User Tag List

Pagina 1 di 4 12 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 31
  1. #1
    Registered User
    Data Registrazione
    14 Mar 2002
    Località
    pianeta Terra
    Messaggi
    1,544
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito La caduta di Saddam equivale alla caduta del Muro di Berlino

    Yemen, prove di democrazia “Si propaga il vento dell’Iraq”



    Nel grande salone dove mercoledì 23 aprile il presidente della repubblica dello Yemen Ali Abdullah Saleh ha ricevuto le organizzazioni internazionali, alla vigilia delle elezioni parlamentari di domenica 27, non si respirava solo il profumo dell'incenso, ma anche l’aria nuova che spira nel mondo arabo. Anche se nessuno lo riconosce apertamente, a parte qualche dissidente coraggioso, la caduta di Bagdad comincia ad avere per questa regione lo stesso effetto che ebbe per l'est europeo la caduta del muro di Berlino. Certo, sarebbe stato preferibile che questo nuovo clima, questa sorprendente voglia di riforme fosse stata provocata dai cittadini di questi paesi, e non dall'esterno e con una guerra. Ma bisogna essere ciechi e sordi per non accorgersi che la cacciata di Saddam Hussein sta provocando una specie di terremoto sui tanti regimi autoritari e corrotti che governano questa area del mondo. Non si sono certamente convertiti improvvisamente alla democrazia ma semplicemente temono che, dopo Bagdad, potrebbe toccare anche a loro: solo pochi giorni fa il Qatar ha annunciato riforme costituzionali, come l'Oman, come il Bahrein; anche in Giordania si svolgeranno prossimamente le elezioni, dopo che il re aveva di fatto sciolto il parlamento due anni fa; la Palestina ha finalmente un governo autorevole e andrà alle urne fra qualche mese.

    Sarebbe imperdonabile non leggere questi nuovi segnali e continuare con la politica di sempre, quella che ha portato alla dittatura di Saddam Hussein e alle tante altre della zona che, in nome della guerra ai sionisti e agli imperialisti americani, privano del diritto alla libertà, e spesso anche alla vita, milioni di cittadini di fede musulmana e non.

    Purtroppo anche in questo salone di Sanaa, dove il presidente Saleh è giustamente orgoglioso che lo Yemen affronti, ormai per la quinta volta, le elezioni a suffragio universale, in ampio anticipo e solitudine rispetto a tutti i Paesi ben più ricchi e corteggiati della regione, le presenze, anzi le assenze, stanno a dimostrare il contrario.

    Il fatto che io sia chiamata a parlare subito dopo il presidente, nonostante non rappresenti nessuna istituzione europea, ma solo il Partito radicale transnazionale, è il segno più evidente. Sono stata infatti invitata dall'Undp (l’agenzia delle Nazioni Unite per lo sviluppo) e in particolare dall'Election Support Project diretto da Antonio Spinelli. Non rappresento neppure il Parlamento europeo di cui faccio parte, dopo che ha annullato, meno di due settimane fa, la partenza della delegazione parlamentare «per ragioni di sicurezza» che evidentemente non hanno preoccupato le altre delegazioni, compresa quella numerosissima del National Democratic Institute americano.

    L'Europa, dopo aver speso tante parole in questi mesi per affermare che la democrazia non si promuove e non si esporta con le bombe, è assente proprio in questo Paese che, senza molti concorrenti nel panorama medio-orientale, ha avviato da solo, con le sue poche risorse, il suo lento e difficile processo verso la democrazia. Rappresenta per fortuna l'Unione almeno l'ambasciatore italiano Giacomo Sanfelice di Monteforte, di cui ho potuto apprezzare la cortesia e l'efficienza durante tutta la mia permanenza nello Yemen. Nonostante queste assenze, domenica sette milioni circa di cittadini yemeniti, uomini e donne, si sono recati alle urne: è un evento straordinario per questi regioni e in particolare per la vicina Arabia Saudita che ha escluso le donne dalla vita pubblica impedendo loro persino di guidare l'automobile.

    Ero un po' imbarazzata nel prendere la parola perché da una parte volevo congratularmi con la classe dirigente di questo Paese poverissimo, con un reddito medio pro-capite di 490 dollari all'anno, che ha scommesso sulla democrazia nell'indifferenza generale. Dall'altra non potevo non rilevare un limite grave del processo elettorale in corso e cioè la quasi totale assenza di donne candidate che sono persino inferiori rispetto alle precedenti elezioni.

