User Tag List

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 19
  1. #1
    Estremista della libertà
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Stanza dei bottoni del Forum "Libertarismo"
    Messaggi
    18,289
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Post Uno sguardo autenticamente libertario sulla guerra

    Articolo del grande Lottieri, risalente al periodo precedente allo scoppio della guerra ma sempre validissimo.
    Direi che, emotività a parte (i pacifisti sono incoerenti e ci stanno sulle balle per principio), non si può appoggiare entusiasticamente questo intervento. Solo augurarsi, per il bene di chi combatte e di chi ha la sola colpa di essere nato irakeno, che finisca prima possibile.

    Alle radici della guerra
    e dell'umanitarismo democratico


    di Carlo Lottieri

    --------------------------------------------------------------------

    Sembra ormai deciso. La guerra dell'Occidente 'liberale' contro l'Iraq tirannico di Saddam Hussein si farà, e tutto questo perché George W. Bush Jr. ha dichiarato al mondo che il califfo di Baghdad potrebbe possedere armi distruttive del tutto simili, anche se molto meno potenti, a quelle che vi
    sono negli arsenali americani.


    Sulla base di una folle dottrina che vorrebbe legittimare l'aggressione preventiva e che, a rigore, dovrebbe autorizzarci ad uccidere chiunque possieda un'arma (salvo ricordarsi che, per uccidere, noi stessi dobbiamo essere armati.), Bush sta oggi tessendo la trama di alleanze che dovrebbero
    permettergli di avere l'assenso della Russia, della Cina, dell'Europa, dei paesi arabi.


    Il copione è già noto e siamo certi che non vi sarà nulla di edificante in questo ennesimo conflitto tra il Bene (democratico) ed il Male (assoluto). Vedremo cieli verdognoli ripresi dalla Cnn e solcati da bombe intelligenti; saremo sopraffatti dagli interventi televisivi di esperti capaci di descrivere ogni ordigno nei minimi dettagli, mentre ben pochi spenderanno una parola sul destino degli innocenti condannati a morte dall'attacco militare; sentiremo racconti a ripetizione sulle atrocità (indubbie) del
    regime irakeno, mentre troppi negheranno la tragedia di un conflitto in cui vi è un esercito che aggredisce civili la cui unica colpa è di essere nati in terra irachena.


    Nessuno, soprattutto, ci spiegherà quali colpe abbiano quanti moriranno sotto le nostre bombe. Né tanto meno ci verrà spiegato perché si è deciso di colpire, ancora una volta, il 'novello Hitler' del golfo Persico, e non già il regime russo o quello cinese, responsabili di analoghe atrocità: in Cecenia, in Tibet ed in molte altre regioni. Ed ugualmente implicati in loschi traffici di materiali bellici.


    Il terrorismo è bestiale ed intollerabile, come la tragedia delle Twin Towers ha mostrato ancora una volta. Ma esso si distingue dalla guerra soprattutto per il suo rifiuto di ogni norma morale, per quel suo sparare nel mucchio che sacrifica i diritti dei civili. Esattamente per tale ragione non dovremmo accettare che all'attacco terroristico di Al Qaeda si facciano seguire bombardamenti che replicano le atrocità già commesse dall'alleanza occidentale in Iraq alcuni anni fa e poi, più di recente, in Serbia ed in Afghanistan.


    Oltre a ciò, va aggiunto come sia stupefacente l'assenza di veri argomenti in chi vuole condurre una guerra che - come sempre - è destinata a lasciare dietro di sé una lunga catena di lutti. Si legge che Baghdad deve essere aggredita per dare a quel paese un vero sistema democratico, perché quel
    regime ha aiutato i fondamentalisti (o potrebbe aiutarli in futuro), perché rappresenta un elemento di disturbo al Nuovo Ordine Mondiale in costruzione. Nessuno di questi argomenti, però, riesce persuasivo.


    In primo luogo va detto che la democrazia, in quanto tale, non è un valore. È comprensibile che vi sia chi l'apprezza, ma anche in quel caso in genere essa è gradita solo come strumento in vista di qualcosa d'altro (un ordine di diritto e libertà, ad esempio). Il che non deve fare dimenticare come nel corso del Novecento si abbia conosciuto democrazie che hanno portato al potere, attraverso regolari elezioni, un autentico criminale come Hitler. In altri casi, abbiamo visto governi democraticamente eletti fare ricorso ad armi distruttive intrinsecamente immorali, come appunto le bombe atomiche sganciate a Hiroshima e Nagasaki. Quando dal monopolio "democratico" dell'
    atomica si è passati ad un ordine internazionale con più potenze nucleari (l 'Unione Sovietica, la Cina, l'India, e così via), nessuno ha più osato fare ricorso a quell'arma tanto distruttiva.


