User Tag List

Risultati da 1 a 2 di 2
  1. #1
    email non funzionante
    Data Registrazione
    04 Mar 2002
    Località
    Per non lottare ci saranno sempre moltissimi pretesti in ogni circostanza, ma mai in ogni circostanza e in ogni epoca si potrà avere la libertà senza la lotta!
    Messaggi
    12,320
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Un articolo del 1998, ancora attualissimo...per riflettere

    Moderoni e modardi

    di Gilberto Oneto

    Esistono tre livelli successivi di presa di coscienzadella nostra padanità. Il primo consiste nelrendersi conto che le cose nella repubblica italiana non funzionano: gli ospedali fanno schifo, i treni sono lerci e lenti, le autostrade care e intasate, i burocrati maleducati, la giustizia ingiusta, gli immigrati sono arroganti e pericolosi, le gabelle e i gabellieri oppressivi, eccetera. E' una consapevolezza che hanno raggiunto tutti i residenti in Padania, anche i più gnucchi, con la sola ovvia eccezione di mafiosi, extracomunitari, malavitosi, servi dello stato, giornalisti prezzolati e politici corrotti cui tutta questa situazione da quarto mondo va bene e fa del bene. Ma, ad eccezione di tutti questi galantuomini che sono responsabili e beneficiari dello sconquasso complessivo, tutti gli altri si rendono perfettamente conto del degrado in cui si vive e sono incazzati a diversi livelli di intensità che derivano dal grado di reattività e di assuefazione dei singoli o dalla loro collocazione geografica sul territorio. Nei grandi agglomerati urbani ci sono più motivi per incazzarsi ma la gente è molto meno reattiva. Il secondo livello è quello della presa di coscienza dello sfruttamento economico della Padania da parte dell'Italia. I cittadini si rendono finalmente conto di essere sistematicamente munti da tasse, balzelli e prebende a cui non corrispondono servizi adeguati e che - soprattutto - colpiscono con particolare astio alcune categorie e talune aree. E' la fase delle tabelle statistiche, dei dati sul prelievo fiscale, sull'incidenza del prelievo sul Pil, sul residuo fiscale (differenza fra il dare e l'avere), e di tutte quelle tabelle e cartine che indicano che una parte geografica della repubblica paga di più dell'altra o, addirittura, che una paga e l'altra no, che una produce e l'altra consuma. Si tratta di informazioni che il regime tenta di nascondere o di minimizzare ma che cominciano a essere conosciute (e riconosciute) anche dai Padani più disattenti e disinformati. Il terzo livello di presa di coscienza consiste nella (quasi fisiologica) trasformazione delle considerazioni sullo sfruttamento economico in conseguenti ragionamenti sull'iniquità istituzionale. E' la fase "federalista" nella quale la gente si rende conto che lo sfruttamento economico della Padania è il coerente e inevitabile frutto della struttura centralista dello stato e delle sue modalità di prelievo e di spesa. Si arriva a capire che la soluzione dei problemi economici e fiscali non può che avvenire attraverso una radicale riforma dello stato, attraverso il giusto riconoscimento delle autonomie locali. È una presa di coscienza graduale che passa dalla voglia di decentramento sempre più marcato, di autonomia prima amministrativa e poi politica, di federalismo, fino al riconoscimento del sacrosanto e naturale diritto all'autodeterminazione.Fino a qui si tratta però ancora di elaborazioni che prevedono riforme generiche che hanno una valenza universale e che dovrebbero trovare applicazione ovunque. E' solo al quarto livello che ci si rende finalmente conto che le soluzioni istituzionali non possono essere slegate da precise connotazioni culturali e identitarie, che gli sfruttatori sono dei veri e propri oppressori e che sfruttatori (e oppressori) e sfruttati (e oppressi) non sono più solo entità generiche ma che hanno nomi e cognomi precisi. Nel nostro caso, lo sfruttatore e oppressore si chiama repubblica italiana, e gli oppressi si chiamano