User Tag List

Pagina 1 di 4 12 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 36
  1. #1
    Affus
    Ospite

    Predefinito Laura Antonelli, solitudine di una stella caduta «Non voglio ricordare, non voglio pi

    Il Corriere della Sera 6.5.2003


    Laura Antonelli, solitudine di una stella caduta «Non voglio ricordare, non voglio più nessuno»

    Trent' anni dopo «Malizia», l' amaro tramonto di una diva abbandonata da tutti

    Corrias Pino




    LADISPOLI (Roma) - Palazzina anonima, periferia di Ladispoli. Laura Antonelli abita qui, in una bolla di aria, tempo e sofferenza che la rende intoccabile, inavvicinabile, imparlabile. Trent' anni fa, in vestaglia e reggicalze, salì la scala nel tinello di Malizia ed entrò nella storia del cinema italiano. Bella e finalmente raggiungibile. Vestale della commedia erotica, simbolo di amore ancillare, sesso casalingo e soprassalto peccaminoso. Oggi non c' è più nulla della sua giovanile bellezza se non gli occhi che ti guardano per un attimo, occhi ancora azzurri, velati, ma perfettamente indifferenti. Più nulla del suo antico e bellissimo corpo, da anni ingrassato fino a 100 chili e deformato dalla depressione, dagli psicofarmaci, dall' alcol, dalla solitudine.

    Tutto sparito dentro a quegli anni della carriera e della ricchezza, delle pene d' amore e della sfortuna che infine si addensarono nei mesi paranoici del 1991, l' arresto per 36 grammi di cocaina, il carcere, la vergogna. Tutto sparito in quel lifting sbagliato, durante le riprese di un grottesco Malizia 2000, remake che avrebbe dovuto sfruttare l' eco (proprio) del carcere, della vergogna, dello scandalo e che (invece) le sfigurò il viso per un anno e il cuore per sempre. Fu in quei mesi di declino e di abbandono, inseguita dai fotografi a caccia del mostro, a caccia della regina caduta, a caccia della femmina che infine risarciva, con la sua afflizione, tutti i desideri frustrati, che Laura Antonelli pronunciò la sua frase più commovente e premonitrice: «Uso il dolore come una spugna e un po' alla volta cancello le persone che mi hanno fatto soffrire».

    Eccola dunque, perfettamente sola e perduta, ora che per altri dieci anni la sua spugna ha cancellato il mondo circostante. E' mattina presto, sta andando a messa. Cammina lentissima a piccoli passi. Cammina rasentando i muri. Indossa una tunica di cotone grigio. Scarpe di gomma. Ha un crocifisso al collo. I capelli raccolti. Della sua antica ricchezza le resta poco più di nulla, questo bilocale arredato con le tendine bianche (cucina, salotto, camera con lettino singolo) e una pensione Enpas da 500 euro al mese. Inutile seguirla. Inutile avvicinarsi. Inutile parlarle. Al telefono, un mese fa, è rimasta in silenzio aspettando che sgocciolassero tutte le parole disponibili a motivare un incontro. Poi ha detto: «Laura Antonelli non esiste più».

    Incontrarla è una vertigine di spavento e una fatica che ti indeboliscono come una cattiva radiazione. Dice: «Non voglio parlare. Non voglio vedere. Non voglio ricordare». Provi a sentire chi l' ha frequentata negli anni d' oro, quelli condivisi con i play-boy, le feste, le spider rosse, la celebrità, i viaggi, quando era «la donna più bella dell' universo» (Luchino Visconti), quando viveva nel superattico di via Campo Marzio arredato di fiori e di bambù, quando si faceva fotografare con vestaglie di raso rosa e il sorriso di velluto, ed è come risvegliare una antica malattia, un ricordo sbagliato. Attori, attrici, registi, produttori raddoppiano il vuoto, allungano la distanza della caduta: mai più sentita, mai più vista. Dove abita? E' ancora viva? Vieni a sapere, tra precauzioni e sospiri, che amici di amici di amici, una notte dello scorso inverno, l' hanno raccolta per strada fradicia di pioggia e alcol. L' hanno asciugata, ripulita, rivestita. E di nuovo dimenticata.