    Lo Stato democratico, per giunta, è un qualcosa di tipicamente moderno ed occidentale: un tratto tipico dell'ordine post-giacobino ed un tassello importante di quella "socializzazione del potere" che ha aperto la strada al totalitarismo nazista e comunista.


    Non basta poi affermare che Baghdad avrebbe aiutato i fondamentalisti islamici. Soprattutto, questa accusa non può muoverla Washington, che da decenni puntella il regime più islamista che mai si sia conosciuto (eccezion fatta per l'Afghanistan talebano), quello saudita, e che ha in vario modo sostenuto organizzazioni che hanno usato in modo sistematico la violenza e l
    'intimidazione.


    La stessa retorica del Nuovo Ordine Mondiale non è difendibile, dato che si alimenta della pretesa progressista di eliminare il male e presume che l' America e, più in generale, l'Occidente abbiano il diritto di imporre la loro volontà ad ogni comunità politica. Va detto a chiare lettere che questa unificazione politica perseguita dalla politica statunitense (dai due Bush, ma anche dal democratico Clinton) non ha in sé nulla di liberale ed anzi prefigura quell'atmosfera monolitica e liberticida tipica delle utopie rovesciate descritte da George Orwell, Ayn Rand, Ray Bradbury e molti altri.


    L'ossessione che anima la volontà occidentale di 'esportare' le proprie istituzioni non già con la persuasione, ma con la guerra e il ricorso alla violenza, ha le proprie origini nel programma wilsoniano ed in quel moralismo che tanto ha avvelenato la storia contemporanea. Come Carl Schmitt ha mostrato in alcune pagine straordinarie, è proprio un certo umanitarismo moralizzatore che ha aperto la strada alla guerra totale e che ha trasformato l'avversario in un nemico, da negare nella sua identità e quindi da distruggere. In questa folle "guerra contro la guerra", i nemico viene trasformato in "un mostro disumano che non può essere solo sconfitto ma dev'essere definitivamente distrutto, cioè non deve essere più soltanto un nemico da ricacciare nei suoi confini", ma un Male da annientare, negare, dissolvere.


    È la democratizzazione progressista, liberal e moralistica della politica moderna statuale che ha prodotto questo esito criminogeno, da cui proviene il terrorismo di Stato (le bombe sui civili). Una larga parte della sinistra americana da tempo coltiva il sogno di veder trionfare ovunque le proprie
    istituzioni. Quel che è più grave, però, è che la migrazione da sinistra a destra dei cosiddetti 'neo-conservatori' alla Irving Kristol (ancora socialisti sulle questioni economiche, ma fortemente militaristi ed aggressivi in politica estera) ha in qualche modo favorito il radicarsi anche a destra della vecchia logica liberal.

    Per i guerrafondai di destra e di sinistra, in effetti, vale ormai la logica che espresse molto nettamente - negli anni Quaranta - quello strano conservatore ex-trotzkista che fu James Burnham, per il quale "ogni diritto individuale o libertà è propriamente da riconoscere solo a quanti accettano le regole fondamentali della democrazia". Entro questo quadro, negli Stati Uniti odierni gli unici ad interpretare la tradizione isolazionista sono i libertari di tradizione liberale (eredi dello spirito di Murray N. Rothbard), i conservatori old style e qualche radical irriducibile e non pentito (uno come Gore Vidal, ad esempio): ormai ultimi difensori dell'idea che se l'esercito americano ha una funzione da assolvere essa consista solo nel tutelare la popolazione degli States da effettivi attacchi militari provenienti dall'esterno.


    Questa, va precisato, fu per lungo tempo la teoria prevalente nelle ex colonie inglesi. Per Thomas Jefferson, ad esempio, l'America doveva intrattenere rapporti di "pace, commercio ed onesta amicizia con tutte le nazioni, senza stringere alleanza con nessuna di esse"; e, soprattutto, senza impicciarsi nei suoi affari interni. Ma lo stesso spirito si ritrova in The Proclamation on Neutrality, promulgata da George Washington il 22 aprile 1793 mentre l'Europa stava precipitando in una più che decennale lotta contro l'imperialismo francese. I padri fondatori dell'America originaria non si proponevano di salvare il mondo con la lama delle loro baionette ed anzi avevano una concezione molto ben definita dei compiti del potere federale.


