User Tag List

Risultati da 1 a 7 di 7
  1. #1
    + Gothic +
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Località
    Napoli
    Messaggi
    17,936
    Mentioned
    111 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Il valore supremo dell’esempio




    Il valore supremo dell’esempio

    29 settembre 2009

    di Florian


    Grazie ad Angela Merkel il sottoscritto si è riavvicinato, dopo alcuni anni, alla politica tedesca. Come ho scritto in precedenza, questa rinnovata “voglia di Germania” è volontà di tornare all’antico dopo che la sbornia “nuovista” è passata senza essere riuscita a risolvere i problemi di ieri e anzi avendone aggiunti degli altri. In tempi di crisi, morale e materiale, è consuetudine affidarsi sempre all’usato sicuro. E la Germania è sempre lì a porsi come riferimento in virtù del suo rigore, della sua serietà, della sua continuità. Magari non affascina, è grigia e “noiosa” come i suoi dibatti elettorali, ma di sicuro non ti frega. E che te nei fai di questi tempi del fascino? In primo luogo vale la concretezza. Dunque, Angela Merkel.

    Di questi tempi Angela Merkel potrebbe dirsi l’anti-Obama. Mentre quest’ultimo incarna infatti da capo a piedi la sensibilità postmoderna e scalda le folle mondiali come una rockstar in virtù del suo appeal, Angela fai addirittura fatica a ricordarla tanto il suo aspetto e il suo stile sono convenzionali e nient’affatto appariscenti. La Merkel è una donna, ma non una donna-copertina. Non è trendy come Michelle. Prima che diventasse cancelliera il suo look era anzi decisamente sciatto e su Internet circolano ancora sue foto orribili che comunque non le hanno impedito di arrivare ad essere, secondo Forbes, la “donna più potente del mondo”. Mentre Obama si è affermato per la sua immagine accattivante (e quell’”abbronzatura” che in America acquista un peso specifico per la rimozione di un passato storico che continua a bruciare), la Merkel vi è riuscita a dispetto di questa. Onore al popolo tedesco, che ha dimostrato ancora una volta di non farsi ingannare dall’esteriorità e di valutare le donne non come veline. Da noi, che abbiamo mandato in Parlamento Cicciolina, purtroppo si sprecano volgarità su Rosy Bindi. Oltre che idioti, pure cafoni.
    Ad ogni modo, una volta diventata cancelliera, Angela Merkel ha rivisto adeguatamente il proprio aspetto, risultando più gradevole e istituzionale. Segno che all’esteriorità c’è sempre rimedio, alla qualità della persona purtroppo no.

    Angela Merkel ha tutte le caratteristiche che dovrebbero riguardare un politico. Serietà, onestà, competenza, misura, affabilità. Ciò le è valsa la stima anche dell’avversario, le cui critiche hanno sempre avuto un fondamento politico e mai hanno intaccato la persona. Questo perché la credibilità e l’esempio sono fondamentali in un politico e sono addirittura essenziali se ci si rivolge in primo luogo ad un elettorato tradizionalista e conservatore quale è quello della CDU ed in generale quello tedesco. In un’epoca in cui i valori della libertà e della democrazia sono considerati irrinunciabili, le politiche, anche quelle etiche, devono necessariamente permettere al cittadino di scegliere secondo coscienza. Un politico conservatore deve adoperarsi affinché i valori si impongano sui disvalori, che la vita abbia la meglio sulla morte e la virtù sul vizio, ma senza imporre autoritariamente la propria scala di valori. Non può farlo non solo perché in un sistema liberale ciò non sarebbe permesso, ma anche perché i risultati sarebbero controproducenti alle intenzioni. Si alimenterebbe infatti ancor di più il gusto della trasgressione. In realtà, al giorno d’oggi, il politico conservatore ha una sola possibilità per far valere ciò che reputa giusto: fornire in prima persona il buon esempio. Dando testimonianza, innanzitutto con il proprio comportamento, del valore delle proprie parole. Del resto, un venditore deve essere sempre credibile e se si ha un’immagine e una condotta contraria ai principi espressi si spiazza l’acquirente. In politica, questo atteggiamento contraddittorio offre oltretutto il destro all’avversario che ha la possibilità di colpirti innanzitutto per quello che sei prima ancora che per quello che dici.

