User Tag List

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 16
  1. #1
    email non funzionante
    Data Registrazione
    04 Mar 2002
    Località
    Per non lottare ci saranno sempre moltissimi pretesti in ogni circostanza, ma mai in ogni circostanza e in ogni epoca si potrà avere la libertà senza la lotta!
    Messaggi
    12,320
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Amministrative 2003. Il ritorno del profondo Nord

    Da Ideazione, una interessante analisi del ligure Stagnaro


    http://www.ideazione.com/settimanale...8stagnaro2.htm


    Amministrative 2003. Il ritorno del profondo Nord
    di Carlo Stagnaro

    Le elezioni del 25 e 26 maggio 2003 sembrano segnare il ritorno dell’“egoismo nordista”. I buoni risultati concretizzati dai candidati leghisti, quando hanno corso da soli (su tutti, i casi di Brescia e Treviso), vanno senza dubbio letti come affermazioni personali. Se il veneto Giampaolo Gobbo splendeva della luce riflessa del discusso Giancarlo Gentilini, sindaco uscente giunto al secondo mandato, il lombardo Cesare Galli è uomo d’un livello e d’una preparazione tali che ben pochi membri del Carroccio possono vantare. Anche nella cittadina ligure di Chiavari le cose non sono andate diversamente: l’ex borgomastro Vittorio Agostino, che pure ha abbandonato il movimento sbattendo la porta, ha lasciato con un palmo di naso tutti gli avversari, conquistando la prima posizione per il ballottaggio e riducendo la Casa delle Libertà – che qui correva unita – al lumicino. Si dirà: questioni amministrative prive di significato politico. Tuttavia, non è solo la componente “umana” a pesare.

    Come in molte altre realtà padane, nei casi citati a far pendere l’ago della bilancia verso il partito di Umberto Bossi è stato probabilmente il ritorno d’una retorica apertamente liberale, anti-fiscale, federalista quando non secessionista, sommata a una dura critica verso quella che un tempo veniva chiamata partitocrazia. E’ stato, insomma, il trionfo dei vecchi slogan: “Padroni a casa nostra”, “Basta Roma, basta tasse”, “Nord gallina dalle uova d’oro” e via dicendo. L’elettorato settentrionale sembra strizzare l’occhiolino al tentativo del Senatùr di riposizionarsi e riconquistare quelle tematiche che, abbracciando il brodino riscaldato della devolution, aveva abbandonato. Non solo non è tramontato lo “spirito del ’92” (quello che aveva determinato la rovinosa frana dei partiti della prima repubblica), ma esso si ripresenta oggi sano e robusto, non appena gliene viene data l’occasione.

    In effetti, ciò che unifica le esperienze di Brescia, Treviso, Chiavari, eccetera è l’esplicito richiamo a un forte localismo; la pretesa che le risorse restino sul territorio che le produce, che leggi e regole vengano fissate dai governi locali e non da un lontano governo centrale. Non è escluso che le polemiche su Roma capitale e sulla clausola dell’“interesse nazionale” abbiano giocato un ruolo cruciale: molti, pur diffidenti verso le capriole bossiane, hanno voluto significare che l’appartenenza alla comunità locale pesa più dell’identità nazionale e travalica ogni steccato partitico. E’ significativo, per esempio, che Cesare Galli abbia raccolto sul proprio nome oltre il doppio dei voti del suo partito, superando pure di svariati punti percentuali la somma delle liste che lo appoggiavano. Va pure notato che la sua campagna elettorale s’è giocata nel segno dell’“estremismo della libertà” – ai bresciani è stata fornita un’opzione radicale, ed essi l’hanno apprezzata.

    Chi credeva ormai spenta la fiamma dell’indipendentismo, insomma, alla luce dei recenti risultati deve ricredersi. Può darsi che si sia esaurito il fuoco di paglia; certamente Bossi ha perso molta credibilità. Ma la brace continua a scaldarsi, e rischia d’esplodere davvero se non s’arriverà – in tempi rapidi – a dare una risposta concreta al lamento ch’emerge dalle terre padane. Una soluzione non può giungere dalla devolution, che si limita a ridisegnare alcune competenze amministrative ma non sfiora il cuore del problema. Ciò che il Nord chiede – e quello su cui probabilmente la Casa delle Libertà giocherà la fiducia dell’elettorato in occasione delle prossime consultazioni politiche – è una radicale riforma che assegni alle regioni e ai comuni (cioè agli enti vicini al cittadino e da lui direttamente controllabili) poteri fiscali e legislativi reali ed esclusivi. Che significa: lo Stato rinuncia a legiferare su un ampio spettro di questioni e abbandona una quota notevole delle tasse. Cioè, più precisamente, Roma mantiene la facoltà di fissare poche scelte (tipicamente relative alla politica estera, alla difesa e alla moneta) e accetta d’imporre pochi e ridotti tributi, possibilmente indiretti, volti a finanziare questo e nulla più.

    Non molto tempo fa, l’ex ministro Agazio Loiero criticava l’attuale ministro Bossi per il presunto egoismo insito nelle riforme da lui avanzate. Ebbene, il Nord non si accontenta della cosiddetta devolution, e l’ha dimostrato con chiarezza. Ha ribadito che non esiste alcun diritto di calabresi e siciliani a spendere a proprio beneficio le ricchezze prodotte da lombardi e veneti ed estorte dal meccanismo parassitario dello stato nazionale. Quello che serve, retorica a parte, è un cristallino e gagliardo federalismo “non solidale”. Tutte queste cose le capiscono bene i vari leader della maggioranza e dell’opposizione. Sta ai primi decidere se rispondere a tali esigenze (ponendo fine all’assistenzialismo e rischiando lo scontento nel Mezzogiorno), oppure attendere l’ineluttabile bocciatura da parte dei ceti produttivi padani.

