che trova riscontro nella relazione della commissione d'inchiesta ove sono elencati 463 casi di violenza definibili come crimini. Bisogna anche dire che sono documentati interventi di ufficiali che si opposero energicamente alle violenze. Il re Vittorio Emanuele II promulgò l'amnistia per i rivoltosi, escludendone però i triumviri Avezana, Reta, Morchio e altri sette cittadini ritenuti capi dell'insurrezione che vennero giudicati e condannati a morte in data 24 luglio mentre un undicesimo, definito «complice», si buscò l'ergastolo

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    PADANIA LIBERA!
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Piemonte
    Messaggi
    4,497
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Aggiungiamo il fatto avvenuto il 22 settembre 1864 a Torino,quando il "caro" vittorio emanuele II fece sparare ai suoi cittadini TORINESI,perchè osarono scendere in piazza per protestare contro il trasferimento della capitale da Torino a Firenze. Ripeto....FECE SPARARE AI SUOI CONCITTADINI!!!!
    Se non sbaglio morirono 30 persone e ci furno più di 150 feriti....i famosi "martiri di piazza S.Carlo"(la piazza dove avvenne la strage).
    Saluti Padani

 

 

Discussioni Simili

  1. I misfatti del governo
    Di FLenzi nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 226
    Ultimo Messaggio: 14-07-09, 11:07
  2. Servizio militare obbligatorio ed i savoiardi !!!.
    Di oggettivista nel forum Regno delle Due Sicilie
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 29-01-08, 18:08
  3. savoia, savoiardi e risarcimenti
    Di sicilia_libera nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 18
    Ultimo Messaggio: 09-06-06, 15:41
  4. Lager Savoiardi
    Di legio_taurinensis nel forum Storia
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 10-12-03, 15:30
  5. Crimini e misfatti itagliani
    Di Shaytan (POL) nel forum Padania!
    Risposte: 8
    Ultimo Messaggio: 26-01-03, 21:12

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226