    Ogni paese ha i suoi scandali e ogni politico, anche il più onesto, può incorrere in errore. In Germania è accaduto che Helmut Kohl, colui che ha unificato le Germanie, dopo sedici anni di governo, mentre era ancora l’incontrastato leader dei cristiano-democratici, è incappato in una spiacevole storia di fondi illeciti. In una società ligia alle regole quale quella tedesca anche un mito nazionale se sbaglia è costretto a pagare, ed è stata proprio la sua protetta, Angela Merkel, ad assumersi il doveroso compito di accompagnarlo gentilmente fuori dalla scena politica. Nell’occasione si è dovuta privilegiare la verità alla lealtà e si è salvaguardato così l’integrità morale e il futuro della CDU. Questo discorso ci porta inevitabilmente e dolorosamente a fare un raffronto con quanto accade costantemente in casa nostra.

    All’epoca di Mani Pulite, quando i nostri partiti di governo furono colpiti dagli scandali, invece di darsi una doverosa e salutare ripulita si puntò l’indice sui cosiddetti “moralizzatori", ovvero la Magistratura, la stampa di sinistra, etc., colpevoli di aver promosso in Italia una sorta di golpe. Il machiavellismo nazionale ha permesso che i politici colpevoli di reato venissero assolti in virtù delle loro qualità politiche, grazie oltretutto all’idea perniciosa che un crimine quando viene commesso da tutti o quasi non si rivela più tale. Rubavano… ma rubavano tutti! In pochi, sinceramente, hanno ammesso le proprie colpe, che sono state invece riversate all’avversario. La perdita di credibilità della Prima Repubblica ha permesso così all’antipolitica di prenderne il posto. Quando Berlusconi entrò “in campo” aveva dietro di sé i fedelissimi di Publitalia e i residui delle classi dirigenti scampate alle inchieste giudiziarie. Pur combattendo strenuamente le sinistre, Berlusconi non intendeva porsi a rappresentante del ceto conservatore e cattolico, tendendo al contrario verso un liberalismo interclassista e fondamentalmente laico. Era un liberalismo di massa (populismo) e non un rinnovato conservatorismo il suo manifesto obiettivo politico. E fin quando i suoi megafoni in tv erano Sgarbi e Liguori l’azione non peccava certo di incoerenza. Col tempo, però, Berlusconi si è accorto che se voleva vincere il composito blocco ulivista doveva avere dalla sua l’elettorato cattolico, specie quello più confessionale. A motivo di ciò il Cavaliere cambiò parzialmente immagine e politiche, diventando più rassicurante e accogliendo nell’agenda di partito le tematiche etiche a cuore presso le gerarchie vaticane.

    Per qualche anno l’immagine costruita a tavolino del Berlusconi cattolico e moralizzatore ha retto dinanzi all’opinione pubblica (nonostante la sua attività imprenditoriale andasse in tutt’altra direzione, come i palinsesti di Mediaset potevano facilmente dimostrare). Quest’anno invece, grazie ad un’abile, scaltra, discutibile ma politicamente efficace, azione di Repubblica, gli altarini sono saltati per aria e Berlusconi si è trovato invischiato in storie non criminose ma discutibili sul piano morale, sia per il ruolo istituzionale esercitato che per la fisionomia politica che si era artatamente costruito. E’ inutile ripercorrere le varie tappe che hanno portato ad un progressivo sgretolamento dell’immagine del nostro premier all’estero, non solo tra i socialisti ma anche tra i conservatori stessi. I berlusconiani per difendere il loro leader dalle accuse rivoltegli si affannano nello sbandierare il famoso slogan libertario “vicious are not crimes” (i vizi non sono crimini), dimenticando così che un politico vizioso un elettorato conservatore non lo vota facilmente. Non a caso i cattolici italiani sono rimasti disorientati da un uomo politico che privatamente è il contrario di quello che in pubblico vorrebbe rappresentare. Non si tratta qui di debolezze passeggere, ma di uno stile di vita di cui il premier non intende scusarsi e di cui si pavoneggia pure in pubblico. Atteggiamenti oggettivamente volgari, poco consoni ad un Capo di Stato, che sono stati adeguatamente censurati dalla stampa estera. Solo perché ha un consistente seguito di elettori fidelizzati e perché ha dinanzi a sé un’opposizione inconsistente incapace di darsi una credibile linea politica, il Cavaliere è riuscito a non farsi sommergere dall’ondata di fango che lo ha investito in questi mesi. Tuttavia la sua immagine rimarrà intaccata per sempre e i suoi errori verranno probabilmente pagati dai suoi eredi politici, se ci saranno mai.