    27 maggio 2003

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Moderatore
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    La Lupa romana è una cagna bastarda che muore allattando 2 figli di puttana
    Messaggi
    8,867
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Ottimo Stagnaro, questi sono i temi "che ci hanno fatto vincere"

  3. #3
    R.i.P. quorthon
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Asa Bay
    Messaggi
    1,791
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    ...perfetto...come al solito.
    --------------
    The Warrior

  4. #4
    Simply...cat!
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Brescia,Lombardia,Padania
    Messaggi
    17,080
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Io invece non sono molto d'accordo visto che non ho visto questo gran ritorno evidente dei vecchi temi leghisti.
    Ho visto qualcosina di concreto (spostamento di RAI2 a Milano,maggiore pressione sulla devolution),ma è ancora pochino.
    E comunque la Lega ora + che riprendere i vecchi temi,ora deve AGIRE e FARE.Parlare non basta +.
    La gente vuole vedere FATTI concreti altrimenti non capisce: se la Lega portasse a casa una seria devolution,tangibile nei fatti,vedrete che torna subito ai livelli dei tempi d'oro.
    Ma non c'è ancora tanto tempo: entro fine legislatura deve portarla a casa,altrimenti...

  5. #5
    email non funzionante
    Data Registrazione
    16 Dec 2010
    Messaggi
    1,744
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Originally posted by Dragonball

    La gente vuole vedere FATTI concreti altrimenti non capisce: se la Lega portasse a casa una seria devolution,tangibile nei fatti,vedrete che torna subito ai livelli dei tempi d'oro.
    Ma non c'è ancora tanto tempo: entro fine legislatura deve portarla a casa,altrimenti...
    Non credo, la Lega non tornerà più ai livelli dei tempi d'oro anche se portasse a casa un forte federalismo. A meno che arrivi una forte crisi economica e il movimento si trovi all'opposizione con una posizione di rottura...

  6. #6
    piemonteis downunder
    Data Registrazione
    20 Mar 2002
    Località
    sydney
    Messaggi
    3,615
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    O a meno che non arrivino altri fattori di rottura dell'equilibrio politico...
    che so, Berlusconi condannato durante il semestre di presidenza EU, costretto
    a dimettersi e a lasciare la politica, quindi AN e le altri componenti
    sudiste/siciliane prendono il controllo della CdL in itaglia e la lega
    puo' smarcarsi in padania. Sotto sotto Bossi dovrebbe appoggiare i giudici
    di Milano, non attaccarli...

  7. #7
    Subcomandante
    Data Registrazione
    22 Nov 2002
    Località
    Savona, LIGURIA -PDN-
    Messaggi
    888
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Bravo Aussie ,la Lega non dovrebbe assolutamente attaccare i giudici di Milano sono beghe berlusconiane, per di più è lampante la sua colpevolezza. Però purtroppo questo è solo uno degli abbassamenti che Lega ha avuto negli utlimi anni nei confornti del ducetto di arcore
    EUSKADI TA ASKATASUNA
    LIGURIA NAZIONE - PADANIA INDIPENDENTE
    Subcomandante

  8. #8
    www.leganordromagna.org
    Data Registrazione
    06 Mar 2002
    Località
    Romagna Nazione Padana
    Messaggi
    4,777
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    ma parlate degli stessi giudici che anni fa condannarono con decine di processi bossi e la lega solo per reati d'opinione?
    TENETEVELI !

  9. #9
    Simply...cat!
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Brescia,Lombardia,Padania
    Messaggi
    17,080
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Tornando al tema del post comunque,forse Bossi,ultimamente,sta prendendo una piega un po' diversa.
    Anche nelle interviste di oggi sui giornali (che ora non mi va di riportare) sottolinea con inusuale forza le parole "Nord","Padano","beghe romane","statali".
    Oggi miracolo dei miracoli ha detto che Moffa a Roma è stato sconfitto per colpa dei "preti" e dei "palazzinari".
    Era un po' che non sentivo questi argomenti.
    Oggi in prima pagina su La Padania c'è un duro attacco a Gasbarra(nuovo pres.della prov.di Roma) che chiede sempre soldi.
    Vedremo se prosegue cosi'...

  10. #10
    email non funzionante
    Data Registrazione
    16 Dec 2010
    Messaggi
    1,744
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Originally posted by Celtic Pride
    ma parlate degli stessi giudici che anni fa condannarono con decine di processi bossi e la lega solo per reati d'opinione?
    TENETEVELI !
    Non si può paragonare i reati d'opinione di cui è accusato Bossi con i reati gravi di cui è accusato Berlusconi. Bossi è un perseguitato politico, Berlusconi no....

 

 
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Amministrative 2003. Il ritorno del profondo Nord
    Di ARI6 nel forum Centrodestra Italiano
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 28-05-03, 11:18
  2. Profondo nord
    Di I-DAVE nel forum Aviazione Civile
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 24-02-03, 09:11
  3. Per Aug di riorno dal profondo nord
    Di ARI6 nel forum Fondoscala
    Risposte: 11
    Ultimo Messaggio: 16-02-03, 17:53
  4. profondo nord
    Di tony (POL) nel forum Centrodestra Italiano
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 14-03-02, 12:30

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226