    Eppure a sfogliare i ritagli di allora torna a lampeggiare una folla di nomi intorno al suo bellissimo viso dove trapelano la licenza e il perdono, la dolcezza e l' oblio. I volti tirati di quella Roma anni ' 70 e ' 80, ricca, eccitata, rumorosa, infelice, che la incoronò regina di cuori e degli incassi: il produttore Silvio Clementelli e il vecchio Rizzoli, i registi Samperi, Festa Campanile, Dino Risi, gli attori Lando Buzzanca, Alberto Sordi, Enrico Maria Salerno. Gli industriali e gli avvocati di Cinecittà. Robert Altman e Michelangelo Antonioni che la volevano a tutti i costi. Lei più divina delle bellissime emergenti (Edwige Fenech, Barbara Bouchet, Gloria Guida), unica erede (sembrava) di Sofia Loren e di Gina Lollobrigida, della Mangano e della Cardinale. «Un volto d' angelo su un corpo da peccatrice» come scrivevano i cronisti estasiati.

    Lei che veniva «da una infanzia dispersa e infelice», famiglia di sfollati slavi (nata a Pola, anno 1941), profuga a Venezia, poi a Napoli, poi a Camaldoli, insegnante di ginnastica approdata a Roma nel 1963, primi Caroselli, poi i fotoromanzi con qualche velo svelato, le primissime commediole osées tipo La rivoluzione sessuale, anno 1965, dove Laura, scandalosamente, faceva il bagno nuda. Corpo perfetto: 55 chili, 1 metro e 66 d' altezza. Poi lei moglie di un marito voyeur (Lando Buzzanca: «Era magica, bastava che si slacciasse un mezzo bottone »), che la esibisce per tornare ad amarla. Infine il successo.

    Racconta Sandro Parenzo, oggi produttore, che sceneggiò Malizia con il regista Salvatore Samperi: «L' idea della servetta che eccita tutti i maschi di casa la pescammo un po' da Brancati. Calze velate, buco della serratura, silenzi d' appartamento, rumore della doccia. Fu un miracolo». Storaro ci mise la luce dei film di Bertolucci. Fred Bongusto la musica della penombra. Laura Antonelli, tutto il resto. Fu il più grosso incasso dell' anno 1973, 6 miliardi di lire di allora. Il suo cachet passò da 4 a 100 milioni a film. Scrisse il critico Buttafava: «Assurta a simbolo del sesso italico: piccole porcherie esplosive fissate in un catalogo da variare all' infinito». Scrisse il grande Rodolfo Sonego, sceneggiatore: «Lei era di una bellezza estremamente desiderabile e ingannevole. Poteva far perdere la testa a qualsiasi uomo l' avesse incontrata».

    Sbocciò infine - dopo un matrimonio sbagliato con l' antiquario Piacentini e innumerevoli flirt veri o presunti - la sua storia d' amore, più emozionante e spettacolare, con Jean-Paul Belmondo strappato alla più gelida e perfetta e bikinata delle Bond-girl, Ursula Andress. Rapito dal set de La trappola e il lupo, in fuga prima a Roma, poi nei Caraibi, isola di Antigua, poi su tutti i rotocalchi del mondo per le botte e i baci, i tradimenti, i litigi e l' amore ad alta quota, come raccontavano (oltre a Laura) le scandalizzate hostess del Concorde di linea Parigi-New York. Amore che durò 9 anni, senza matrimonio, senza figli («la sola idea di averli mi terrorizza»), senza una casa in comune, lei a Roma, terrazza a pochi passi da Montecitorio, lui appartamento a Saint-Germain-des-Prés, pendolari d' amore, incastonati nella collana di luce del jet-set che luccica a puntate: «Ogni mattina, se nella stanza da letto non c' è Jean-Paul, ho una sua corbeille di rose rosse». Loro che decollano verso Los Angeles per l' incontro Muhammad Alí-Ken Norton. Loro che atterrano negli ippodromi d' Inghilterra dove si gioca il polo. Loro che si inseguono da un set all' altro, fino a che la stanchezza si insinua, e poi le recriminazioni, la gelosia. «Quando Jean-Paul è in pubblico - dirà Laura appena quarantenne e appena separata - deve sempre fare a pugni e tenere in braccio una donna vistosa».