    Inutile dire che in Germania (ma non solo) i politici, i partiti e le Istituzioni si sarebbero comportati diversamente. Purtroppo nel nostro Paese la lealtà ha sempre avuto la meglio sulla verità. E’ accaduto prima con Mussolini, poi con Craxi e infine con Berlusconi. Non con Andreotti, bisogna dargliene atto, che ha vissuto sulla propria pelle fino in fondo gli attacchi giudiziari rivoltigli uscendone alla fine indenne. Allo stesso modo, se nessun italiano ha mai giurato sulla santità della classe politica democristiana, bisogna ammettere che mai la DC ha giocato tanto ipocritamente la carta del cattolicesimo politico. Forse questa è la ragione per cui un ceto democristiano, sopravvissuto alla burrasca, riesce ancor oggi ad intercettare i delusi del berlusconismo e a porsi quale punto di coagulo per quell’area moderata che un giorno o l’altro dovrà forzatamente ricomporsi, in quale forma non si sa ancora. Se questo accade è perché nei momenti di crisi bisogna fare sfoggio di sincerità, umiltà e concretezza. Berlusconi è riuscito ad essere concreto, ma non è stato né sincero né umile e ha preferito saldare i rapporti politici sulla lealtà. Invece l’Italia ha un forte deficit di verità, di politici che fondino le loro leggi sull’esempio affinché siano credibili. In caso contrario chi verrà dopo non avrà alcuna difficoltà a cambiarle con altre di segno opposto. Ogni reale ipotesi di costruzione ha bisogno di basarsi sul consenso e a volte anche sul compromesso. Per tutto ciò, anche in Italia, avremmo bisogno di una Merkel.
    Ultima modifica di Florian; 29-09-09 alle 18:08
    SADNESS IS REBELLION

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    + Gothic +
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Località
    Napoli
    Messaggi
    17,936
    Mentioned
    111 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Il valore supremo dell’esempio

    28/9/2009 - IL VIAGGIO IN REPUBBLICA CECA

    L'appello del Papa: "C'è bisogno
    di governanti credenti e credibili"



    PRAGA. Oggi c’è bisogno di responsabili politici «credenti» e «credibili», dediti «non al proprio interesse egoistico, bensì al bene comune». Papa Benedetto XVI ha lanciato stamani questo appello da Stara Boleslav, una trentina di chilometri da Praga, dove ha reso omaggio, con una messa di popolo in una spianata all’aperto, a San Venceslao, il re boemo buono e generoso ucciso per motivi politici nel 935 e divenuto patrono della nazione ceca. Oggi è la sua ricorrenza liturgica e festa nazionale.

    Davanti a 20-30 mila persone, perlopiù giovani accampati da ieri sera per un pellegrinaggio in onore del loro eroe-patrono, Benedetto XVI ha chiesto ai governanti di oggi di seguire l’esempio di San Venceslao. «Egli - ha spiegato - è modello di santità per tutti, specialmente per quanti guidano le sorti delle comunità e dei popoli». Il Papa ha constatato con rammarico che nella società moderna si ricerca soprattutto «il successo terreno» e «la gloria degli uomini». «Il secolo passato - ha tuttavia ricordato - ha visto cadere non pochi potenti, che parevano giunti ad altezze quasi irraggiungibili. All’improvviso si sono ritrovati privi del loro potere». Solo apparentemente, ha ammonito, chi nega Dio e «di conseguenza non rispetta l’uomo, sembra avere vita facile e conseguire un successo materiale». «Ma basta scrostare la superficie - ha detto - per constatare che, in queste persone, c’è tristezza e insoddisfazione».

