User Tag List

Visualizza Risultati Sondaggio: Sole delle alpi simbolo anche per il futuro?

Partecipanti
24. Non puoi votare in questo sondaggio
  • Si, è la nostra bandiera

    8 33.33%
  • No, troppo sputtanata dalla Lega

    16 66.67%
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 13
  1. #1
    email non funzionante
    Data Registrazione
    16 Dec 2010
    Messaggi
    1,744
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Sole delle alpi: simbolo per il futuro o fardello leghista da accantonare?

    Dite la vostra, poi dirò la mia.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Sposo di Teodolinda
    Data Registrazione
    29 Jan 2003
    Località
    Insubria: futura terra deislaminizzata
    Messaggi
    1,321
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    La mia bandiera è quella della lombardia!


  3. #3
    PADANIA LIBERA!
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Piemonte
    Messaggi
    4,497
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito


  4. #4
    R.i.P. quorthon
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Asa Bay
    Messaggi
    1,791
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Red face

    --------------
    The Warrior

  5. #5
    email non funzionante
    Data Registrazione
    04 Mar 2002
    Località
    Per non lottare ci saranno sempre moltissimi pretesti in ogni circostanza, ma mai in ogni circostanza e in ogni epoca si potrà avere la libertà senza la lotta!
    Messaggi
    12,320
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito


  6. #6
    email non funzionante
    Data Registrazione
    16 Dec 2010
    Messaggi
    1,744
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Perchè sbadigliate....? andate a letto prima la sera se vi viene sonno durante il giorno.


  7. #7
    Nuovo Iscritto
    Data Registrazione
    18 Jun 2003
    Località
    Gessaa
    Messaggi
    18
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Solo alberto da giussano come una volta.

  8. #8
    Homo faber fortunae suae
    Data Registrazione
    03 Mar 2003
    Località
    Gussago
    Messaggi
    4,237
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    bho nn vedo che abbia di alpino tranne nel nome quel ghirigoro da decorazione di cui nn ne ho mai capito il significato sempre ne abbia uno...alberto sulla croce di s giorgio...è meglio...

  9. #9
    Forumista
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    995
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    IL SOLE DELLE ALPI

