User Tag List

Pagina 1 di 43 1211 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 430
  1. #1
    independent
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    7,807
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito TAV ultima trincea padana

    "Accordo inaccettabile, intervenite"
    Una mossa che ha scatenato le reazioni del partito: "Inaccettabile". Esposito e Merlo scrivono ai candidati segretari nazionali. Accordo tra Pd locale e liste civiche: "Stop all´Osservatorio"

    L'alleanza tra amministratori Pd e No Tav in Val di Susa, per il governo della Comunità montana, siglata l´altra sera, ha avuto l´effetto di una scossa elettrica sul Pd torinese e piemontese: come d´incanto, dopo le polemiche «filologiche» dei giorni scorsi i vertici dei partiti e delle istituzioni si sono ritrovati d´accordo nel condannare la «scellerata» intesa che rischia di mettere in grave difficoltà il partito nei prossimi appuntamenti elettorali. E non è escluso che nelle prossime ore nel Pd si prendano provvedimenti contro gli amministratori «ribelli».

    I primi a reagire sono stati i parlamentari Stefano Esposito e Giorgio Merlo che, in una lettera aperta inviata a tutti i parlamentari e i dirigenti del Pd piemontese, hanno chiesto l´intervento anche dei candidati segretari nazionali: «Quell´accordo è un fatto di estrema gravità - scrivono - ed è in aperto contrasto con la posizione espressa dal Partito democratico, sia a livello regionale e provinciale che a livello nazionale». Per questo Esposito e Merlo chiedono a Bersani, Franceschini e Marino di dare «un forte segnale al resto del Paese» e li invitano a partecipare «ad una iniziativa a Torino su questo tema». Al loro appello hanno subito aderito molti parlamentari del Pd.

    Definiscono l´accordo «inaccettabile» anche il segretario regionale del partito Gianfranco Morgando e la segretaria provinciale Caterina Romeo, furibondi perché, con quell´alleanza Plano e compagni, hanno rotto il patto sottoscritto proprio con loro, venerdì. «Giudichiamo inaccettabile - spiegano in un comunicato - l´accordo con le liste no Tav, che viene a chiudere la stagione dell´Osservatorio, liquidando così uno strumento importante, voluto dagli stessi amministratori in alternativa alla legge Obiettivo, che ha consentito di sperimentare una concreta modalità di partecipazione delle amministrazioni locali al progetto di questa infrastruttura. Prendiamo atto che gli amministratori in Valle di Susa hanno voluto disattendere l´orientamento del partito.

    Morgando annuncia anche la convocazione, nelle prossime ore, di un incontro con i vertici istituzionali, i parlamentari ed i consiglieri regionali «per valutare le conseguenze di questo accordo e ribadire, ancora una volta, il nostro sì all´opera, sempre con la garanzia del pieno coinvolgimento degli amministratori locali e della popolazione. La realizzazione della Torino-Lione - conclude - sarà uno dei punti intorno ai quali il Pd costruirà la coalizione a sostegno di Mercedes Bresso in vista delle regionali del 2010».

    Una linea su cui proprio la presidente della Regione lo segue immediatamente: «Quell´accordo è una scelta sbagliata, miope e restrittiva - dice - Come Regione abbiamo riformato, attribuendo loro funzioni importanti, le Comunità montane che il centrodestra voleva cancellare. In questa fase ritenevo prezioso un accordo più ampio possibile, dal quale si escludessero da soli coloro che rifiutano il confronto. Ecco perché la scelta degli amministratori Pd di accordarsi solo con i movimenti No Tav è sbagliata. Con questa scelta, oltretutto, si finisce per mettere in dubbio il percorso positivo affrontato sinora, con il Tavolo politico, l´Osservatorio, la partecipazione alla ridefinizione del progetto della Torino-Lione seguendo richieste e osservazioni del territorio. Se viene cancellato tutto questo, sarà solo la valle ad averne danno, saranno i cittadini a non poter più dire la loro».
    Un no «ad alleanze con i no-Tav e con liste civiche contrarie all´opera» viene anche da Cesare Damiano, candidato alla segreteria regonale Pd che chiede a Morgando: «Di convocare immediatamente la direzione regionale, i parlamentari piemontesi e gli amministratori per affermare con voce univoca la posizione del Pd».