Padania, Toscana, Tirolo, Sardegna. Si arriva a capire che i ruoli non vengono attribuiti casualmente ma sono il marcatore di precise differenze storiche, culturali, etno-linguistiche, in una parola, identitarie. Il quarto livello è così quello della presa di coscienza nazional-identitaria, dello scoprirsi finalmente diversi, "altri" rispetto allo stereotipo italiano che ci è stato imposto in lunghi decenni di propaganda, di forzato imprinting mediterraneo, di coercizione culturale e di soppressione identitaria. Il quarto livello è quello che prevede come irrinunciabile l'esercizio del diritto naturale di autodeterminazione e di libertà della nostra terra. E' il livello della padanità, dell'indipendenza e della secessione.I quattro livelli descritti sono organicamente legati e conseguenti uno all'altro e vanno inevitabilmente percorsi nell'ordine descritto, proprio come le diverse fasi di crescita e di formazione di un individuo: prima si osserva il mondo che ci circonda e ci si rende conto delle cose che non vanno, poi se ne traggono le prime e più rudimentali conseguenze e si capiscono la motivazione economiche, dopo si sviluppano ragionamenti più evoluti e complessi e si deducono i legami che fanno derivare l'economia dagli assetti istituzionali e, infine, che le istituzioni create dagli oppressori sono le gabbie degli oppressi e che questi ultimi trovano libertà e riscatto solo mediante l'istituzionalizzazione della propria diversità e identità. Il percorso di presa di coscienza è questo e segue sempre lo stesso tracciato e la stessa sequenza logica per tutte le persone oneste e intellettualmente libere. Può variare solo la velocità di percorrenza (e di liberazione) che dipende dalle inclinazioni e dalle esperienze personali, dall'apertura mentale, dalla capacità di resistenza ai condizionamenti, dalla conoscenza delle cose, dal senso civico e dal coraggio che ciascuno ha. È come un grande gioco dell'oca: qualcuno lo brucia di corsa, altri ci mettono una vita, carichi di dubbi, paure e ripensamenti. Può finire solo con il raggiungimento dell'ultima casella e ci sono due pericoli sulla strada: cercare di saltare qualche casella o fermarsi su un gradino credendo di essere arrivati al traguardo. La gente ci deve arrivare attraverso tutte le sue fasi. Cercare di saltare un passaggio è pericoloso e controproducente. Come nella notissima barzelletta del "cià-che-ciùlum", non si può prendere un padano, magari distratto e svogliato e con scarsa conoscenza e coscienza, e dirgli di brutto: "i treni sono sporchi e perciò dobbiamo fare la secessione"! Non capirebbe il nesso (che infatti non è immediato) né i passaggi intermedi (che abbiamo saltato), ci prenderebbe per matti, terroristi o idioti, e interromperebbe il suo cammino al primo dei quattro livelli del percorso che vogliamo fargli fare. Non andrebbe da nessuna parte e passerebbe tutto il resto della sua vita a sacramentare contro i treni sporchi convinto che non ci si possa fare nulla. Purtroppo è successo e succede ancora oggi quando si incontrano Padani troppo entusiasti con Padani lenti. Gli si deve spiegare con grande pazienza (e semplifico) che i treni sono sporchi perché ci portano via i soldi che servirebbero per tenerli puliti, che i soldi ci vengono sottratti perché lo stato centralista italione è stato inventato proprio per sfruttare una parte a vantaggio di un'altra, che la cosa si può risolvere solo gestendo ciascheduno le proprie risorse e che, essendo le parti completamente diverse ed estranee l'una all'altra, è bene che si creino strutture differenti attraverso un pacifico, cosciente e democratico processo di separazione consensuale. Non si fa fare la traversata della Manica a nuoto a chi sta cominciando a imparare a nuotare. Non si propone la secessione a chi fa ancora fatica ad accettare che non è cosa del tutto normale che gli freghino la pensione o che gli diano solo ospedali lerci e pieni di marocchini.E' inevitabile che arriverà a capirlo, ma va