    Forse è da qui che inizia il declino di Laura Antonelli, donna (infine) di nessuna o pochissima malizia, semmai ingenua, fragile come uno specchio dentro al quale, lentamente, dilegua la giovinezza. E la bellezza, inavvertita, si incrina. Nelle interviste di allora - primi anni ' 80 - la sua voce, ancora impastata d' accento giuliano, si fa via via più cupa: «Mi sono legata a uomini sbagliati. Colpa mia. Colpa del mio dannato bisogno di affetto». E poi: «Ho un temperamento drammatico, un po' russo». E poi: «Ho un male nell' anima. Ho sempre la voglia istintiva di chiudere gli occhi e di raggomitolarmi in un angolo». L' angolo che sceglie è lontano da Roma. Acquista una villa immensa a Cerveteri, tre case, una piscina olimpionica, il parco, gli orti, tutto fiorito, tutto bellissimo, tutto solare, ma avvelenato dal veleno della solitudine. Dice: «Vivo nel silenzio. Sono molto chiusa, non faccio confidenze, non ho amici. Sono angosciata da tutto: dallo squillo del telefono al mistero dell' universo».

    L' universo si rompe definitivamente la notte del 27 aprile 1991 quando in camicia da notte, lo sguardo allucinato, la faccia gonfia di alcol, apre la porta d' entrata della villa al maresciallo Sollazzo e gli dice: «Venga, dentro c' è una festa», accompagnandolo, indifferente, fino a quel celebre vassoio pieno di coca (con puntiglio il tribunale annotò: 36 grammi di cocaina, pari a 162 dosi, valore 9 milioni di lire), che le spalancò il carcere, la condanna in primo grado a 3 anni e 6 mesi, poi il Centro di igiene mentale di Civitavecchia, poi l' assoluzione in appello (tossicomane e non spacciatrice), anno 2000. Da allora il telefono ha smesso di squillare. La villa è stata svenduta. I genitori sono morti. L' unico fratello, Claudio, è andato a vivere in Canada. Uno dei pochissimi rimasti a darle una mano è Piero Albertelli, bottega in via dei Prefetti, il più classico tra i camiciai di Roma, amico di Visconti e delle dive di allora, che ti dice: «Lei ha bisogno di tutto, tranne che di ricordare».

    Laura Antonelli ha cancellato e si sta cancellando. Per questo ha distrutto tutte le sue foto. E vive in un perpetuo, indistinto, presente. Si sveglia ogni mattina alle 7. Va in chiesa. Torna. Alle 10 arriva una badante che si occupa della spesa e della casa. Ogni tanto arriva un volontario della Charitas. Lei sta seduta in salotto. Legge i salmi della Bibbia. Non compra i giornali. Non guarda la televisione. Va a letto alle 8 di sera. Prega. Al suo amico Albertelli dice di sentire le voci. Le voci le parlano della sofferenza, della solitudine, del tempo che se ne va. Qualche volta piange. Poi (finalmente), si addormenta.