    Felici dell´accordo sono invece Armando Petrini e Renato Patrito, segretario regionale e provinciale del Prc: dalla Val Susa arriva un messaggio di speranza l´accordo dimostra che sinistra e centrosinistra possono dialogare ben al di là dei tatticismi e delle chiusure torinesi». Mentre Luigi Ricca, assessore della giunta Bresso ed esponente di "Sinistra e Libertà" dice «Questo accordo è da condannare, bisogna continuare sulla linea dell´Osservatorio».

    Chi in questa grande democratica confusione gode davvero è il Pdl anche se il suo più importante esponente nelle valli, il parlamentare Osvaldo Napoli non sorride, anzi è molto preoccupato: «Gli estremisti no Tav comandano la Valle di Susa Non esiste più morale politica. Mi auguro che quella parte del Pd in posizione critica sappia chiudere definitivamente qualsiasi rapporto con questi opportunisti locali».
    (28 settembre 2009)


    "Accordo inaccettabile, intervenite" | Torino la Repubblica.it

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    independent
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    7,807
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: TAV ultima trincea padana

    Sindaci PD con i NO TAV

    Rassegna Stampa

  3. #3
    independent
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    7,807
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: TAV ultima trincea padana


  4. #4
    email non funzionante
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    11,262
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Rif: TAV ultima trincea padana

    Non si poteva farne a meno.
    La partitocrazia non poteva permettersi di lasciare libero un movimento popolare, autogestito.
    Pericoloso.

    Perché se tale movimento fa scuola sono problemi seri , specialmente in questo periodo di agonia delle ideologie.

    Comunque tutto fa brodo.
    Occorre poi vedere se alle elezioni regionali il simbolo NO TAV apparirà, oppure dovrà essere sotto il cappello della sinistra.

    Se è tutta una mossa per fregare i Valsusini, non importa.
    Perché se succede, questa volta le ideologie non potranno più fermare alcuno.

    Sinistra o destra è sempre funesta.

  5. #5
    independent
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    7,807
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: TAV ultima trincea padana

    Fronte comune bipartisan sulla Tav

    Tutti d'accordo, a favore della linea ferroviaria ad alta velocità Torino-Lione. Ieri, intorno al tavolo di Confindustria Piemonte, si sono riuniti i rappresentanti del Pdl, della Lega Nord, dell'Udc, dell'Idv e de Pd per sottoscrivere una dichiarazione comune di sostegno al progetto della Tav in Val Susa. I politici erano stati invitati da Mariella Enoc, presidente di Confindustria Piemonte, e da Luigi Rossi di Montelera, presidente di Transpadana. E l'iniziativa è piaciuta a tutti, a dimostrazione che sulla Tav i partiti maggiori non hanno sostanziali difformità di valutazione.
    In realtà era da tempo che le posizioni sull'alta velocità apparivano allineate. Ma la dichiarazione di ieri rappresenta la risposta, senza equivoci, alle novità emerse in Val Susa in vista dell'elezione dei vertici della nuova Comunità montana che nascerà dalla fusione delle tre Comunità esistenti: Alta e Bassa Val Susa e Val Sangone. Un'elezione importante, poiché la Comunità sarà tra gli interlocutori dell'Osservatorio. Ma numerosi esponenti del Pd valsusino hanno deciso di presentarsi insieme ai rappresentanti dei No Tav, suscitando le proteste dei vertici torinesi e piemontesi del partito, favorevoli alla linea.
    Ieri Gianfranco Morgando, segretario del Pd piemontese, si è limitato a ribadire che le dinamiche interne al partito sono oggetto di discussione in altra sede e ha ammesso che ci sono preoccupazioni sui tempi della Tav, pur nella convinzione che il lavoro già svolto dall'Osservatorio permetterà ora un'accelerazione.