guidato a seconda della sua capacità di procedere nel ragionamento, secondo i suoi mezzi. Il processo è irreversibile per tutti, cambiano solo le velocità di percorrenza. Sbagliarle significa fare annegare il nuotatore principiante o fare bloccare la gente su uno dei gradini intermedi. E' proprio quello che vogliono i nostri avversari e che cercano di farci fare.Al primo stadio ci sono, abbiamo detto, arrivati quasi tutti ed è un terreno, quello della protesta, in cui ci guazzano quasi tutti, ivi compresi quelli che sono la causa di quasi tutti i mali e i disagi: non c'è un partito di regime, un sindacato, un vescovone o un politicante che non sbraiti contro i disservizi e contro il casino in cui viviamo e in cui loro hanno contribuito a cacciarci. Al secondo livello ci sono arrivati, almeno in Padania, in moltissimi ma vengono anche qui intercettati dalle sirene di regime: le sinistre che propongono vecchi rimedi classisti o la lotta contro l'evasione (giusto per continuare nel vecchio trucco di dividere i Padani e metterli gli uni contro gli altri), le destre che blaterano di efficienza, di diminuzione delle tasse e di creazione di fantomatici posti di lavoro. A tutti poi va bene così perché è solo così che prendono i voti italioni che li fanno sopravvivere. Quelli che sono faticosamente arrivati al terzo stadio vengono invece allettati con adescamenti e distrazioni nuovi di zecca: promesse di decentramento amministrativo, belle parole sulle riforme istituzionali, elucubrazioni sul federalismo fiscale, federalismo nazionale, sul federalismo solidale e su altre stronzate del genere.Lungo tutte le caselle del percorso, il regime blandisce con promesse bugiarde, minaccia sfracelli bosniaci e fiamme dell'inferno, lancia accuse di razzismo e di egoismo, propina buonismi e melensaggini (la solidarietà, gli orfanelli albanesi, le indulgenze plenarie), si inventa sempre nuove menzogne e distrazioni (le televisioni piene di tette, il superenalotto, calcio, lustrini e festival).All'ultimo livello ci sono arrivati tanti Padani, ancora troppo pochi però per ribaltare tutto, ma abbastanza per aiutare tutti i milioni di nostri fratelli che arrancano ai livelli inferiori e vengono distratti o bloccati dai mascalzoni che non li vogliono fare salire. Ma, proprio come nel gioco dell'oca, chi è arrivato al traguardo ha vinto e non può più correre nessun pericolo di perdere la posizione. Chi si è finalmente scoperto padano e ha sposato la causa dell'identità e dell'indipendenza della Padania non può più essere ricacciato e tenuto fermo ai livelli inferiori di questa presa di coscienza. Può anzi muoversi in tutta libertà lungo il percorso a dare una mano agli altri. Il preciso compito di chi è arrivato è proprio quello di liberare anche gli altri dalle loro paure e dai condizionamenti culturali e psicologici che li tengono prigionieri.Dall'ultimo livello non si può più precipitare giù mentre si può sempre cadere da quelli inferiori. E' quello che cercano di fare i nostri nemici e che sono purtroppo anche riusciti a fare. Tanti erano saliti fino al secondo livello con noi poi è comparso uno che si è detto l'Unto del Signore che gli ha promesso salami attaccati alle ciovende, ci hanno creduto e sono ridiscesi a protestare contro i disservizi postali. Alcuni erano riusciti ad arrampicarsi fino al terzo livello, gli hanno fatto annusare improbabili regioni autonome (e cadreghe) e sono scivolati in fondo a mugugnare per l'intasamento delle strade venete. Chi si è convinto dell'indipendenza della Padania non si smuove più di qui, anche se la Lega dovesse sparire e se Bossi (una eventualità invero piuttosto improbabile...) diventasse missino.I rapporti fra i vari livelli si rovesciano in termini di effetti pratici. Mi spiego: se la presa di coscienza sale verso l'alto, l'azione politica scenderà verso il basso. La Padania libera sicuramente si darà istituzioni autonomiste, che saranno in grado di risolvere i problemi di perequazione