    Solo 11 su un totale di quasi 1300 candidati di 22 partiti. Nella precedente legislatura erano state elette solo due donne, altre due erano state nominate nel Consiglio consultivo e una sola aveva ricoperto la carica di ministro per i diritti umani. Non potevo neppure dimenticare le tante discriminazioni e sofferenze che patiscono le donne di questo Paese, dalle violenze domestiche alla privazione di fatto dei diritti di proprietà e di eredità, dalla tolleranza nei confronti dei cosiddetti crimini d'onore alle mutilazioni genitali.

    La recente modifica della costituzione yemenita ha aggravato ulteriormente la loro situazione: se prima riconosceva l'uguaglianza di tutti i cittadini di fronte alla legge e proibiva ogni discriminazione, oggi l'articolo 31 afferma che le donne sono le sorelle degli uomini e godono dei diritti e doveri previsti dalla Shari’a e dalla legge. Non potevo non denunciare questo passo indietro, tanto più grave in un Paese dove tradizioni e costumi sociali hanno spesso portato a una interpretazione restrittiva della legge islamica, aggravando le discriminazioni e le violenze nei confronti delle donne.

    Ma ancora una volta questo paese mi ha regalato un'altra piacevole sorpresa: il presidente Saleh ha replicato senza alcuna irritazione alle mie denunce giustificando l'assenza delle donne dal processo elettorale sulla base delle tradizioni, ma riconoscendo che questa situazione deve cambiare. Sono stata ancor più sorpresa quando ho saputo che tutta la discussione era stata trasmessa in diretta televisiva e replicata nei telegiornali della sera.

    Forse anche per questo venerdì 25 aprile non ho potuto fare la turista per i vicoli di Sanaa ma ho incontrato fino a sera i più diversi gruppi femminili fra cui il Comitato nazionale delle donne yemenite, un ente governativo retto da Rashida Ali Al Hamdami, una energica signora tra le promotrici dell'appello contro le mutilazioni genitali femminili promosso da «Non c'è Pace senza Giustizia» e da Aidos. Con lei ho discusso della conferenza che stiamo organizzando per il 21 giugno al Cairo, nell'ambito della campagna «STOP FGM».

    Le donne che ho incontrato arrivano quasi tutte avvolte in una specie di soprabito nero e più o meno velate: chi totalmente, chi con un foulard scuro, chi lo portava colorato, chi a capo scoperto (Amal mi dice che a Sana'a solo dodici donne vanno in giro senza velo), ma una volta tolto il soprabito apparivano i loro vestiti colorati e di taglio moderno, tailleur, pantaloni e calze di nailon velate ed elaborate. Ognuna aveva tante storie di lotte e iniziative, aneddoti divertenti e drammatici da raccontare; sono tutte molto impegnate e con tante aspettative rispetto alle elezioni di domenica.

    In tutti i centri che abbiamo visitato, l'allestimento dei seggi era completo. Tutti i materiali elettorali erano già arrivati e le schede riportavano non solo i nomi e i simboli dei partiti ma anche le piccole foto dei candidati per facilitare nella scelta chi non sa leggere. I seggi, come in Ecuador, sono diversi per gli uomini e per le donne e nelle sezioni femminili le rappresentanti di seggio sono solo donne. Ma quello che mi ha più colpito è vedere, anche nei villaggi più sperduti e quasi inaccessibili, i segni evidenti della campagna elettorale: grandi striscioni azzurri con il simbolo del sole per il partito Isla o del cavallo per il partito dell'attuale governo sventolavano al vento, come se ci fosse una festa, la festa della democrazia.

    Lascio il Paese senza conoscere i risultati definitivi del voto, anche se le prime informazioni confermano che il partito del governo ha riportato la maggioranza dei seggi. Ma confesso che sono interessata ad altro. Sono infatti ragionevolmente sicura che le elezioni si siano svolte in modo sostanzialmente regolare e libero. Ci sono stati anche incidenti e probabilmente il partito di governo avrà utilizzato più di uno strumento di pressione per conservare la maggioranza dei voti. Ma il solo fatto che i cittadini dello Yemen, unici in questa area del mondo, abbiano potuto scegliere da chi farsi governare, nel rispetto almeno formale della libertà e della segretezza del voto, è un fatto di straordinaria importanza. Questo non vuol dire che lo Yemen sia un paradiso in terra e una democrazia compiuta. Molta strada deve essere ancora fatta. Conosco i preoccupanti rapporti di Amnesty International sulle torture e da sempre denuncio le umiliazioni e le violenze a cui sono costrette le donne yemenite.