    Maggiori perplessità sono state espresse da Osvaldo Napoli (Pdl) e Roberto Cota (Lega Nord). A loro avviso un successo dell'alleanza Pd-No Tav nella Comunità Montana porterebbe al blocco dell'opera. In attesa dei risultati delle elezioni (non votano i cittadini, ma i consiglieri comunali), i politici che hanno accolto l'invito di Confindustria hanno insistito sull'importanza delle prossime tappe. A partire dalla sottoscrizione, nella primavera del 2010, di un nuovo trattato internazionale tra Francia ed Italia, «rivolto agli aspetti realizzativi e gestionali dell'opera». Quindi l'individuazione del nuovo ente promotore della nuova linea che succederà a Ltf e che sarà incaricato della costruzione e della gestione della linea.
    Viene anche ribadita la necessità di rispettare il cronoprogramma delle attività, in modo da avviare i lavori entro il 2013 per poter beneficiare dei 671,8 milioni di euro concessi dall'Unione europea. Ma per rispettare i tempi occorre poter avviare i carotaggi sulla base del calendario stabilito, dunque tra la fine di quest'anno e l'inizio del 2010. Così come è indispensabile completare la progettazione preliminare entro il primo semestre del prossimo anno.
    Ma nel ribadire l'impegno del Piemonte per il rispetto dei tempi, i politici subalpini hanno anche insistito sulla necessità che il ministero dei Trasporti mantenga le promesse relative ai 200 milioni di euro per il nodo ferroviario di Torino. Risorse da destinare all'acquisto di nuovi convogli e allo sviluppo della rete ferroviaria. Perché, sulla base delle promesse, la linea storica della Val Susa dovrebbe trasformarsi in una sorta di metropolitana in grado di assicurare collegamenti rapidi tra la Valle e Torino, favorendo il rilancio dell'economia locale.

    Fronte comune bipartisan sulla Tav - Il Sole 24 ORE

  6. #6
    email non funzionante
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    11,262
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Rif: TAV ultima trincea padana

    Citazione Originariamente Scritto da Furlan Visualizza Messaggio
    Fronte comune bipartisan sulla Tav

    Tutti d'accordo, a favore della linea ferroviaria ad alta velocità Torino-Lione. Ieri, intorno al tavolo di Confindustria Piemonte, si sono riuniti i rappresentanti del Pdl, della Lega Nord, dell'Udc, dell'Idv e de Pd per sottoscrivere una dichiarazione comune di sostegno al progetto della Tav in Val Susa. I politici erano stati invitati da Mariella Enoc, presidente di Confindustria Piemonte, e da Luigi Rossi di Montelera, presidente di Transpadana. E l'iniziativa è piaciuta a tutti, a dimostrazione che sulla Tav i partiti maggiori non hanno sostanziali difformità di valutazione.
    In realtà era da tempo che le posizioni sull'alta velocità apparivano allineate. Ma la dichiarazione di ieri rappresenta la risposta, senza equivoci, alle novità emerse in Val Susa in vista dell'elezione dei vertici della nuova Comunità montana che nascerà dalla fusione delle tre Comunità esistenti: Alta e Bassa Val Susa e Val Sangone. Un'elezione importante, poiché la Comunità sarà tra gli interlocutori dell'Osservatorio. Ma numerosi esponenti del Pd valsusino hanno deciso di presentarsi insieme ai rappresentanti dei No Tav, suscitando le proteste dei vertici torinesi e piemontesi del partito, favorevoli alla linea.
    Ieri Gianfranco Morgando, segretario del Pd piemontese, si è limitato a ribadire che le dinamiche interne al partito sono oggetto di discussione in altra sede e ha ammesso che ci sono preoccupazioni sui tempi della Tav, pur nella convinzione che il lavoro già svolto dall'Osservatorio permetterà ora un'accelerazione.