    «C’è oggi bisogno di persone - ha ripetuto più volte - che siano credenti e credibili, pronte a diffondere in ogni ambito della società quei principi e ideali cristiani ai quali si ispira la loro azione. Questa è la santità, che spinge a compiere il proprio dovere con fedeltà e coraggio, guardando non al proprio interesse egoistico, bensì al bene comune, e ricercando in ogni momento la volontà divina». L’esempio di San Venceslao, ha proseguito, «incoraggia chi si dice cristiano ad essere credibile, cioè coerente con i principi e la fede che professa. Non basta infatti apparire buoni e onesti; occorre esserlo realmente».


    L'appello del Papa: "C'è bisogno di governanti credenti e credibili" - LASTAMPA.it
    Ultima modifica di Florian; 29-09-09 alle 17:39
    SADNESS IS REBELLION

  3. #3
    Mistica Fascista
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    119,393
    Mentioned
    589 Post(s)
    Tagged
    24 Thread(s)

    Predefinito Rif: Il valore supremo dell’esempio

    Ma sei tornato ad essere cattolico?

  4. #4
    + Gothic +
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Località
    Napoli
    Messaggi
    17,936
    Mentioned
    111 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Il valore supremo dell’esempio

    Citazione Originariamente Scritto da Giò91 Visualizza Messaggio
    Ma sei tornato ad essere cattolico?
    La questione non riguarda me, ma i politici. La poca credibilità di Berlusconi impaurisce la Chiesa che, nonostante la vicinanza dell'attuale governo su molti temi, è in cerca di nuovi interlocutori in grado di difendere i valori non ipocritamente.
    SADNESS IS REBELLION

  5. #5
    Stalinismo Berlusconiano
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Messaggi
    553
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Il valore supremo dell’esempio

    Citazione Originariamente Scritto da Florian Visualizza Messaggio
    28/9/2009 - IL VIAGGIO IN REPUBBLICA CECA

    L'appello del Papa: "C'è bisogno
    di governanti credenti e credibili"



    PRAGA. Oggi c’è bisogno di responsabili politici «credenti» e «credibili», dediti «non al proprio interesse egoistico, bensì al bene comune». Papa Benedetto XVI ha lanciato stamani questo appello da Stara Boleslav, una trentina di chilometri da Praga, dove ha reso omaggio, con una messa di popolo in una spianata all’aperto, a San Venceslao, il re boemo buono e generoso ucciso per motivi politici nel 935 e divenuto patrono della nazione ceca. Oggi è la sua ricorrenza liturgica e festa nazionale.

    Davanti a 20-30 mila persone, perlopiù giovani accampati da ieri sera per un pellegrinaggio in onore del loro eroe-patrono, Benedetto XVI ha chiesto ai governanti di oggi di seguire l’esempio di San Venceslao. «Egli - ha spiegato - è modello di santità per tutti, specialmente per quanti guidano le sorti delle comunità e dei popoli». Il Papa ha constatato con rammarico che nella società moderna si ricerca soprattutto «il successo terreno» e «la gloria degli uomini». «Il secolo passato - ha tuttavia ricordato - ha visto cadere non pochi potenti, che parevano giunti ad altezze quasi irraggiungibili. All’improvviso si sono ritrovati privi del loro potere». Solo apparentemente, ha ammonito, chi nega Dio e «di conseguenza non rispetta l’uomo, sembra avere vita facile e conseguire un successo materiale». «Ma basta scrostare la superficie - ha detto - per constatare che, in queste persone, c’è tristezza e insoddisfazione».

    «C’è oggi bisogno di persone - ha ripetuto più volte - che siano credenti e credibili, pronte a diffondere in ogni ambito della società quei principi e ideali cristiani ai quali si ispira la loro azione. Questa è la santità, che spinge a compiere il proprio dovere con fedeltà e coraggio, guardando non al proprio interesse egoistico, bensì al bene comune, e ricercando in ogni momento la volontà divina». L’esempio di San Venceslao, ha proseguito, «incoraggia chi si dice cristiano ad essere credibile, cioè coerente con i principi e la fede che professa. Non basta infatti apparire buoni e onesti; occorre esserlo realmente».


    L'appello del Papa: "C'è bisogno di governanti credenti e credibili" - LASTAMPA.it


    Ma sei sempre tu quello che ha scritto questa roba qua?


    link alla discussione: http://forum.politicainrete.net/403079-post39.html



    Ma che centra San Paolo con la dottrina del vero Stato? D'accordo, siamo tutte persone, ma a differenza di un prete il legislatore ha il dovere di privilegiare lo status delle proprie persone a quelle altrui. E questo è il motivo per cui legislatori e preti sono spesso in disaccordo.