economica che, a loro volta, toglieranno di torno gran parte dei fastidi quotidiani che fanno incazzare la gente. Se avremo avuto l'accortezza di non spaventare il Padano pavido con ragionamenti troppo spicci (tipo: "treni sporchi ergo secessione") ma se l'avremo fatto arrivare piano piano all'identità e all'indipendenza, si renderà conto che l'indipendenza, attraverso la riforma istituzionale, e l'utilizzo più onesto delle risorse, permetterà di avere treni puliti ed efficienti e anche tutto il resto. I nemici sono tanti e il cammino è difficile. Noi non dobbiamo sprecare risorse. I nostri fratelli padani viaggiano a velocità diverse, dobbiamo aiutarli tutti ad arrivare, ciascheduno col proprio passo. Non dobbiamo imporre la velocità dei primi perché perderemmo gli altri per strada o quella dei più lenti perché stancheremmo i più veloci. Dobbiamo creare un sistema in cui tutti arrivino e aiutino gli altri ad arrivare. Quindi la nostra azione politica e la nostra propaganda devono essere indirizzate a tutti i quattro livelli, bisogna sempre cercare di spostare la gente al livello superiore attraverso il ragionamento e la riflessione. Per potere aiutare i fratelli padani a salire bisogna già essere arrivati all'ultimo livello, bisogna già esserci liberati dai condizionamenti che ci incatenano. Dobbiamo aiutare i lenti e i pigri ma dobbiamo soprattutto togliere di mezzo quelli che frenano o sabotano, i vari tipi di sedicenti moderati, dentro o fuori dal movimento padanista. Ci sono infatti i moderoni, quelli che si fermano alle prime caselle per paura di salire, per poca intelligenza o per pigrizia. Sono i figli di secoli di scuole di regime, di mammismo e di oratorio. Sono i nostri fratelli che hanno il lardo attorno al cervello, poche palle e che vedono troppa televisione. Sono i padani ciula, che lavorano e che non vogliono rogne, che mugugnano e si contentano di poco, che fanno la coda per pagare le tasse e che credono che Lissa sia stata una sconfitta. Bisogna spingerli e impedire che intasino il percorso. Ci sono poi i modardi (per via della rima con infingardi, bastardi e comunardi) che sono invece lì proprio per fermare il flusso della liberazione, per scoraggiare, spaventare e far cadere la nostra gente. Sono dappertutto, parlano di solidarietà a chi muove istanze economiche, pontificano di economia a chi ragiona di riforme istituzionali, elucubrano di federalismo con chi chiede libertà e indipendenza. Dicono Alto Adige per Sud Tirolo, Paese per Italia, Nord per Padania, Stato per stato, dialetto per Lingua, riducono la Padania ad una associazione per la difesa della piccola industria, si proclamano "cittadini del mondo", citano Diogene, cercano compromessi e alleanze, sproloquiano sulla necessità di "amministrare bene", di colloquiare con tutti, di "non spaventare la gente per bene", di "non uscire dalla dialettica politica", di non dire le parolacce e - per la carità - di "non usare mai toni estremistici". Ma sono lì per fermare il percorso di presa di coscienza della nostra gente. I moderoni sono nostri fratelli che si attardano per strada. I modardi sono i pidocchi che con le loro punture intralciano il cammino

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Registered User
    Data Registrazione
    28 Jun 2002
    Località
    Milano
    Messaggi
    1,297
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Conoscevo l'articolo ma non l'avevo nel mio e-archivio . Ora l'ho salvato

 

 

Discussioni Simili

  1. Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 13-07-09, 13:31
  2. Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 01-02-07, 22:54
  3. Putin, terrorismo e USA. Un articolo che fa riflettere.
    Di Totila nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 16-03-05, 00:49
  4. Irak, un articolo che dovrebbe far riflettere....
    Di Danny nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 02-02-05, 23:00

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226