    Maggiori perplessità sono state espresse da Osvaldo Napoli (Pdl) e Roberto Cota (Lega Nord). A loro avviso un successo dell'alleanza Pd-No Tav nella Comunità Montana porterebbe al blocco dell'opera. In attesa dei risultati delle elezioni (non votano i cittadini, ma i consiglieri comunali), i politici che hanno accolto l'invito di Confindustria hanno insistito sull'importanza delle prossime tappe. A partire dalla sottoscrizione, nella primavera del 2010, di un nuovo trattato internazionale tra Francia ed Italia, «rivolto agli aspetti realizzativi e gestionali dell'opera». Quindi l'individuazione del nuovo ente promotore della nuova linea che succederà a Ltf e che sarà incaricato della costruzione e della gestione della linea.
    Viene anche ribadita la necessità di rispettare il cronoprogramma delle attività, in modo da avviare i lavori entro il 2013 per poter beneficiare dei 671,8 milioni di euro concessi dall'Unione europea. Ma per rispettare i tempi occorre poter avviare i carotaggi sulla base del calendario stabilito, dunque tra la fine di quest'anno e l'inizio del 2010. Così come è indispensabile completare la progettazione preliminare entro il primo semestre del prossimo anno.
    Ma nel ribadire l'impegno del Piemonte per il rispetto dei tempi, i politici subalpini hanno anche insistito sulla necessità che il ministero dei Trasporti mantenga le promesse relative ai 200 milioni di euro per il nodo ferroviario di Torino. Risorse da destinare all'acquisto di nuovi convogli e allo sviluppo della rete ferroviaria. Perché, sulla base delle promesse, la linea storica della Val Susa dovrebbe trasformarsi in una sorta di metropolitana in grado di assicurare collegamenti rapidi tra la Valle e Torino, favorendo il rilancio dell'economia locale.

    Fronte comune bipartisan sulla Tav - Il Sole 24 ORE
    Si riparte da un nuovo mediatore?.
    Mariella ENOC.
    Ultima modifica di jotsecondo; 13-10-09 alle 15:07

  7. #7
    independent
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    7,807
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

  8. #8
    phasing out
    Data Registrazione
    08 Nov 2009
    Messaggi
    1,615
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: TAV ultima trincea padana

    il regime unito contro l'autogoverno e l'autodeterminazione. Sinistra o destra stessa minestra.
    L'occasione fa l'uomo italiano

  9. #9
    email non funzionante
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    11,262
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Rif: TAV ultima trincea padana

    Le madri di tutte le operazioni di carattere politico.

    Il ponte di Messina che rappresenta lo scavalcare il mare per unire l'italia al pezzo di terra africana più vicina alla penisola.
    Un ponte tra due continenti.

    La Tav che rappresenta il passaggio sotto terra per far finta che siamo Europa.
    Un passaggio salutare tra filoni di roccia uranifera.

    Due opere grandiose che dureranno decenni e che serviranno non solo ai politici attuali ma anche a quelli del futuro.

    Due operazioni preveggenti per sostenere la politica anche nel futuro. .

  10. #10
    email non funzionante
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    7,255
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: TAV ultima trincea padana

    col ponte silvio avremo almeno le arance fresche ?

 

 
Pagina 1 di 43 1211 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Treviso, ultima trincea
    Di kappa nel forum Lega
    Risposte: 148
    Ultimo Messaggio: 27-06-13, 23:29
  2. L'ultima trincea?
    Di MrBojangles nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 12
    Ultimo Messaggio: 21-10-11, 00:28
  3. L'ultima Trincea??
    Di Vassilij nel forum Etnonazionalismo
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 20-04-04, 14:41
  4. Arafat, l'ultima trincea
    Di Roderigo nel forum Sinistra Italiana
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 31-03-02, 19:58

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226