    La Chiesa è cattolica, ovvero universale, dunque necessariamente avversa ad uno Stato nazionale che in quanto tale privilegia ciò che è particolare. Il desiderio del Vaticano, di abbracciare "tutto il mondo" - prima con con la Parola di Cristo, poi con la lingua, quindi con la cultura e infine con la politica - è il mio incubo.
    Liberalismo, per me, significa pretendere di essere "cittadini del mondo", che è la traduzione sul piano laico del cristiano: "siamo tutti figli di Dio". In questo senso è incontrovertibile la tesi che vuole il cristianesimo battistrada del liberalismo ed è ragionevole supporre che entrambi conducano inevitabilmente all'utopia del socialismo libertario.

    Io, di destra, sono al contrario per una sovranità dei singoli popoli, delle singole razze, delle singole culture. Sono un anti-universalista, convinto che il simile può essere compreso solo dal proprio simile. A renderci infatti quello che siamo è la cultura nella quale siamo allevati. La religione è un aspetto di questa cultura, ma non può a mio avviso sostituirsi ad essa. E compito di un vero Stato dovrebbe essere quello di preservare e favorire la cultura nazionale dalle ingerenze esterne. Pacificamente o, se necessario, facendo uso della forza.
    Dimitri Oblomov per un PDL colbertista, socialista e fascista

  6. #6
    + Gothic +
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Località
    Napoli
    Messaggi
    17,936
    Mentioned
    111 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Il valore supremo dell’esempio

    Citazione Originariamente Scritto da Dimitri Oblomov Visualizza Messaggio
    Ma sei sempre tu quello che ha scritto questa roba qua?


    link alla discussione: http://forum.politicainrete.net/403079-post39.html

    Non vedo il nesso, scusa. Che c'entra la difesa della cultura nazionale contro il globalismo con il dovere di basare le proprie azioni sul buon esempio?
    SADNESS IS REBELLION

  7. #7
    + Gothic +
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Località
    Napoli
    Messaggi
    17,936
    Mentioned
    111 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Il valore supremo dell’esempio

    BERLUSCONI: BUTTIGLIONE, NON RISPONDA A FESSERIA CON FESSERIA

    (AGI) - Firenze, 29 set - “L’idea che ad ogni fesseria contro di me devo replicare con una fesseria ancora piu’ grande contro il mio avversario e’ un’idea che porta in rovina il Paese. Il Presidente del Consiglio non dovrebbe fare questo gioco”. Lo ha detto il Presidente nazionale dell’Udc, Rocco Buttiglione, parlando con i giornalisti a margine di un’iniziativa, a Firenze, contro la legge elettorale della Toscana. “Tanti auguri a Berlusconi per i suoi 73 anni - ha poi aggiunto Buttiglione riferendosi al compleanno del Premier -. Il Presidente del Consiglio ha il diritto di essere polemico, ma deve stare attento perche’ se tu dici una bugia molte volte, fa presa. Ma poi, se insisti troppo, la gente si stufa e non ti crede piu’ e non ti crede piu’ neanche quando dici la verita’. Riportiamo nella politica piu’ sobrieta’, piu’ verita’, veniamo fuori da questo scambio d’insulti e da questa competizione verso il basso, in cui tutti hanno le loro colpe. Ma in cui - ha concluso Buttiglione - noi dell’Udc abbiamo sempre mantenuto una dignita’ che altri non hanno mostrato. Cerchiamo di dare il buon esempio e parlare con verita’”. (AGI)

    Elezioni BERLUSCONI: BUTTIGLIONE, NON RISPONDA A FESSERIA CON FESSERIA
    SADNESS IS REBELLION

 

 

Discussioni Simili

  1. I culti della Dea Ragione e dell'Essere Supremo
    Di Cattivo nel forum Esoterismo e Tradizione
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 02-09-13, 18:11
  2. Giani, supremo esempio di spiritualità fascista
    Di Barney nel forum Destra Radicale
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 09-06-06, 23:25
  3. Evidentemente il msg dell'Emiro Supremo ...
    Di Jackal nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 04-11-04, 16:54

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226