User Tag List

Risultati da 1 a 2 di 2
  1. #1
    Forumista assiduo
    Data Registrazione
    24 Aug 2009
    Messaggi
    5,381
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Aiutiamo la popolazione civile irakena

    La Caritas italiana, su indicazione della Conferenza episcopale italiana, lancia una raccolta fondi in favore dei profughi e delle vittime della guerra in Iraq.



    Dopo aver ripetutamente cercato di scongiurare la guerra, la Caritas italiana ora pensa con decisione a far fronte alle conseguenze. Su indicazione della Conferenza episcopale italiana, ha invitato tutte le Caritas diocesane a raccogliere fondi. La stessa Caritas Italiana ha già messo a disposizione 150.000 euro per i primi interventi e provvederà a destinare i fondi raccolti ai profughi e alle vittime del conflitto.



    La rete internazionale della Caritas, operativa da subito, sta ora intensificando gli sforzi. I 14 Centri di Caritas Iraq, sparsi intorno a Baghdad, Bassora, Kirkuk, Mosul, insieme ad 8 piccoli ospedali sono stati dotati di attrezzature sanitarie, ossigeno, medicinali, beni di pronto consumo, letti, materassi, coperte e lenzuola. Per il trasporto dei pazienti sono disponibili nuove ambulanze, con riserve di benzina, barelle e biciclette. Altre attrezzature e medicinali sono stoccati in magazzini a Baghdad e in Giordania e serviranno per far fronte alle urgenze. Un team di emergenza è pronto per entrare nel Paese, appena sarà possibile, per sostenere gli sforzi in atto.



    La situazione dei profughi resta ancora poco definita.

    In Siria, nei giorni scorsi sono riuscite ad arrivare clandestinamente 2000 famiglie, ospitate da famiglie irachene già sul posto. I confini restano chiusi dalla parte irachena, mentre sono stati allestiti campi per l’accoglienza di 20.000 profughi. La Turchia continua a tenere chiuse le frontiere: 10.000 profughi sono già ammassati al nord dell’Iraq e il numero continua a crescere. In Iran per il momento non si segnalano arrivi, ma una missione della rete internazionale Caritas è in partenza per definire insieme alla Chiesa locale le modalità di accoglienza. In Kuwait la rete Caritas è in contatto con il vescovo locale.



    In Libano la Caritas locale ha aiutato Caritas Siria a prepararsi all’emergenza, ha preparato generi di prima necessità e resta in allerta per eventuali arrivi.

    Circa 350 persone si sono ammassate al confine con la Giordania, ma restano strettamente chiuse le frontiere irachene. Sono stati allestiti dall’UNHCR 2 campi profughi a 70 km dal confine per accogliere 25.000 rifugiati e un terzo campo potrebbe essere aperto. La Caritas Giordania si fa carico dell’occorrente per sei mesi (materassi, coperte, cibo, vestiti) per 2000 persone che saranno ospitate in alcuni locali messi a disposizione dalla Chiesa. In collaborazione con la Ong World Vision e in accordo con la Mezza luna rossa, ha già predisposto 8.000 coperte, tre autocarri per il trasporto di vari generi, 10.000 containers di acqua e 16.000 teli di plastica.



    Roma, 21 marzo 2003



    Per sostenere gli interventi in atto (causale: “Emergenza Iraq 2003”) si possono inviare offerte alla Caritas Italiana, viale F.Baldelli 41 - 00146 Roma, tramite:

    - c/c postale n. 347013

    - c/c bancario n. 5000X34 - Abi 05696 - Cab 03202

    Banca popolare di Sondrio, Ag. Roma 2
    - Cartasì e Diners telefonando a Caritas Italiana 06/541921 (dal lunedì al venerdì in orario d’ufficio)

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Forumista assiduo
    Data Registrazione
    24 Aug 2009
    Messaggi
    5,381
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    ASIA/IRAQ - CARITAS IRAQ CONTINUA LA SUA OPERA DI ASSISTENZA: PROGRAMMA DI AIUTI PER 260.000 BISOGNOSI, AUMENTANO FERITI E PROFUGHI

    Bagdad (Agenzia Fides) – Per i prossimi tre mesi Caritas Iraq ha programmato progetti di assistenza per un ammontare di 8 milioni di Euro che dovrebbero essere finanziati dalle organizzazioni che fanno parte di Caritas Internationalis. Tali aiuti sono destinati a circa 260.000 bisognosi, in particolare bambini che soffrono di malnutrizione e donne incinte o che hanno da poco partorito. I settori di intervento sono: igiene, alimentazione e medicina. Attualmente vengono messe a disposizione dei rifugiati interni, il cui numero tende ad aumentare, soprattutto coperte, materassi, fornelli e vestiti. L’assistenza dei 14 centri della Caritas Iraq, che viene coordinata dall’ufficio Caritas di Amman (Giordania), è diretta anche alle famiglie che ospitano i rifugiati. Gli aiuti vengono trasportati da Amman nell’ufficio centrale della Caritas Iraq a Bagdad e da li distribuiti nelle regioni nel nord e nel sud dell’Iraq. Secondo le ultime informazioni fornite dall’Ufficio internazionale della Caritas tedesca, che risalgono a ieri, lunedì 7 aprile, nonostante le continue interruzioni delle linee telefoniche, l’ufficio Caritas di Amman è riuscito negli ultimi giorni a tenersi sempre in contatto con i collaboratori a Bagdad. I Vescovi ausiliari di Bagdad, mons. Shlemon Varduni e mons. Emmanuel-Karim Delli, riferiscono che finora gli uffici della Caritas ed altri edifici della Chiesa non hanno subito grossi danni. “Molte persone cercano rifugio nelle Chiese e passano la notte negli uffici della Caritas in cerca di un luogo sicuro” hanno affermato i Vescovi. In seguito ai bombardamenti la situazione umanitaria a Bagdad diventa sempre più critica e il numero di feriti aumenta. Pertanto la Caritas dai depositi di Amman fornisce anche antibiotici e antidolorifici. Come riferiscono i collaboratori della Caritas, molte persone cercano di fuggire dalla capitale in direzione della frontiera con l’Iran.(MS)

 

 

Discussioni Simili

  1. Aiutiamo la popolazione civile irakena
    Di Colombo da Priverno nel forum Repubblicani
    Risposte: 22
    Ultimo Messaggio: 26-10-05, 20:00
  2. Aiutiamo la popolazione civile irakena
    Di Colombo da Priverno nel forum Chiesa Ortodossa Tradizionale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 24-03-03, 09:31
  3. Aiutiamo la popolazione civile irakena
    Di Colombo da Priverno nel forum Sardegna - Sardìnnia
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 23-03-03, 13:47
  4. Aiutiamo la popolazione civile irakena
    Di Colombo da Priverno nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 22-03-03, 09:57

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226