    Oggi, purtroppo, le cose sono cambiate, anche se nell'America profonda continuano a permanere nuclei di resistenza di fronte alla politica di potenza statunitense ed in questo senso è significativo che i sondaggi ci informino che il numero di quanti sono favorevoli all'intervento cala sempre di più.

    Ci sono anche elementi 'strutturali' che giocano a favore di una rinascita dello spirito isolazionista. Fausto Bertinotti può anche continuare a ripetere - se la cosa gli dà soddisfazione - che questo conflitto da tempo annunciato proviene dalle logiche intrinseche al capitalismo, ma nell' America di Wall Street e dell'azionariato popolare tutti possono ogni giorno constatare come i mercati si inabissino ogni volta che la guerra si fa più vicina, mentre le quotazioni tornano a salire se per un momento prevalgono le colombe e i tamburi smettono di rullare.


    L'America lontana da Washington (quella delle tradizioni più autentiche, del dinamismo imprenditoriale, dell'individualismo libertario) rigetta la guerra e quell'inarrestabile tendenza a moltiplicare i poteri pubblici che ogni militarizzazione della società finisce per comportare.


    Questa America esiste e resiste, ma riuscirà davvero a sopraffare l'élite politica dominante se riuscirà ad emergere una nuova capacità di nutrire scrupoli dinanzi alla drammaticità dell'esistenza.
    Uno dei massimi protagonisti della letteratura del Novecento, Gilbert K. Chesterton, spiega l'abilità di padre Brown nell'individuare i colpevoli dei delitti mettendogli in bocca queste parole: "Ecco, sono io che ho commesso quei delitti: e così, naturalmente, sapevo in che modo erano stati commessi". Soltanto se ci si conosce in qualche modo complici del male (come insegna il realismo cattolico di Chesterton) è possibile superare il manicheismo moralistico e le sue inevitabili derive - queste sì - 'terroristiche'.

    La consapevolezza che ognuno di noi è al tempo stesso buono e malvagio, e che il male non ci è quindi così estraneo, sembra però del tutto mancare all 'umanitarismo guerrafondaio delle democrazie armate, potenzialmente in lotta con il mondo intero. È tale esperienza del nostro essere umani che va in primo luogo riguadagnata, se non ci si vuole lanciare verso immani avventure belliche con l'illusione (certamente criminale) di essere per giunta i salvatori del mondo.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Registered User
    Data Registrazione
    15 Oct 2002
    Messaggi
    929
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Va beh...non dico piu' niente. Tanto sai come la penso. ......Anzi vah...dico qualcosa, che mi sembra importante chiarire e specificare: NON si tratta di imporre la democrazia.Ovvio che la democrazia NON e' un valore ed un bene assoluto da imporre con la forza. Si tratta di ATTACCARE e DISTRUGGERE : 1) TERRORISMO 2) CRIMINALITA' 3) OPPRESSIONE. Non intervenire o informare la polizia o aiutare la vittima quando si assiste ad un furto od a violenza, perche'...non ha "niente a che fare con te'" e' codardo e criminale.Nella stesso modo si ha responsabilita'nei confronti del mondo. Resposabilita' offensive E DIFENSIVE(Come in questo caso.). L'unica cosa': E' vero , questo va esteso a tutta la rete Al Qaeda( Siria, Iran , anche Saudi Arabia...ed in TUTTO IL MONDO.) Ed anche a Nord Corea ed a ...Cina. Comunque , un dittatore, oppressore e collaboratore di Al qaeda come Saddam( oltre a combattere tutta la rete a livello internazionale ed a livello sicurezza e servizi segreti come si sta' facendo ora.)...e' un buon inizio.

  3. #3
    Estremista della libertà
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Stanza dei bottoni del Forum "Libertarismo"
    Messaggi
    18,289
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Originally posted by Muhaddip
    Non intervenire o informare la polizia o aiutare la vittima quando si assiste ad un furto od a violenza, perche'...non ha "niente a che fare con te'" e' codardo e criminale.
    Quindi punibile?
    Bene, si va sempre più in là, creando fratture tra libertari e conservatori. Si scopre addirittura che l'isolazionismo è da condannare. I padri fondatori staranno sbattendo la testa nel muro, e io mi associo a loro

  4. #4
    Registered User
    Data Registrazione
    15 Oct 2002
    Messaggi
    929
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    NON punibile. Semplicemente codardo e moralmente criminale.