    Ma pur in questo contesto, nello Yemen il difficile e lungo processo verso la democrazia è partito, rappresenta un modello scomodo per i Paesi vicini e il suo fallimento farebbe felici tanti dittatori e tanti fanatici.

    Ne è convinto il ministro degli Esteri uscente che incontro il giorno dopo le elezioni: insieme discutiamo della «Community of democracies», iniziativa a cui credo molto e su cui il Partito radicale è mobilitato.

    Lo Yemen era stato declassato dal Consiglio di questa organizzazione come «osservatore» a causa degli incidenti elettorali del 2001; oggi il governo è determinato non solo a riconquistare il suo status precedente, ma anche a divenire parte attiva di questa iniziativa, promuovendo l'allargamento dell'attuale gruppo dei 10 Paesi promotori e la revisione dei criteri di accettazione nell'organizzazione affinché siano più trasparenti e anche appellabili. E' quindi urgente che l'Europa sia finalmente coinvolta politicamente dalle vicende di questo Paese ai massimi livelli, lo accompagni e lo sostenga nella delicata strada intrapresa, non solo con i suoi utilissimi e anche consistenti aiuti finanziari. Un segno tangibile di questo nuovo interesse sarebbe certamente l'apertura in Yemen di una delegazione dell'Unione. Spero che il presidente Prodi riesca a trovare posto fra le sue tante priorità per rendere subito operativo questo impegno che la Commissione Europea ha preso qualche anno fa, magari con il sostegno della presidenza Italiana del prossimo semestre.

    *Emma BONINO (europarlamentare ed ex Commissario europeo)

    Wolare
    informato privilegiato da
    www.radioradicale.it
    www.radicalparty.org
    www.radicali.it
    I Radicali Italiani sono ...Già da tempo pronti a Governare
    Wolare
    informato privilegiato da
    www.radioradicale.it
    www.radicali.it

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Registered User
    Data Registrazione
    18 Sep 2002
    Messaggi
    3,685
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Che brodaglia di cazzate.
    Le infiltrazioni ultraliberiste nel mondo islamico sortiranno solo l'effetto sferza utile a risvegliare le forze più profonde della reazione islamica.
    Presto tutti i fantocci, collaborazionisti, e spie alla bonino verranno cacciati fuori da quell'area geo-culturale. E quanto alle prossime elezioni nell'Irak de-saddamizzato, voglio proprio vedere come farete ad evitare la (scontatissima) salita al potere della marea sciita. I giochetti algerini non sono facili da replicare ...
    Altro che “Si propaga il vento dell’Iraq” ...
    Si propaga sì, ma vento sciita!

  3. #3
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    22 Jul 2002
    Messaggi
    16,995
    Mentioned
    22 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    1

    Predefinito

    e la cartolina?

  4. #4
    Giu' la maschera!
    Data Registrazione
    14 Dec 2002
    Località
    Il Capitale
    Messaggi
    7,438
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    E quanto alle prossime elezioni nell'Irak de-saddamizzato, voglio proprio vedere come farete ad evitare la (scontatissima) salita al potere della marea sciita.

    Stai tranquillo, siamo riusciti a sbarazzarci di Saddam in meno di un mese...ai fondamentalisti sciiti, se pensano di ridurre l'Iraq in un nuovo afghanistan-talebano, ci pensiamo noi a tenerli a bada

    E noto come NESSUNO dei critici sull'articolo si sia sprecato a commentare su fatti specifici. Solito Ad Hominem modo di ragionare dei nazi-comunisti-"pacifisti"....
    Mr. Hyde


  5. #5
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    22 Jul 2002
    Messaggi
    16,995
    Mentioned
    22 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    1

    Predefinito

    i nazi sono roba vostra se permetti. in merito alla marea sciita è ridicolo solo pensare che in una colonia possano esserci libere elezioni.

  6. #6
    Registered User
    Data Registrazione
    07 Mar 2002
    Località
    palayork
    Messaggi
    3,243
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    In Origine Postato da Mr. Hyde
    E quanto alle prossime elezioni nell'Irak de-saddamizzato, voglio proprio vedere come farete ad evitare la (scontatissima) salita al potere della marea sciita.

