User Tag List

Risultati da 1 a 5 di 5
  1. #1
    Estremista della libertà
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Stanza dei bottoni del Forum "Libertarismo"
    Messaggi
    18,289
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Thumbs down Sempre peggio: tra un po' la galera per una canna...

    Da www.legnostorto.com

    QUEL PERICOLO CHIAMATO PROIBIZIONISMO

    L’annuncio di Fini sul piano del Governo contro le droghe: scomparirà la tolleranza per uso personale


    Negli ultimi mesi in televisione si è visto un proliferare di messaggi di stampo “terroristico” (nel senso che vogliono ingenerare ansia e terrore negli spettatori) lanciati a tutto campo sulla lotta al fumo e su tutto quanto riguardi la nostra salute. Le ragioni alla base di questi messaggi sono ovviamente la necessità di trasmettere ai cittadini informazioni volte a evidenziare la pericolosità derivante dall’assunzione di certi alimenti o prodotti. Gli strumenti e i modi che si sono scelti ci lasciano tuttavia interdetti e preoccupati per una nascente volontà di “imposizione” dei comportamenti. Non mangiare, non bere, non fumare, non rientrano più nella sfera delle libere ed autonome scelte individuali, ma si propongono come imposizione da parte dello stato salutista che vuole il “benessere” dei propri “figli”. La cosa ancor più sconvolgente, poi, sta nel fatto che per perseguire questi obiettivi si trasmettono informazioni del tutto infondate e scientificamente non provabili e ci vengono proposte come verità inattaccabili.



    Da tempo Forces, l’associazione nata per combattere la disinformazione in tema di lotta al fumo, si batte contro il completo controllo dell'informazione. Ed è una battaglia contro una delle più abiette forme di corruzione istituzionale, in cui sono coinvolti i media e gran parte dell’apparato sanitario, volti al totale controllo del comportamento delle masse incluso, per ammissione di Sirchia stesso, IL CONDIZIONAMENTO DELLA CULTURA. Il fatto poi che l’antifumo/antigrasso eccetera si sia espanso a livello mondiale serve a dare un’idea della gravità della situazione, e della potenza illimitata dei colossi farmaceutici, la cui disinformazione è arrivata al midollo delle strutture sanitarie e politiche. Se non accettiamo in pieno questa allibente realtà ed i terribili pericoli sociali che ne derivano - inclusa l’eliminazione della libertà di stampa, di scelta, e la monopolizzazione dell’informazione di massa - non avremo mai sufficiente motivazione per reagire con la necessaria forza per fermare questo fenomeno (che sta avendo successo dove dittatori hanno fallito), e continueremo a lottare contro irrilevanze, mancando il bersaglio.



    La conferma, poi, che ci si trovi dinanzi ad un governo sempre meno liberale ci proviene direttamente dal vicepremier Gianfranco Fini, che a Vienna, alla riunione della commissione delle Nazioni Unite per la lotta agli stupefacenti, ha illustrato quali sono i cardini della nuova legge italiana contro la tossicodipendenza. Scomparirà la tolleranza per l'uso personale di droga, verrà cancellata la distinzione tra droghe pesanti e leggere. Sanzioni quindi più pesanti sia amministrative (sospensione della patente, del passaporto, del permesso di soggiorno) che penali. Sarà al contrario prevista una dose massima tollerabile, da stabilire "scientificamente" a seconda delle sostanze consumate.



    Queste norme saranno presentate in consiglio dei ministri a metà maggio, modificando così del tutto la legge Jervolino-Vassalli, e indicando un'inversione di tendenza anche rispetto al referendum del 1993.



    Si è deciso di intraprendere una politica repressiva molto forte e pericolosa anche contro l’uso di sostanze i cui effetti non sono certo paragonabili a quelli delle droghe pesanti.Lo stesso Fini ha affermato che si tratta di "un mutamento dell'atteggiamento dello Stato non nei confronti dell'abuso ma dell'uso stesso”.



    Fini ha anche spiegato che"le sanzioni potranno essere annullate dall'avvio di un percorso di recupero, con la sospensione della pena per la condanna fino a 6 anni". Inoltre, aggiunge, la riduzione delle tabelle delle sostanze stupefacenti a due - "quelle naturali e quelle sintetiche" - eliminerà "di fatto la distinzione tra droghe pesanti e leggere".