    Laura Antonelli nasce a Pola, in Istria, nel 1941. Profuga a Venezia, poi a Napoli, poi a Camaldoli, giunge nel ' 63 a Roma. Il film che la consacra è «Malizia» di Salvatore Samperi (1973). Da allora è il «simbolo erotico» degli italiani. Girerà altri film riusciti con Dino Risi, Luigi Comencini, Luchino Visconti. Il 27 aprile 1991 viene arrestata: in casa sua, vengono trovati 36 grammi di cocaina, pari a 162 dosi, per un valore, allora, di 9 milioni di lire. Viene condannata a 3 anni e 6 mesi di carcere. Dopo 9 anni, nel 2000, l' assoluzione in appello. Per il giudice, Laura Antonelli non era una spacciatrice, ma una tossicomane

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Amico del forum
    Data Registrazione
    06 Nov 2010
    Messaggi
    32,637
    Mentioned
    3 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    storia triste

  3. #3
    Socialcapitalista
    Data Registrazione
    01 Sep 2002
    Località
    -L'Italia non è un paese povero è un povero paese(C.de Gaulle)
    Messaggi
    89,493
    Mentioned
    337 Post(s)
    Tagged
    30 Thread(s)

    Predefinito

    Scusate, affus è sospeso, o se l'è messo da lui?

  4. #4
    Dal 2004 con amore
    Data Registrazione
    15 Jun 2004
    Località
    Attorno a Milano
    Messaggi
    19,247
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Originally posted by Pasquin0
    Scusate, affus è sospeso, o se l'è messo da lui?
    guarda la data dell'intervento di Affus..

  5. #5
    più arcipreti, meno arcigay
    Data Registrazione
    03 Jun 2004
    Località
    Tra la verità e l'errore non c'è nessuna via di mezzo, tra questi due poli opposti non c'è che un immenso vuoto. Colui che si pone in questo vuoto è altrettanto lontano dalla verità di colui che è nell'errore (J. Donoso Cortes)
    Messaggi
    19,845
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Sic transit gloria mundi...

  6. #6
    Moderatore
    Data Registrazione
    18 Apr 2010
    Località
    Pistoia fraz.San Felice
    Messaggi
    2,445
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Non è triste affatto: questa donna, simbolo per anni dell'edonismo e dell'erotismo imperante, schiava del suo "bel coprpo" mostrato senza spirito, ora prega, legge i salmi, va in Chiesa: in una parola ha ritrovato Dio.
    Gloria a Lui per ogni cosa!
    +Silvano di Luni

  7. #7
    Forumista assiduo
    Data Registrazione
    24 Aug 2009
    Messaggi
    5,381
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Originally posted by silvano
    Non è triste affatto: questa donna, simbolo per anni dell'edonismo e dell'erotismo imperante, schiava del suo "bel coprpo" mostrato senza spirito, ora prega, legge i salmi, va in Chiesa: in una parola ha ritrovato Dio.
    Gloria a Lui per ogni cosa!
    +Silvano di Luni
    Sottoscrivo.

  8. #8
    **********
    Data Registrazione
    04 Jun 2003
    Messaggi
    23,775
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Originally posted by Lepanto
    Sottoscrivo.


    Chi sa perchè mi vengono in mente due sante, Maria Maddalena e Maria egiziaca ...

  9. #9
    Dal 2004 con amore
    Data Registrazione
    15 Jun 2004
    Località
    Attorno a Milano
    Messaggi
    19,247
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    fobie?
    sano esercizio della sessualità?

    pruriti perfino....

    comunque il Vescovo Silvano non è cattolico; è ortodosso..

    (prendiamo la tua affermazione come un augurio per il ritorno dell'eccellenza nella Chiesa)

