User Tag List

Risultati da 1 a 2 di 2
  1. #1
    Insorgente
    Data Registrazione
    25 Jul 2002
    Località
    Da ogni luogo e da nessuno
    Messaggi
    2,654
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito La disobbedienza che cambia il mondo

    L'Impero continua a distillare il suo fuoco spettacolare sulle terre dell'antica Mesopotamia, stringe con il suo pugno d'acciaio le fragili membra della nazione irachena, squaderna - con il rombo dei B52 e con il lancio dei Cruise - la pedagogia militare che annuncia il "nuovo ordine mondiale", la sua onnipotenza atlantica, la sua sfida mortale alla storia, al buon senso, alla legalità, ai popoli, alla vita. Vediamo le fiamme e il fumo nero di Baghdad e non vediamo il resto, a nord e a sud, non vediamo i dettagli, il panico dei bimbi, lo schianto della vita quotidiana, la morte che compie i suoi riti lontano dalle telecamere. L'Impero gioca con il Kaos: lo riproduce con le sue slot-machine belliche, lo sostituisce alla diplomazia e alla politica, lo issa sulla bandiera di un patriottismo fondato sulla Bibbia texana e petrolifera della più retriva destra yankee. Il Kaos parla nel nome di dio, un dio bianco e proprietario, guerriero e telematico, sospeso nella metafisica industriale della Borsa e della Spada, che segna dall'alto dei cieli il solco dell'unica globalizzazione consentita. Sotto al cielo, già cominciano a prodursi piccole smagliature nella trama della guerra americana. Piccoli indizi di un delitto imperfetto. La Turchia "amica" che mette uno e due piedi nell'Iraq dei kurdi: come un promemoria su quanto vasta sia stata e sia la persecuzione del "popolo delle montagne". E poi quei missili che scappano di mano alle truppe alleate e vanno a posarsi oltre il confine iraniano: come una premonizione su quanto larga sia la geografia della "guerra preventiva". Ed anche le inaspettate sacche di resistenza, una resistenza disperata e impossibile, che sembra fatta di fionde e di carabine piuttosto che di armi chimiche e batteriologiche. Infine la morte, quella dei "buoni", dei liberatori, dei civilizzatori, dei soldati britannici e statunitensi, o quella di spericolati e coraggiosi reporters.

    Non è dunque il volo delle farfalle, quello che si leva nell'entroterra del golfo persico, anche se Bush junior, a differenza di noi miseri mortali, non resta inchiodato alla Tv per vedere la diretta del suo "Shock and Awe": va a fare il suo week end, si porta appresso la Casa Bianca, giocherà col suo cane, reciterà i salmi. Per il resto del mondo sarà un tranquillo week end di paura, a contare le luminarie che si accendono nella lunga notte di Baghdad, a decifrare il rumore dei botti, ma anche a scendere per le strade, ad annodare i fili della coscienza e della protesta, a discutere coralmente sul "che fare". Perché la ribellione alla guerra è solo all'inizio, già ora travolge gli argini della cronaca e i confini delle nazioni, è l'insorgenza spontanea e universale di un nuovo attore (di una nuova "superpotenza") nell'epoca che sta nascendo attorno alla forma inedita del dilemma più antico: pace o guerra. Sono moltitudini che si auto-organizzano, a milioni nelle piazze australiane e sudafricane, europee ed asiatiche; sono i ragazzini del "mordi e fuggi" della contestazione californiana alle multinazionali e ai palazzi dell'alta finanza; sono le bandiere arcobaleno che soppiantano le bandiere bianche dell'assuefazione e dell'indifferenza. Sono i mille gesti della disobbedienza civile: che non è solo testimonianza individuale, uso del proprio corpo come strumento di pace, ma anche traccia di un nuovo e inedito "ordine del discorso": sulla legalità, sulla convivenza, sulla civiltà, persino sulla statualità.


    Tu ti armi ed io mi disarmo. Tu vuoi armarmi ed io provo a disarmarti. Tu mi vuoi arruolare, con il Tg2 o con l'offerta delle basi per la guerra. Ed io diserto: con la contro-informazione e violando il filo spinato di quella sovranità atlantica e nordamericana che limita e mortifica il territorio della democrazia italiana. Tu vuoi che il mio dissenso taccia dopo il primo rullo di tamburi ed io cerco di gridare più forte delle tue fanfare e dei tuoi cannoni. Siccome tu sei il più forte del mondo, il sarò il più debole del mondo: mi armerò di debolezza, della mia nudità, della mia creaturale irriducibilità al tuo rango marziale. Tu sei la violenza, il fine che giustifica i mezzi, la ragione della forza. Ed io sarò la nonviolenza, i mezzi che anticipano il fine, la forza della ragione. Tu sei la disumanità del calcolo economico applicato alla macchina dello sterminio. Io sarò incalcolabile gratuità dei gesti di vita, di accoglienza, di condivisione, di pace. Tu sei la politica che si piega sotto il tallone di ferro dei generali e dei finanzieri. Io sarò la politica che si alza in piedi, che guarda il cielo, che non dimentica neppure uno dei bimbi spauriti, feriti, uccisi di Baghdad. Tu sei potentissimo ma solo, benché clonato e moltiplicato dallo schermo magico dei mass-media imperiali. Io sono fragilissimo: ma mi guardo attorno, e siamo milioni, e non torneremo più a chiuderci in casa. Tu sei l'Impero della morte. Io sono, noi siamo, un meraviglioso annuncio di vita.

    www.liberazione.it
    "Vogliamo distruggere tutti quei ridicoli monumenti del tipo "a coloro che hanno dato la vita per la patria" che incombono in ogni paese e, al loro posto, costruiremo dei monumenti ai disertori. I monumenti ai disertori rappresentano anche i caduti in guerra perchè ognuno di loro è morto malidicendo la guerra e invidiando la fortuna del disertore. La resistenza nasce dalla diserzione"

    Partigiano antifascista, Venezia, 1943





    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Iscritto
    Data Registrazione
    27 Feb 2003
    Località
    Unione delle Repubbliche Socialiste Sovietiche
    Messaggi
    101
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    ahuahuahuahuaahuahuahuahauhauhauahauhau

 

 

Discussioni Simili

  1. Risposte: 19
    Ultimo Messaggio: 05-07-10, 21:39
  2. La politica che cambia il mondo
    Di libpensatore nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 08-11-08, 08:38
  3. Come cambia il mondo
    Di APOL nel forum Sinistra Italiana
    Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 22-08-08, 07:56
  4. I profeti di un mondo che cambia
    Di Ibrahim nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 05-01-06, 16:57
  5. I profeti di un mondo che cambia
    Di Der Wehrwolf nel forum Etnonazionalismo
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 05-01-06, 12:49

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226