    tratto da -La invenzione della Padania- di Gilberto Oneto –

    Da tempo è entrato nel favore popolare l’uso del cosiddetto “Sole delle Alpi” come simbolo della Comunità dei popoli padano- alpini. Graficamente il Sol è costituito da sei petali disposti all’interno di un cerchio il cui raggio fornisce la cadenzatura dell’intera costruzione.
    Il segno è estremamente familiare e la sua presenza è tanto continua e quotidiana da farne forse dimenticare i molteplici significati più antichi e più profondi.
    In realtà, esso è un autentico concentrato di simbologie dotate di grande forza: è infatti contemporaneamente sole, cerchio, ruota, fiore, segno religioso, e – naturalmente – sommatoria di valenze. Il suo nome più usato ripropone il più evidente dei suoi significati: quello di segno solare.
    Da sempre le rappresentazioni grafiche più diffuse sono un cerchio, un cerchio circondato da raggi, un cerchio con un punto centrale e la cosiddetta “ruota solare”, cerchio suddiviso in quattro parti (“croce celtica”), in sei, otto o più parti.
    Nella tradizione celtica, il sole non rappresenta solo la luce e la brillantezza ma anche tutto ciò che è bello, piacevole e splendido. I testi gaelici indicano spesso il sole con la metafora “occhio del giorno”, in irlandese occhio si dice sul, termine bretone e padano (fonetico) che indica il sole.
    È questo un legame che riporta a intriganti accostamenti con la simbologia cristiana (ma anche orientale) e nella quale il Cristo è spesso indicato come Sol justitiae o come Sol invictus.
    Assai interessante è anche la coincidenza di una delle figurazioni del sole più comini e diffuse (cerchio con punto centrale) con un segno di rappresentazione femminile ( segno di sesso femminile, di fecondità, della Terra Madre) che riporta al fatto che il sole nelle lingue celtiche e germaniche (e in tutte le lingue indoeuropee antiche) sia di genere femminile.
    Di derivazione solare è anche la rappresentazione della ruota, presente in tutte le simbologie più antiche. Esso si riposta al mondo del “divenire” e della creazione continua attorno a un centro immobile. La sua forma circolare ricorda l’ uroburos, simbolo dell’eterno ritorno o, in generale, dell’eternità.
    Nelle dottrine magiche il cerchio ha una funzione di difesa dagli spiriti cattivi. Talune danze circolari (girotondo, rondò, ronde) possono essere considerate “cerchi danzati”, con origini apotropaiche spesso collegate con i festeggiamenti dei solstizi e con il sole.
    Il legame solare della ruota è comunque evidente: nel solstizio d’estate ruote infuocate venivano fatte rotolare giù dai monti in un rito che ricorda la “ruota di fuoco” celtica e la sua doppia rotazione.
    Alla ruota sono legati anche i diffusi simboli cristiani della “ruota della vita” e della “ruota della fortuna” (mai ferma ma sempre soggetta a mutamento), spessissimo rappresentata a sei raggi. Legato alla ruota è il significato di rotazione che accumuna una vastissima gamma di segni antichissimi: dal triscele (triskel) alla svastica, soprattutto nella sua versione basca di Lau buru ( quattro raggi).
    In questo caso la connessione con il nostro sol non è di tipo grafico ( il Sole delle Alpi non ha segni di rotazione) ma può essere ritrovata nel suo processo costruttivo che avviene mediante successive puntature del compasso sulla circonferenza che producono un doppio moto rotatorio: quello del compasso e quello della punta sulla circonferenza originaria.
    In alcune culture locali, il Sol è anche chiamato “Fiore delle Alpi” o “Margherita a sei petali”per il suo aspetto che richiama rappresentazioni stilizzate di crisantemi o di fiori di loto che sono però – ancora una volta – simboli solari.
    I fiori infatti simboleggiano l’energia vitale, la gioia di vivere, la fine dell’inverno.
    Un corollario recente è quello che lega il Sol alla rappresentazione dei sei ceppi etno-linguistici che popolano la Padania: il Celto- italico( Piemontese, Ligure, Lombardo, Emiliano e Romagnolo), il Veneto, il Tedesco ( Sudtiroler, Welschtiroler, Walzer ecc.), il Friulano, il Ladino ( e Grigionese) e l’Occitano- Arpitano.
    Risulta estremamente interessante considerare il tipo di uso piuttosto peculiare che ne è stato fatto e che denota una notevole costanza nel tempo e nello spazio. Innanzitutto si deve notare che il Sol non ha mai avuto utilizzi “nobili”: esso non esiste nell’araldica nobiliare e se ne trovano tracce insignificanti su manufatti ( architetture, monumenti, decorazioni, ecc.) aulici prodotti da culture dominanti.
    La sua diffusione è invece incredibilmente massiccia e capillare nell’arte e nell’iconografia popolare: esso orna gli edifici modesti, decora i costumi popolari e – soprattutto – gli utensili e gli oggetti della vita quotidiana. Lo si ritrova costantemente ad esempio sugli stampi per il burro, sui mobili, sui finimenti degli animali e sugli attrezzi di lavoro con particolare rilevanza per tutti i manufatti che sono vitali per la vita della comunità.
    Si può sicuramente con tutto ciò affermare che si tratta del segno più diffuso in Padania nella cultura subalterna, in quella cultura popolare contadina, montanara e artigiana che è ancora radicata e ricca che rappresenta il più forte e vitale tessuto connettivo del paese.
    Anche per questo non ci può essere simbolo migliore del Sole per rappresentare un paese che ha sempre mantenuto la sua unità culturale anche sotto secolari divisioni politiche e culturali dominanti, spesso forestiere e imposte con la forza o con l’inganno. Ora che questa terra sta faticosamente lottando per ritrovare la propria cultura più profonda, non può darsi sigillo più antico ricco e popolare di questo che significa luce, fecondità, e ritorno eterno alla propria tradizione e alle proprie radici più antiche.

  10. #10
    Homo faber fortunae suae
    Data Registrazione
    03 Mar 2003
    Località
    Gussago
    Messaggi
    4,237
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    In origine postato da Frà Dolcino
    ecco un esempio di un ottima occasione di tacere sprecata per sempre......

    BdB
    parla per te...
    quello sopracitato è venuto fuori dagli scritti del ciola..che non ho letto quando e se li leggerò e se mi convinceranno mi potrà andar bene per ora è solo aria fritta...

 

 
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Risposte: 22
    Ultimo Messaggio: 05-11-10, 18:33
  2. Sole delle Alpi: storia della appropriazione indebita di un simbolo
    Di destradipopolo nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 109
    Ultimo Messaggio: 22-09-10, 21:06
  3. Risposte: 120
    Ultimo Messaggio: 16-02-06, 15:17
  4. Risposte: 21
    Ultimo Messaggio: 03-08-05, 08:53
  5. Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 23-09-04, 12:16

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226