    Sempre più lo Stato si propone come il Grande Fratello che è pronto ad aprire le sue braccia verso chi “accetta” un percorso di recupero modificando il proprio stile di vita, che probabilmente non denota nemmeno uno stato di dipendenza, assimilandolo a quello voluto dallo Stato-padrone.



    Insomma si moltiplicano sempre più i segnali preoccupanti circa il pericolo di una forma di indottrinamento che si allontana da un sistema di responsabilizzazione degli individui nell’assunzione delle proprie scelte, che pur devono restare libere e indipendenti. Quel che sorprende ancor di più è che simili proposte vengono fatte da un governo che dovrebbe avere una forte matrice liberale di fondo, che evidentemente è ormai del tutto evaporata.


    Paolo Carotenuto

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Mr2
    Mr2 è offline
    Ecce Homo
    Data Registrazione
    19 Dec 2002
    Località
    In fair Verona, where we lay our scene
    Messaggi
    1,422
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Paolo Carotenuto...mmmm
    Mi ricorda un certo utente di Pol...

  3. #3
    Estremista della libertà
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Stanza dei bottoni del Forum "Libertarismo"
    Messaggi
    18,289
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Sì, anche a me.
    Uno dei migliori, per la precisione.

  4. #4
    Membro
    Data Registrazione
    27 Sep 2002
    Località
    giaveno (to)
    Messaggi
    502
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Parafrasando Bateson, vorrei entrare nel vostro sistema per cercare di vedere le cose come le vedete voi, in modo da scoprire dei lati inediti di un contesto. Ci provo:

    credo che in Italia uno dei grossi problemi sia la mancanza di una "destra" abbastanza cinica e becera da lasciarsi alle spalle pelose questioni moraliste, che tanto mettono tranquille le mamme ma in realtà le ingannano, e quindi di portare avanti una coerente e interessata politica antiproibizionista. Negli States ci sono politici che non temodo di dirlo: siamo per la droga libera perché non intendiamo spendere dei nostri soldi (in tasse) per chi decide di "farsi", né ci va di finanziare mafie che sfruttano la proibizione per far aumentare il valore delle sostanze, e non sopportiamo che il tossico sia costretto a ledere la "proprietà" della persona per procurarsi ciò che potrebbe comprare a meno.
    Sarà un puntio di vista un po' cinico, che non tiene conto del tossicodipendente come consumatore e quindi partecipe di un sistema che non sa proporre niente di valido, ma almeno è coerente e onesto.

    Qui abbiamo soltanto i Radicali e voi Libertari anarco-capitalisti. La destra al governo, che siete in parte costretti a sostenere in funzione anticomunista (l'invitto "pericolo rosso"!) è di un moralismo e di una incoerenza imbarazzante. Fini ne è l'apoteosi. Ricordo un bell'articolo su Enclave dove appunto si evidenziava come l'onorevole confonde le carte dicendo che la droga porta il tossico a rubare e picchiare i genitori, quando non sarebbe costretto a farlo se la sostanza non fosse in mano agli speculatori.

    Non pensate che qui aleggi un moralismo davvero ipocrita, almeno in questo senso?
    Ciao.

  5. #5
    Estremista della libertà
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Stanza dei bottoni del Forum "Libertarismo"
    Messaggi
    18,289
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Originally posted by Claudio Ughetto
    Non pensate che qui aleggi un moralismo davvero ipocrita, almeno in questo senso?
    In questo senso e in molti altri. Ma non si tratta di solo moralismo: dietro c'è la concezione socialista dello stato propria della stragrande maggioranza dei cidiellini. In fondo i liberali veri in parlamento si contano sulle dita di una mano.

 

 

Discussioni Simili

  1. Lettera a Fini: in Italia ho rischiato la galera per una canna..
    Di Rasputin nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 110
    Ultimo Messaggio: 18-01-10, 12:56
  2. Sempre peggio....
    Di Rollingstone (POL) nel forum Cattolici
    Risposte: 17
    Ultimo Messaggio: 05-11-07, 14:49
  3. Sempre peggio
    Di I-DISE nel forum Aviazione Civile
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 05-06-05, 17:52
  4. Umiliare un essere umano è peggio che stare in galera
    Di Roderigo nel forum Sinistra Italiana
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 13-11-02, 20:51
  5. Umiliare un essere umano è peggio che stare in galera
    Di Roderigo nel forum Politica Estera
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 13-11-02, 20:51

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226