    Stai tranquillo, siamo riusciti a sbarazzarci di Saddam in meno di un mese...ai fondamentalisti sciiti, se pensano di ridurre l'Iraq in un nuovo afghanistan-talebano, ci pensiamo noi a tenerli a bada

    E noto come NESSUNO dei critici sull'articolo si sia sprecato a commentare su fatti specifici. Solito Ad Hominem modo di ragionare dei nazi-comunisti-"pacifisti"....
    hanno fatto una bella figura di cazzo con i loro pronostici apocalittici ante-guerra.
    adesso la loro unica speranza sono rimasti gli sciiti. solo che gli sciiti non sono tutti anti-occidentali, in Iran, paese con il 90 % sciiti, per l`elezione del sindaco di teheran e` andato a votare l`11 % degli elettori. questa e` la fiducia che gli sciiti riformisti hanno nei confronti di un regime che sembra una collezione di belle statuine.

  7. #7
    Giu' la maschera!
    Data Registrazione
    14 Dec 2002
    Località
    Il Capitale
    Messaggi
    7,438
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Lo so che chiedere un po' di logica
    a chi non ne possiede.. come te..

    Uhm...dato che ti ritieni una persona logica, immagino tu sia felice della situazione ora in Iraq/per il popolo iraqeno? Almeno ora non ci saranno piu' fosse comuni con migliaia di cadaveri
    Mr. Hyde


  8. #8
    Giu' la maschera!
    Data Registrazione
    14 Dec 2002
    Località
    Il Capitale
    Messaggi
    7,438
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Dumps, benfy ed io siamo due persone diverse ( )
    Io questo: "la vostra unica speranza blbahbbahbla" non l'ho mai detto..pero' ti ho chiesto: Uhm...dato che ti ritieni una persona logica, immagino tu sia felice della situazione ora in Iraq/per il popolo iraqeno? Almeno ora non ci saranno piu' fosse comuni con migliaia di cadaveri
    Mr. Hyde


  9. #9
    Moderatore
    Data Registrazione
    17 Jul 2002
    Località
    terra de Sardigna
    Messaggi
    11,935
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    A cominciare dall'articolo della Bonino (che brutta cosa essere racchia e zitella!) e a finire in buona parte dei commenti questo thread è pieno di cazzate fantascienticiche. Cosa può replicare una persona che ragiona a certe affermazioni asinine?




  10. #10
    Registered User
    Data Registrazione
    07 Mar 2002
    Località
    palayork
    Messaggi
    3,243
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    In Origine Postato da damps
    tu dici:
    adesso la loro unica speranza...

    speranza di chi?

    A coronamento di questo post assurdo
    bisognerebbe ammettere che per 20 anni
    l'Amm.ne USA ha sbagliato tutto...
    temendo l'integralismo islamico degli Sciiti
    e appoggiando il laico Saddam.

    Lo so che chiedere un po' di logica
    a chi non ne possiede.. come te..
    è chiedere troppo.

    i rapporti fra usa e irak si saddam si sono fermati al `90. la storiella che gli americani erano amici di saddam e` una storiella piuttosto datata. lo stesso non si puo` dire di Russia e Francia.
    inoltre il mio post mirava far comprendere come la situazione religiosa sia molto piu` fluida rispetto alle schematizzazioni di comodo di coloro che si ostinano a vedere scaigure solo quando si muovono gli americani.
    ripeto gli iraniani, sciiti, non sono contenti del loro governo. la marea montante, come viene definita, degli sciiti iracheni e invece un aricpelago di gruppi diversi e non tutti necessariamente anti-americani.
    non si tratta di coerenza o incoerenza, ma solo di volonta` di capire e di pazienza nel vedere come va a finire.

 

 
Pagina 1 di 4 12 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. La caduta del muro di Berlino
    Di Astolfo nel forum Destra Radicale
    Risposte: 22
    Ultimo Messaggio: 20-11-12, 22:54
  2. XX Anniversario della Caduta del Muro di Berlino
    Di FalcoConservatore nel forum Conservatorismo
    Risposte: 11
    Ultimo Messaggio: 07-01-10, 19:25
  3. MIS sulla caduta del muro di berlino
    Di GIL-GALAD nel forum Centrodestra Italiano
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 09-11-05, 15:52
  4. Per l'anniversario della Caduta del Muro di Berlino.
    Di destracristiana nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 17
    Ultimo Messaggio: 31-10-05, 19:02
  5. caduta del Muro di Berlino
    Di daca. nel forum Destra Radicale
    Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 07-11-03, 02:01

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226