  5. #5
    Registered User
    Data Registrazione
    15 Oct 2002
    Messaggi
    929
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    E comunque, gli Usa stanno difendendo se' stessi. L'attentato alle Twin Towers non me lo sono inventato io.

  6. #6
    Estremista della libertà
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Stanza dei bottoni del Forum "Libertarismo"
    Messaggi
    18,289
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Originally posted by Muhaddip
    gli Usa stanno difendendo se' stessi.
    Domani uccido il mio vicino di casa.
    E' pericolosissimo, ha un fucile.

  7. #7
    Liberale
    Data Registrazione
    20 Apr 2002
    Messaggi
    1,743
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Non avete preso sul serio quello che ho postato due giorni fa.
    Lo staff del Presidente è composto dai migliori intellettuali neo-conservatori che da anni hanno progettato la necessaria e , dopo l'11 settembre , incombente creazione di un nuovo ordine mondiale che sostituisca il precedente , conclusosi 10 anni fa , ed elimini soprattutto l'attuale dis-ordine.
    Se il predecessore di Bush avesse saputo minimamente che cosa poteva comportare l'essere capo dell'ultima suppotenza al mondo , avrebbe agito al momento opportuno , evitando molti traumi.
    Purtroppo per noi occidentali, il sangue di Clinton non riusciva ad arrivare al cervello perchè si fermava sempre sotto l'ombellico , e adesso ci troviamo a dover partire in ritardo col nemico che ha già fatto il primo passo ( e che passo! ).
    L'azione in Iraq sarà solo la prima tappa per raggiungere un obbiettivo eccezzionale ; i giudizi morali purtroppo o per fortuna sono fuori dal gioco e poi dovrebbero venire da individui di moralità superiore , e , conoscendo i pacifisti nostrani , non mi sembra proprio il caso.
    Saluti

  8. #8
    Estremista della libertà
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Stanza dei bottoni del Forum "Libertarismo"
    Messaggi
    18,289
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Originally posted by Ronald
    Non avete preso sul serio quello che ho postato due giorni fa.
    Invece sì, e infatti non capisco come tu possa appoggiare stragi basate su queste premesse.

  9. #9
    Liberale
    Data Registrazione
    20 Apr 2002
    Messaggi
    1,743
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Originally posted by ARI6
    Invece sì, e infatti non capisco come tu possa appoggiare stragi basate su queste premesse.
    Quali stragi? La guerra purtroppo comporta vittime ma se questo basta ad essere contrari a priori allora scendiamo in piazza con Cofferati a urlacchiare "Niente guerra , senza se senza ma!" , e staremo con la coscenza apposto e la mente ubriacata da dogmi sacri e laici.
    Io dei dogmi non so che farmene , sono realista e noto , come tutti , che stiamo vivendo in un periodo di disordine mondiale in cui un beduino può massacrare 5000 civili inermi in un solo giorno ... perchè glielo ha ordinato Allha in sogno!
    Non voglio rischiare le mia libertà: se il progetto me la garantisce , come altri progetti me l'hanno garantita per 50 anni , io prima di sputare in faccia a Bush ci penso cento volte!

  10. #10
    Estremista della libertà
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Stanza dei bottoni del Forum "Libertarismo"
    Messaggi
    18,289
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Originally posted by Ronald
    La guerra purtroppo comporta vittime ma se questo basta ad essere contrari a priori allora scendiamo in piazza con Cofferati a urlacchiare "Niente guerra , senza se senza ma!" , e staremo con la coscenza apposto e la mente ubriacata da dogmi sacri e laici.
    Ma quali se e ma! Una guerra che non sia difensiva è sbagliata sempre e comunque.
    Io, rifacendomi all'assioma di non aggressione, posso dirlo con coerenza. Non così Cofferati o qualche altro comunista di vecchia data, che invocano più stato eppoi si lamentano se welfare fa rima con warfare!

 

 
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 20-06-12, 23:48
  2. Uno sguardo sulla potente lobby
    Di Harm Wulf nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 11
    Ultimo Messaggio: 03-10-02, 21:21
  3. Uno sguardo sulla potente lobby
    Di Harm Wulf nel forum Destra Radicale
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 01-10-02, 23:46
  4. Uno sguardo sulla potente lobby
    Di Harm Wulf nel forum Politica Estera
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 01-10-02, 23:42

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226