User Tag List

Risultati da 1 a 2 di 2
  1. #1
    email non funzionante
    Data Registrazione
    13 May 2009
    Messaggi
    30,192
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Una Bolla Da 300 Trilioni Di Dollari Incombe Sul Pianeta

    George Soros, il finto pacifismo che piace ai poteri forti, l'economia - ombra, Clinton e Bush

    L'uomo che ha messo in ginocchio le economie di mezzo mondo pontifica sul giornale dell'ing. De Benedetti
    La verità sulla guerra ormai incombente contro l’Iraq è a portata di mano. Per chi non fosse distratto o accecato da sentimenti di parte, domenica scorsa per la misera somma di 90 centesimi il “verbo” era disponibile in tutte le edicole, senza distinzioni di classe o religione. Bastava comprare “Repubblica” per trovare in prima pagina due interventi esplicativi di un concetto da tempo latente ma mai reso esplicito in questi termini: il pacifismo piace ai poteri forti. Anzi, di più: esiste un pacifismo militante e aggressivo guidato dai poteri forti internazionali. Come leggere, altrimenti, l’intervento dell’ex (ex?) speculatore internazionale George Soros dall’inquietante titolo: «Se scoppia la bolla dell’iperpotenza»? A quale bolla si riferisce l’uomo che ha messo in ginocchio le economie di mezzo mondo con le sue operazioni finanziarie (ivi compresa la svalutazione della lira ai tempi del meeting sul “Britannia”)? Semplice, Soros si riferisce alla bolla che sta sospesa sul capo di Wall Street, costituita negli anni proprio da sé medesimo e dalla fantasia clintoniana del denaro che crea denaro, ovvero la fandonia della new economy.
    La posizione di Soros è chiara: la politica della destra americana guidata da Bush è inconciliabile con il concetto di “società aperta” tanto caro a Soros. Di più, a detta del grand commis esisterebbe di fatto un deficit di democrazia negli Stati Uniti, addirittura un ricorso a linguaggi orwelliani per rendere accettabile ciò che accettabile non è: cioè il mantenimento a tutti i costi della supremazia militare e il diritto ad azioni di guerra preventiva. Scrive Soros: «Io vedo dei parallelismi tra questo inseguire la supremazia americana da parte dell’amministrazione Bush e i processi di crescita sfrenata o bolle del mercato finanziario. Le bolle non si creano a partire da niente. Hanno una solida base nella realtà, ma un’erronea interpretazione distorce la realtà. In questo caso la posizione dominante degli Stati Uniti è la realtà, l’inseguire la supremazia americana è l’interpretazione erronea».
    Le oligarchie finanziarie si muovono, lanciano messaggi e creano reti di contatti: l’amministrazione Bush è non solo sotto tiro per la sua volontà di chiudere i conti con le ubriacature economiche clintoniane e con le politiche invasive e spericolate della Albright, ma addirittura già superata dai fatti, archiviata dalla volontà di chi non vi si riconosce. Scrive ancora Soros: «La dottrina Bush potrebbe cagionare danni enormi prima di essere abbandonata, come alla fine lo sarà».
    "Sarà qualcun'altro a ballare, ma sono io che ho scritto la musica. Io avrò influenzato la storia del XXI secolo più di qualunque altro europeo".

    Der Wehrwolf

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Forumista storico
    Data Registrazione
    09 Jun 2009
    Messaggi
    36,670
    Mentioned
    401 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    2

    Predefinito Datti una regolata...e....

    Originally posted by Der Wehrwolf
    George Soros, il finto pacifismo che piace ai poteri forti, l'economia - ombra, Clinton e Bush

    L'uomo che ha messo in ginocchio le economie di mezzo mondo pontifica sul giornale dell'ing. De Benedetti
    La verità sulla guerra ormai incombente contro l’Iraq è a portata di mano. Per chi non fosse distratto o accecato da sentimenti di parte, domenica scorsa per la misera somma di 90 centesimi il “verbo” era disponibile in tutte le edicole, senza distinzioni di classe o religione. Bastava comprare “Repubblica” per trovare in prima pagina due interventi esplicativi di un concetto da tempo latente ma mai reso esplicito in questi termini: il pacifismo piace ai poteri forti. Anzi, di più: esiste un pacifismo militante e aggressivo guidato dai poteri forti internazionali. Come leggere, altrimenti, l’intervento dell’ex (ex?) speculatore internazionale George Soros dall’inquietante titolo: «Se scoppia la bolla dell’iperpotenza»? A quale bolla si riferisce l’uomo che ha messo in ginocchio le economie di mezzo mondo con le sue operazioni finanziarie (ivi compresa la svalutazione della lira ai tempi del meeting
    sul “Britannia”)? Semplice, Soros si riferisce alla bolla che sta sospesa sul capo di Wall Street, costituita negli anni proprio da sé medesimo e dalla fantasia clintoniana del denaro che crea denaro, ovvero la fandonia della new economy.
    La posizione di Soros è chiara: la politica della destra americana guidata da Bush è inconciliabile con il concetto di “società aperta” tanto caro a Soros. Di più, a detta del grand commis esisterebbe di fatto un deficit di democrazia negli Stati Uniti, addirittura un ricorso a linguaggi orwelliani per rendere accettabile ciò che accettabile non è: cioè il mantenimento a tutti i costi della supremazia militare e il diritto ad azioni di guerra preventiva. Scrive Soros: «Io vedo dei parallelismi tra questo inseguire la supremazia americana da parte dell’amministrazione Bush e i processi di crescita sfrenata o bolle del mercato finanziario. Le bolle non si creano a partire da niente. Hanno una solida base nella realtà, ma un’erronea interpretazione distorce la realtà. In questo caso la posizione dominante degli Stati Uniti è la realtà, l’inseguire la supremazia americana è l’interpretazione erronea».
    Le oligarchie finanziarie si muovono, lanciano messaggi e creano reti di contatti: l’amministrazione Bush è non solo sotto tiro per la sua volontà di chiudere i conti con le ubriacature economiche clintoniane e con le politiche invasive e spericolate della Albright, ma addirittura già superata dai fatti, archiviata dalla volontà di chi non vi si riconosce. Scrive ancora Soros: «La dottrina Bush potrebbe cagionare danni enormi prima di essere abbandonata, come alla fine lo sarà».


    e.....deciditi: credere all'ebreo Soros o al cowboy Bush?
    -N-

 

 

Discussioni Simili

  1. Ci sono al mondo 647 trilioni di dollari in derivati
    Di dedelind nel forum Economia e Finanza
    Risposte: 7
    Ultimo Messaggio: 15-05-12, 21:15
  2. Sulla testa del Regno Unito un debito da 16 trilioni di dollari
    Di Majorana nel forum Socialismo Nazionale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 11-11-10, 22:46
  3. Zimbabwe, introdotta banconota da 100 trilioni
    Di Abbott (POL) nel forum Politica Estera
    Risposte: 42
    Ultimo Messaggio: 22-01-09, 00:56
  4. Il nuovo che incombe
    Di master nel forum Centrodestra Italiano
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 30-11-03, 23:58
  5. La Gasparri (o chi per lui) incombe...
    Di MrBojangles nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 29-09-03, 09:36

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226