User Tag List

Risultati da 1 a 2 di 2
  1. #1
    Moderatore
    Data Registrazione
    13 Dec 2002
    Località
    Milano
    Messaggi
    2,969
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Elezioni: gay e lesbiche sfidano i pregiudizi

    Da Siracusa a Udine, da Roma e Ivrea un gruppo di persone apertamente omosessuali si candida alle prossime amministrative. "Per aiutare la società a crescere e confrontarsi con una realtà diversa".
    di Alessandro Condina

    MILANO - Sono gay, sono candidati alle elezioni e sono tutti di sinistra. Un piccolo, ma agguerrito drappello di persone apertamente omosessuali si prepara ad affrontare le elezioni amministrative del 25 maggio (con eventuali ballottaggi l’8 giugno) e non ha paura di perdere voti per la decisione di rendere pubblico il proprio orientamento sessuale. Anzi, tutti sono convinti del carattere profondamente “politico” della propria scelta.

    Alcuni si presentano a Roma, protetti dall’atmosfera liberale e aperta di tutte le metropoli, ma tanti sfidano le convinzioni e le convenzioni della provincia; si va dal profondo Nord, con Enrico Pizza, candidato a Udine in Friuli, e Andrea Benedino, che cerca la riconferma al consiglio comunale a Ivrea, fino alla Sicilia di Roberta Palermo, Massimo Milani e Agata Ruscica, in corsa rispettivamente a Messina, Palermo e a Siracusa.

    Completano la lista Stefano Bolognini e Nicola Broli, candidati al consiglio comunale di Brescia, Riccardo Gottardi a Pisa, per finire con Edoardo Del Vecchio e Mauro Cioffari, a Roma.

    Tutti di sinistra, con la maggior parte delle candidature targata Ds, tre di Rifondazione comunista, uno per i socialisti dello Sdi e una è appoggiata da una lista civica. Nessuno, invece, per il centro destra, almeno nessuno “dichiarato”, ma neppure fra i partiti moderati che compongono l’Ulivo.

    Enrico Oliari, di Alleanza nazionale, oltre che fondatore e “anima” di GayLib, l’associazione omosessuale di centro destra da una parte ammette: "E' molto difficile essere gay a destra”, ma di fronte alle candidature gay fiorite in seno alla sinistra, mostra un certo scetticismo: “Non credo che sia un miglioramento della società, anche se ha un significato dal punto di vista politico e della visibilità”, che in quello dei diritti civili. E ai fini pratici? “Non vuol dire più di tanto”, perché al sindaco o al consigliere comunale “non chiedo di essere gay”, ma di “saper amministrare le città far funzionare i servizi”.

    ”La sinistra al governo non ha fatto molto per i gay - confessa Riccardo Gottardi , 26 anni, una lunga militanza nelle associazioni, anche internazionali, per i diritti di gay e lesbiche - ma quelli di adesso stanno facendo ben di peggio”. A sinistra, almeno, c’è “lo spazio per essere dichiarati”: non così “dall’altra parte”. In questa esperienza elettorale, l’omosessualità non dovrebbe danneggiarlo, anche perché “a Pisa essere gay non è un gran problema” e poi la sua è stata “una scelta di coerenza”, quella di far politica anche a favore degli omosessuali, mettendo “la propria faccia”. Ma, se sarà eletto, starà attento ai diritti di tutte le minoranze, di chi sta ai margini. Quanto si deve aspettare, comunque, perché anche in Italia un politico gay diventi sindaco in una grande città? “Bisogna aspettare il coming out di qualcuno”.

    È già stato consigliere, e giovanissimo presidente del consiglio comunale, Andrea Benedino, che nel 1997, appena ventenne, entrò nell’assemblea di Ivrea. Allora, però, non era ancora “uscito dall’armadio” e fu rieletto un anno dopo, con il maggior numero di preferenze all’interno della lista dei Ds, partito in cui milita sin da ragazzo e per cui è diventato portavoce nazionale del Comitato omosessuale.

    Nuova candidatura e nuova elezione nel 2000, poco prima che, in occasione del World Gay Pride di Roma, rivelasse di essere gay; questa tornata elettorale “sarà un test – confessa – per vedere che cosa accade in una realtà di provincia, una città importante, ma di 24 mila abitanti, come Ivrea”. Ma la visibilità “aiuta tutte le realtà piccole ad aprirsi a una dimensione europea”. Da consigliere “non dichiarato”, Benedino fece approvare il registro per le coppie di fatto, il primo in una città piemontese, ma poi decise che “non poteva più nascondersi”, per avere “più credibilità” e permettere alla città di confrontarsi con una realtà che fino ad allora passava inosservata.

    Quanto al dibattito destra-sinistra, anche nella Casa delle liberta “ci sono gay dichiarati, ma non sono mai candidati, sintomo che non vengono considerati una risorsa”. Nel centro-sinistra, invece, ci sono “le condizioni” per affrontare il tema delle unioni civili e sta per nascere un coordinamento dei gay dell’Ulivo, per mettere insieme i militanti dei vari partiti e pesare di più nella coalizione.

    Doppia candidatura, al consiglio comunale e a quello regionale, per Enrico Pizza, che già nel 1998, da esponente dell’Arcigay, partecipò alle elezioni “con un buon risultato”, ma non fu eletto per le regole del maggioritario: il centro sinistra perse e la sua lista ottenne solo tre seggi in consiglio. Non vuole essere considerato un “candidato omosessuale”, ma una persona “impegnata nel volontariato”, che a cuore temi come la libertà e i diritti e vuole portare nella politica “lo stile e l’energia del volontariato”.

    E “l’etichetta gay”? È semplicemente il mio modo di essere”, anche se la sessualità “resta un affare privato”; uscire allo scoperto, però “dà un’immagine di autenticità”. La scelta di dichiararsi “ha a che fare con quello che va bene e quello che non va bene”: per questo a destra non ci sono candidati gay dichiarati, anche se “stupisce non vedere gay in Forza Italia”. Con la Lega, invece, sarebbe una contraddizione. E la sinistra? Con il maggioritario “siamo nel centro-sinistra e tanti punti non sono in comune”. Forse servirebbe “un accordo trasversale con la destra che si proclama liberal. Ma sta ai gay di destra venir fuori”.

    (8 MAGGIO 2003; ORE 110)


    Da: http://www.ilnuovo.it/nuovo/foglia/0...178375,00.html

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Moderatore
    Data Registrazione
    12 Apr 2002
    Località
    parma
    Messaggi
    3,105
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Ha ,bei tempi andati, quando ci bastava la solo CICCIOLINA. Almeno sapevamo dove parava.

 

 

Discussioni Simili

  1. SEL e M5S si sfidano a colpi di imposte
    Di MaIn nel forum Centrosinistra Italiano
    Risposte: 8
    Ultimo Messaggio: 04-05-13, 23:09
  2. Elezioni: gay e lesbiche sfidano i pregiudizi
    Di skorpion (POL) nel forum Destra Radicale
    Risposte: 36
    Ultimo Messaggio: 13-05-03, 23:17
  3. Elezioni: gay e lesbiche sfidano i pregiudizi
    Di skorpion (POL) nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 09-05-03, 02:32
  4. Elezioni: gay e lesbiche sfidano i pregiudizi
    Di skorpion (POL) nel forum Etnonazionalismo
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 09-05-03, 01:13

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226