  10. #10
    **********
    Data Registrazione
    04 Jun 2003
    Messaggi
    23,775
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Originally posted by fuego
    Che c'è da ridere nel sano esercizio della sessualità?
    La sessualità ti fa ridere?
    Sai argomentare?
    Fortuna per il vescovo che si è salvato dal cattolicesimo!
    Sono contento per lui!
    Figuriamoci voi cattolici...
    Caro fuego,
    la visione sessuofobica è estranea alla dottrina cattolica. Il problema è un altro. La Chiesa ha sempre sostenuto che l'esercizio di questa non sia solo sana, ma conforme alla Legge di Dio, riconoscendo alla medesima la funzione che le è propria (la procreazione) e condannando la sua strumentalizzazione.
    Piuttosto non si dimentichi che la prima delle tesi affisse a Wittemberg da Lutero la notte di Ognissanti del 1517 era che "la vita del cristiano deve essere una continua penitenza": prospettiva davvero allegra ... . Le novità introdotte dalla cosiddetta Riforma, infatti, furono: la dottrina della predestinazione e l'impossibilità della Confessione liberatoria, che determinarono una psicologia pessimistica (da qui la plumbea "austerità" delle popolazioni nordiche). La sottoposizione della religione allo stato e la conseguente creazione di chiese nazionali abituò i protestanti all'obbedienza al governo, con la stessa intensità con cui prima si doveva obbedire a Dio stesso. Le donne, private anche della possibilità della carriera ecclesiastica, finirono "angeli del focolare" e vennero relegate in ruoli esclusivamente casalinghi. La sessuofobia di Lutero venne portata ad esasperazione dai Puritani inglesi, i quali la trapiantarono in America. Non è un caso se è proprio in quella nazione che i presidenti sono costretti alle dimissioni se scoperti in flagranza di adulterio. Il bigottismo sessuale, poi, genera il suo contrario per reazione: infatti la rivoluzione sessuale rockettara e poi sessantottina è partita proprio dagli Usa. Ancora: Lutero vietò le immagini sacre, costringendo l'arte alla sola musica: per questo motivo le zone protestanti partorirono da allora in poi praticamente solo musicisti.
    La drastica diminuzione delle feste e della "gioia di vivere" (come si fa, infatti, a sapere se si è "predestinati" o meno?), ha prodotto quel concentrarsi nel lavoro, quel reinvestire continuo, quella attitudine all'irregimentazione, quello sfruttamento degli operai (i poveri, come nell'Antico Testamento, sono tali perché "peccatori", non predestinati), quella propensione all'alcool (non si può sempre fingere una virtù che non si ha: ogni tanto bisogna "rilassarsi") che è assente nei paesi latini, quel reprimere la manifestazione pubblica dei sentimenti che porta da un lato all'ipocrisia, dall'altro allo sbracamento (impeccabili di giorno e ubriachi fradici il week-end; il "minuto di silenzio", l'occultamento delle emozioni ai funerali e gli hooligans; e così via), ma ha determinato l'ineluttabile superiorità economica e militare dei paesi nordici. Questo tipo di mentalità da "predestinati", incontrando il darwinismo, ha generato il razzismo biologico, prima totalmente sconosciuto. Si noti come il fenomeno dei serial killer sia partito dall'Inghilterra (il famoso Jack lo Squartatore) e dilagato negli Usa. Dagli Usa sta conquistando il mondo. In personalità fragili un peccato è irrimediabile (non c'è la Confessione); la mentalità e l'educazione puritane fanno il resto. Si noti come nei film anglosassoni non si mangi quasi mai: si beve. Nel West c'erano i saloon, dove si beveva ma non si mangiava. E da dove ogni tanto le benpensanti nerovestite della città facevano cacciare le "svergognate" ballerine.
    Questa è la pura e semplice verità

    Augustinus

 

 
Pagina 1 di 4 12 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. voglio ricordare un GRAAAANDE sciatore di.....VITA ciao!
    Di kanekorso nel forum Centrodestra Italiano
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 30-12-07, 23:32
  2. Voglio...
    Di Alberich nel forum Il Seggio Elettorale
    Risposte: 12
    Ultimo Messaggio: 17-09-07, 19:39
  3. Risposte: 15
    Ultimo Messaggio: 16-08-06, 21:17
  4. Voglio Chiarezza Voglio !!!!!!!!!!!!!
    Di Tonino44 nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 11
    Ultimo Messaggio: 15-05-05, 23:47

Chi Ha Letto Questa Discussione negli Ultimi 365 Giorni: 0

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226